Cerca nel sito

sabato 30 luglio 2016

RcAuto. Portarsi sempre dietro la polizza? Il Paese dei quaquaraqua

Firenze, 30 Luglio 2016. Era il 18 ottobre 2015, ed era entrata in vigore una norma che stabiliva il non obbligo di esposizione del pagamento e della validita' della polizza RcAuto, nonche' di non doversi portare dietro nulla: tutto centralizzato e informatizzato e, in caso di controllo da parte dell'autorita' di polizia, i controlli avrebbero confermato o meno l'ottemperanza dell'automobilista all'obbligo dell'assicurazione (1). 


Ma qualcosa non ha quadrato e, a quasi un anno di distanza, l'Ivass (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni) ha emesso una circolare (2) con cui ha evidenziato che, essendo alti ed aumentati i rischi di essere trovati in difetto pur essendo in regola, e' meglio portarsi dietro il certificato di assicurazione da esibire, l'attestazione di avvenuto pagamento del premio e copia del contratto (tre cose 3), per due motivi:
- le banche dati dell'autorita' non sono sempre aggiornate;
- alcune assicurazioni estendono la copertura assicurativa, in attesa del rinnovo, oltre le due settimane rituali successive alla scadenza; e questo nelle banche dati dell'autorita' -ammesso che la propria polizza risulti- non e' riportato.

Questo perche', nonostante l'informatizzazione operativa da quasi un anno, "carta canta", cioe' il supporto cartaceo e' prevalente rispetto a tutto; e non e' possibile effettuare il sequestro del veicolo per mancata assicurazione solo rifacendosi ai dati online: se qualcosa non torna, prima di multare/sequestrare occorrera' procedere ad ulteriori approfondimenti.

Questa circolare dell'Ivass sembra che (3) sia frutto di alcune istruzioni in merito diramate  dall'ordine di coordinamento dei servizi di polizia stradale.
Non e' questo il Paese dei quaqaraqua? Una norma che doveva servire a semplificare la vita e la sicurezza di accertati ed accertatori, ecco che nella sua applicazione -A QUASI UN ANNO DALLA SUA ENTRATA IN VIGORE- dimostra essere una complicazione in piu'.

Ed ora, visto il clamore mediatico che a suo tempo ebbe questo provvedimento della possibile non esposizione sul veicolo e che tutto era risolto con un click, chi glielo va a dire a tutti gli assicurati che non c'e' da fidarsi e che -soprattutto- se dovessero incorrere in un qualche controllo, se si sono attenuti alle disposizioni di legge, non avranno fatto altro che complicarsi la vita: tempi di fermo, accertamenti con domande piu' o meno imbarazzanti -per accertati ed accertatori- da parte della polizia, tempo da perdere per dimostrare successivamente di essere in regola (portare documenti agli uffici o trasmetterli in qualche modo che sia credibile e legale per entrambi), etc.

E -ultima e piu' importante- caduta sottozero della fiducia da parte degli amministrati verso lo Stato. Con conseguente codazzo di: utenti furbetti, burocrati annoiati di aiutare i malcapitati, code per di qua e per di la'. Con ogni malcapitato che come minimo ordira' piani di vendetta da mettere in atto alla prima occasione.

Che fare? Ci aspettiamo una massiccia e capillare campagna informativa per tutti gli assicurati, su tutti i maggiori mezzi di comunicazione..... ma forse siamo un po' illusi, perche' queste campagne -quando avvengono- sono quasi esclusivamente quando lo Stato deve incassare qualcosa in piu', mentre nel nostro caso, meno informazione c'e', piu' lo Stato incassa. 

Siamo certamente prevenuti, ma sono rare le occasioni che ci vengono fornite per cambiare un'idea che molto volentieri vorremmo modificare.

1 - http://www.aduc.it/articolo/rc+auto+contrassegno+diventa+telematico+domenica+18_23505.php
2 - n.111472 del 01/06/2016
3 – Italia Oggi del 30/07/2016

Vincenzo Donvito, presidente Aduc




--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI