Cerca nel sito

mercoledì 21 settembre 2016

In crescita economica il settore del Fast Fitness in Italia

E' il nuovo trend del fitness: allenamenti da 20 minuti con tecnologia EMS (ElettroMiostimolazione) ed esercizi a corpo libero.
Tra i leader di mercato c'è Fit And Go: in un solo anno aperti 11 nuovi centri. 


Piccoli negozi e basso rischio d'impresa.

Ed entro la fine del 2016 sono in arrivo altre inaugurazioni


Dai megacentri sportivi, alle boutique del fitness. Cambia l'approccio imprenditoriale al mondo del wellness in Italia.
I grandi impianti sportivi cedono il passo ai piccoli centri del fitness, coniugando crescita di clienti e abbonamenti a rischi imprenditoriali bassi. 

E' il distretto del cosiddetto fast fitness: brevi sessioni di allenamento che combinano tecnologie dell'elettrostimolazione di ultima generazione con esercizio a corpo libero.

Una pratica che vede crescere l'interesse di sportivi e amatori.
Un trend fotografato al meglio dai numeri del settore.
Crescono infatti gli imprenditori che decidono di lanciare piccoli centri in franchising.

Tra i brand leader in Italia c'è Fit Ando Go, startup del fitness nata nel maggio 2015 su iniziativa di due giovani imprenditori con anni di esperienza nel franchising.

11 centri fitness aperti, circa 3 milioni di fatturato annuo prodotto, più di 800 nuovi clienti acquisiti e oltre 40 dipendenti.

Questi i numeri Fit And Go che cresce anche grazie ai bassi costi di franchising che possono partire anche da meno di 30 mila euro.
Alla base dell'innovazione dei centri fitness c'è il loro sistema di allenamento Total Body: gli esercizi a corpo libero sono abbinati all'utilizzo di macchinari di elettrostimolazione di ultima generazione utilizzati Il tutto con l'ausilio di un personal trainer qualificato.

"E' stato un primo anno eccellente che ha dimostrato la validità della nostra proposta sia dal punto di vista del numero dei clienti che da quello dei negozi che hanno deciso di legarsi al nostro brand – ha commentato l'Amministratore Delegato di Fit And Go Marco Campagnano E il 2017 potrebbe essere ancora migliore visto che siamo pronti ad aprire nuovi centri a Roma, Torino e Olbia, città dove siamo già presenti con successo".

Roma, Torino, Bologna, Verona, Sassari e Aversa. Sono queste le città dove centri sono presenti.
La proposta di Fit And Go si basa su sessioni di allenamento di 20 minuti, rapide e intense.

"Il nostro metodo si concilia al meglio con un ritmo di vita sempre più frenetico – dichiara Lorenzo Blanco, responsabile Marketing Fit And Go – I nostri clienti possono arrivare direttamente dall'ufficio e dopo mezz'ora essere di nuovo pronti per tornare al lavoro. I nostri venti minuti corrispondono a 4 ore trascorse nelle palestre tradizionali".

Una tendenza, quella del fast fitness che sta cambiando anche l'approccio degli imprenditori al settore.
Addio ai maxi centri sportivi.
Le palestre riducono le loro dimensioni e diventano vere e proprie boutique del fitness.

Meno personale ma più qualificato e specializzato nelle scienze motorie.
"Per aprire un centro Fit And Go in franchising bastano negozi da 60-80 mq. Sono piccoli centri ma che si inseriscono perfettamente nei centri urbani – sottolinea Campagnano – La nostra formula piace sempre più ai piccoli imprenditori che vogliono investire nel fitness. I rischi d'impresa sono infatti minimi, i costi non superano i 30 mila euro a negozio e le royalties vantaggiose con un trend di clienti e quindi di abbonamenti in crescente aumento".

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI