Cerca nel sito

lunedì 7 novembre 2016

EY Capital Confidence Barometer: in aumento operazioni M&A pianificate per crescere nel nuovo scenario globale

► Più della metà degli intervistati (57%) pianificano deal per i prossimi 12 mesi
► Attività M&A in ripresa nonostante nuove incertezze


Milano, 7 novembre 2016 - In un momento di forteincertezza geopolitica e di rapido cambiamento, la prospettiva globale delle M&A continua comunque a cresceresecondo il 15° Global Capital ConfidenceBarometer (CCB) di EY, un sondaggio condotto su oltre 1,700 dirigenti d'azienda in 45 Paesi. 

Oltre la metà (57%) delle aziende intervistate prevede infatti di concludere affari nei prossimi 12 mesi, la seconda percentuale più alta registrata in 7 anni di storia del Barometer

Più del 90% dei dirigenti si aspetta che il mercato M&A migliori o resti stabile nel prossimo anno e meno del 10% vede una contrazione delle proprie pipeline nello stesso periodo. Inoltre ci si aspetta che joint ventures, alleanze e altre forme d'investimento integrino le acquisizioni e muovano la crescita incrementale.

Marco Mazzucchelli, EY Mediterranean TransactionAdvisory Services Leader, commenta: "Le aziende Italiane vivono una ulteriore fase di M&A trainata da un crescentescenario competitivo con ingresso di nuovi imprevisti playersanche da settori attiguidalla continua rapida diffusione della digitalizzazione e da una sempre maggiore comprensione dei relativi impatti sui business models e dall'esigenza di trasformarsi in business globali."

Aumenta l'attenzione per l'M&A middle size
"mega deal" restano un'opzione strategica per le imprese, ma il trend M&A è prevalentemente rivolto a deal più piccoli e miraticon l'obiettivo di raggiungere una rete sempre più ampia che comprenda start-up e innovatori tecnologici in rapida crescita. 

Secondo il Barometermetà (49%) delle società ha in media più di 5 deal in corso e più della metà confida di concludere accordi tra i 250 milioni il miliardo di dollariPiù del 90% dei dirigenti si aspetta che le loro pipelines restino stabili o migliorino nei prossimi 12 mesi.

Sempre più rilevante la combinazione tra settori
La fusione e combinazione tra settori è parte sempre più rilevante del panorama M&A, data la sempre maggior penetrazione da parte delle imprese in segmenti adiacenti o indipendenti, anche influenzata dai continui cambiamenti di scenario competitivo causati dalla digitalizzazione.

Le conclusioni hanno mostrato che il fattore più citato dalle aziende per le acquisizioni cross sector è la competizione (19%), seguito dal desiderio di raggiungere nuovi clienti (19%) e di estendere l'offerta di prodotti e servizi (19%).

I settori più appetibili per le acquisizioni sono quelli del consumer product e retail, nel quale il 71% delle aziende pianifica dealseguito da prodotti industriali (60%), life sciences (56%)technology (54%), automotive (54%) e oiland gas (52%).

I manager italiani confermano l'interesse verso strategie di crescita inorganica
Per i manager italiani, i principali rischi che possono impattare sia sulle attività ordinarie dell'azienda che sulle strategie di M&A sono gli stessi che affrontano i dirigenti a livello globale, ossia la volatilità dei mercati e le variabili geopolitiche. Il 56% degli intervistati del nostro paeseprevede acquisizioni o progetti di fusione nei prossimi 12 mesi, in linea con le aspettative globali (57%).

Le prospettive per il mercato M&A sono considerate in linea con i 6 mesi precedenti, sia in termini di numero di opportunità di acquisizione (69% degli intervistati) sia in termini di probabilità di closing (78% dello stesso campione)

Anche i manager italiani evidenziano possibili M&A in settorinon coincidenti con il core business, in seguito a strategie di innovazione di prodotto/servizio, di ricerca di nuovi clienti, aree geografiche e tecnologia. Le M&A nei core business sono invece generalmente trainate dalla ricerca di nuova tecnologia (per il 44% degli intervistatie di talenti (per il 28%degli intervistati).  

La grande maggioranza degli intervistati (circa 90%) attende una pipeline M&A stabile nei prossimi 6/12 mesi.


Questioni geopolitiche e crescente nazionalismo complicano gli investimenti cross border
Secondo il sondaggio, le diverse variabili del panorama geopolitice macroeconomico – dalle fluttuazioni della valuta ai diminuiti flussi commerciali – preoccupano sempre di più i dirigenti. 

Questo li porta pianificare nuovi dealnella ricerca di una rapida via di crescita in un contesto di bassi tassi di crescita attesi per il PIL. Queste criticità aggiungono inoltre complessità agli affari internazionali e per la prima volta neisette anni del Barometer il Regno Unito non è più tra le 5 destinazioni d'investimento favorite per i dirigenti a livello globale per la complessità degli affari oltre confine.

Il mercato M&A domestico in Cina sarà notevole nel 2017, con investimenti cross border per 160 miliardi di dollari fino ad oggi. La Cina continuerà inoltre ad essere tra i maggiori acquirenti outbound avendo già realizzato investimenti in più di 50 Paesi nel 2016. Stati Uniti, Cina, Germania, Canada e Francia sono le 5 destinazioni top per concludere affari.

Nonostante le sfide, M&A in miglioramento nel 2017
Nonostante l'incertezza economica e geopolitica, l'intento dieffettuare M&A (57%) resta ben sopra la media di lungo termine del Barometer (42%).


Consulta il report online ey.com/ccb
Seguici su Twitter: @EY_TAS @EY_Italy
#EYCCB




About EY

EY is a global leader in assurance, tax, transaction and advisory services. The insights and quality services we deliver help build trust and confidence in the capital markets and in economies the world over. We develop outstanding leaders who team to deliver on our promises to all of our stakeholders. In doing so, we play a critical role in building a better working world for our people, for our clients and for our communities.

EY refers to the global organization, and may refer to one or more, of the member firms of Ernst & Young Global Limited, each of which is a separate legal entity. Ernst & Young Global Limited, a UK company limited by guarantee, does not provide services to clients. For more information about our organization, please visit ey.com.

This news release has been issued by EYGM Limited, a member of the global EY organization that also does not provide any services to clients.


About EY's Transaction Advisory Services
How organizations manage their capital agenda today will define their competitive position tomorrow. Our more than13,000-strong team across the globe works with our clients to help them make better and more informed decisions

about how they strategically manage capital and transactions in a changing world. Whether you'represerving, optimizing, raising or investing capital, EY's Transaction Advisory Services bring together a unique combination of

skills, insight and experience to deliver tailored advice attuned to your needs — helping you drive competitive advantage and increased shareholder returns through improved decision-making across all aspects of your capital agenda. EY's Transaction Advisory Services was namedthe Accountancy Firm of the Year in Europe by Mergermarket in 2015, 2014, 2013, 2012 and 2010.


About EY's Global Capital Confidence Barometer

The EY Global Capital Confidence Barometer is a biannual survey compiled by the Economist Intelligence Unit of more than 1,700 senior executives from large companies around the world and across industry sectors. This is the

15th semiannual Barometer in the series, which began in November 2009; respondents for the 15th edition were surveyed in August and September 2016, 50% were CEOs, CFOs and other C-level executives. Respondents represented 18 sectors, including financial services, consumer products and retail, technology, life sciences, automotive and transportation, oil and gas, power and utilities, mining and metals, diversified industrial products, and construction and real estate. The objective of the Barometer is to gauge corporate confidence in the global and domestic economic outlook, to understand boardroom priorities in the next 12 months, and to identify emerging capital practices that will distinguish those companies building competitive advantage as the global economy continues to evolve.




*according to Dealogic and EY analysis



--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI