Cerca nel sito

giovedì 5 maggio 2016

Emanuela Orlandi - La procura generale dichiara l'archiviazione /Di Marco Nicoletti

Roma-  La magistratura romanaha archiviato definitivamente l'inchiesta sulle sparizioni diEmanuela Orlandi e diMirella Gregori, avvenute rispettivamente il 22 giugno ed il 7 maggio 1983. Resta il giallo, il mistero per il caso più enigmatico degli ultimi quarant'anni. La giustizia si ferma, ma il fratello di Emanuela, Pietro Orlandi, non si arrende e insiste: «Mia sorella è ancora viva».
Entrambe le ragazze al momento della scomparsa avevano 15 anni, ma non si conoscevano né avevano frequentazioni in comune. Tra il 1983 e il 1984 con diversi comunicati i Lupi Grigiorganizzazione turca di estrema destra, affermarono di custodire le giovani, ma le indagini non portarono a nulla. La Gregori era la figlia di un barista, sparì dopo essere andata ad un appuntamento con una persona mai identificata.
Più noto il caso della Orlandi, anche per il fatto che era una cittadina vaticana, figlia di un commessodella Prefettura della Casa Pontificia. La sua storia è diventata negli anni sempre più controversa e nelle ricostruzioni uscite anno dopo anno, sono stati ritenuti coinvolti, via via, lo stesso Vaticano, lo Stato italiano, ma anche lo Ior, il Banco Ambrosiano, laBanda della Magliana, servizi segreti di più Paesi. Dopo le prime inchieste finite in un nulla di fatto, laprocura di Roma aprì un nuovo fascicolo nel 2006 dopo un'intervista a Sabrina Minardi, ex moglie delcalciatore della Lazio Bruno Giordano e soprattutto compagna di De Pedis nel periodo della scomparsa di Emanuela Orlandi.
Secondo quanto riferì la Minardi, il rapimento della ragazzina fu ad opera dello stesso De Pedis su ordine di monsignor Paul Marcinkus, presidente dello Ior per 18 anni, per «dare un messaggio a qualcuno sopra di loro». Anni dopo, la ricostruzione fu confermata da Antonio Mancini, altro componente della Banda della Magliana, che dichiarò che il sequestro fu necessario per «ottenere la restituzione del denaro investito nello Ior attraverso il Banco Ambrosiano». Ma dopo le indagini la procura ha chiesto l'archiviazione che è stata accolta dalTribunale di Roma.
Il provvedimento di archiviazione è stato firmato dal gip Giovanni Giorgianni su richiesta del pro- curatoreGiuseppe Pignatone e dei pm Simona Maisto edIlaria Calò. Il gip, in particolare, ha respinto l'opposizione alla richiesta di archiviazione fatta dai familiari delle due donne scomparse. L'inchiesta vedeva sei indagati per concorso in omicidio e sequestro di persona: monsignor Pietro Vergari, ex rettore della basilica di Sant'Apollinare (dove per anni è stato sepolto Renatino De Pedis, uno dei boss della Banda della Magliana), Sergio Virtù, autista di Enrico De Pedis, Angelo Cassani, detto "Ciletto",Gianfranco Cerboni ("Giggetto"), Sabrina Minardi, considerata una "supertesti mo ne " d el l'inchiesta, eMarco Accetti.
Secondo il gip Giovanni Giorgianni «gli accertamenti probatori acquisiti nel corso delle indagini preliminari sono, allo stato, non provvisti della consistenza, neppure indiziaria, necessaria a sostenere l'accusa in giudizio e a giustificare un vaglio dibattimentale, né paiono utilmente esperibili ulteriori indagini con la finalità di valorizzare quegli elementi dotati di una più significativa, ancorché incongruente, pregnanza investigativa ». Il fratello di Emanuela ha annunciato nuove iniziative: «Non ci arrendiamo, vogliamo la verità. Rinnovo quindi l'appello a Papa Francesco perché ci possa aiutare ad arrivare alla verità».

- Marco Nicoletti 

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI