Cerca nel sito

mercoledì 3 agosto 2016

UPS raggiunge 1 miliardo di miglia più pulite percorse con 1 anno di anticipo

Un "laboratorio su ruote" di oltre 7.200 veicoli a carburante alternativo favorisce l'innovazione nell'ambito della sostenibilità e l'adozione da parte del mercato

 

Milano, 3 agosto 2016 – UPS (NYSE: UPS) ha annunciato oggi che la società, un anno prima di quanto previsto, ha raggiunto l'obiettivo di 1 miliardo di miglia percorse (oltre 1,5 miliardi di km) con il suo parco automezzi a carburante alternativo e tecnologia avanzata, risultato che deriva anche dagli oltre 10 anni di studio nel suo "laboratorio su ruote". 

L'impegno a lungo termine di UPS per la sostenibilità sta trasformando la logistica e i trasporti commerciali, stimolando la crescita nel mercato dei carburanti puliti e alimentando progressi tecnici di fondamentale importanza. Tutti i progressi della società nell'ambito della sostenibilità sono descritti nel dettaglio nel 14° Bilancio di sostenibilità annuale pubblicato oggi.

 

"Il nostro obiettivo di sostenibilità era molto ambizioso: trarre il massimo dal nostro laboratorio su ruote e percorrere 1 miliardo di miglia pulite con veicoli a carburante alternativo, vale a dire l'equivalente di più di 4.000 viaggi sulla luna", ha detto David Abney, presidente e amministratore delegato di UPS. 

"Mentre questo obiettivo è stato raggiunto solo di recente, il nostro impegno nella ricerca di carburanti alternativi risale addirittura agli anni Trenta, quando UPS ha testato per la prima volta i veicoli elettrici. Con oltre 100.000 autisti che macinano più di 3 miliardi di miglia all'anno, il nostro futuro dipende dalla capacità di soddisfare la crescente domanda del commercio globale, riducendo al contempo il nostro impatto sull'ambiente".

 

"Sia che si tratti di utilizzare veicoli elettrici o di testare le consegne con tricicli a pedalata assistita a Roma e Milano, UPS è impegnata nei confronti dell'innovazione e della sostenibilità quando serve i suoi clienti in Italia," ha dichiarato Iulia Nartea, country manager UPS Italia.

 

UPS ha intensificato il suo impegno nel settore dei carburanti alternativi nel 2012, fissando l'obiettivo di percorrere 1 miliardo di miglia con veicoli a carburante alternativo entro la fine del 2017. 

Questo traguardo è stato tagliato con un anno di anticipo e oggi i carburanti alternativi, compresi gas naturale rinnovabile e diesel rinnovabile, stanno sostituendo circa il 12 per cento del gasolio e della benzina tradizionali.

 

"Non ci siamo domandati se fosse il caso di far funzionare i carburanti alternativi", ha affermato Mike Whitlatch, vicepresidente approvvigionamento ed energia globale di UPS. "Invece ci siamo chiesti: qual è il modo migliore per far funzionare i carburanti alternativi per UPS e per l'ambiente? Dopo più di un decennio di lavoro in tal senso, oggi percorriamo oltre 1 milione di miglia ogni giorno lavorativo in tutto il mondo, servendoci del nostro parco automezzi a carburante alternativo e tecnologia avanzata".

 

Riconoscendo che ogni carburante alternativo e tecnologia avanzata ha vantaggi esclusivi a seconda delle rotte e dei luoghi in cui viene utilizzato, UPS impiega gli oltre 7.200 veicoli del laboratorio su ruote per stabilire quale funzioni meglio in situazioni specifiche. 

Dalle biciclette "vecchio stile" a pedale e a pedalata assistita, utilizzate nelle aree urbane densamente popolate come Londra e Amburgo, ai veicoli elettrici ed elettrici ibridi impiegati negli Stati Uniti, senza dimenticare il gas naturale, il gas naturale rinnovabile e il propano usati in ogni parte del globo, UPS sta mettendo in pratica in tutto il mondo l'innovazione nell'ambito della sostenibilità.

 

"Molte città congestionate stanno istituendo zone a emissioni zero e UPS si mantiene all'avanguardia investendo nelle tecnologie avanzate e creando il parco automezzi per le consegne commerciali del futuro", ha detto Abney.

 

Entro la fine del 2016, UPS avrà investito dal 2009 più di 750 milioni di dollari nei veicoli a carburante alternativo e a tecnologia avanzata e nelle stazioni di rifornimento in tutto il mondo. Questo continuo investimento, insieme agli incentivi statali e a un gruppo di partner collaborativi, ha favorito un maggior sviluppo e utilizzo di infrastrutture, veicoli e carburanti alternativi a livello globale.

 

Durante il percorso UPS ha appreso numerose lezioni che possono aiutare altre società a rendere gli investimenti di sostenibilità tali da creare vantaggi a lungo termine:

 

·       Incoraggiare l'innovazione. Ciò che è stato costruito come un "approccio" è diventato un ecosistema di innovazione e progresso modellato dalla collaborazione con fornitori, governanti e altri soggetti interessati. UPS ha applicato la propria competenza nella logistica per la sfida della sostenibilità e ha sfruttato la portata dei propri 100.000 autoveicoli per promuovere miglioramenti della tecnologia, del mercato e dell'infrastruttura che sostengono combustibili più puliti e tecnologie economicamente valide.

·       Adattare e modulare la soluzione. La soluzione migliore non è sempre la soluzione perfetta. I combustibili e i veicoli che lavorano in una regione o in un ambiente, possono non essere validi in un'altra. I vincoli alla tecnologia, la gamma, la disponibilità dell'infrastruttura, le politiche governative e gli obiettivi locali per la qualità dell'aria giocano un ruolo nel determinare l'impiego di un veicolo e la scelta del carburante.

·       Non ci sono sostituti per i big data che provengono dal mondo reale. UPS è in grado di vedere 30.000 ottimizzazioni di percorsi di consegna al minuto attraverso il proprio sistema ORION (ottimizzazione e navigazione integrate su strada) il quale utilizza una flotta telematica e degli algoritmi per ridurre il numero di miglia percorse. L'applicazione di questo approccio di big data alla flotta del "laboratorio su ruote" di UPS è stato uno dei principali metodi per migliorare la performance e ridurre i costi. Quando interamente implementato, si prevede che ORION aiuterà UPS a evitare 100 milioni di miglia percorse ogni anno, ridurre emissioni di gas serra di 100.000 tonnellate annue ed evitare 10 milioni di galloni di carburante l'anno.

·       Impegno coerente e fermo da parte della leadership. Gli investimenti a lungo termine non sempre si traducono in guadagno nel breve termine. Forze economiche e di mercato sono in costante cambiamento e l'ambiente politico necessario a incoraggiare lo sviluppo dell'investimento e dell'infrastruttura è imprevedibile. UPS ha impiegato più di un decennio per raggiungere il punto in cui l'accumulo di miglia percorse dalla propria flotta è aumentato in maniera esponenziale. Non sarebbe successo senza un impegno a lungo termine.

·       Collaborare, promuovere e condividere i progressi.  La condivisione dei progressi e degli insegnamenti con i principali soggetti interessati e la collaborazione con sviluppatori di tecnologie e combustibile alternativo, agenzie governative, non profit e gruppi sindacali industriali si è rivelata di fondamentale importanza per il successo del "laboratorio su ruote". UPS riporta i suoi progressi una volta all'anno nel suoBilancio di sostenibilità e, fra l'altro, include parametri chiave quali emissioni di CO2, consumo di energia e miglia percorse con combustibile alternativo e tecnologia avanzata. Insieme, questi parametri dimostrano l'impatto positivo della sostenibilità da parte dell'azienda e i programmi di responsabilità sociale.

 

***Per ottenere ulteriori informazioni sulle iniziative di sostenibilità di UPS, visitare il sito Web ups.com/sustainability


Informazioni su UPS

UPS (NYSE: UPS) è un leader globale nel settore della logistica con una vasta gamma di soluzioni tra cui opzioni di trasporto di pacchi e cargo, le quali consentono di semplificare il commercio internazionale e l'adozione di tecnologie avanzate per gestire in modo più efficiente il mondo del business.   UPS si impegna a operare in modo più sostenibile: per i clienti, l'ambiente e le comunità che serve in tutto il mondo.  




--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI