Cerca nel sito

giovedì 11 agosto 2016

CASTELLABATE - " DICHIARATA GUERRA ALL'OMBRELLONE ABUSIVO " / DI MARCO NICOLETTI

CASTELLABATE - Guerra all' ombrellone selvaggio. Con l'operazione "Mare sicuro" le guardie costiere stanno intensificando i controlli anche sulle spiagge. E questa estate  2016 sarà ricordata  come l'estate nera dell'ombrellone e della sdraio incustoditi: sequestri sono scattati un po' ovunque, dalla Toscana alla Sardegna e dalla Campania alla Calabria e all'Abruzzo. "E continueranno ancora su tutte le altre spiagge libere", dicono dalle capitanerie di porto . D'altra parte, piantare nella sabbia l'ombrellone dopo il tramonto per prenotare il posto la mattina seguente o magari per la settimana seguente non si può. Soprattutto se gli ombrelloni piantati diventano decine, fino al punto di occupare e "sottrarre all'uso pubblico" centinaia metri di arenile demaniale, quasi sempre a ridosso del bagnasciuga.

Ultima in ordine di tempo la guardia costiera ufficio marittimo di Castellabate , ha sequestrato decine fra sedie e sdraio, e ombrelloni, un lettino, qualche bracciata di asciugamani e perfino costumi da bagno. Il tutto distribuito per svariati  metri lineari di arenile, riferisce la guardia costiera, "al solo scopo di occupare porzioni di spiaggia per renderle esclusive, sottraendole al pubblico uso". In pratica, decine di contravventori. Non solo qualche singolo.

"Siamo intervenuti per reprimere una violazione che è frutto di un diffuso malcostume e di mancanza di rispetto per i vacanzieri che invece rispettano le regole", si spiega dalla Capitaneria di porto.

Mettendo sotto accusa un'abitudine antica e radicata, nata nell'Italia del boom, con le prime vacanze di massa. E mai passata di moda, nonostante i sequestri, sulle spiagge libere: "I responsabili sono ancora ignoti", si precisa . E probabilmente lo resteranno.

Chi si presenterà all'ufficio marittimo a reclamare la proprietà dell'ombrellone o del bikini si vedrà sottoporre una sanzione di 200 euro. Perché non è solo questione di rispetto: c'è un'ordinanza civica che vieta di lasciare 'attrezzaturè incustodite prima delle 8.30, posto come orario d'inizio della balneazione. Si tratta di ordinanze e di divieti stabiliti da un numero crescente di comuni italiani costieri e non , che si aggiungono al divieto di occupazione delle spiagge demaniali, per motivi relativi alla sicurezza, previsto dal Codice della navigazione (articolo 1.164 comma due). E nei casi più gravi, si tiene a precisare dall'ufficio marittimo locale , si può configurare anche illecito penale.


Un intervento  questo sollecitato anche  dalle tante segnalazioni dei turisti che si erano trovati davanti una spiaggia libera occupata. Altri 70 ombrelloni e 50 sdraio incustoditi sono stati portati una decina di giorni fa via ad Ascea tanto per specificare che il caso è un po ovunque .

 "L'operazione "Mare sicuro" ha tra i suoi obiettivi anche quello di tutelate la collettività da ogni forma di abuso che limiti il diritto d'uso del mare e delle spiagge", ricorda d'altra parte la guardia costiera.




Marco Nicoletti
Diritti Riservati

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI