Cerca nel blog

venerdì 20 dicembre 2013

Campagna Mettiamoci in gioco: "Norma salva-slot, un'altra vergogna per le Istituzioni"





Norma salva-slot,
un'altra vergogna per le Istituzioni

Don Zappolini: "Va abrogata al più presto, monitorare non serve"

 

Roma, 20 dicembre 2013

 

"L'inserimento nel decreto legge 'Roma Capitale' di una norma che punisce, con tagli ai trasferimenti, Regioni ed Enti locali che adottano provvedimenti restrittivi in materia di gioco d'azzardo è una vera vergogna", dichiara don Armando Zappolini, portavoce di Mettiamoci in gioco, la campagna nazionale contro i rischi del gioco d'azzardo promossa da Acli, Adusbef, Alea, Anci, Anteas, Arci, Associazione Orthos, Auser, Avviso Pubblico, Azione Cattolica Italiana, Cgil, Cisl, Cnca, Conagga, Federconsumatori, FeDerSerD, Fict, Fitel, Fondazione Pime, Fp Cgil, Gruppo Abele, InterCear, Libera, Scuola delle Buone Pratiche/Legautonomie-Terre di mezzo, Shaker - pensieri senza dimora, Uil, Uisp.

 

"Evidentemente la lobby del gioco d'azzardo ha fatto sentire ancora la sua voce e qualcuno nel Governo, ma anche in Parlamento, ha deciso di abbassare il capo", continua don Zappolini. "Ma questa furbata evidenzia anche l'affanno in cui si trovano i soggetti legati all'azzardo: sentono la morsa dei cittadini, delle Istituzioni locali, delle associazioni, dei sindacati che in questo ultimo anno si sono mobilitati in modo sempre più forte contro i rischi del gioco d'azzardo, hanno avanzato proposte di regolamentazione e fatto denunce, hanno approvato provvedimenti che sanciscono regole e limiti. Sono molto preoccupati da come si stanno mettendo le cose e perciò ricorrono ai mezzi peggiori, come il ricatto verso enti che sappiamo bene in quali condizioni finanziarie versano."

 

"Per questo chiediamo con forza al Governo e al Parlamento di abrogare questa norma salva-slot al più presto", conclude il portavoce di Mettiamoci in gioco. "L'approvazione successiva, sempre al Senato, di un ordine del giorno che impegna il Governo a monitorare, insieme a Regioni ed Enti locali, gli effetti della norma non è risolutiva, perché non ha senso monitorare qualcosa che sappiamo già essere profondamente sbagliato."

 


Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *