Cerca nel sito

martedì 12 luglio 2016

2015 ANNO RECORD PER L’ICE E L’EXPORT ITALIANO


·      Raggiunto il numero massimo di oltre 214 mila operatori
·      1,9 milioni di euro il valore medio delle esportazioni per impresa


Milano, 12 luglio 2016 – Il livello d'internazionalizzazione dell'economia italiana è cresciuto nel 2015 con un aumento delle esportazioni di beni e servizi del 4,3%. 

Nell'ultimo triennio la quota sull'export mondiale si è assestata intorno al 2,8% favorita dalla vivacità della domanda di beni di consumo per la persona e per la casa. Il vero motore di tutto ciò sono le piccole e medie imprese che realizzano quasi la metà dei prodotti portati all'estero.

Questo il quadro emerso dal Rapporto ICE 2015-2016 sull'Italia nell'economia internazionale, tenutosi questa mattina a Milano alla presenza di Michele Scannavini, Presidente dell'Agenzia ICE, Benedetto Della Vedova, Sottosegretario di Stato agli Affari Esteri e la Cooperazione Internazionale, e Giorgio Alleva Presidente dell'Istat.

I segni di ripresa dell'economia sono evidenti, gli esportatori sono cresciuti nel 2015, raggiungendo il numero record di oltre 214.000 operatori. È salito anche il valore medio delle esportazioni per impresa, che ha sfiorato 1,9 milioni di euro, e la media di mercati esteri per azienda che ha raggiunto quota 5,85.

In questo scenario hanno giocato un ruolo fondamentale le politiche di sostegno all'internazionalizzazione promosse dall'Agenzia ICE che nel 2015 ha aumentato i suoi investimenti passando da 65 a 110 milioni. 

Da sempre a fianco delle aziende italiane, l'ICE promuove iniziative che favoriscano da un lato l'aumento del numero di imprese che operano con successo sui mercati internazionali e dall'altro l'attrazione di investimenti esteri in Italia.

Il 2015 è stato un anno molto ricco di attività: nell'ambito delle azioni straordinarie finanziate dal Piano triennale 2015-2017 è proseguito il progetto Roadshow Italia per le imprese; è partito un progetto di formazione di 400 temporary export manager, coordinato dall'Ice in collaborazione con le Regioni, le associazioni imprenditoriali, i sistemi camerale e universitario; sono stati disposti dei voucher, contributi a fondo perduto, per l'internazionalizzazione delle piccole e medie imprese.

Il sistema di supporto pubblico all'internazionalizzazione ha individuato come mercati prioritari Stati Uniti, Cina e altre aree emergenti come l'Asia sud-orientale, i paesi sudamericani dell'Alleanza del Pacifico e l'Africa subsahariana. 

In questa strategia è rimasto centrale il ruolo delle missioni imprenditoriali a guida istituzionale: l'Italia è stata in prima fila nel cogliere le opportunità derivanti dai mutati scenari geopolitici internazionali che hanno visto il riaffacciarsi sui mercati di paesi come Cuba e l'Iran.


Dichiarazioni del ministro Carlo Calenda:
  • Viviamo un anno molto complesso, ma noi dobbiamo investire di più. Il Ministero, come primo atto, ha destinato altri 50 milioni di euro, aggiuntivi ai fondi per il commercio estero, per promuovere il Made in Italy;
  • Quest'anno parte il programma Atti potenziali per aiutare le piccole imprese, affiancandole nei loro programmi finanziari, piani industriali e di industrializzazione per avere consapevolezza delle risorse che serve investire e fargli prioritari i mercati;
  • Per le piccole e piccolissime imprese abbiamo intenzione di fornire nuovi strumenti per potenziarsi, per svilupparsi;



--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI