Cerca nel sito

giovedì 18 agosto 2016

e-Commerce: puntare sul packaging per acquisire e mantenere la clientela - un contributo di Laura Barreiro Asia Pulp & Paper

di Laura Barreiro, Sustainability and Stakeholders Engagement - ‎Asia Pulp & Paper Europe

L'innovazione è senza alcun dubbio un aspetto fondamentale per la vita di un'impresa. Non restare al passo con i tempi significa non essere competitivi e uscire rapidamente dal mercato, mentre farescelte corrette con congruo anticipo può trasformare il proprio business in un'operazione vincente.
Questo è un assunto che trova la sua massima espressione nelle attività in rete e parte del successo delle imprese che operano nell'e-commerce è dovuto a un fattore preciso: il packaging. 
La confezione avrà sempre una funzione determinante per il successo del prodotto. Ma, nel caso del commercio elettronico, non è solo il prodotto a beneficiare di un imballo dedicato, ma anche il servizio stesso di e-commerce.
Un e-commerce lavora in principio attraverso la sua piattaforma online dove l'utente navigando comodamente da un dispositivo connesso, e ovunque si trovi e in qualunque momento desideri, acquista dei prodotti. Tuttavia, la fase conclusiva del ciclo d'acquisto avviene nel mondo fisico e non sfruttare con un packaging efficace quest'opportunità di marketing così preziosa in grado di potenziare le vendite sarebbe insensato per un'azienda che opera online. 
Sia che si possieda un e-commerce tematico o un semplice store online oppure una piattaforma simile a eBay non fa differenza, in tutti questi contesti il packaging può fare la differenza e contribuire proficuamente al successo della propria attività commerciale online.
Quando al posto di utilizzare scatole anonime si opera la scelta di un imballo dedicato per le spedizioni dei propri prodotti proposti online si opera sostanzialmente su 4 fronti:

1. Percezione del brand - Il consumatore di commercio elettronico come unici elementi di valutazione del brand avrà il sito con le offerte e il pacco che si vedrà recapitare a casa.
Saper investire su un imballo personalizzato per comunicare in modo chiaro il proprio messaggio, esempio logo e payoff su scatole con misure e chiusure personalizzate, è non solo raccomandabile ma anche necessario per rimanere competitivi
Il proprio brand verrà percepito anche grazie alle caratteristiche del packaging che vengono utilizzate per spedire il prodotto a casa del cliente.
Chi opera un business online sa bene quanto è complesso convertire un visitatore del proprio sito e-commerce in un cliente che completa l'ordine con il proprio acquisto, per questo una volta convertito ilcliente e guadagnata la sua fiducia è opportuno investire per mantenere alta la percezione che questo cliente ha del proprio brand. 
Il pacco può dire molto del proprio business una volta recapitato. 
Le vie percorribili sono due: o al cliente gli si fa percepire quello che si aspettava – il motivo per cui ha comprato da te – oppure il rischio è alto in quanto si potrebbe perdere il cliente o, ancor peggio, ottenere una recensione negativa esposta a un pubblico, quello online, vastissimo.

2. Esperienza dell'utente - Un packaging personalizzato è un imballo pensato per le esigenze del proprio cliente. 
Solo in questo modo è possibile migliorare con scelte precise la sua esperienza. 
Amazon, uno dei siti di e-commerce più famosi del mondo, lo testimonia. 
È un brand che vive online, non deve competere su uno scaffale: si potrebbe essere tratti in inganno e pensare che il packaging in questo caso non conti. 
Amazon, al contrario, fa un uso eccellente degli imballaggi puntando soprattutto sulla facilità d'apertura e utilizzando cartone pre-forato. Lavora sul packaging direttamente con i produttori – specialmente per quanto riguarda l'elettronica di consumo – e fornisce anche confezioni che identifica con il marchio "Frustration-Free Packaging" – packaging a prova di frustrazione. 
Gli imballi di Amazon riflettono il focus del marchio sull'immediatezza e sulla convenienza, caratteristiche fondamentali per i clienti del sito. Come sarebbe aprire un pacco che richieda forbici o altri strumenti da taglio
Oltre allo spreco di tempo, vi sono rischi legati gesti maldestri e allo stress di non poter avere subito tra le mani ciò che si è acquistato. La differenza è enorme per l'utente.
Guardando l'acquisto con gli occhi del cliente diventa ancor piùimportante una cura dei dettagli che passa anche attraverso una precisa coordinazione di immagine tra imballo primario (il packaging del prodotto) e imballo secondario (il packaging della spedizione). 
Questo non è un aspetto riservato solo a grandi aziende e può davvero fare la differenza, diventando un investimento strategico per rafforzare la propria corporate identity.
Infine, la vera esperienza dell'utente al momento dell'apertura – momento importante anche per i prodotti che si acquistano fisicamente in negozio – diventa doppiamente importante con un acquisto dove l'apertura della confezione corrisponde al primo momento di contatto con il prodotto e coinvolge i 5 sensi.
Uno degli elementi più importanti, dunque, da prendere in considerazione quando si tratta di packaging è la "user experience"
Se un consumatore è frustrato dalla confezione o se questa non si apre, soprattutto in caso di cibo e di bevande, può arrivare persino a buttare e sprecare il prodotto e, nella peggiore delle situazioni, si può anche far male. In casi come questi, è altamente improbabile che si torni a scegliere il brand. 

3. Tutela del prodotto - Questo punto influisce direttamente sui punti precedenti e ovviamente sull'aspetto economico. Un packaging che non viene studiato per i prodotti che dovrà contenere, rischia di mettere a dura prova l'integrità del prodotto al momento della consegna. 
Anche se non si vendono prodotti altamente fragili questo fronte è importante per un business elettronico, perché il ciclo completo di una vendita, spedizione compresa, prevede diversi passaggi, spesso non delicati, oltre a una serie di condizioni non sempre prevedibili quali sbalzi di temperatura, umidità e forte manipolazione o urti. 
In poche parolenon vi è assicurazione che il proprio prodotto arrivi integro a destinazione affidando questo compito al caso.
Anche se si fanno accordi con uno spedizioniere che copra il 100% del danno, nessuno potrà mai risarcire la delusione di chi ha ordinato un prodotto e se lo vede recapitare danneggiato, poco importa se potrà riceverne un secondo integro a costo zero perché non solo quel giorno non ha ottenuto quello che voleva, ma ha dovuto anche perdere del tempo (telefonare o scrivere una mail) per risolvere la situazione. Una esperienza pessima che ricorderà in futuro.

4. Visibilità e comunicazione del Brand - Quando si arriva in ufficio quanto ci si mette a riconoscere un pacco dell'operatore Zalando o di Amazon tra la posta e pacchi accumulati in reception? 
Ecco cosa significa rendere visibile il proprio brand anche a chi in quel momento non è proprio cliente. 
Quando si riconosce all'istante il nome dell'azienda grazie al packaging è una dimostrazione istantanea di quanto gli operatori di mercato abbiano investito bene i loro soldi con un packaging personalizzato per e-commerce. 
Quel packaging andrà in giro per la città ed entrerà a casa del cliente ed il nome del brand e il packaging personalizzato con pay off e logo sono le parti visibilidella comunicazione sul packaging.

Oltre ai quattro punti delineati, esiste una componente nel packaging per e-commerce che sta acquisendo sempre più rilevanza: la sostenibilità. 
SostenibilitàI consumatori sono sempre più attenti alla sostenibilità e questo vale anche gli acquirenti del commercio online
Le industrie del packaging dovrebbero trovare un equilibrio tra protezione del prodotto e impatto sull'ambiente. 
In questo senso, l'approccio auspicato dalla PriceWaterhouseCoopers è di concentrarsi sull'efficienza del packaging, privilegiando una visione d'insieme che si concentri su un consumo minimo delle risorse in fase produttiva, sull'efficienza della protezione e del trasporto del prodotto, oltre che sull'efficienza dello smaltimento e del riciclo. 
Un approccio, questo, che sta trainando una rinascita della domanda di carta e cartone: materiali leggeri, riciclabili se trattati responsabilmente e biodegradabili al termine del ciclo di vita. 
Inoltre, la tecnologia che ruota intorno a carta e cartone è avanzata a tal punto da permetterne l'impiego in situazioni totalmente nuove come quelle appunto del commercio online.
Oggi investire sul packaging è imperativo se si desidera davvero competere nel mercato online. 
Il produttore diretto o il rivenditore (e-commerce multimarca) non possono permettersi di non comunicare (o di comunicare male) con il consumatore e non possono rischiare di rovinare l'esperienza del cliente con un articolo danneggiato o con un imballo difficile da aprire.
In questo periodo di recessione, non saranno pochi i brand che si staranno interrogando su come espandere la domanda e trattenere i consumatori anche nell'e-commerce
L'industria del packaging giocherà un ruolo chiave in questo senso. Sicuramente le imprese lavoreranno al rilancio e allo sviluppo di nuovi prodotti con design innovativi per poter competere. 
Cambieranno i materiali, i formati e cercheranno di innovare per facilitare sempre più l'uso. Ci si concentrerà, inoltre, sulla sostenibilità perché i consumatori sempre più richiedono prodotti dal design accattivante ma dal ridotto impatto sull'ambiente. 
La confezione non è solo un involucro ma parte integrante e fondante dell'esperienza che i consumatori fanno del brand. Puntare sul packaging è dunque importante per l'e-commercesia per attrarre nuovi clienti sia per fidelizzare quelli già acquisiti.
Grazie alla profonda conoscenza dell'industria del packaging e per andare incontro alle esigenze di numerosi operatori di settore a livello globale, Asia Pulp & Paper (APP) ha collaborato e collabora con vari marchi per la realizzazione di vari design di packaging compresi contenitori per abbigliamentoscatolepackaging per prodotti cosmetici e shopper
Oltre al prodotto finito APP ha creato linee di carta adatte a specifici settori come ad esempio Zenith e Proxima. Si tratta in entrambi i casi di carta in cartoncino per la realizzazione di astucci pieghevoli, della famiglia degli FBB (folding box board). 
Zenith è un cartoncino ad alto spessore la cui doppia lamina permette ottimi risultati di stampa. 
Il "Duo shake" permette un'eccellente distribuzione delle fibre così da rendere il processo di fustella impeccabile. 
Certificato per il contatto con alimenti. 
Zenith è adatto per le confezioni di lusso quali profumi e creme e cioccolato.

 
Proxima è un cartoncino dall'eccezionale spessore e rigidità ed elevata brillantezza e naturale grado di bianco, oltre che OBA-free. 
Il retro è antibatterico e il prodotto è certificato per contatto con alimenti. 
Proxima è adatto per il packaging nel settore farmaceutico, cosmetico e alimentare, ed è ideale per le copertine di libri.


-- 
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI