Cerca nel sito

martedì 19 luglio 2016

I-Com: “Volano le start-up energetiche. Nel Centro Italia le imprese più produttive”

·         Presentato oggi il Rapporto annuale dell'Istituto per la Competitività, I-Com, sull'innovazione energetica
·         Le imprese più attive sono quelle del Centro Italia, con un valore di produzione medio pari a 753mila euro, ma prevale la micro-dimensione (69,8% del totale)
·         Il Mezzogiorno si distingue per il maggior numero di brevetti

Roma, 19 luglio 2016  – Cresce in maniera esponenziale il numero delle start-up in Italia che, negli ultimi quattro anni, è aumentato con un tasso medio annuo del 67%. Ad oggi se ne registrano 5.803, quasi il triplo rispetto a soli due anni fa, e di queste oltre il 10% (614) è attivo in ambito energetico.
È quanto emerge dal Rapporto annuale sull'innovazione energetica dell'Istituto per la Competitività, I-Com, think tank presieduto da Stefano da Empoli, che quest'anno è giunto alla sua ottava edizione ed è stato lanciato oggi in occasione del convegno: "L'innovazione al cubo
Energia, mobilità, territori". Titolo che sottolinea i tanti temi affrontati dal Rapporto, sviluppato nell'ambito dell'Osservatorio Innov-E di I-Com, diretto da Antonio Sileo.
Secondo l'analisi di I-Com, il contributo al PIL nazionale delle sole start-up energetiche potrebbe arrivare fino a 173 milioni di euro all'anno, poco meno del 10% del contributo dell'intera popolazione di start-up in Italia, che si stima possa raggiungere 1.855 milioni di euro. 
È certamente il Nord a contribuire maggiormente a questo risultato (con 105 milioni di euro) ma se si guarda al valore che in media produce ogni start-up, sono le imprese attive nel Centro Italia a dare i migliori risultati, con un valore di produzione medio pari a 753mila euro. In coda, le start-up del Mezzogiorno, che producono comunque mediamente oltre mezzo milione di euro.

"Il fenomeno delle start-up sta conoscendo una crescita vertiginosa e il settore energetico è uno dei protagonisti principali", sottolinea Stefano da Empoli. 
"Eppure, si sta ancora parlando in grande maggioranza di potenzialità inespresse, se è vero che il 69,8% delle start-up energetiche (e il 67,5% delle start-up in generale) dichiara un valore della produzione inferiore a 100.000 euro. 
I migliori risultati del Centro Italia si spiegano con un numero minore di micro-imprese innovative attive nell'energia (il 66,0% contro il 70,3% del Nord e il 77,2% del Mezzogiorno)".
"Tuttavia", aggiunge Antonio Sileo, "sono proprio due regioni del Sud a distinguersi per propensione all'attività brevettuale: in Sardegna e Molise, almeno la metà del numero di start-up energetiche ha depositato un brevetto o registrato un software. 
A differenza, ad esempio, della Lombardia, dove a dispetto dei valori assoluti sono meno di un terzo quelle che brevettano (29%). Ciò conferma l'importanza di questa forma imprenditoriale in economie regionali più deboli, dove le start-up possono rappresentare un volano per la crescita".
I-Com ha poi elaborato un indicatore di performance più completo per tener conto, allo stesso tempo, del numero pro-capite di start-up innovative attive sul territorio e della capacità di sopravvivenza delle neo-imprese. 
Le regioni più performanti in questo senso risultano così essere le Marche, l'Emilia Romagna, l'Umbria e, ancora una volta, il Molise (anche se per le ultime due Regioni il dato risulta statisticamente meno significativo vista la bassa numerosità delle start-up in valore assoluto). 

Qui il report di I-Com.



--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI