Cerca nel sito

giovedì 16 giugno 2016

Il telecomando porta i pantaloni. Una ricerca Universal Electronics conferma: sono gli uomini a controllare le scelte TV, ma spesso non fanno uso delle funzionalità avanzate


Milano, 16 giugno 2016 – E' un luogo comune. Ma come spesso accade, è confermato dai fatti. Sono gli uomini a controllare il telecomando di casa. 

Lo conferma una ricerca condotta da Universal Electronics, che attraverso il marchio One For All offre una gamma completa di telecomandi e accessori audio-video per ogni esigenza di utilizzo

Secondo questa ricerca, in una famiglia il telecomando principale viene controllato principalmente dall'uomo, nel 50% dei casi. 

Solo nel 34% resta in mano alla donna. 

La ricerca riguarda il mercato europeo ed è stata condotta nel corso del 2015.

La ricerca analizza anche l'utilizzo che i consumatori fanno del telecomando, in particolare relativamente alle funzioni più avanzate che vengono offerte oggi. 

E il quadro che ne esce è quello di un'adozione prudente di queste nuove funzionalità. 

Solo un sesto degli utenti interpellati, infatti, ha avuto modo di provare un telecomando avanzato dotato di controlli di movimento, vocali o di touchpad. 

Tra questi però, i due terzi ne fa un uso regolare, almeno settimanale. 

A livello di Paesi, sono gli utenti inglesi quelli che apprezzano in modo maggiore queste funzionalità. 

In generale, queste nuove funzionalità devono ancora essere accettate fino in fondo. 

Su una scala di valori da 1 a 10, tutte e tre – controllo di movimento, controllo vocale e touchpad – raggiungono la sufficienza, assestandosi tra 6 e 6,5. 

Di poco più bassa (tre il 40 e il 50%) la percentuale degli utenti che raccomanderebbero ad amici e parenti l'utilizzo di queste funzioni

Da segnalare anche il fatto che un terzo degli utenti interpellati ammette di utilizzare solo alcuni tasti del telecomando, perché non ha un'idea chiara di cosa facciano gli altri tasti

E il 20% circa degli intervistati dichiara apertamente che il suo telecomando è "troppo complicato."

"Dai dati che abbiamo raccolto emerge chiaramente da parte degli utenti un'evoluzione verso due direzioni distinte e opposte", spiega Alberto Ferrari, Sales Director di Universal Electronics Italia. 

"Da un lato, la maggior parte dei consumatori vorrebbe poter disporre di un telecomando semplice, che offra solo le funzioni di base in modo intuitivo ed immediato. 
Dall'altro, esistono utenti avanzati disposti e interessati a provare funzioni avanzate, per rendere ancora più appagante la loro esperienza di fruizione televisiva." 

One For All ha una serie di soluzioni per ogni modalità di zapping ed esigenza di fruizione degli utenti che desiderano semplicità, ma anche funzionalità avanzate e un'esperienza immediata e senza complicazioni. 

Dai telecomandi universali, agli Zapper che racchiudono in pochissimi tasti le principali funzionalità di controllo, ai telecomandi sostitutivi per ogni brand che garantiscono la compatibilità al 100% con il marchio del proprio TVfino ai telecomandi sostitutivi dedicati per la Pay TV.

L'offerta di accessori per TV One For All è realmente completa e a prova degli utenti più pigri, inesperti o esigenti. 
C'è persino un app per trovare in pochissimi clic il telecomando ideale per le proprie necessità! 



One For All
One For All, con quartier generale a Enschede, nei Paesi Bassi, è il marchio retail di Universal ElectronicsInc.che contraddistingue gli accessori audio-video universali. 
Fondata nel 1986, Universal Electronics Inc(UEI) è leader mondiale nella tecnologia wireless per il controllo della casa connessa. 
Progetta, sviluppa e propone soluzioni innovative che consentono ai clienti di controllare dispositivi per l'intrattenimento, supporti digitali e sistemi domestici. 



--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI