Cerca nel sito

mercoledì 16 novembre 2016

Caccia, ferito un altro ibis eremita. Lipu: "La stagione venatoria non può continuare"

Quinta vittima in poche settimane: l'Italia spara a specie rarissime

CACCIA: UN ALTRO IBIS EREMITA, SPECIE RARISSIMA E IN VIA DI ESTINZIONE A LIVELLO MONDIALE, FERITO A FUCILATE E RECUPERATO DA LIPU E PARCO NATURA VIVA NEL VERONESE. 


IN DUE MESI UCCISI TRE ESEMPLARI IN ITALIA E FERITI ALTRI DUE LA LIPU SCRIVE AL MINISTRO DELL'AMBIENTE E AI PREFETTI: "LA STAGIONE VENATORIA NON PUO' CONTINUARE"


Dopo l'abbattimento del quinto ibis eremita nel giro di poche settimane, la Lipu, con una lettera urgente inviata al Ministro dell'Ambiente, al Ministro dell'Interno e ai prefetti di 4 città italiane, chiede l'interruzione della stagione venatoria.

Il nuovo caso di abbattimento di ibis eremita, specie rarissima e a rischio di estinzione che sta migrando in queste settimane dall'Austria alla laguna di Orbetello quale areale di svernamento, riguarda un esemplare, di nome, Luna, recuperato ieri, gravemente ferito, a Caprino Veronese (Verona) da due volontari della Lipu insieme a Camillo Sandri, veterinario e direttore tecnico del parco Natura Viva e di Linda Nowack, membro dello staff a terra del Waldrappteam, che segue la migrazione degli ibis via Gps con i due volontari Lipu. L'animale presentava una frattura alla zampa causata un pallino ed è stato subito condotto in una struttura veterinaria di fiducia e poi trasferito a Bolzano dove dovrà essere operato e dove, si spera, possa essere recuperato.

Prima del ferimento di questo esemplare, dai primi di settembre a oggi sono stati uccisi in Italia ben tre esemplari di questa specie (il primo nel grossetano, a Punta Ala; il secondo nel vicentino, a Montecchio Precalcino; il terzo nel bresciano, a Darfo Boario Terme), e ferito un quarto nel grossetano, oltre al nuovo episodio del veronese di ieri. Un numero molto elevato che rappresenta il 30% dei 17 partiti dall'Austria.

Il nuovo caso conferma il quadro di gravità inaudita, che ha spinto la Lipu a intervenire presso le istituzioni.

"Siamo di fronte ad una situazione totalmente fuori controllo – dichiara Fulvio Mamone Capria, presidente della Lipu-BirdLife Italia - che non è figlia del caso ma di una doppia causa: la strategia violenta e dolosa messa in atto da una parte del mondo dei cacciatori e l'impossibilità, da parte dello Stato, di farvi fronte con controlli, prevenzione e repressione. Se dunque lo Stato è impossibilitato a evitare questi casi, che nelle settimane scorse hanno riguardato altre specie superprotette come ad esempio l'aquila del Bonelli, non si può fare altro che intervenire con una decisione straordinaria. E' quello che abbiamo scritto ai prefetti delle quattro città nelle quali gli ibis sono stati abbattuti e che chiediamo al Ministro dell'Interno e al ministro dell'Ambiente.

"Al Ministro Galletti – continua Mamone Capria , che è il responsabile primo della tutela degli animali selvatici in Italia, tocca l'onere principale. Se nel nostro Paese crollasse un ponte al giorno, il Ministro dei Trasporto forse non interverrebbe? Ebbene, visto che in Italia si abbattono quasi ogni giorno animali superprotetti, il Ministro Galletti non può più esimersi dall'intervenire e non con piani antibracconaggio futuribili, pur importantissimi ma con azioni immediate".

Dovrebbe essere una ragione di speranza il progetto di reintroduzione dell'ibis eremita in Europa. "Reason for hope" è infatti il titolo del progetto Life+ portato avanti dal team austriaco Waldrapteam con il coinvolgimento di otto paesi tra cui l'Italia (unico partner per l'Italia è il Parco Natura Viva di Bussolengo), con l'intento di insegnare ad una popolazione nata in cattività di ibis eremita, specie estinta in Europa da 400 anni, la migrazione in autonomia dall'Austria alla laguna di Orbetello. Impresa che questo gruppo di 17 ibis sta cercando, doppiette italiane permettendo, di raggiungere i propri compagni d'avventura.

Dell'ibis eremita sopravvive solo una relitta e alquanto localizzata popolazione in Marocco di circa 500 esemplari, mentre la popolazione medio-orientale è probabilmente estinta.


--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI