Cerca nel sito

giovedì 2 giugno 2016

Auto connesse: Produttori in corsa - TNS & The Bearing Point - Com Stampa

I produttori di Auto in corsa verso un futuro"connesso" 

• 4 automobilisti su 10 non sono a conoscenza delle funzioni di connettività offerte dalle loro automobili, secondo lo studio TNS"Connected car"
• Navigatore ed info-tainment le "funzionalità connesse" considerate più rilevanti dal consumatore
• In Italia, il 72% degli automobilisticonsidera importanti queste funzionalità per la propria vita,mentre in Europa, solo il 49%

 

Milano, giugno 2016 – 8 automobili su 10 saranno connesse entro il 20201. Eppure i consumatori non sono ancora veramente consapevoli di quali possano essere le potenzialità che un'auto connessa può offrire!

 

SecondTNS Connected Car2, studio condotto da TNS e The Bearing  Point Institutesolo 4 automobilisti su 10 (39%) sanno oggi di possedere tali funzionalità nel proprio veicolo.

 

La ricerca, svolta su un campione di 3,700 proprietari di "auto connesse" in 7 Paesi Europei (UK, Spagna, Francia, Germania, Olanda, Italia e Paesi nordici)evidenzia un chiaro interesse da parte dei consumatorisoprattutto per la navigazione, l'assistenza alla guida e l'intrattenimento in auto. Quasi 6 rispondenti su 10 (59%) hanno dichiarato che la presenza di questi nuovi toolsall'interno del veicolo è un elemento distintivo molto forte, tanto da influenzarela loro scelta di acquisto. Il 32% dichiara infatti importante questa caratteristica dell'auto, al momento dell'acquisto ed il21% afferma che è stata la prima ragione per la quale ha scelto di acquistare quel veicolo in particolare.

 

Andrea Galimberti, Head of AutomotivePractice in TNS, ha commentato:

"Gli Automobilisti, sempre più digitalizzati, spingono per avere la vettura connessa come il loro smartphone. Facilità d'uso, velocità di aggiornamento, disponibilità di funzionalità già conosciute fanno si che l'integrazione con l'ecosistema auto-smartphone sia una chiave importante di scelta del veicolo.

Le app presenti già oggi sugli smartphonepermettono fra altre disparate possibilità, per esempio, di ritrovare la propria auto in caso di smarrimento, sbloccarla da remoto e adeguare la temperatura interna prima che arrivi il proprietario.

Alcune case automobilistiche stanno già trovando il modo di collaborare con i techplayer di investire in questi ultimi per integrare le nuove funzioni e mantenere un livello d'innovazione elevato".

 

Connected Car ha inoltre evidenziato l'importanza del coinvolgimento dei consumatori durante il processo di vendita. Il 48% dei possessori di auto che utilizzano funzioni di connettività, dichiarano di aver avuto modo di testare il loro funzionamento presso il dealerIn questo senso, test drive diventano un'ottima occasione per presentare e spiegare le caratteristiche tecniche dell'automobile all'inizio del purchase journey ed il ruolo del personale di vendita è crucialeI venditori che lavorano presso le concessionarie necessitano di un training approfondito  per poter valorizzare i benefici della connettività. 

 

Sarah-Jayne Williams, Partner diBearingPoint, ha poi commentato:"Le "autoconnesse" segnano l'inizio di una nuova era. Le case automobilistiche stanno modificando il loro modello di business, passando da quello B2B a quello B2C in modo da poter avere la possibilità di costruire relazioni dirette con i loro consumatori. Anche quello che vendono sta cambiando: prima vendevano solo prodotti fisici, oggi possono offrire invece una piattaforma di servizi digitali. Per sfruttare pienamente i benefici messi a disposizione da questa nuova era,tutte le case automobilistiche dovrebbero investire in comunicazione per far sì che i Clienti conoscano in modo dettagliato i vantaggi che la tecnologia offre oggi e dunque possano utilizzarla al meglio".



--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI