Cerca nel sito

mercoledì 31 agosto 2016

NICOLAS WINDING REFN PER VANITY FAIR: IL PRIMO SERVIZIO DI MODA «DIRETTO» DA UN REGISTA


Milano, 31 agosto 2016 - «È stato come girare il mio primo film nel vostro Paese. Ho deciso di accettare la sfida di Vanity Fair, prima di tutto, perché scattare un servizio di moda è una cosa che non avevo mai fatto prima, né in Italia né altrove, e io adoro essere messo nelle condizioni di fare cose che non conosco. Poi perché mi piaceva l'idea di proseguire il viaggio nel mondo della moda che ho intrapreso con The Neon Demon».

Nicolas Winding Refn, danese «invasore» di Hollywood, è uno dei più innovativi registi della sua generazione. Giovanissimo si fa un nome nel mondo cult underground con la Trilogia del Pusher. Lancia Tom Hardy dirigendolo in Bronson, e Ryan Gosling in Drive, per il quale vince a Cannes il premio come miglior regista. Torna a Cannes, sempre con Gosling, con Solo Dio Perdona, e quest'anno di nuovo in concorso con The Neon Demon, un horror (protagonista Elle Fanning) incentrato sull'ossessione per la bellezza nel mondo della moda.

Mondo in cui si è rituffato quando ha accettato la proposta di Vanity Fair di fotografare in una villa di Roma diciotto attrici del cinema italiano con indosso gli abiti più rappresentativi delle collezioni autunno-inverno. Con l'aiuto di Natasha Braier, direttore della fotografia di numerosi premiati film (di Refn e non solo) e video musicali, e Joseph Bennett, production designer che oltre a vantare una solida esperienza cinematografica e televisiva (per la serie Hbo/Bbc Roma ha vinto 2 Emmy, un Bafta e un Art Directors Guild Award) ha curato il set delle leggendarie sfilate di Alexander McQueen e l'acclamata mostra sullo stilista britannico al Metropolitan Museum di New York.

Si tratta del primo esperimento di questo tipo, non solo per Vanity Fair o per Refn, e neanche solo per il nostro Paese: mai prima un servizio di moda è stato diretto da un regista come un film, utilizzando le maestranze del cinema.

Dirette da Refn, le attrici (da Vittoria Puccini a Alessandra Mastronardi, da Miriam Leone a Valeria Solarino) hanno interpretato scene concepite come una prosecuzione di The Neon Demon, ma anche ispirate all'horror all'italiana di cui è grande ammiratore Refn, che dopo aver presentato a Cannes il restauro di Terrore nello spazio di Mario Bava, proprio in questi giorni viene a Venezia a «battezzare» con Dario Argento quello del cult di George Romero Zombi, curato proprio dal regista di Profondo Rosso.

I suoi film precedenti esploravano il mondo maschile. The Neon Demon è il suo primo sguardo sul mondo femminile.
«Ho liberato la mia parte femminile, le mie fantasie su che cosa significa essere una bella ragazza oggi».

Lei è padre di due figlie, la maggiore già adolescente. Che cosa significa essere una ragazzina oggi, al tempo dei social media?
«La grande novità è l'accettazione, anzi l'incoraggiamento del narcisismo. La rivoluzione digitale oggi è il liquido in cui Narciso si specchia. E non è detto che sia un male. Il narcisismo può essere il primo passo verso l'accettazione di se stessi, che è fondamentale per crescere».

Ma in questo mondo di immagini in cui la realtà è sempre abbellita, resa perfetta, il mondo di Instagram, non c'è il rischio di non sapere più che cosa è reale e che cosa no?
«Forse, ma è il futuro. La mia generazione sa ancora distinguere tra vero e artificiale, quella delle mie figlie, e delle figlie delle mie figlie, vivrà in un universo in cui dominerà quella che io chiamo realtà artificiale. Criticare il mondo che verrà non serve, è solo la proiezione delle nostre paure».

Ha in progetto una serie televisiva da girare nel nostro Paese.
«Sì, e non vedo l'ora. Adoro l'Italia».


Il servizio, che oltre alla grande copertina occupa 50 pagine, viene pubblicato nel numero di Vanity Fair in edicola da mercoledì 31 agosto.

"Vanity Fair conferma ancora una volta la sua capacità di creare contenuti originali e di grande qualità. Il risultato è un servizio davvero unico e fantastico; un grande servizio con il meglio della moda internazionale, indossata dal meglio del cinema italiano, scattata dal meglio della creatività hollywoodiana. Questa iniziativa ha ottenuto grande consenso dal mondo della moda, così attento all'immagine e alla qualità, e ha generato un risultato importante: rispetto all'anno precedente la raccolta pubblicitaria è cresciuta del 70%"- così Paola Castelli, direttore divisione.



--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI