Cerca nel sito

mercoledì 6 luglio 2016

Cresce la moda nel commercio digitale a livello globale: +18% visite, +25% carrelli, + 24% ordini - dati Demandware


Cresce il settore moda nell'eCommerce a livello globale 


Demandware rivela i dati del suo Shopping Index relativi al primo trimestre del 2016, con focus sul comparto moda: +18% delle visite, +25% dei carrelli, + 24% degli ordini.

Il nero è il colore più ricercato. Gli shopper includono la preferenza del colore nelle loro ricerche il 22% in più rispetto all'anno precedente.


Con il 44% di traffico e 24% degli ordini lo smartphone registra numeri in aumento rispettivamente del +31% e +53%.


#Demandware4ITstyle


 

Milano, 6 luglio 2016 - Il settore dell'abbigliamento nell'eCommerce ha registrato un aumento del 25% dei carrelli e una crescita del 24% degli ordini a livello globale. Questi i dati dello Shopping Index relativi al primo trimestre del 2016 rilasciati da Demandware, azienda leader globale nelle soluzioni cloud commerce per le imprese di moda, lusso, bellezza e food.

Nel commercio digitale in generale l'alta crescita continua ad aumentare a doppia cifra: i retailer beneficiano di nuovi acquirenti e dell'aumento della spesa per shopper. Secondo i dati dello Shopping Index di Demandware, infatti, nel primo trimestre del 2016, la shopping attraction, che misura il volume di visite al totale dei siti monitorati, è cresciuta del 15,29% e ha guidato l'89% della crescita del commercio digitale. Inoltre la spesa per cliente, che combina la variazione della frequenza di visita, la conversione e il valore medio degli ordini, è cresciuta dell'1,86% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente, contribuendo per l'11% alla crescita. La combinazione della spesa del cliente con la shopping attraction ha prodotto un aumento del 17% del commercio digitale.

Lo Shopping Index di Demandware, rilasciato con cadenza trimestrale, si basa sull'analisi dell'attività di acquisto degli oltre 400 milioni di acquirenti in tutto il mondo che transitano sulla sua piattaforma cloud. [1]


Attività di acquisto

Il carrello può essere creato dappertutto. Secondo i dati dello Shopping Index di Demandware relativi al primo trimestre del 2016, se nel commercio digitale a livello globale la crescita delle visite è stata forte (+17%), i carrelli sono cresciuti più velocemente (+20%), importante segnale di una intenzione di acquisto registrando un aumento degli ordini del 19%. Un aumento fortemente guidato dagli smartphone, con un +70% di carrelli totali creati attraverso questo dispositivo.


Guardando in particolare al settore moda, l'aumento delle visite del 18% ha portato a una significativa crescita della creazione dei carrelli, pari al 25%, convertita in una crescita degli ordini pari al 24%.

La moda è uno dei settori che ha registrato i dati di crescita maggiori tra i segmenti analizzati, preceduto solo dall'abbigliamento sportivo che ha realizzato +41% di visite, +44% creazione dei carrelli e + 35% ordini.

L'analisi mette a confronto i siti di digital commerce che hanno transitato nel Q1 del 2016 con quelli dello stesso periodo del 2015.


Il colore del digitale: nella moda vince il nero


Chi acquista online è sempre più attento a trovare esattamente quello che cerca. A confermare questa tendenza è il fatto che gli shopper includono la preferenza di colore del prodotto cercato il 22% in più rispetto all'anno precedente. I retailer dovrebbero anticipare tale esigenza, includendo la pertinenza nell'esperienza di acquisto, compresi i risultati di ricerca e persino l'organizzazione della pagina.


Per quanto riguarda i siti di moda, il nero è il colore maggiormente richiesto da chi acquista in rete con il 27% delle ricerche
; seguono il bianco e il rosso con il 22% e 12%.  L'arancione e il giallo risultano invece i meno richiesti e con l'1% si posizionano fuori dalla top-ten dei colori che compaiono maggiormente nelle ricerche di prodotti moda. 

L'analisi mette a confronto i siti di digital commerce di abbigliamento che hanno transitato nel Q1 2016 con quelli dello stesso periodo nel 2015. L'analisi è stata condotta su siti in lingua inglese.


Tendenze per dispositivi: nella moda cresce lo smartphone                     

Con il 44% di traffico e il 24% di ordini, nella moda online lo smartphone è il device che, nel primo trimestre del 2016, vede l'unico aumento significativo, segnando rispettivamente +31% e +53% rispetto all'anno precedente.


Sebbene il pc rimanga per il momento ancora il device più utilizzato, attraendo il 45% di traffico e il 63% di ordini del segmento moda, questo dispositivo registra un calo di traffico del 15% e di ordini del 9%, rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente.


Il tablet nel comparto moda risulta lo strumento meno utilizzato e con i cali più significativi, appena il 10% di traffico generato (-21% rispetto al Q1 2015) e 12% di ordini effettuati (-14%).

L'analisi mette a confronto i siti di digital commerce che hanno transitato nel Q1 del 2016 con quelli dello stesso periodo del 2015. Le percentuali sono arrotondate e la loro somma potrebbe non corrispondere a 100.


Considerando la totalità dei settori analizzati e in cui Demandware opera (apparel, luxury, health&beauty, food) il Q1 2016 è stato il primo trimestre in cui lo smartphone ha soppiantato tutti gli altri dispositivi mantenendo costante nei tre mesi il ruolo di generatore leader di traffico.
Inoltre per il quarto trimestre consecutivo lo smartphone ha guidato per oltre il 90% la crescita delle visite. Chi acquista tramite smartphone non naviga solamente: il 94% di tutta la crescita della creazione dei carrelli e il 66% della crescita degli ordini avviene tramite questo dispositivo.

 

Tempo di permanenza sul sito


La sempre più breve visita da smartphone suggerisce che l'idea di un'esperienza di shopping standard sta diventando obsoleta. I retailer dovrebbero tenerne conto e ottimizzare la customer journey prevedendo un minor numero di passaggi dal momento in cui si effettua la ricerca fino al pagamento finale, a garanzia di una shopping experience unificata nel caso in cui le visite vengano effettuate tramite uno o più dispositivi, o canali.


Nel segmento fashion, durante il primo trimestre del 2016 il tempo medio di permanenza per visita - per tutti i dispositivi - è stato di 9 minuti (-1%), mentre il tempo medio di permanenza per visita da smartphone è stato di 8,1 minuti (-10%).
 

L'analisi mette a confronto i siti di digital commerce che hanno transitato nel Q1 del 2016 con quelli dello stesso periodo del 2015.


Valore degli ordini e sconti


La spedizione gratuita incentiva lo shopping online. Nel settore moda la spedizione gratuita è applicata nel 65% dei casi e su un valore medio di ordine di 125$, mentre il tasso medio di sconto è pari al 15%. I retailer più all'avanguardia utilizzano i negozi fisici come pick-up point e mezzo per ridurre i costi di trasporto e incrementare gli acquisti.      


I settori dell'abbigliamento di lusso e dell'health&beauty rimangono però quelli che presentano i tassi di applicazione della spedizione gratuita più alti, rispettivamente dell'84% e 74%.

Se in generale la spedizione gratuita ha avuto un grande successo durante il quarto trimestre del 2015, periodo in cui si è registrato il periodo di picco dello shopping digitale, nel primo trimestre 2016 è arrivata a coprire circa i due terzi del totale degli ordini, in crescita del 63% rispetto a un anno fa. 

L'analisi mette a confronto i siti di digital commerce che hanno transitato nel Q1 del 2016 con quelli dello stesso periodo del 2015. La percentuale di sconto viene calcolata come sconto sulla merce acquistata e non include gli articoli precedentemente scontati.


Sistema operativo: smartphone             



I produttori di smartphone stanno entrando in una nuova fase di maturità, trovando sempre nuove nicchie di mercato. Nel fashion iOS è il sistema operativo preferito, con il 62% di quota di traffico e il 58% di quota di ordini, contro il 38% di traffico e il 42% di quota di ordini dei dispositivi Android. L'iPhone ha comunque guadagnato quote di traffico e ordini in ogni mercato analizzato, e ridotto il divario in Germania, dove Android conduce ancora con un buon margine.
 

L'analisi mette a confronto i siti di digital commerce che hanno transitato nel Q1 del 2016 con quelli dello stesso periodo del 2015. Le percentuali non sono complete di tutti i sistemi operativi. La loro somma potrebbe non corrispondere al 100%. Android è un marchio di Google Inc. iOS è un marchio di Apple Inc.


Demandware sarà inoltre tra le prime piattaforme di eCommerce a supportare Apple Pay per rendere più facili, veloci e sicuri i pagamenti online. Attraverso Apple Pay, i clienti del Commerce Cloud di Demandware offriranno agli shopper la possibilità di effettuare facilmente pagamenti sicuri e privati utilizzando il browser Safari su iPhone, iPad e Mac.  Pagando con Apple Pay, il tradizionale processo di acquisto su più passaggi sarà molto più semplice. Conseguentemente, le vendite sia su mobile che su desktop potranno subire un aumento, così come crescerà la soddisfazione dei clienti. Per maggiori informazioni cliccare qui.

 


[1]Lo Shopping Index non è indicativo delle prestazioni operative di Demandware o delle metriche finanziarie dell'azienda, inclusa la crescita del GMV e i relativi confronti. L'analisi mette a confronto i siti di digital commerce che hanno transitato nel Q1 2016 con quelli dello stesso periodo nel 2015, e l'attività degli utenti registrati.


Demandware Shopping Index
Lo Shopping Index di Demandware analizza in dettaglio l'attività di oltre 400 milioni di acquirenti di tutto il mondo per identificare le tendenze e le opportunità per i retailer di migliorare l'esperienza di acquisto e aumentare il fatturato. Lo Shopping Index di Demandware misura il ritmo di crescita dello shopping digitale, assegnando valori numerici alle principali metriche degli acquirenti. In qualità di leader nelle soluzioni di commercio digitale per le imprese, con oltre 1.500 siti di retailer globali ospitati dalla piattaforma Demandware Commerce Cloud, e gestendo transazioni per miliardi di dollari, Demandware vanta una posizione unica per offrire dati e analisi circa il comportamento di acquisto.

Lo Shopping Index viene pubblicato con cadenza trimestrale e non è indicativo delle prestazioni operative di Demandware o delle metriche finanziarie dell'azienda, inclusa la crescita del GMV e i relativi confronti.

Demandware
Demandware, azienda leader (globale) nelle soluzioni cloud commerce per le imprese, consente ai maggiori retailer mondiali di innovare costantemente nell'attuale contesto sempre più complesso e orientato al cliente. La piattaforma cloud aperta di Demandware offre importanti vantaggi, incluso un alto livello di innovazione continua, l'ecosistema LINK che riunisce e integra i migliori partner per ogni ambito di attività e le conoscenze acquisite da tutta la community per ottimizzare le esperienze dei clienti. Questi vantaggi consentono ai clienti di Demandware di diventare leader nei loro settori e di crescere più velocemente. Per ulteriori informazioni, visitate il sito http://www.demandware.it, chiamare +39 335 7828245 oppure scrivere a info.it@demandware.com








--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI