Cerca nel blog

sabato 30 aprile 2011

Campania - La festa del Primo Maggio (30.04.11)

Campania - La festa del Primo Maggio (30.04.11)

Napoli - Bomba carta contro Info Poin Lettieri (30.04.11)

Napoli - Bomba carta contro Info Poin Lettieri. Una bomba carta è esplosa a pochi metri dal comitato elettorale del candidato sindaco di Napoli del Pdl, Gianni Lettieri, in piazza Bovio. Molto lo spavento ma non ci sono stati feriti. A riferirlo un candidato al Consiglio comunale del Pdl, Mimmo Vitullo, il cui comitato è proprio vicino a quello di Lettieri. Venerdì il candidato sindaco di Napoli era stato vittima di un tentativo di aggressione nel centro storico della città. "È l'ennesimo atto vile di chi non ha cuore la propria città" commenta a caldo Lettieri. "Il clima è irrespirabile, ma Napoli non merita tutto questo - spiega Lettieri - la campagna elettorale non può diventare un campo di battaglia". Alla domanda se queste intimidazioni possano in qualche modo ostacolarlo, Lettieri risponde: "La mia scelta è irreversibile, ho intenzione di continuare ad impegnarmi per la città e per la maggior parte dei cittadini che sono persone perbene". Intanto, proseguono le indagini delle forze dell'ordine sull'aggressione di venerdì. L'esame delle immagini è ancora in corso ma, secondo quanto si è appreso, sono quindici, al momento, le persone che sono state identificate per il tentativo di aggressione. Le indagini della Digos continuano sia attraverso l'ascolto di testimoni che le analisi delle foto e dei video che sono stati girati: complessivamente potrebbero essere una ventina le persone coinvolte che rischiano di essere denunciate. Lettieri, venerdì pomeriggio, ha subito un tentativo di aggressione da parte di decine di giovani dei centri sociali davanti al complesso monumentale di San Lorenzo, nel centro antico della città, dove si era recato per una manifestazione elettorale. Sputi, spintoni, e insulti l'hanno costretto a rifugiarsi all'interno della basilica, scortato dagli agenti della Digos, malgrado i suoi tentativi di parlare con i contestatori. (30.04.11)

Napoli - Gianni Lettieri visita la decima municipalità (29.04.11)

Napoli - Gianni Lettieri visita la decima municipalità (29.04.11)

Napoli - Gianni Lettieri visita la quarta municipalità (29.04.11)

Napoli - Gianni Lettieri visita la quarta municipalità (29.04.11)

Controllo sicurezza alimentare: dal Catas uno scanner per valutare la stagionatura del prosciutto friulano

 
Dal Catas uno scanner per valutare la stagionatura del prosciutto friulano
Un fascio di luce per testare la qualità del prosciutto di San Daniele Dop
Messo a punto un nuovo sistema che consente di valutare in modo indiscutibile la qualità del prodotto senza intaccarne l’integrità
 
 
San Giovanni al Natisone (Udine), aprile 2011 – Ideato un nuovo sistema per valutare il livello di stagionatura del celebre prosciutto di San Daniele Dop. Si tratta di uno scanner, messo a punto nell’ambito di un progetto della locale ASDI Parco Agroalimentare, coordinato da Pierpaolo Rovere del Catas, istituto di ricerca e controllo alla sicurezza alimentare, che attraverso un raggio di luce consente di conoscere con certezza le caratteristiche qualitative del prodotto senza intaccarne l’integrità.
 
Lo strumento, ideato appositamente per il prosciutto crudo ma applicabile anche ad altri prodotti, si chiama NTT e il prototipo, grande poco meno di una cabina telefonica, è in grado di “fotografare” un prosciutto al secondo attraverso un raggio di luce passante che attraversando il prodotto raccoglie una grossa mole di informazioni senza lasciare però segni. E’ un metodo unico nel suo genere per il controllo alla sicurezza alimentare: attraverso la spettrometria si possono  misurare alcuni parametri chimici e fisici lasciando integro il prodotto. Si possono avere molte più informazioni che con la “puntatura” (ossia all’inserimento nella coscia di un osso affilato di cavallo per “catturare” i profumi) si potrà così valutare la situazione della carne e l’andamento della stagionatura senza dipendere più dall’interpretazione personale di un operatore. E’ logico prevedere che in futuro si possa giungere a definire, attraverso un sistema di analisi multivariata della risposta dell’interazione tra la luce e la struttura del prosciutto, quale sia l’impronta digitale caratteristica del prodotto. 
 
“L’analisi classica (secondo la disciplinare Dop) – ci spiega il tecnologo alimentare del Catas Pierpaolo Rovere - utilizza metodi chimici distruttivi e si svolge a campione (1 ogni 1000 prosciutti), prendendo in esame pochi grammi di prosciutto alla fine del ciclo produttivo.
Ecco dunque l’idea del progetto e cioè quella di provare ad utilizzare le nuove tecnologie disponibili nei nostri laboratori di controllo sicurezza alimentare, come i sensori Mos, i sistemi di misura della conducibilità, fino ad arrivare al sistema NIR, ossia Near Infra Red (infrarosso vicino) che si è dimostrato il più efficace offrendo un compromesso apprezzabile tra velocità di risposta, accuratezza d’analisi ed industrializzazione del metodo.   Così abbiamo messo a punto questa sorta di scanner per prosciutti, con la collaborazione con il costruttore di sistemi Nir, la Sacmi di Imola”.
 
Da tempo alcune aziende del Distretto agroalimentare di San Daniele del Friuli cercavano un sistema innovativo per valutare la qualità del prosciutto senza ricorrere alla puntatura e questo strumento, dal prossimo mese di maggio, sarà pertanto messo in prova da cinque prosciuttifici della zona che aderiscono alla sperimentazione. Sarà affiancato dalle analisi ufficiali e porterà un gran numero di nuove informazioni aggiuntive su umidità, grassi, sali e proteine. Dopo le prove che si concluderanno entro l’estate, il prototipo NTT sarà impegnato a seguire un intero lotto di produzione lungo tutta la filiera.

Napoli - De Magistris, Cultura e Arte tutto l'anno 1 (30.04.11)

Napoli - De Magistris, Cultura e Arte tutto l'anno 1 (30.04.11)

Napoli - La visita di Roberto De Simone a Luigi de Magistris (30.04.11)

Napoli - La visita di Roberto De Simone a Luigi de Magistris (30.04.11)

Tuscany Villa Siena Video [Youtube] - Video Villa Toscana Centopino

Il Video della Villa Toscana Centopino - Villa Toscana con piscina

Una Villa Toscana esclusiva nella campagna toscana, tra verdi colline, oliveti e frutteti.

Ti è piaciuto il video di questo "Tuscany Villa Centopino", se ami la Toscana cerca altri video simili sul canale: http://www.youtube.com/user/VillainToscana o visita il sito ufficiale.

Villa Toscana Centopino Toscana
Montecastelli Pisano in (Toscana)
CAP: 56040.Telefono: 0039-333-5257048
sitoweb: http://www.agriturismocentopino.it/villa-in-toscana-con-piscina

Agriturismo Toscana Video su youtube - Agriturismi con piscina

Il Video dell Agriturismo in Toscana - Agriturismo Villa Centopino.

Una Villa esclusiva tra Siena e Volterra alla base di Montecastelli Pisano.

Ti è piaciuto il video di questo Agriturismo in Toscana? Cerca altri video sul canale: http://www.youtube.com/user/VillainToscana o visita il sito ufficiale.

Agriturismo Villa Centopino Toscana
Montecastelli Pisano in Regione (Toscana)
CAP: 56040.Telefono: 0039-0588-20428
sitoweb:http://www.agriturismocentopino.it/

Tuscany Villa le Capanne - Video - [YOUTUBE]

Il Video del Podere in Toscana Villa le Capanne - Tuscany Villas video.

Una Villa esclusiva tra Siena e Volterra alla base di Montecastelli Pisano.

Ti è piaciuto il video di questa Villa in Toscana? Cerca altri video sul canale: http://www.youtube.com/user/VillainToscana

Piedimonte Matese (CE) - L'amore di un'ombra (20.02.11)

Piedimonte Matese (CE) - L'amore di un'ombra. Opera prima per Alessandra Marabese, il corto nasce grazia alla volontà di un piccolo gruppo di amici del liceo di Piedimonte Matese. Con una scarsa telecamera, un programma amatoriale per montare, tante idee, forte volontà e pochissimi soldi è nato il terzo cortometraggio della naismenProduction. Alla prossima! (20.02.11)

Piedimonte Matese (CE) - Cosa hai detto (29.04.11)

Piedimonte Matese (CE) - Cosa hai detto. Il primo cortometraggio d'azione della naismentProduction e della TRINKIproduction del collettivo TRINKINELLA del liceo di Piedimonte Matese caserta Regia di Alessandro Leuci con ugo d'andrea marco civitillo giovanni di franco stefano ravone cristiano sansone ugo pisani federica dell'ungaro davide coronati max wg luca bisceglia scritto diretto e montato da Alessandro Leuci, girato con una canon 500d (29.04.11)

BARI, LUNEDI 2 MAGGIO 2011, ORE 10,30, NELLA SALA GIUNTA DELLA PROVINCIA PRESENTAZIONE DELL'EVENTO: "NORBA IN FIERA - LA FIERA DELLA CONTEA"



E' GRADITA LA VOSTRA PRESENZA
COMUNICATO STAMPA – 2/29-04-2011

 

INVITO CONFERENZA STAMPA

Bari, lunedì 2 maggio 2011, ore 10:30, nella Sala Giunta della Provincia

PRESENTAZIONE DELL'EVENTO

"NORBA IN FIERA, LA FIERA DELLA CONTEA"

CITTA' DI CONVERSANO

 

BARI -   Lunedì 2 maggio, ore 10,30, nella sala Giunta della Provincia di Bari, conferenza stampa di presentazione dell'evento ''Norba in Fiera, la Fiera della Contea" III Edizione, in programma a Conversano (Bari) da sabato 7 maggio a domenica 15 maggio 2011. 

Organizzato da Palcoscenico Events & Shows di Conversano, con il patrocinio del  comune di Conversano, assessorato alle Attività Produttive - assessore Giuseppe Locorotondo - quest'anno si arricchisce di numerose novità. Tra tutte la partecipazione di tre associazioni importanti per tutto il territorio pugliese dal punto di vista sociale e culturale: la LILT (Lega Italiana contro i Tumori), "I Collegia" (già organizzatori del Corteo Storico di San Rocco di Conversano), "G. Ligonzo" (già organizzatori del Festival Bandalarga di Conversano).

Così tradizione e cultura si uniscono per valorizzare il territorio e le sue attività produttive, i dettagli del programma, ricco di appuntamenti, saranno resi noti dagli organizzatori nel corso della conferenza stampa.

Sono stati invitati: l'Onorevole Elvira Savino, il Presidente della Provincia di Bari, Francesco Schittulli (presidente Nazionale LILT); il vicepresidente della Provincia e assessore a Turismo e Cultura, Nuccio Altieri; l'assessore provinciale alle Attività Produttive, Onofrio Resta; il sindaco di Conversano, Giuseppe Lovascio; l'assessore alle Attività Produttive di Conversano, Giuseppe Locorotondo; l'assessore alle Politiche Culturali, Pasqualino Sibilia;  la Fiduciaria della delegazione LILT sezione di Turi (Bari), Cristina Cozzolino; il presidente dell'associazione musico-culturale "I Collegia", Ritanna Nardomarino; il presidente dell'associazione musicale "G.Ligonzo", Angelo Schirinzi.




--
Ma.S. Agenzia di Comunazione
Maria Sportelli
Giornalista Professionista
Contatti: 333.3429005
spype: giornalistaprofessionista
fb: Polignano Cronaca
 
 
________________________________________
 
 
Ai sensi del D.Lgs. 30 giugno 2003 n. 196,
la Ma.S. – Maria Sportelli_Giornalista,  ti informa che il tuo indirizzo mail è inserito nella sua mailing list che utilizza solo per invio di comunicati stampa di eventi e appuntamenti del territorio, dunque esclusivamente a scopo informativo. Puoi rifiutare la presente ed eliminare definitivamente i tuoi dati dalla mailing list, rispondendo alla mail che compare con oggetto: elimina.





--
Ma.S. Agenzia di Comunazione
Maria Sportelli
Giornalista Professionista
Contatti: 333.3429005
spype: giornalistaprofessionista
fb: Polignano Cronaca
 
 
________________________________________
 
 
Ai sensi del D.Lgs. 30 giugno 2003 n. 196,
la Ma.S. – Maria Sportelli_Giornalista,  ti informa che il tuo indirizzo mail è inserito nella sua mailing list che utilizza solo per invio di comunicati stampa di eventi e appuntamenti del territorio, dunque esclusivamente a scopo informativo. Puoi rifiutare la presente ed eliminare definitivamente i tuoi dati dalla mailing list, rispondendo alla mail che compare con oggetto: elimina.




Piedimonte Matese (CE) - Una Storia non raccontata (08.11.110

Piedimonte Matese (CE) - Una Storia non raccontata. Un breve cortometreggio girato in occasione del concorso "la memoria nella pietra", narra la vicenda di un giovane ragazzo che si rende conto di non aver mai conosciuto la storia di suo nonno, scritta sul monumento davanti al quale passava il tempo con gli amici.
con:
Ugo D'Andrea
Gianluca Pignoli
Cristiano Sansone
Luca Bisceglia
Daniel Di Marco
Marco Civitillo
Gianmarco Melillo
Marino De Nisio

Boomer
Sara Simonetti
Montato da Alessandro Leuci e Ugo D'Andrea
Scritto e diretto da Alessandro Leuci

Prodotto dalla naismenProduction (08.11.110

Il mondo dei videogames visto dalle ragazze


Le ragazze di oggi approcciano al mondo di internet con grinta, imponendo la loro presenza rosa in numerosi portali ed attività, avvertendo la necessità di essere non solo presenti in rete, ma di gestire a modo proprio gli spazi che evidentemente in un tempo addietro erano maggiormente catturati dalla controparte maschile.

Se consideriamo ad esempio il settore dei giochi, oggi possiamo affermare con certezza che esistono portali interamente dedicati ai giochi per ragazze, alle attività ludiche esplicitamente strutturate per venire incontro al pubblico femminile, molto probabilmente stanco di prender parte a giochi di combattimenti e di misurazione di forza, ma pronto a cimentarsi con realtà di vita quotidiana e lavorativa molto più vicine alla propria condizione.

Per tale motivo i portali dedicati ai giochi per ragazze propongono attività ludiche pensate appositamente per un pubblico femminile, improntate sulla moda, sul settore dell’abbigliamento, sull’estetica, sui trucchi e sull’arte culinaria, insomma su mondi rosati cuciti appositamente sui sogni e sulle attitudini di ciascuna ragazza moderna, che approccia al mondo reale.
Come si può ben intendere e notare ciascun tipo di videogames su citato ripropone contesti quotidiani in cui le ragazze oggettivamente potrebbero ritrovarsi, e per tale motivo i suddetti videogames assumono non solo un ruolo di svago e di divertimento, ma allo stesso tempo propongono un ruolo educativo da non sottovalutare, infatti tramite il gioco si apprendono nozione a volte utili, altre volte scontate, ma comunque valide.


Ad esempio i giochi per ragazze specificamente dediti all’abbigliamento permettono di abbinare e creare stili differenti a seconda delle necessità e delle esigenze, offrendo spunti per imparare ad accostare modelli e colori, ed a valutare le esigenze del vestiario in base agli impegni proposti. L’abbigliamento giusto per un colloquio di lavoro, per una cena romantica o per un uscita con le amiche.

Allo stesso modo i giochi dediti all’arte culinaria propongono differenti ricette da imitare, servendosi di ingredienti specifici che insegneranno le nozioni basilari di cucina, o perlomeno offriranno la possibilità di approcciare alla cucina, iniziando a conoscere le ricette e le loro applicazioni pratiche.

I portali dei giochi per ragazze racchiudono mondi divertenti da esplorare, perché anche attraverso un gioco vi è un confronto costante con la realtà circostante, con i contesti reali e per tale motivo se pur in minima parte si riesce ad instaurare un legame educativo utile e soprattutto positivo.
I giochi per ragazze risultano essere davvero vari, per tale motivo l’utente potrà votare direttamente i giochi più divertenti e più piacevoli, contribuendo a stilare una classifica di gradimento in rapporto a tutti i fruitori delle attività ludiche telematiche proposte. I giochi vengono costantemente aggiornati e proposti in varianti differenti a seconda delle esigenze e dei gusti dell’utenza in crescita.

LA PROVINCIA DI TERAMO CONSENTE IL PAGAMENTO DEGLI STIPENDI AGLI OPERATORI DELLA COOPERATIVA SOCIALE DUCHESSA DI GIULIANOVA

Ha dato i suoi frutti l'incontro dei giorni scorsi tra il vice-presidente della Provincia di Teramo Renato Rasicci, il consigliere dell'Ente Flaviano Montebello ed i dirigenti della Cooperativa Sociale Duchessa di Giulianova. In quella sede, infatti, gli amministratori hanno comunicato ai rappresentanti della Cooperativa che il Servizio Bilancio della Provincia, con ordinanza del 22 aprile scorso, ha provveduto a liquidare al Comune di Giulianova la somma di € 262.450, da destinare al pagamento dei corrispettivi dovuti alle Cooperative Sociali che hanno effettuato il servizio di assistenza e trasporto scolastico nell'ambito comunale. Il provvedimento assume particolare importanza in considerazione del fatto che i dipendenti della Duchessa, quotidianamente impegnati nell'assicurare il trasporto ed assistenza scolastica nel territorio giuliese, non percepivano dal mese di dicembre 2010 le giuste spettanze. Così commenta il consigliere provinciale Flaviano Montebello: "Colgo 'occasione, per esprimere un dovuto ringraziamento al vice Presidente Rasicci ed ai dirigenti della Provincia che con il loro interessamento hanno reso possibile l'erogazione di tale somma, sicuramente importante per molti di coloro che operano quotidianamente a Giulianova nell'ambito scolastico".





Alfonso Aloisi





Pubblicato il libro "La società di mutuo soccorso - Fratellanza Operaia - Arbus"

La società di mutuo soccorso Fratellanza Operaia Arbus
Lo sviluppo web non è l'unico servizio offerto su www.robertomusa.it: presentato ieri il libro di Carla Lampis "La società di mutuo soccorso - Fratellanza Operaia - Arbus", Roberto Musa ne realizza la copertina, inserita oggi nel portfolio delle grafiche personalizzate

Piedimonte Matese (CE) - L'Abbandono (03.10.10)

Piedimonte Matese (CE) - L'Abbandono.
L'Abbandono
Scritto e diretto da Alessandro Leuci
Con Ugo D'Andrea
Federica Dell'Ungaro, Marco Civitillo, Ugo Pisani, Antonio Rapa, Camilla Cucciolillo, Davide Coronati, Matilde Rossolino.
Fotografia Miriam Gambella
Montaggio Raffaele Sansone
Audio Pierangelo Rapa
Prodotto dalla naismenProduction, 2010.

(03.10.10)

TELEGRAMMA DI BERLUSCONI PER IL XII FESTIVAL INTERNAZIONALE DI BANDE MUSICALI

GIULIANOVA. "Devo consegnare un telegramma del Presidente del Consiglio dei Ministri Silvio Berlusconi". Così il portalettere si è presentato all'incredulo destinatario Mario Orsini, responsabile dell'Associazione Culturale Padre Candido che da anni organizza in Città il Festival Internazionale di Bande Musicali giunto alla XII edizione. Quando l'esponente dell'Associazione ha aperto il telegramma si è dovuto ricredere ed ha letto con piacere il testo che recita: " La XII edizione del Festival Internazionale di Bande Musicali che si terrà a Giulianova è una gioiosa occasione per dare risalto ad una espressione musicale di grande tradizione nel nostro Paese ed offrire alla vostra bella cittadina e al suo territorio la meritata visibilità. Auguro alla manifestazione un nuovo successo e invio a lei, agli organizzatori e a tutti i partecipanti il mio più caloroso saluto". Firmato: Silvio Berlusconi, Presidente Consiglio dei Ministri. Per l'appuntamento musicale internazionale è quasi tutto pronto. Mancano solo dei piccoli ritocchi. Giorno di apertura dell'evento fissato per il 2 giugno con una grande parata di bande con chiusura fissata per domenica 5 giugno.


Alfonso Aloisi

Milano - Bossi alla festa di giovani padani (30.04.11)

Milano - Bossi alla festa di giovani padani (30.04.11)

Bersani - Il messaggio del Primo Maggio (30.04.11)

Bersani - Il messaggio del Primo Maggio (30.04.11)

Napoli - Banda della spaccata, 15 arresti (30.04.11)

Napoli - Banda della spaccata, 15 arresti (30.04.11)

Napoli - Al Comicon Batman suona la chitarra (30.04.11)

Napoli - Al Comicon Batman suona la chitarra (30.04.11)

Pianura (NA) - La beatificazione di Don Giustino Russolillo (30.04.11)

Pianura (NA) - La beatificazione di Don Giustino Russolillo (30.04.11)

Acquistare cialde e capsule: quali gusti scegliere?


Molte persone utilizzano abitualmente cialde e capsule per prepararsi ogni giorno tante tazzine di caffè fumante. E' un modo relativamente nuovo di preparare il caffè, che consente di risparmiare molto tempo prezioso e che è utilizzabile da tutti.
Cialde e capsule sono infatti molto semplici da usare e possono essere maneggiate anche da persone anziane o da persone che non hanno particolari abilità manuali con le novità tecnologiche, come le macchinette del caffè.
Un ulteriore grande vantaggio di cialde e capsule è quello di ridurre al minimo la possibilità di sporcare la cucina, dato che non vi è fuoriuscita di prodotto ed questo è già predosato.
Una volta stabilito se acquistare cialde o capsule (questo dipenderà dal tipo di macchina del caffè che avete in casa) ci si può sbizzarrire nella scelta della bevanda.
Ovviamente c'è la possibilità di acquistare cialde di caffè o capsule di caffè, realizzate con miscele di vario tipo. Ci sono quelle più forti, decise, intense, oppure quelle più dolci, delicate e aromatiche. Esiste anche il caffè decaffeinato, per chi non gradisce o non tollera la caffeina all'interno della sua dieta quotidiana.
Ci sono però molte persone che si stancano facilmente dei soliti gusti e desiderano arricchire le proprie giornate con qualche golosità che li metta di buon umore. Niente di più facile, perché proprio per seguire le nuove richieste dei consumatori sono state create numerose nuove cialde a capsule con cui realizzare numerose bevande calde.
Si possono trovare le varietà al The al Limone, alla Pesca, al The Verde e al The Nero, così come è possibile acquistare - nei negozi di caffè più forniti - anche tisane depurative, digestive e rilassanti.
Per chi è amante dei gusti e degli aromi fruttati è poi possibile acquistare e degustare anche infusi alla frutta, che mescolano con abilità diversi tipi di frutta per stuzzicare il palato e compiacere il desiderio di bevande fresche e golose.
Se poi si vuole osare con qualcosa di veramente ghiotto, si possono scegliere l'espresso al caramello, alla nocciola, all'amaretto, alla vaniglia, al cioccolato, alle mandorle oppure l'espresso Irish.
Tutto qui? No, perché sul mercato si possono anche reperire il classico caffè d'orzo, il Mokaccino, la rilassante camomilla, ma anche sapori più esotici come il caffè al Guaranà e la miscela di Ginseng.
Cialde e capsule per tutte le esigenze: le potete acquistare online nei migliori negozi di caffè.


Dott.ssa Chiara Bardini - Responsabile Comunicazione Toro Caffè

Toro di Totaro Filippo
Sede Amministrativa: via Risorgimento, 10 - 20060 Basiano (MI)
www.torocaffe.com info@torocaffe.com
Tel: 02 22226532 Fax: 02 95761265

venerdì 29 aprile 2011

Gela, scomunicati dalla fede !!


Dopo le critiche agli atti ed alle rivendicazioni del comitato Maria ss dell’Alemanna , inizia da parte della locale casa salesiana un processo di repressione religiosa attraverso l’uso e l’abuso dei sacramenti . A negare il sacramento della comunione ad alcuni componenti del comitato , tre parroci della locale opera salesiana. Il primo atto di questo latente atto di scomunica si è consumato giorno 18 e 19 aprile ,quando il Presidente del comitato sig C.B. si è accinto, come suo solito fare, a prendere la comunione . Un momento di fede e di unione con Dio che è stato impedito dalle parole “No!! Mi dispiace,lei non è in comunione con la Chiesa”. Un grande stupore si è aleggiato tra i presenti visto che lo stesso C.B. da anni ha rappresentato un esempio per la fede cattolica. L’atto di forza da parte dei rappresentanti della chiesa non si è fermato nemmeno nei giorni successivi quando a farne le spese è il sig. D.C. ,anche lui componente del comitato. E’ il giorno 27 aprile quando il sig. D.C. ha voluto dedicare la propria mattinata al sacramento della comunione , anche in questa volta le parole “No!! Mi dispiace “ sono riecheggiate nuovamente all’interno delle mura della chiesa di san Domenico Savio e lo sconforto del sig. D.C. è stato grande . In questo caso però il parroco ha detto-” se tu uomo non fai parte del comitato , allora puoi prendere la comunione”. Un dictat che impone da parte di alcuni rappresentanti della chiesa una formale scomunica per il comitato Santuario di Maria SS D’Alemanna e tutti i suoi componenti che dalla loro parte hanno un solo peccato, amare fino all’estremo Maria ss d’Alemanna.

C.M.

Napoli - Aggressioni fasciste, contestato Lettieri (29.04.11)

Napoli - Aggressioni fasciste, contestato Lettieri. Il candidato a sindaco di Napoli del Pdl, Gianni Lettieri, è stato aggredito da decine di giovani poco fa davanti al complesso monumentale di San Lorenzo, nel centro antico, dove si era recato per una manifestazione elettorale. Lettieri - secondo la ricostruzione fatta dalla questura - è stato raggiunto da sputi, spintoni e invettive tanto da essere stato costretto a rifugiarsi all'interno della basilica di San Lorenzo. A nulla sono valsi i tentativi di Lettieri di ricondurre alla ragione i suoi contestatori tanto che alcuni agenti della polizia, presenti in piazza San Gaetano lo hanno convinto a desistere. Precedentemente, erano state spinte e accerchiate alcune ragazze le quali conducevano biciclette elettriche che trainavano i manifesti elettorali del candidato. Momenti di concitazione si sono registrati anche davanti la sede del Pdl a piazza Bovio. Tutto era iniziato in mattinata, con una rissa tra universitari di opposte fazioni politiche si è scatenata stamane all'interno della facoltà di Lettere dell'università Federico II, in via Porta di Massa a Napoli. Il bilancio degli scontri è di quattro feriti, dei quali non si conoscono ancora le condizioni. Opposte le versioni dell'accaduto fornite dai due gruppi venuti in contatto, ossia i giovani dei collettivi studenteschi di sinistra e quelli appartenenti a Casapound Italia.

I collettivi di sinistra denunciano di essere stati aggrediti da un gruppo di giovani di estrema destra tra i quali anche uno armato di coltello; il segretario provinciale del Psi napoletano, Salvatore Arnese, sostiene che del gruppo facesse parte anche un candidato del centrodestra alla municipalità. I militanti di Casapound parlano invece di «aggressione da parte degli antifascisti», e denunciano gravi ferite alla testa inferte a uno di loro da una quindicina di universitari dell'altra fazione «armati con manici di piccone».

Le due versioni e l'esatta ricostruzione dell'accaduto sono ora al vaglio della polizia. Secondo quanto si è appreso, tre dei feriti appartengono ai collettivi di sinistra: uno è incensurato, uno ha a suo carico una denuncia per invasione di edificio pubblico e il terzo per blocco ferroviario e adunata sediziosa. Tutti e tre presentano ferite da coltello in varie parti del corpo, sono stati medicati nell'ospedale Vecchio Pellegrini e subito dimessi. Il militante di Casapound rimasto ferito alla testa (è stato dimesso dall'ospedale dopo aver ricevuto 25 punti di sutura) è invece un candidato alla municipalità Stella-San Carlo della lista di centrodestra «Liberi con Lettieri», Enrico Tarantino, 25 anni, studente universitario, finito sotto i riflettori della cronaca per aver festeggiato nei giorni scorsi sul suo profilo Facebook il compleanno di Hitler. La Digos della questura di Napoli sta raccogliendo testimonianze per ricostruire la dinamica dell'accaduto: vengono ascoltati tutti e quattro i feriti, che ribadiscono versioni opposte dell'accaduto. È in corso un corteo di un centinaio di giovani dei collettivi universitari, partito dalla facoltà di Lettere e diretto verso la questura. (29.04.11)

Napoli - Rifiuti, 2000 tonnellate ancora a terra (29.04.11)

Napoli - Rifiuti, 2000 tonnellate ancora a terra (29.04.11)

Napoli - Disagi in Circumvesuviana (29.04.11)

Napoli - Disagi in Circumvesuviana (29.04.11)

Napoli - Lettieri in tour con Rotondi (29.04.11)

Napoli - Lettieri in tour con Rotondi (29.04.11)

Napoli - Morcone incontra Vendola (29.04.11)

Napoli - Morcone incontra Vendola (29.04.11)

Il ritorno degli Yo Yo Mundi al Boca Barranca



Gli Yo Yo Mundi tornano al Boca Barranca di Marina Romea. Appuntamento fissato per venerdì 6 maggio alle ore 23.

Dopo “Album Rosso” ecco “Munfrâ”, un disco, che sarà la base del nuovo concerto live, di "musica selvatica" (definizione coniata per loro da Paolo Conte, che offre a questo lavoro una straordinaria prefazione!), caratterizzato da molti ospiti (tra i quali: Hevia, Eugenio Finardi, Banda Osiris) e da un’attenta ricerca sul suono e sulla musica popolare.
In questo album c'è molta leggerezza e molta danza, molti racconti lievi e un'infinità di colori resi in modo straordinario dall'utilizzo di una sarabanda di strumenti acustici.
Gli Yo Yo Mundi proporranno al Boca Barranca, dove non mancano di “transitare” ogni estate, un concerto nel quale, alle loro canzoni più amate e conosciute, si mescoleranno i brani più allegri e giocosi dell'ultimo lavoro, il decimo ufficiale (a questo vanno aggiunti almeno altri dieci progetti speciali!) della loro ventennale carriera. Un concerto ideale per chi ama la musica che muove sia le gambe e sia il pensiero!

Gli Yo Yo Mundi sono ormai da considerarsi una colonna della canzone d’autore. Oltre ad una lunga e corposa carriera discografica, vantano diversi riconoscimenti, collaborazioni illustri, centinaia di concerti in Italia e all’estero e da sempre, caso raro in Italia, hanno la capacità di rappresentarsi attraverso proposte nuove e diverse, mantenendo sempre una loro peculiare e caratteristica cifra stilistica.

Sabato 7 maggio, dalle ore 23, al Boca Barranca prenderà vita il dj set “Good Taste” con Dj Paci.

Per informazioni: tel. 0544 447858. Ingresso gratuito.
Il Boca Barranca è anche ristorante pizzeria.

WWF 50° Anniversario

WWF 50° Anniversario 
 
 

I successi del WWF in 50 anni di attività 

I NUMERI DEL WWF INTERNAZIONALE

SOSTENITORI: 5 milioni di persone

NEL MONDO: oltre 100 Paesi sui cinque continenti

PROGETTI: oltre 2.000 per la tutela della biodiversità e di sviluppo sostenibile

IN ITALIA : 400.000 soci/donatori, 100 sedi locali, 18 sezioni regionali, 130 oasi, decine di gruppi Guardie volontarie

AZIONI: da quelle a livello locale a favore delle singole specie e habitat individuali ad una strategia ambiziosa per la tutela della biodiversità e il raggiungimento di uno sviluppo sostenibile in tutto il mondo.  

I PRINCIPALI SUCCESSI NEL MONDO 

Anni '60 - 5.6 milioni di dollari raccolti per sostenere 356 progetti di conservazione nel mondo.  

1962: Fondazione di una Stazione di ricerca nelle Isole Galapagos

La Charles Darwin Foundation Research Station. Unitamente ad altri lavori del WWF e partners, questo ha contribuito nel 1998 all'approvazione della Legge Speciale delle Galapagos e la costituzione della Riserva Marina delle Galapagos, al momento la seconda riserva marina al mondo per grandezza.  

1963: Nasce la prima scuola per gestori dei parchi

Scuola africana per la gestione delle aree naturali in Tanzania che da allora, ha formato oltre 4.000 guardie forestali e gestori delle aree naturali provenienti da oltre 50 paesi in Africa e all'estero. 

1965: Aumentano gli esemplari di rinoceronte bianco meridionale

Con il supporto del WWF, la East African Wildlife Society ha messo a punto l'introduzione sperimentale dei rinoceronti bianchi meridionali dal sud Africa al Kenia – che ha portato alle successive riuscite introduzioni e reintroduzioni di sottospecie verso diversi paesi. Minacciate dal bracconaggio tutti i rinoceronti sono una delle specie prioritarie per il WWF.  

1966: Indagini ambientali su specie a rischio

Il WWF ha finanziato ricerche sulle popolazioni ancora esistenti e sulle minacce per l' Orso dagli occhiali, su specie ancora sconosciute alla scienza – compresi tre grandi mammiferi nel Vietnam, un pesce nel Grande Mare delle Fiji e alcuni dei 1.200 animali e piante scoperti in Amazzonia nel corso dell'ultimo decennio. 

1969:  Acquisto di territorio nel Delta del Guadalquivir in Spagna

Acquistata dal WWF e dal governo spagnolo, questa terra divenne il Parco Nazionale di Coto Doñana – una delle prime aree umide protette del mondo e fondamentale zona di sosta e svernamento per gli uccelli migratori.  

Anni '70 – Dalla tutela degli habitat e specie alle azioni globali coinvolgendo i governi e promuovendo trattati ambientali internazionali. 

1971: Trattato Internazionale per le Aree Umide

A seguito di diversi anni di pressione da parte del WWF e altri, 18 governi hanno firmato la Convezione RAMSAR sulle Paludi di Importanza Internazionale, che rappresenta l'unico trattato ambientale globale per uno specifico habitat. Oggi nella lista RAMSAR si contano più di 1.900 aree umide che coprono un'area di 186 milioni di ettari, compresa la palude più grande del mondo, la Tumba-Maindombe nella Repubblica Democratica del Congo, con i suoi 6,6 milioni di ettari. Molte Oasi protette dal WWF Italia appartengono a questa lista. Il lavoro del WWF su vari livelli ha contribuito a circa il 75% dei nuovi siti dal 1999. 

1972: Conservazione della tigre su area vasta.

L'Operazione Tigre del WWF è stata la prima campagna globale in assoluto a difesa di una specie. Uno dei primi risultati fu il lancio del Progetto Tigre in India, dove un piano nazionale di conservazione della tigre della durata di sei anni e 15 nuove riserve per la tigre portarono alla crescita della popolazione di questo grande felino del 30% in soli sette anni. Da allora, anche Nepal, Bangladesh, Malesia, Tailandia, Indonesia, Butan, Russia e Cina hanno aderito ad iniziative per la conservazione della tigre che continuano ancora oggi. Tuttavia, una ripresa del bracconaggio nei primi anni '90 per rispondere al commercio di parti di tigre, in aggiunta alla continua perdita di habitat al di fuori delle aree protette, hanno lasciato non più di 3.200 esemplari liberi. Come parte del suo obiettivo, vale a dire raddoppiare la popolazione della tigre entro il 2022, il WWF ha lanciato l'Anno della Tigre nel 2010. La campagna ha avuto il suo culmine con il Summit sulla Tigre nel novembre del 2010, dove c'è stato un riscontro importantissimo da parte degli Stati che ospitano le 13 specie di tigre – oltre a far convergere diverse donazioni e fondi significativi per il Programma di Recupero Globale della Tigre. 

1975 : Comincia la conservazione della Foresta pluviale

La Campagnia WWF per la Foresta Pluviale è stata la prima campagna di conservazione basata su un intero bioma piuttosto che una singola specie o un'unica area di habitat. Oltre a contribuire alla raccolta fondi per le aree protette di foresta pluviale nell'Africa centrale ed occidentale, nel Sudest asiatico e America Latina, la campagna ha anche diffuso il riconoscimento dell'alto valore del livello di biodiversità ed ecologico delle foreste e dei rischi che corrono. Da allora, il WWF ha avuto un ruolo chiave nelle azioni volte alla costruzione di reti di aree protette – principalmente foreste tropicali – e nel raggiungimento di una gestione sostenibile delle loro risorse. 

1976: Regolazione del commercio di specie in pericolo

A supporto della neonata Convenzione sul commercio Internazionale di Specie in Pericolo (CITES), il WWF e l'Unione Internazionale per la Conservazione della Natura (IUCN) hanno congiuntamente fondato TRAFFIC, un programma che monitorizza il commercio dei prodotti della natura. CITES, attualmente, copre circa 30.000 specie tra vegetali e animali e conta 175 Paesi membri, mentre TRAFFIC è diventato un network mondiale con uffici in sei continenti. Insieme, questi due organi hanno avuto un ruolo cruciale nel rafforzare i controlli sul commercio di specie selvatiche e nella promozione di una gestione sostenibile di centinaia di specie le cui popolazioni sono minacciate dal commercio internazionale – dalle orchidee e il mogano alla lucertola e alcune specie di uccelli.  

Anni '80

Allo scoccare del suo 20° anniversario, il WWF aveva supportato aree protette sui cinque continenti coprendo l'1% della superficie terrestre e aveva contribuito al proseguimento dell'esistenza di un buon numero di specie. Ma non bastava ancora: la conservazione era un interesse comune e necessitava di essere integrata con lo sviluppo, piuttosto considerarlo un rapporto di conflitto. Questi concetti hanno portato al concetto di sviluppo sostenibile, una filosofia che pervade la conservazione.  

1980: La prima strategia globale per uno sviluppo sostenibile

Pubblicato da WWF, IUCN e il Programma delle Nazioni Unite per l'Ambiente (UNEP) e approvato dalla Segreteria Generale delle Nazioni Unite, la Strategia Globale per la Conservazione è stato il primo documento che ha integrato la conservazione con l'utilizzo sostenibile delle risorse naturali. È stato anche il primo a spiegare gli obiettivi della conservazione in termini di benefici per le persone. Più di 50 paesi hanno definito le proprie strategie nazionali per la conservazioni basandosi su segnalazioni di strategia, formando così le basi scientifiche e filosofiche del Brundtland Report nel 1987 che ha coniato il termine "sviluppo sostenibile". Nel 1991 le tre organizzazioni pubblicarono il seguito Caring for the Earth , che portò nel 1992 al Earth Summit a Rio e introdusse il concetto di conservazione nel mondo della politica e dello sviluppo.  

1981: Ricerca sui prodotti chimici tossici

Pubblicato nel 1962, Silent Spring di Rachel Carson aprì gli occhi del mondo sui pericoli dovuti all'inquinamento ambientale, specialmente I pesticidi. Il WWF ha supportato la ricerca sugli effetti dei pesticidi su specie ed ecosistemi durante gli anni '80. nel 2000, l'organizzazione attivò la comune consapevolezza su come le sostanze tossiche – inclusi pesticidi, prodotti industriali e chimici presenti negli articoli quotidiani – si ritrovano nel corpo umano e anche in animali che vivono in aree pure come l'Artico. 

1982: Moratoria sul commercio di balene

Le campagne in difesa delle balene degli anni '70 ha fatto di questi cetacei – vittime di secoli di pesca incontrollata – uno dei simboli dei cattiva gestione ambientale. Il WWF ha lavorato su una moratoria sul commercio di balene nella Commissione Internazionale per le Balene (IWC) dal 1965, e gran parte degli sforzi per la difesa dei cetacei (balene, delfini e altri mammiferi marini) proseguono nell'ambito della IWC. Altri successi includono la dichiarazione della IWC di un santuario delle balene nell'Oceano Antartico nel 1994 che, unitamente alla moratoria, ha contribuito al recupero di alcune popolazioni di balene, e una risoluzione congiunta del 2003 ha esteso la decisione a tutte le popolazioni di cetacei in pericolo soprattutto a causa della pesca accidentale e i cambiamenti climatici. In ogni caso, circa 2000 balene  vengono ancora cacciate ogni anno nonostante la moratoria. Perciò il WWF continua a cercare una soluzione al problema che porti beneficio alle balene e promuova un recupero delle popolazioni.  

1986 Integrazione tra conservazione e sviluppo.

Fondato con l'aiuto del WWF, il Parco nazionale Korup del Camerun è stato uno dei primi a coinvolgere popolazioni locali nel processo e ad avere un piano di gestione che comprendeva pratiche di uso del suolo e sviluppo rurale sostenibili  all'interno delle comunità locali. Tale sviluppo ha compreso l'insegnamento di attività di generazione di ricchezza alle donne dei villaggi e addestrato la gente locale come pattuglie anti-bracconaggio.  

1989 Piano nazionale per la conservazione del Panda gigante

A seguito dell'invito della Cina alla prima organizzazione mondiale di conservazione, il WWF fu coinvolto nella conservazione del panda gigante dal 1979. All'epoca, le prospettive per la specie apparivano sconfortanti: soltanto 1000 individui erano sopravvissuti in popolazioni isolate in un'area terribilmente ridotta e frammentata. Il piano di gestione della conservazione del WWF e il Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali cinese costruirono le basi per un lavoro che avrebbe portato ad un progetto congiunto per il panda. Tutto ciò è oggi ben avviato, con 62 riserve naturali che coprono il 60% degli attuali potenziali habitat connessi tra loro da corridoi ecologici che riuniscono dozzine di popolazioni di panda. Complessivamente, il governo cinese si è impegnato a proteggere 3 milioni di ettari di foreste che costituiscono l'habitat dei panda - un'area che misura quanto l'intero Belgio – entro il 2015. Inoltre il WWF ha supportato un certo numero di progetti per lo sviluppo di comunità per incoraggiare l'utilizzo e la gestione sostenibile delle foreste tra le persone che vivono negli habitat dei panda. Quale risultato di questi e altri sforzi la popolazione del panda gigante è aumentata a circa 1.600 esemplari. Ugualmente il WWF è stato coinvolto nel creare network connessi di aree protette in tanti altri paesi. 
 

Anni '90

Gli anni novanta hanno visto un riconoscimento ancora più vasto della connessione globale tra l'ambiente, le attività e il benessere umano – così come il valore della biodiversità e i nascenti rischi dei cambiamenti climatici. Queste problematiche sono state apertamente incluse nella mission del WWF, e da allora hanno determinato la causa e la linea di lavoro dell'organizzazione. Il WWF ha sviluppato una strategia globale di conservazione che concentra i suoi sforzi sulle eco regioni più critiche al mondo e su sei temi – la conservazione di specie, foreste, mare e acqua, cambiamento climatico e sostanze chimiche tossiche. Oltre ad incrementare le partnership con le aziende per la promozione della gestione sostenibile delle risorse. 

1992 Trattato per fermare la perdita di biodiversità

Il WWF ha un ruolo fondamentale nella realizzazione della Convenzione sulla Diversità  Biologica (CBD), un trattato internazionale per la conservazione e l'uso della biodiversità, e da allora ha sostenuto l'individuazione di obiettivi per la CBD e piani di lavoro.  

1993: Certificazione di prodotti sostenibili

Il WWF ha avuto un ruolo chiave nel lancio della Forest Stewardship Council (FSC), un pioniere nella certificazione per prodotti provenienti dalle foreste secondo severissimi criteri ambientali, sociali ed economici. Il processo di certificazione promuove una silvicoltura sostenibile e permette che il consumatore ultimo di avere la certezza di acquistare  prodotti eco-sostenibili. Con il supporto del WWF, più di 130 milioni di ettari di foresta e l'8,5% dei prodotti provenienti dalle foreste nel mercato internazionale, sono oggi certificati dalla FSC. Lo schema di certificazione per la pesca selvaggia del Consiglio per la Tutela Marina (MSC), lanciata dal WWF e Unilever nel 1996, ha raggiunto un successo simile, con oltre 100 stabilimenti certificati e 7000 prodotti certificati disponibili in tutto il mondo. 

1997 Cominciano le prime azioni globali per ridurre le emissioni di CO2

Il WWF ha contribuito a definire e ha avuto un ruolo fondamentale nell'approvazione ed entrata in vigore del protocollo di Kyoto, il primo accordo internazionale al mondo per limitare le emissioni di carbone. Per la promozione dell'efficienza energetica e sorgenti di energia rinnovabile, il WWF oggi sta lavorando per un'effettiva prosecuzione del protocollo una volta che il suo primo periodo sarà concluso nel 2012. Infine, l'organizzazione è fortemente coinvolta in azioni per prevenire emissioni di gas serra dovute alla deforestazione, oggi responsabile del 15% di tutte le emissioni.  

1998: Il primo Living Planet Report

Oggi una pubblicazione biennale redatta in collaborazione con la Zoological Society di Londra e il Global Footprint Network, il Living Planet Report è una delle analisi scientifiche sullo stato di salute della biodiversità e sull'impronta ecologica dell'uomo più attendibili al mondo. Il primo report individuò che la biodiversità si era ridotta del 30% dal 1970 – sottolineando per la prima volta che nonostante il movimento per la conservazione stesse vincendo molte battaglie, tuttavia stava perdendo la guerra. Inoltre mostrò che l'utilizzo da parte degli uomini delle risorse naturali rinnovabili eccedeva le capacità del pianeta di ricrearle di circa il 30% - una cifra che ha sfiorato il 50% nel 2010. I report sono stati strumenti essenziali nell'accrescere la consapevolezza sui pericoli che corre la biodiversità, l'impatto delle attività umane sulla natura e i limiti della Terra. 

1999 Dichiarazione d'avanguardia per le foreste del Congo

Allarmato dalla deforestazione illegale su vasta scala, la gestione debole delle foreste e la caccia selvaggia largamente diffusa, il WWF convocò il Summit Yaoundé Forest – il primo meeting che raccolse i capi di Stato dal Congo per discutere sulla protezione e la gestione sostenibile della seconda foresta tropicale al mondo. Ne risultò la Dichiarazione di Yaoundé e un secondo Summit nel 2005 che portò la prima sfida regionale dell'Africa sulla gestione sostenibile delle foreste a confrontarsi con i meccanismi di coordinamento interministeriale creando oltre 4 milioni di nuove aree protette. Un terzo Summit è stato fissato per metà del 2011 per la determinazione di altri impegni, compresi progetti per la promozione della riduzione delle emissioni di gas serra dovuti alla deforestazione e la degradazione forestale.

 

Anni 2000

L'arrivo del nuovo secolo ha portato il WWF ad accrescere le sue ambizioni, mirando a cambiamenti radicali che portino alla tutela per la conservazione, lo sviluppo sostenibile e stili di vita sostenibili. Con l'intenzione di conservare la biodiversità e ridurre l'impronta ecologica dell'uomo, l'organizzazione sta creando nuove partnership con lo scopo di integrare la conservazione del suolo, politiche di tutela e impegno nel settore privato. Tali sforzi si concentrano particolarmente sull'importanza comune che hanno habitat e specie, comprese aree vaste come l'Artico e animali e vegetali fondamentali sia per i loro abitanti che per le persone , e affrontare i cambiamenti climatici portando la sostenibilità nei mercati mondiali.  

2002: Iniziativa su larga scala per salvare l'Amazzonia

Con i rischi  di deforestazione che la più grande foresta tropicale correva, il WWF ha lavorato con il Brasile e altre partner per lanciare un'iniziativa di 10 anni per preservare 12%,o 60 milioni dell'Amazzonia brasiliana. Il lavoro più grande fatto in loco, ARPA (Amazon Regiona Protected Area) ha già creato più di 30 milioni di aree protette, migliorata la gestione in 62 aree protette già esistenti e creato un fondo per la conservazione di 29 milioni di dollari. Azioni simili sono state intraprese in altri paesi dell'Amazzonia, compreso un enorme lavoro prima del 2002, affinché oltre l'80% della foresta originale amazzonica sia oggi ancora intatta.  

2003: Il valore economico della Natura

In un report WWF è stato stimato che le barriere coralline forniscono circa 30 miliardi di dollari in benefici ogni anno attraverso la loro fornitura di beni al mondo dell'economia, compreso il turismo, alla pesca e la protezione costiera. Report successivi hanno analizzato il valore di altri ecosistemi per la società umana: le aree forestali forniscono  le risorse necessarie per rifornire di acqua potabile molte delle più grandi città del mondo, e il valore economico annuale delle palude viene stimato in 3,4 miliardi di dollari grazie alla loro fornitura di cibo, acqua dolce, materiali da costruzione. Tale ricerca ha dato un contributo essenziale nel convincere i governi e le comunità locali sul valore degli ecosistemi e delle specie e i servizi degli ecosistemi, dove la gente locale viene ricompensata per il loro sforzo di manutenzione e gestione degli habitat naturali.   

2008: La certificazione per l'olio di palma sostenibile entra nel mercato

Sulla scia del successo del FSC e MSC, nel 2004 il WWF, un'altra ONG e l'industria dell'olio di palma, formarono una Tavola Rotonda sull'Olio di Palma sostenibile (RSPO) per lo sviluppo degli standard e uno schema di certificazione per l'olio di palma sostenibile – un prodotto agricolo fondamentale la cui produzione si è ampliata enormemente nell'arco delle ultime decadi ai danni di vaste aree di foresta pluviale. Nel 2010, dopo due anni in cui divenne operativo, circa il 6,4% della produzione complessiva di olio di palma è stata certificata dalla RSPO. Gli sforzi del WWF sull'olio di palma fa parte di una serie di azioni volte a portare i mercati di 15 prodotti base globali verso la sostenibilità, inclusa la soia, il cotone, la carne bovina e i gamberi da allevamento. 

2009: Assicurare un futuro all'area marina più ricca del mondo

Nel maggio 2009, i leader di sei Nazioni – Indonesia, Malesia, Papua Nuova Guinea, Filippine, Isole Salomone e Timor Est – si impegnarono in un piano per la conservazione e la gestione sostenibile delle risorse costiere e marine all'interno della regione del cosiddetto Triangolo Corallino, una vasta area che ospita il 76% delle intere specie coralline del mondo e le popolazioni più vaste di tonno al mondo. Unitamente agli obiettivi raggiunti dal WWF nel Triangolo Corallino, il piano punta, tra le altre cose, a stabilire una rete di aree marine protette, far adottare agli stabilimenti di pesca un approccio ecologico, assicurare uno sfruttamento sostenibile delle riserve comuni di tonno e implementare strategie di adattamento climatico. Il WWF sta lavorando oggi per migliorare il piano nelle pratiche di pesca, commercio e acquisto attraverso nuove partnership e coalizioni. 

2010: L'evento di attivismo ambientale più grande al mondo

Come parte degli sforzi di attivismo sul campo, il WWF sfrutta l'immensa voce dei suoi sostenitori per mostrare al mondo il supporto che il WWF riceve per raggiungere gli obiettivi e per fare opera di pressione su chi prende le decisioni. Earth Hour – dove persone, palazzi e intere città spengono le luci per un'ora per dimostrare il proprio supporto sui cambiamenti climatici – è diventata la più importante piattaforma dimostrativa. Il primo Earth Hour nel 2007 ha coinvolto 2,2 milioni di abitazioni e uffici a Sydney in Australia; soltanto tre anni più tardi, centinaia di milioni di persone in tutto il mondo ha aderito a Earth Hour 2010, che ha raggiunto circa una persona su sei su tutto il pianeta. Il WWF organizza questo evento senza precedenti come strumento per convincere politici, governi e leader mondiali ad assicurare un proseguimento efficace al Protocollo di Kyoto e a cominciare a fare tutto il necessario nei tagli alle emissioni di gas serra. 

WWF INTERNAZIONALE COMPIE 50 ANNI - 29 aprile compleanno dell'associazione: un'occasione per ripercorrere mezzo secolo di storia




IL WWF INTERNAZIONALE COMPIE 50 ANNI

29 aprile compleanno dell'associazione:

un'occasione per ripercorrere mezzo secolo di storia

                                                                  Da naturalisti leader a leader della natura

   50 anni fa nacque il WWF internazionale, la più nota  organizzazione mondiale  per la conservazione  della natura. L'associazione si prepara a festeggiare cinquant'anni di conquiste ambientali ma avverte: per salvare il pianeta nel prossimo mezzo secolo ci vorranno una forte leadership da parte dei governi e delle imprese e un pieno coinvolgimento delle comunità e dei consumatori.
   La sua istituzione risale al 29 aprile del 1961 a Morges, un villaggio sulle rive del Lago Lemano in Svizzera dove 16 dei maggiori e più noti naturalisti provenienti da 10 diversi paesi si riunirono per dar vita ad un'organizzazione che operasse concretamente, raccogliendo anche fondi per la salvare la natura e le specie in pericolo. Il neonato WWF fece il primo 'acquisto' di una vasta area di zone umide alle foci del Guadalquivir nel sud della Spagna che divenne il primo nucleo del Parco Nazionale delle Marismas (Coto Donana). L'esempio della tutela diretta degli habitat venne poi ripreso dallo stesso WWF Italia, con la nascita nel 1966 della prima Oasi nel Lago di Burano, in Toscana. Oggi le Oasi WWF italiane sono oltre 100 per complessivi 35.000 ettari dove conservazione e green-economy si conciliano perfettamente.

   Altre operazioni furono lanciate dal WWF internazionale in favore della tigre, dell'orice d'Arabia, del leone indiano e di tante altre specie minacciate. All'epoca i parchi nazionali di Africa e Asia, liberati dal colonialismo, versavano in condizioni pessime , molte zone un tempo ricche di fauna erano spopolate dai ogni forma di vita selvatica. Da un  piccolo gruppo di amanti della natura il WWF è cresciuto fino diventare una delle organizzazioni indipendenti di conservazione più grandi e riconosciute , oggi sostenuto da 5 milioni di persone, attivo in oltre 100 paesi nei 5 continenti con oltre 2.000 progetti sul campo per la tutela della biodiversità e per la promozione di uno sviluppo sostenibile. Attivo sia nel dialogo con i  governi che con le organizzazioni non governative e sempre più con le imprese per spingerle verso una politica ambientale anche nei settori economici. 
 
   Nei cinquant'anni dalla sua istituzione, l'associazione ha visto più di un miliardo di ettari protetti, diverse specie protette dal rischio di estinzione e la nascita di programmi come il Marine Stewardship Council (MSC) per la sostenibilità della pesca. Oggi le minacce combinate e collegate tra loro come il cambiamento climatico e l'accelerazione  della perdita di biodiversità, obbligano ad  uno sforzo ancora maggiore da parte degli ambientalisti.
   "Il WWF non si fa illusioni sui compiti che ci attendono, sull'urgenza, su quanto siano importanti  e quanto sarà necessario aiutare il WWF," ha dichiarato Yolanda Kakabadse, Presidente del WWF Internazionale.

   Mentre gli effetti catastrofici dei cambiamenti climatici possono ancora essere evitati, gli scienziati ci avvertono che anche le emissioni di gas serra sono in continuo aumento: i 10 anni più caldi si sono verificati dopo il 1990 e il ghiaccio del mare artico è sceso a livelli da record. Nel frattempo, la perdita di biodiversità si sta accelerando. Nel suo rapporto biennale Living Planet il WWF mostra questa tendenza con un calo globale di quasi il 30% tra il 1970 e il 2007.
   "Siamo incredibilmente orgogliosi di quanto abbiamo realizzato finora, ma poiché il mondo cambia, anche il WWF ha bisogno di cambiare, di andare oltre, di raggiungere e affrontare nuovi pericoli  e sfide ancora più impegnative per salvare l'ambiente," – ha dichiarato Stefano Leoni, Presidente del WWF Italia -  
Oggi festeggiamo ma sappiamo di avere davanti ancora tanto lavoro per contribuire a creare un mondo in cui le persone vivano in armonia con la natura".

GLI APPUNTAMENTI PER CELEBRARE MEZZO SECOLO DI ATTIVITA' DEL WWF INTERNAZIONALE

29 aprile  – Tavola rotonda sulla conservazione dell'ambiente con protagonisti del settore pubblico tra cui il Commissario Europeo all'ambiente, alcuni Ministri europei all'ambiente, Zurigo.

29 aprile – Serata speciale a Zurigo per ringraziare tutti i sostenitori e i partner che hanno contribuito ai traguardi più importanti. Insieme al direttore generale Jim Leape sarà riunita tutta la 'famiglia' del WWF , presenti anche i vertici del WWF Italia. Relatore principale sarà il Premio Nobel Desmond Tutu.  

30 aprile – Mostra sui 50 anni del WWF presso il Museo nazionale svizzero, Zurigo, dove sarà allestita per 6 mesi. http:/www.wwf.landesmuseum.ch/. Il curatore del Museo, Alexis Schwarzenbach ha anche curato una biografia sul WWF pubblicata lo scorso 18 aprile.

 

I NUMERI DEL WWF
Il WWF è una delle organizzazioni indipendenti più grandi e riconosciute al mondo sulla   conservazione delle specie,  con oltre 5 milioni di sostenitori e una rete mondiale attiva in oltre 100 paesi. La missione del WWF è fermare il degrado dell'ambiente naturale del pianeta e costruire un futuro in cui l'umanità possa vivere in armonia con la natura, conservando la diversità biologica del mondo, assicurando che l'utilizzo delle risorse naturali rinnovabili sia sostenibile e promuovendo la riduzione dell'inquinamento e dispendiosi consumi.

Vai su www.wwf.it/50anni  per saperne di più.

L'E-BOOK SULLA STORIA DEL WWF :

http://wwf.panda.org/who_we_are/history/50_years_of_achievements/for_a_living_planet_the_book/

 

 

Dopo 50 anni di lavoro oggi più che mai il futuro del WWF è il futuro di tutti

COME SOSTENERE IL WWF

NUMERO VERDE 800.990099  oppure vai al sito www.wwf.it


Roma, 29 aprile 2011

WWF-INEA: LE FARFALLE INDICANO VIA PER AGRICOLTURA SOSTENIBILE AMICA DELLA BIODIVERSITA' - Siglata convenzione INEA e WWF Italia

Siglata convenzione INEA e WWF Italia

WWF e INEA: LE FARFALLE INDICANO LA VIA PER UN'AGRICOLTURA SOSTENIBILE AMICA DELLA BIODIVERSITA'

I Lepidotteri come bioindicatori delle aree agricole ad Alto Valore Naturale 

Parnassius apollo, Macaone, Cavolaia, Pieride del biancospino, Vanessa del carciofo, sono alcune delle farfalle associate ad ambienti agricoli e ai pascoli del nostro paese che indicano una gestione sostenibile. Saranno loro al centro dei monitoraggi che si avvieranno grazie alla convenzione siglata oggi tra INEA Istituto Nazionale di Economia Agraria e il WWF Italia per definire una metodologia che consenta di valutare l'apporto fornito dall'agricoltura alla tutela della biodiversità, servendosi delle farfalle come bioindicatori.  

Le farfalle con il loro ciclo biologico caratterizzato dalla metamorfosi da bruco che trova ospitalità su specifiche piante ad esemplare adulto che svolge un ruolo essenziale nel processo dell'impollinazione rappresentano insieme agli uccelli il gruppo di animali più adatti a monitorare la sostenibilità ambientale delle pratiche agricole e zootecniche. Non era mai stato definito prima però un protocollo per il monitoraggio delle farfalle associato ai sistemi agricoli che caratterizzano le aree agricole ad elevato valore naturale e non è ancora attiva una rete di monitoraggio a livello nazionale che metta in relazione i dati raccolti dagli esperti del mondo accademico ed i numerosi appassionati.  

L'allenza tra INEA e WWF vuole proprio sopperire a questa mancanza, concentrandosi sulle aree agricole ad Alto Valore Naturale (AVN) in Italia e definendo un metodo per l'analisi della loro qualità ambientale. Le aree agricole AVN sono infatti quelle zone in cui l'agricoltura si lega alla presenza di un'elevata numerosità di specie, ad una diversità di habitat o alla presenza di specie di interesse per la conservazione. 

« Questa convenzione – ha dichiarato il Presidente dell'INEA, Tiziano Zigiottonasce dalla convinzione che per sviluppare un tema così complesso e politicamente rilevante come la biodiversità, sia necessario ampliare la prospettiva di analisi unendo forze ed esperienze diverse, come quelle del WWF Italia e dell'INEA. Con questa convenzione l'INEA conferma la sua particolare attenzione e sensibilità al tema della conservazione della Biodiversità, nella consapevolezza dell'importanza del contributo dell'agricoltura al raggiungimento di questo obiettivo globale».  

«L'Unione Europea pone al centro della sua politica agricola comune la conservazione della biodiversità – ha dichiarato il Presidente del WWF Italia, Stefano Leonipriorità che viene ulteriormente rafforzata nell'annunciata riforma della PAC post 2013. Con questa collaborazione con INEA cerchiamo di dare una prima risposta all'esigenza di verificare con efficacia e semplicità l'impatto che i diversi sistemi agricoli hanno sugli ecosistemi naturali per orientare le nostre pratiche agricole e zootecniche verso modelli sempre più sostenibili per l'ambiente. Le farfalle per la loro sensibilità agli impatti sull'ambiente naturale ci indicano la via per una agricoltura amica della biodiversità». 

Grazie all'analisi delle banche dati geografiche e tecniche disponibili saranno elaborate cartografie in ambiente GIS, destinate a mappare la distribuzione dei Lepidotteri e delle tipologie di habitat in relazione con l'uso del suolo agricolo, con particolare riferimento alle aree agricole AVN.

Il progetto fornirà, inoltre, indicazioni su alcune pratiche necessarie per la conservazione delle farfalle a livello europeo e di specie e comunità particolarmente rare o minacciate e strettamente legate agli agro-ecosistemi.

I risultati dello studio saranno messi a disposizione delle Regioni a supporto del processo di monitoraggio e valutazione della Politica di Sviluppo Rurale.  

«L'INEA – ha dichiarato, infine, Tiziano Zigiotto – intende, così, fornire un contributo di conoscenza sulle relazioni tra agricoltura e biodiversità e consentire al sistema agricolo nazionale di affrontare su basi più salde il nuovo periodo di programmazione della politica agricola comune che si prospetta ancora più orientato alla tutela dell'ambiente e della biodiversità».

Il WWF Italia ha già avviato nel suo sistema di Oasi alcune prime esperienze di monitoraggio ambientale utilizzando sia le farfalle diurne e notturne sia le api domestiche e metterà a disposizione della collaborazione con INEA la sua decennale esperienza nella conservazione della biodiversità.  

«Il WWF Italia – ha dichiarato, infine Leoni – promuove da tempo un nuovo approccio alla conservazione della Natura, denominato Conservazione Ecoregionale, che cerca di unire la migliore conoscenza scientifica disponibile con il coinvolgimento del maggior numero possibile di attori sociali ed economici. La convenzione con INEA che abbiamo sottoscritto oggi rafforza ulteriormente il nostro impegno per un coinvolgimento attivo degli agricoltori nelle sfide per la conservazione della biodiversità».

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *

Follow by Email