Cerca nel sito

martedì 24 maggio 2016

Comunicato Stampa: Frenesia da dieta? Intel Security rivela rischi di sicurezza delle ricerche sul web su fitness e prova costume

 

Intel Corporation

2200 Mission College Blvd.

Santa Clara, CA 95054-1549

 

Frenesia da dieta? Intel Security rivela rischi di sicurezza delle ricerche sul web su fitness e prova costume

 

Un nuovo studio indica che il 64% degli italiani fa clic su promozioni e pop-up riguardanti diete e fitness anche se li considera pericolosi

 

·         Con la stagione estiva alle porte, Intel Security ha condotto uno studio per comprendere i comportamenti degli utenti durante la ricerca online di programmi di dieta e fitness, per informarli sui potenziali rischi

·         Lo studio, inoltre, mette in evidenza i vari modi con cui i criminali informatici sfruttano l'interesse del momento nei programmi per la perdita di peso e la remise en forme, e sottolinea quali comportamenti espongono i consumatori  a maggiori rischi di sicurezza e ai pericoli online.

 

Milano, 24 maggio 2016 – Intel Security ha rilasciato oggi i risultati di un nuovo studio, “Online Security Diet: You Are What You Click,” ("Dieta della Sicurezza online: sei ciò che clicchi”), che prende in esame i comportamenti e gli atteggiamenti online degli Italiani tra i 21 e i 54 anni, quando si tratta di ricercare diete e programmi di fitness. Il report ha rivelato che quando si tratta del desiderio di un corpo ideale, le persone sono disposte a sacrificare la propria sicurezza online, se sono convinte di compiere un passo verso il raggiungimento dei risultati desiderati.

 

All’approssimarsi della stagione estiva, maggio è il mese ideale per iniziare una nuova dieta, e le persone cercano online le soluzioni più rapide. Con la stagione più calda, più ore di luce e i primi anticipi di vacanze, aumentano le opportunità di essere attivi, e prendono il via nuove ondate di diete, anche quando i buoni propositi del nuovo anno sono ormai dimenticati.

 

"I criminali informatici stanno diventando sempre più esperti nel comprendere la stagionalità delle abitudini di ricerca dei consumatori e sanno come sfruttare al meglio queste informazioni", ha dichiarato Gary Davis, chief consumer security evangelist di Intel Security. "Per questo, è sempre più importante che le persone siano informate sulle problematiche di sicurezza che si celano anche dietro le più innocue ricerche su Internet e su come poter identificare le email e i siti potenzialmente pericolosi. È per questo che continuiamo a investire in iniziative di educazione per rafforzare le buone abitudini che aiutano i consumatori a vivere la propria esperienza online in modo sicuro".

 

I principali elementi emersi dallo studio includono:

 

Dieta e promozioni: troppo bello per essere vero?

·         Il 64% degli intervistati ha cliccato su un link promozionale che offre un programma di dieta.

o   Sono più i giovani fino a 21 ad aver visitato un sito promozionale o aperto un pop-up riguardante dieta e fitness (76%) rispetto agli adulti tra i 21 e i 54 anni (54%)

·         Il 56% degli intervistati molto probabilmente farebbe clic su un link promozionale di un programma di remise en forme prima dell'estate

·         Il 31% degli intervistati è più propenso a cliccare su un link promozionale o un articolo che offre suggerimenti dietetici se compare la testimonianza o l’avvallo di un vip.

 

Pensare prima di cliccare

·         Il 20% degli intervistati ha acquistato un servizio o un prodotto da un link promozionale senza sapere se fosse o meno un sito sicuro.

·         Quasi la metà degli intervistati farebbe clic su un link promozionale per i programmi di dieta in risposta a una ricerca su Google (45%), mentre il 38% selezionerebbe un link presente su Facebook, su un sito web (34%) o su un blog (18%).

 

Non sempre condividere è salutare

·         Molti degli intervistati ammettono di essere disposti a condividere alcune informazioni come l'indirizzo email (59%), il nome completo (42%) o l’età (44%) con un sito web o una società di servizi nella speranza di raggiungere il proprio obiettivo di peso o un corpo da sogno.

·         Tuttavia, il 45% degli intervistati non saprebbe come controllare l’attendibilità di un sito prima di fornire dati di pagamento o informazioni personali.

 

Consigli per proteggersi ed evitare le truffe nascoste nelle diete online:

·         Pensare prima di cliccare. Offerte da siti che sembrano troppo belle per essere vere, come ad esempio "perdere 10 chili in una settimana" possono nascondere un sito di cui diffidare. Siti web o email promozionali possono includere link di phishing che conducono a siti web in grado di carpire informazioni personali o di far scaricare malware sul computer.

·         Navigare in sicurezza. Attenzione ai siti web fasulli. Siti creati per truffare i consumatori possono avere un indirizzo molto simile a un sito legittimo, come "Wait Watchers" invece di "Weight Watchers". Spesso su questi siti possono esserci errori di ortografia, grammatica immagini sgranate e in bassa risoluzione. Se un sito richiede informazioni personali, è importante controllare l'URL, e assicurarsi che sia proprio il sito che volevamo visitare e non un sito fasullo. In questo caso è molto utile anche utilizzare uno strumento di verifica della reputazione Web come McAfee WebAdvisor che può aiutare a identificare siti pericolosi e che vi informerà di siti o link a rischio prima di visitarli.

  • Utilizzare password complesse. Dire definitivamente addio alla password "123321", e utilizzarne una più efficace e sicura, come "9&#4yiw2pyqx". Modificare regolarmente le password e non utilizzare le stesse password su tutti i propri account. Per migliorare la qualità delle password ci si può affidare a una soluzione di gestione delle password.

·         Rimanere aggiornati. Le migliori soluzioni di sicurezza si aggiornano automaticamente per proteggere il computer in ogni momento dai pericoli più recenti. Anche gli aggiornamenti dei sistemi operativi includono le più recenti patch di sicurezza per essere aggiornati in modo continuativo. Inoltre, è importante assicurarsi di avere installato il set di software appropriato per condurre le scansioni di routine.

·         Utilizzare una soluzione di sicurezza completa. Proteggere tutti i dispositivi con una soluzione di sicurezza completa, come McAfee LiveSafe, può aiutare a proteggersi da malware e altri attacchi informatici.

 

Ulteriori informazioni:

·         Blog post di Gary Davis: http://blogs.mcafee.com/consumer/the-security-diet

·         Per partecipare alla conversazione sui social media, l’hashtag è  #securitydiet

 

Metodologia della ricerca

La ricerca è stata commissionata da Intel Security e condotta nel mese di Aprile 2016 da parte di MSI International e ha incluso oltre 15.000 persone a livello globale, tra cui 1.000 in Italia, di età compresa tra 21 e 54 anni, equamente distribuiti per età e sesso.

 

# # #

 

A proposito di Intel Security

Intel Security, con la propria linea di prodotti McAfee, è impegnata per rendere il mondo digitale più sicuro e più protetto per tutti. www.intelsecurity.com. Intel Security è una divisione di Intel.

 

Per informazioni:

Ottavio Patrucco, Marketing Manager

Intel Security

Tel.: 02/55.41.71

Fax: 02/55.41.79.00

 

Benedetta Campana, Tania Acerbi

Prima Pagina Comunicazione

Tel.: 02/91339820

e-mail: benedetta@primapagina.it, tania@primapagina.it

 

 

 

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI