Cerca nel sito

mercoledì 27 luglio 2016

IR TOP: L'AIM ITALIA RAGGIUNGE UNA RACCOLTA COMPLESSIVA DI EURO 1 MILIARDO PER SOSTENERE LA CRESCITA DELLE PMI


·       83% la raccolta di capitale da IPO, 17% da operazioni sul mercato secondario (Aumenti di capitale, esercizio warrant, Prestiti obbligazionari)

·       77 società quotate per un giro d'affari complessivo di Euro 4,2 miliardi e una capitalizzazione di mercato di Euro 2,6 miliardi

·       13.000 i dipendenti, +18% la crescita dei posti di lavoro rispetto al 2014

·       Fondamentali in forte crescita nel 2015: Fatturato +19% rispetto al 2014, EBITDA +10%

·       74 gli Investitori Istituzionali nel capitale (54% italiani, 46% esteri), Euro 274 milioni l'investimento complessivo

·       Arca SGR e Mediolanum Gestione Fondi SGR gli investitori italiani più attivi con oltre 15 milioni di euro di investimento e circa 20 partecipazioni

 

6 le IPO 2016: Industrial Stars of Italy 2, S.M.R.E., Abitare In, Siti B&T Group, Energica Motor Company e DHH;

in arrivo sul listino 4AIM SICAF, Vetrya, SCM SIM e Agrimaster

 

Lo rileva l'OSSERVATORIO IR TOP SU AIM ITALIA presentato oggi a Milano

 

IR Top, Partner Equity Markets di Borsa Italiana – LSE Group, leader in Italia nella consulenza specialistica sulle Investor Relations e la Comunicazione Finanziaria, ha presentato oggi i risultati dell'OSSERVATORIO AIM ITALIA e le prime evidenze della Survey AIM su Investitori e Aziende quotate realizzato dall'Ufficio Studi interno.

 

Anna Lambiase, Amministratore Delegato di IR Top, ha illustrato le caratteristiche e i trend evolutivi del mercato, nonché le potenzialità per il tessuto industriale italiano: "AIM Italia si conferma il mercato adatto alle esigenze finanziarie delle PMI italiane rispondendo agli obiettivi di raccolta di capitale per la crescita e l'internazionalizzazione e di ampliamento della visibilità. Svolge un ruolo importante a livello di economia nazionale, con un giro d'affari complessivo di oltre 4 miliardi di euro e 13.000 posti di lavoro. Ha portato 1 miliardo di euro nelle casse delle 77 aziende e attrae investitori istituzionali anche esteri; tra le proposte correttive del mercato le richieste degli investitori si concentrano sulla nascita di fondi dedicati e l'introduzione di incentivi fiscali."

 

Barbara Lunghi, Head of Primary Markets di Borsa Italiana: "Questa settimana AIM Italia vede un numero record di quotazioni con ben 4 debutti in 3 giorni. Abbiamo investito molto su questo mercato e siamo felici di supportare un'iniziativa quale l'Osservatorio IR Top che accende i riflettori su questo segmento, sempre più punto di riferimento per le piccole e medie imprese che vogliono raccogliere capitali. Crediamo che AIM Italia rappresenti una grande opportunità per le aziende di aumentare la visibilità e migliorare la governance, con ricadute positive sulla crescita dell'azienda nel medio-lungo periodo. Il passo successivo è quello di irrobustire la comunità degli investitori dedicati alle small caps, incoraggiando un orizzonte di investimento coerente con gli obiettivi di crescita delle piccole e medie imprese."

 

Andrea Buragina di Mediolanum Gestione Fondi SGR ha illustrato la politica di investimento del Fondo "Mediolanum Flessibile Sviluppo Italia" e la sua esperienza di gestore maturata su AIM Italia, mercato nel quale emerge tra gli investitori istituzionali più attivi con oltre 15 milioni di euro di investimento e 18 partecipazioni. "Mediolanum Flessibile Sviluppo Italia -  ha dichiarato -  nasce a fine 2013 a sostegno delle PMI domestiche che costituiscono il perno del tessuto industriale italiano. AIM Italia è, in questo senso, un importante mercato di sbocco ed è destinato a diventare, con i dovuti accorgimenti, un importante acceleratore per la crescita economica del nostro Paese."

 

Ha inoltre partecipato Luca Filippa, Managing Director Southern Europe di FTSE che ha illustrato caratteristiche e trend dell'indice FTSE AIM ITALIA.

 

L'Osservatorio IR Top su AIM Italia, nato con l'obiettivo di porsi come punto di riferimento per questo mercato azionario, si propone di: diffondere presso le Aziende e gli Investitori – in via continuativa – un patrimonio di conoscenza in merito a regole, operatori, vantaggi e costi della quotazione; fungere da centro di ricerca, elaborazione e analisi, di risultati economico-finanziari e di performance di mercato sulle società quotate; stimolare riflessioni e dibattiti sugli sviluppi del mercato azionario dedicato alla crescita delle PMI italiane; contribuire all'identificazione di best practice di informativa finanziaria ai fini di una corretta ed efficace rappresentazione delle Equity Story al mercato.

 

Il Report annuale, realizzato dall'Ufficio Studi interno e reso disponibile in lingua italiana e inglese sul portale AIMnews.it, information provider di riferimento per il mercato AIM Italia, descrive in dettaglio le statistiche di mercato con focus sui trend di IPO del 2016, raccolta e capitalizzazione, risultati economico-finanziari e livelli di occupazione, performance e liquidità, M&A, investitori istituzionali nel capitale, trasparenza e prassi di disclosure. La sezione "Le AIM" contiene il profilo delle singole aziende, dai risultati finanziari al modello di business, al progetto strategico, alla governance.

 

Identikit del Mercato e della società AIM Italia

 

Al 1 luglio 2016 le società quotate sono 77, il giro d'affari 2015 è pari a 4,2 miliardi di euro, la capitalizzazione è pari a 2,6 miliardi di euro e la raccolta da IPO è pari a 809 milioni di euro, cui si aggiunge una raccolta da mercato secondario di circa 200 milioni di euro.

 

6 le IPO AIM Italia 2016 - Industrial Stars of Italy 2, S.M.R.E., Abitare In, Siti B&T Group, Energica Motor Company e DHH – per una raccolta complessiva di 94 milioni di euro.

Prossime IPO 4AIM SICAF, Vetrya, SCM SIM e Agrimaster.

 

L'identikit della società quotata presenta i seguenti dati medi:

- Ricavi 2015: 38 milioni di euro; EBITDA margin 2015: 13%;

- Capitalizzazione: 34 milioni di euro;

- Flottante: 25% (22% al netto delle SPAC);

- Raccolta in IPO: 5,3 milioni di euro (dato mediano), 10,6 milioni di euro (dato medio).

 

Rappresentatività settoriale e regionale

 

I settori più rappresentativi del mercato sono il Green (che rappresenta il 24% in termini di società, il 20% in termini di raccolta e il 30% in termini di capitalizzazione) e il Digital (20% in termini di società, il 18% in termini di raccolta e il 18% in termini di capitalizzazione).

 

Le regioni maggiormente rappresentate sono quelle del Nord: in particolare Lombardia (42% delle società), Lazio (17%), Emilia Romagna (13%) e Piemonte (5%). Le altre regioni rappresentate sono Veneto, Umbria, Friuli, Toscana, Marche. Il mercato presenta anche 4 società estere, pari al 5% del totale.

 

Risultati economico-finanziari al 31 dicembre 2015

 

Il giro d'affari complessivo del mercato AIM Italia nel 2015 è pari a 4,2 miliardi di euro. Le società AIM Italia offrono lavoro a circa 13.000 dipendenti (209 il dato medio, 74 il dato mediano), in crescita del +18% rispetto al 2014.

Dall'analisi emerge un significativo trend di crescita: i ricavi 2015 registrano un incremento medio del 19% rispetto al 2014, mentre l'EBITDA registra una crescita media del 10%. La crescita dei ricavi ha interessato il 75% delle società, con tassi di crescita superiori al 50% nel 35% dei casi.

Sono 25 le società che distribuiscono dividendi nel 2016, con un dividend yield medio pari al 2,7%.

Il 33% delle società ha un fatturato inferiore a 10 milioni di euro.

 

 

Investitori Istituzionali nel Capitale

 

Nell'azionariato delle società AIM Italia sono presenti 74 Investitori Istituzionali, di cui 40 italiani (54%) e 34 esteri (46%); rispetto a luglio 2015 si ridimensiona il numero degli investitori (80), ma aumento il peso degli esteri (40%). L'investimento complessivo è pari a 274 milioni di euro, che corrisponde al 10,5% della capitalizzazione del mercato.

 

Il numero complessivo delle partecipazioni detenute è pari a 336, che corrisponde a una media di 4,5 partecipazioni per Investitore: il 25% delle partecipazioni è detenuto in società con capitalizzazione compresa tra 31-60 milioni di euro, il 22% in società con capitalizzazione compresa tra 61-100 milioni di euro.

 

Gli Investitori italiani più attivi sono ARCA SGR e Mediolanum Gestione Fondi (principalmente attraverso il fondo "Mediolanum Flessibile Sviluppo Italia), con un investimento complessivo di oltre 15 milioni di euro detenuto in circa 20 partecipazioni. Il principale Investitore a livello internazionale è lo svizzero Patrimony 1873 che, attraverso il fondo "White Fleet III Globes Italy Equity Star", detiene 22 partecipazioni per un investimento complessivo di 13,3 milioni di euro.

 

Trend M&A 2015-2016

 

Tra il 2015 e i primi 6 mesi del 2016, 43 società (pari al 57%) hanno effettuato almeno un'operazione straordinaria (acquisizioni, fusioni, cessioni, JV, acquisizioni/affitto di rami aziendali, reverse takeover) per un totale di 119 operazioni (80 nel 2015 e 39 nel 2016).

 

Complessivamente sono stati movimentati 192 milioni di euro, di cui 89 milioni di euro nel primo semestre 2016. Il valore medio delle transazioni è pari a 3,7 milioni di euro nel 2015 (2,7 milioni di euro il valore mediano) e 5,0 milioni di euro nel 2016 (2,1 milioni di euro il valore mediano).

 

I mercati su cui si sono concentrate le M&A sono Italia ( 86%), Europa (5%) in particolare Francia, Spagna e Olanda, mentre il restante 5% ha interessato società target extra Europee (USA, Africa, Asia).

 

"AIM MAP"

 

È stato inoltre presentato il nuovo progetto editoriale "AIM MAP", realizzato da IR Top con la collaborazione della redazione di Open Financial Communication, che verrà diffuso su supporto cartaceo e online ad un pubblico di Family Office, Promotori finanziari e Private Bankers per illustrare su formato tascabile e user-friendly i trend storici e le prospettive del mercato AIM Italia, la mappa geografica delle società quotate, l'evoluzione di capitalizzazione, IPO e raccolta di capitale e le intervista degli Amministratori Delegati di un selezionato gruppo di aziende.

 

Le iniziative IR Top per AIM ITALIA

 

-        OSSERVATORIO AIM Italia

-        AIMnews.it

-        APP AIMnews.it (aggiornamenti su smartphone e tablet)

-        AIM Investor Day

-        La quotazione sul mercato AIM Italia e gli Investitori Istituzionali nel capitale (FrancoAngeli)

-        Partnership con Directa SIM e IW Bank: flusso informativo della Redazione AIMnews.it veicolato su Investitori Retail

 

L'OSSERVATORIO AIM ITALIA è disponibile in lingua italiana e inglese all'indirizzo info@irtop.com oppure al numero +390245473884.

 

Il comunicato è disponibile sul sito www.aimnews.it e www.irtop.com

 

IR Top, Partner Equity Markets di Borsa Italiana – LSE Group, è leader in Italia nella consulenza specialistica sulle Investor Relations e la Comunicazione Finanziaria per società quotate e quotande. Fondata a Milano nel 2001, è corporate finance advisor per la quotazione in Borsa (IPO) e l'apertura del capitale a Investitori Istituzionali. IR Top opera attraverso le due divisioni Investor Relations e Media Relations con un team composto da professionisti con anni di esperienza sul mercato dei capitali. Ha sviluppato relazioni strategiche di valore con la comunità finanziaria nazionale e internazionale (investitori e giornalisti), maturando un solido track record sulle small & mid cap quotate sul mercato MTA e una posizione di leadership sul mercato AIM Italia, dedicato alle PMI di eccellenza. IR Top e VedoGreen sono stati ideatori e promotori della SPAC GreenItaly1.

 

 

Milano, 27 luglio 2016




--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI