Cerca nel sito

venerdì 10 giugno 2016

Mel Gibson prepara il sequel de " La Passione Di Cristo " / Di Marco Nicoletti

Mel Gibson tornerà a parlare di Gesù: è in cantiere il sequel de "La Passione di Cristo", probabilmente il suo film più celebre da regista, benché il più controverso. Basti pensare che fu realizzato con un budget di 30 milioni di dollari e ne incassò 611 milioni, diventando la pellicola indipendente più di successo, fino alla recente uscita di "Deadpool".
L'ex attore di "Arma letale" e "Mad Max" stavolta parlerà, come si può ben immaginare della resurrezione di Cristo; lo sceneggiatore Randall Wallace è già al lavoro. La prima pellicola fu girata interamente in Italia - con tanti attori italiani, come Monica Bellucci, Sergio Rubini e Rosalinda Celentano - in luoghi tra cui Cinecittà e la provincia di Matera; tra le località, si ricorda la città fantasma di Craco, il cui centro storico è stato teatro di moltissimi film.
La carriera di Gibson aveva subito uno stop a causa di alcuni problemi con la legge. Gli ultimi film da lui interpretati, "Mr. Beaver", "Machete Kills" e "I Mercenari 3", non sono collocabili né tra i film d'essai, né tra i blockbuster. Il ritorno alla materia religiosa potrebbe quindi ridare Gibson al successo.
"La Passione di Cristo" è considerato dagli evangelisti il miglior film sull'argomento, ma all'epoca della sua uscita fu oggetto di critiche per via della violenza delle scene. In realtà, più che di violenza, si potrebbe parlare di realismo: la passione di Cristo non può essere raccontata in maniera edulcorata, secondo Gibson, tanto più che i Romani non ci andavano per il sottile soprattutto nelle province difficili del Medio Oriente . 

Marco Nicoletti 
Diritti Riservati  

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI