Cerca nel sito

martedì 12 luglio 2016

CERVED ASSEGNA A TREMAGI (ILLUMIA) IL RATING B.1.1

·       Ricavi del Gruppo Tremagi per il 2015 di oltre 816 milioni di euro (+43%)

·       EBITDA di 20,6 milioni di euro (+80%)
·       200mila clienti serviti


Bologna, 12 luglio 2016 – L'agenzia di rating Cerved ha assegnato a Tremagi, holding che controlla le attività dell'operatore elettrico Illumia, un rating pubblico di B.1.1.

"È grande la soddisfazione per il rating ottenuto, che equivale a BBB+/BBB ed evidenzia l'ottimo livello del merito creditizio del Gruppo Tremagi, collocandolo tra i più affidabili operatori nel mercato energetico", ha dichiarato Marco Bernardi, amministratore delegato di Tremagi e presidente di Illumia, che dal primo aprile scorso è succeduto al padre, Francesco Bernardi, e ora è alla guida dell'azienda insieme ai fratelli Matteo,  amministratore delegato di Illumia, e Giulia, responsabilità delle risorse umane.

"Abbiamo deciso di avviare il processo di rating - ha sottolineato Bernardi -  perché riteniamo sia un modo oggettivo e trasparente di rappresentare ai nostri partner e ai nostri clienti la solidità di Tremagi e Illumia. Il risultato ottenuto ha premiato il lavoro di tutto il team, che ha saputo gestire bene questa nuova sfida, ponendo le basi per una crescita ulteriore del Gruppo".

"Una crescita – ha concluso -  che ci permetterà di offrire ai nostri clienti servizi sempre più competitivi e ai nostri partner l'opportunità di consolidare i rapporti di business in un contesto di fiducia reciproca".

Il Gruppo Tremagi, ha chiuso il 2015 con ricavi di oltre 816 milioni di euro, in aumento del 43% rispetto ai 571 milioni del 2014, e un EBITDA di 20,6 milioni di euro, in crescita dell'80% rispetto agli 11,5 milioni registrati nel 2014.

Nel 2015, il Gruppo ha realizzato un EBIT di 11,8 milioni di euro, in crescita del 51,6% rispetto ai 6,1 milioni del 2014, attestando la vendita di energia elettrica a 3.085 GWh e di gas a 50,2 milioni di mc, in rialzo rispetto al 2014.

La decisione del Gruppo di riposizionarsi su settori ad alta marginalità, come quello retail e PMI, ha portato notevoli benefici economici e un aumento dei volumi forniti rispetto all'anno precedente. In particolare, sul settore domestico, si è registrato un incremento del 106% rispetto al 2014, mentre sul segmento microbusiness e PMI si è registrata una crescita dei volumi pari al 18%.

Si è confermata redditizia, inoltre, la scelta della società di essere attiva anche come grossista, vendendo energia e gas ad altri operatori, lavorando con grande attenzione e lungimiranza nell'attività di commercializzazione. Questo approccio ha permesso di cogliere le migliori opportunità di approvvigionamento, ricercando le condizioni di mercato più vantaggiose in un contesto di eccesso di offerta.

Prosegue inoltre l'opera di innovazione e sperimentazione del Gruppo Tremagi, il quale ha aggiunto alla sua proposta commerciale l'operatore 100% digitale Wekiwi che, con una nuova offerta su energia elettrica e gas, promuove il consumo ragionato e consapevole delle fonti energetiche e promette un'esperienza d'utilizzo completamente on-line, dalla sottoscrizione del contratto all'assistenza clienti. Si tratta del primo caso in Italia di operatore web centrico.

Il portafoglio clienti di Illumia è stabile rispetto al 2014, attestandosi alla quota di 200.000 contratti sottoscritti, ed è distribuito su tutte le regioni italiane, con più del 50% dei clienti presenti in cinque regioni: Lombardia (12,1%), Lazio (11,5%), Veneto (10,5%), Campania (9,7%), Toscana (9%). La distribuzione per area geografica è principalmente verso il Nord Italia (46,7%), rispetto al Centro (29,8%) e al Sud (23,5%). Rimane confermato l'obiettivo di attestarsi a circa 500.000 clienti entro il 2019.


--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI