Cerca nel sito

martedì 20 settembre 2016

Premio Lagrange – Fondazione CRT 2016 (Torino, giovedì 6 ottobre)


 

Giovedì 6 ottobre a Torino
il Premio Lagrange – Fondazione CRT 2016

 

È scattato il conto alla rovescia per l'assegnazione del Premio Lagrange – Fondazione CRT per il 2016. Il riconoscimento – il primo e più importante in ambito internazionale per la Scienza della Complessità – verrà consegnato giovedì 6 ottobre alle ore 18, presso il Teatro Regio di Torino (Foyer del Toro), in Piazza Castello.

Intitolato al grande scienziato e matematico Joseph-Louis Lagrange, il Premio è stato istituito nel 2008 dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Torino, con il coordinamento della Fondazione ISI – Istituto per l'Interscambio Scientifico e con l'obiettivo di consolidare il ruolo di riferimento e avanguardia del capoluogo piemontese nell'ambito della ricerca e dello studio dei Sistemi Complessi.

«Con il costante progresso della ricerca scientifica, gli incalzanti sviluppi della tecnologia digitale e le nuove abitudini che si stanno diffondendo tra cittadini sempre più immersi in una società dinamica, interconnessa e dipendente dalla circolazione di informazioni, la scienza della complessità è ormai diventata un punto di riferimento nel percorso di comprensione della vita umana e di soluzione dei problemi e delle sfide che le si parano dinanzi», dice Mario Rasetti, presidente della Fondazione ISI. «Lo è sia per il suo approccio multidisciplinare, che permette di confrontare e condividere gli strumenti e i risultati di discipline anche molto differenti, come la fisica teorica e le neuroscienze, l'informatica e le scienze umane, la biologia e la matematica; sia per la capacità di rispondere in modo rapido ed efficace alle esigenze del nostro tempo, dotando politici e decisori di capacità predittive senza precedenti. Ne abbiamo avuto recente esempio nella decisiva collaborazione che gli epidemiologi digitali – grazie alle nuove tecniche di analisi della scienza dei dati e agli strumenti della scienza dei sistemi complessi, che stanno sempre più fondendosi in un unico linguaggio, essenzialmente di intelligenza artificiale – hanno offerto alle istituzioni sanitarie nazionali e internazionali nella lotta contro i virus Ebola e Zika. Da ormai quasi dieci anni, il Premio Lagrange punta il suo sguardo in questa direzione, selezionando gli scienziati più meritevoli e le ricerche più innovative, elementi d'avanguardia nello studio di quell'universo complesso, affascinante, ricco al tempo stesso di insidie e potenzialità, che è la società del XXI secolo».

«Con il Premio Lagrange costruiamo nuovi 'ponti' tra Torino e il mondo insieme a ISI Foundation - ha commentato il Segretario Generale della Fondazione CRT Massimo Lapucci -, rafforzando il ruolo della città quale polo internazionale della ricerca sui sistemi complessi e sui Big Data, assurti a leva strategica fondamentale nel processo decisionale di istituzioni e imprese in molteplici ambiti: dal cambiamento climatico, all'istruzione, ai media e alla salute, solo per citarne alcuni. La sfida per aumentare la competitività a livello locale in una dimensione globale passa necessariamente attraverso la cultura dell'innovazione e del cambiamento, che la Fondazione CRT promuove anche attraverso il Progetto Lagrange: con un investimento complessivo di 38 milioni di euro in borse di dottorato e di ricerca applicata nel sistema delle imprese del Piemonte e della Valle d'Aosta, circa 700 giovani ricercatori hanno potuto inserirsi in un sistema virtuoso che mette in contatto l'università e il mondo produttivo, in un'ottica di crescita e di sviluppo del territorio».

I vincitori delle precedenti edizioni

Nel 2008, il Premio è stato assegnato al matematico russo Yakov Grigorievich Sinai e all'economista britannico William Brian Arthur; nel 2009 il riconoscimento è andato al fisico romano Giorgio Parisi (anticipando di alcuni mesi l'assegnazione allo scienziato italiano di un'altra prestigiosa onorificenza internazionale, la Medaglia Planck); nel 2010, è stata la volta del bioingegnere americano James J. Collins, autore di un rivoluzionario studio, pubblicato sulla rivista "Nature", sullo zucchero come potenziatore dell'effetto degli antibiotici sui batteri più resistenti; nel 2011 il Premio è stato consegnato ad Albert László Barabási, fisico ungherese (di origine romena e con passaporto statunitense), direttore del Centro di Ricerca per le Reti Complesse alla Northeastern University di Boston e autore di alcuni tra i saggi più brillanti e gli studi più innovativi nel campo della scienza dei sistemi complessi; nel 2012 si sono aggiudicati il premio la studiosa americana di reti sociali Lada Adamic e l'economista francese Xavier Gabaix, due volti giovani e brillanti della ricerca internazionale, simbolo di quella new wave di scienziati che oggi affrontano e studiano le problematiche della società contemporanea con un approccio fresco e interdisciplinare, combinando gli strumenti della ricerca scientifica, l'analisi sull'impatto sociale delle tecnologie e il monitoraggio continuo di un presente sempre più complesso, intrecciato e stimolante; nel 2013 è stata la volta di Duncan J. Watts, ricercatore presso i laboratori Microsoft Research di New York che da oltre dieci anni svolge un ruolo di primissimo piano a livello internazionale nella definizione di nuovi percorsi di analisi sulla scienza delle reti e sui suoi effetti sul comportamento umano; nel 2014 il Premio è andato a Mark Newman, leader di ricerca presso il Dipartimento di Fisica e il Centro per gli Studi dei Sistemi Complessi della University of Michigan. 

Nel 2015, infine, si sono aggiudicati il Premio Panos Ipeirotis e Jure Leskovec entrambi di origine europea (Ipeirotis è nato in Grecia, Leskovec in Slovenia), entrambi impegnati negli Stati Uniti (il primo a New York, il secondo in California), entrambi protagonisti di primo piano in quella vivace e stimolante area di ricerca in cui le discipline informatiche si intrecciano con i Big Data e con l'uso quotidiano, collettivo, sempre più diffuso che i cittadini fanno delle tecnologie digitali, tra social media e crowdsourcing. 

Sono stati altresì insigniti di un particolare riconoscimento per la comunicazione scientifica nell'ambito dei sistemi complessi il giornalista inglese Philip Ball, editorialista di Nature e il giornalista italiano Riccardo Luna, già direttore di Wired, nominato nel 2014 Digital Champion per l'Italia.

La cerimonia di premiazione sarà trasmessa in diretta streaming su www.lastampa.it

 

www.isi.it

@ISI_Fondazione




--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI