Cerca nel sito

venerdì 3 giugno 2016

Domani, sabato 4 giugno al 19° Festival CinemAmbiente

19° FESTIVAL CINEMAMBIENTE

(Torino, 31 maggio – 5 giugno 2016)

 


Sabato 4 giugno

 

Dopo il successo della giornata festiva del 2 giugno, in cui al Cinema Massimo sono stati registrati più di 2100 ingressi, la giornata di sabato si prospetta altrettanto vivace, con una programmazione intensa. 

 

Sono tre i titoli del Concorso Internazionale Documentari che vengono presentati sabato, tre film che affrontano temi cruciali, il commercio di materie prime, il vegetarianesimoe il nucleare, con stili narrativi molto differentiGran parte delle multinazionali che controllano l'estrazione e il commercio di materie prime ha sede in Svizzera. 


La maggior parte delle estrazioni di materie prime avviene calpestando i diritti umani e inquinando territori. Questo è l'argomento al centro di Trading Paradise (Svizzera 2016, 78') di Daniel Schweizer, che denuncia proprio la copertura offerta dalle banche svizzere a società simili. 


Il documentariopresentato alle 17.45 alla presenza del regista, è un'inchiesta che potrebbe scuotere non pocoNeed for Meat (Paesi Bassi 2015, 74') di Marijn Frankaffronta in modo altrettanto approfondito un tema importante come il vegetarianesimo, anche se con un taglio decisamente più personale. 


Con estrema onestà intellettuale, la regista, una giornalista olandese, si chiede perché nonostante conosca perfettamente i problemi e le ingiustizie legate all'allevamento intensivo, e nonostante sappia che l'impatto ambientale della produzione della carne sia devastante, non riesce a fare a meno di desiderare di mangiarla


Inizia così una ricerca psicologica su di sé in cui molti si potranno rispecchiare. Il film è preceduto dal cortometraggio Regalare è più bello (Italia 2015, 7') di Enrico Carlesi


Segue incontro con la regista. Il 2016 è il trentennale del disastro di Chernobyl e CinemAmbiente lo vuole ricordare con The Babushkas of Chernobyl (USA 2015, 70') di Anne Bogart e Holly Morris (alle ore 22.15). Con uno sguardo estremamente umano, il documentario ci porta nella così detta Dead Zone che circonda la centrale nucleare. 


Racconta l'incredibile storia di un gruppo di anziane che hanno deciso di tornare ad abitare nella loro terra nonostante tutti i rischi dovuti alla radioattività. La proiezione è preceduta da un intervento di Serenella Iovino (università di Torino).

 

Il lavoro con la terra può diventare un'importante esperienza di convivenza e di incontro anche in zone fortemente colpite dalle guerre, come il confine tra Serbia e Bosnia Erzegovina, dove è stato girato DERT (Italia 2016, 62') di Mario e Stefano Martone. Il documentario è inserito nel Concorso Documentari Italiani e presentato alle ore 20.15 alla presenza dei registi, che incontreranno il pubblico al termine. 


Matteo Gagliardi, regista di Fukushima: A Nuclear Story (Italia 2015, 84'), ha compiuto un viaggio di quattro anni nelle zone colpite dallo tsunami, seguendo Pio d'Emilia, il primo giornalista arrivato sul posto dopo la tragedia. Uno straordinario documento che aiuta a capire cosa sia davvero successo in Giappone dopo l'11 marzo 2011. Presentato alle 22.15 e seguito dall'incontro con il regista.

 

Si torna a Fukushima con Demi-vie à Fukushima(Svizzera, Francia 2016, 61') di Mark Olexa e Francesca Scalisi, un documentario che racconta la storia dell'unico uomo che ha deciso di non abbandonare la zona dell'incidente nucleare dopo lo tsunami. 


La sua presenza costituisce un ostacolo alla strategia governativa che vorrebbe cancellare l'incidente dalla memoria collettiva. Inserito nel Concorso Internazionale One Hour, il film è in programma alle 16 preceduto dal cortometraggio No-Go Zone (Belgio 2016, 10') di Atelier Collectif.

 

La bicicletta è la protagonista, alle ore 17 al laboratorio Xké, della proiezione di due film della sezione PanoramaCopenhagen, a Flowing City (Italia 2016, 25') di Michele Salle Why Do We Bike? (Italia 2016, 55') di Francesco Melloni ed Elena Diana. Al termine della proiezione, incontro con i registi Francesco Melloni ed Elena Diana, Beppe Piras (Architetto e Ciclo Attivista) Alessandro Cimenti (Ordine degli Architetti). 


Si parla dell'enorme problema dei rifiuti di elettronici e del traffico illegale collegato, alle 18 al Centro Studi Sereno Regis in occasione della proiezione di Tragedia electrónica (Spagna, Francia 2014, 86') di Cosima Dannoritzer, a cui segue incontro con la regista, Tito Ammirati e Giancarlo Palazzo (Cooperativa Arcobaleno). Si torna a parlare di montagna alle ore 18.15 con Monviso mon amour (Italia 2016, 52') di Fabio Gianotti, documentario che racconta la nascita dello sci estremo attraverso le voci dei suoi protagonisti, di ieri e di oggi. Al termine della proiezione, incontro con il regista, e gli alpinisti protagonisti del film Nino VialeNino PerinoEnzo Cardonatti e Federico Ravassard. Modera Leonardo Bizzaro.


Alle ore 21 al Piccolo Cinema s'incontra una grandissima autrice grazie a Ella Maillart - Double Journey (Svizzera, Italia 2015, 40') di Mariann Lewinsky e Antonio Bigini

 

Il Panorama Cortometraggi prevede la proiezione del gruppo Ecofantasy a partire dalle ore 15 e del gruppo In Cordata dalle ore 16.30.

 

La giornata di sabato inizia già alle ore 10 con l'apertura del Mercato del Bio nelle strade adiacenti il Cinema Massimo. 

 

L'ingresso a tutte le proiezioni è gratuito. Per le proiezioni al Cinema Massimo occorre ritirare i biglietti gratuiti (max.2 per spettatore) da un'ora prima della proiezione. 

 

CinemAmbiente è diretto da Gaetano Capizzi e organizzato dal Museo Nazionale del Cinema di Torino e dall'Associazione CinemAmbiente. Il Festival CinemAmbiente è membro fondatore del Green Film Network, www-greenfilmnet.org

 

Segue programma della giornata.

 

Sabato 4 GIUGNO

 

ore 10.00

EE

Mercato del Bio (10:00 - 20:00)

 

ore 15.00  Cinema Massimo - Sala 3

PC 

ECOFANTASY

Accidents, Blunders and Calamities (Nuova Zelanda2015, 5') di James Cunningham

The Art of Flying (Olanda 2015, 7') di Jan van Ijken

Catch It (Francia 2015, 6') di Paul Bar, Marion DemaretNadège Forner, Pierre-Baptiste Marty, Julien Robyn, Jordan Soler

Crabe Phare (Francia 2015, 7') di Gaetan Borde, Benjamin Lebourgeois, Claire Vandermeersh, Alexandre VeauxMengjing Yang

Hippo and Juice (Russia 2015, 2'), di Alexey Minchenok

The Last Days of Lars (Germania 2015, 6') di NinettDahnke

Miel bleu (Francia 2015, 4') di Constance Joliff, Daphne Durocher, Fanny Lhotellier

Sval&Bard – 10 regole per sopravvivere nell'Artico(Norvegia 2015, 15') di Daniele Di Domenico

 

ore 16.00 Cinema Massimo - Sala 1

PC

No-Go Zone (Belgio 2016, 10') di Atelier Collectif

CIOH 

Demi-vie à Fukushima (Svizzera, Francia 2016, 61') di Mark Olexa e Francesca Scalisi

 

ore 16.30  Cinema Massimo - Sala 3

PC 

IN CORDATA

La catena (Italia 2016, 18') di Paolo Vinati

EBC 5300 (Svizzera 2016, 15') di Léonard Kohli

La fin d'Homère (Svizzera 2015, 22') di Zahra Vargas

Suspendu à la nuit (Francia 2014, 24') di Eva Tourrent

 

ore 17.00 Xké

Copenhagen, a Flowing City (Italia 2016, 25') di Michele Salle

P

Why Do We Bike? (Italia 2016, 55') di Francesco Melloni ed Elena Diana

 

ore 17.45 Cinema Massimo - Sala 1

CID 

Trading Paradise (Svizzera 2016, 78') di Daniel Schweizer

Al termine della proiezione, incontro con il regista

 

ore 18.00 Centro Studi Sereno Regis

La tragedia electrónica (Spagna, Francia 2014, 86') di Cosima Dannoritzer

Al termine della proiezione, incontro con la registaTito Ammirati e Giancarlo Palazzo (Cooperativa Arcobaleno)

 

ore 18.15 Cinema Massimo - Sala 3

Monviso mon amour (Italia 2016, 52') di Fabio Gianotti

Al termine della proiezione, incontro con il registaNino VialeNino PerinoEnzo Cardonatti e Federico Ravassard. Modera Leonardo Bizzaro

 

ore 20.15 Cinema Massimo - Sala 1

P

Regalare è più bello (Italia 2015, 7') di Enrico Carlesi

CID

Need for Meat (Paesi Bassi 2015, 74') di Marijn Frank

Al termine della proiezione, incontro con la regista

 

ore 20.15 Cinema Massimo - Sala 3

CDI 

DERT (Italia 2016, 62') di Mario Martone e Stefano Martone

Al termine della proiezione, incontro con i registi

 

ore 21.00 Il Piccolo Cinema

Ella Maillart - Double Journey (Svizzera, Italia 2015, 40') di Mariann Lewinsky e Antonio Bigini

Al termine della proiezione, incontro con il regista Antonio Bigini

 

ore 21.00 Carmagnola

CID

Ghostland (Germania 2016, 88') di Simon Stadler

 

ore 22.15 Cinema Massimo - Sala 1

CID 

The Babushkas of Chernobyl (USA 2015, 70') di Anne Bogart e Holly Morris

Il film sarà introdotto da Serenella Iovino (Università di Torino)

 

ore 22.15 Cinema Massimo - Sala  3

CDI 

Fukushima: A Nuclear Story (Italia 2015, 84') di Matteo Gagliardi

Al termine della proiezione, incontro con il regista

 

 

INFO

www.cinemambiente.it

#CA2016 - https://www.facebook.com/cinemambientetorino

 

LUOGHI DEL FESTIVAL

Cinema Massimo Sala 1, via Verdi 18 

Cinema Massimo Sala 2, via Verdi 18 

Cinema Massimo Sala 3, via Verdi 18 

Il Piccolo Cinema, via Cavagnolo 7   

Centro Studi Sereno Regis - Sala Poli, via Garibaldi 13 

Circolo dei lettori, via Bogino 9 

Mercato del Bio, via Montebello e via Verdi  

Amantes, via Principe Amedeo 38 A      

Cinema Elios, Piazza Verdi 4, Carmagnola

Xké? - Il laboratorio della curiosità, via Gaudenzio Ferrari 1 

MAcA - Museo A come Ambiente, corso Umbria 90








--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI