Cerca nel blog

giovedì 19 dicembre 2013

Natale, la crisi "mangia" regali e viaggi, ma la tavola resiste. Per cibo e bevande si spenderanno 3,2 miliardi

Secondo le stime della Cia, per il carrello alimentare delle festività il budget degli italiani resta quasi inalterato rispetto al 2012 (-1%). Le famiglie non rinunciano ai piatti della cucina natalizia, preferendo risparmiare su doni (-5,5%) e vacanze (-9%). Gli acquisti sono comunque oculati: no frutta esotica e caviale, vinceranno ancora una volta i prodotti tipici "made in Italy" legati al territorio e alla tradizione. 

 

A Natale la crisi accorcia la spesa per regali e viaggi, ma "salva" pranzi e cene delle feste. Nonostante le tredicesime già occupate per far fronte a tasse, bollette e mutuo, le famiglie non rinunceranno alle tradizioni enogastronomiche e, per il carrello alimentare dei prossimi giorni, manterranno praticamente lo stesso budget del 2012. Merito anche dei prezzi sostanzialmente stabili dei prodotti tipici delle festività. E' quanto afferma la Cia-Confederazione italiana agricoltori.

Secondo le nostre previsioni, quest'anno solo il 14 per cento degli italiani spenderà meno per cibo e bevande, mentre l'86 per cento lascerà quasi inalterato il "fondo" per il cenone della vigilia e per i pranzi di Natale e Santo Stefano, per una spesa complessiva stimata in 3,2 miliardi di euro -spiega la Cia- cioè l'1 per cento in meno rispetto allo scorso anno.

Anche se gli oneri fiscali pesano e la riduzione del potere d'acquisto è netta, con la capacità di spesa delle famiglie tornata indietro di dieci anni nel 2013, gli italiani non rinunceranno a panettone, spumante e piatti della tradizione -osserva la Cia- scegliendo piuttosto di risparmiare su regali e settimana bianca. Il budget per i doni natalizi subirà infatti un calo del 5,5 per cento sul 2012, mentre quello per i viaggi diminuirà fino al 9 per cento.

D'altro canto -ricorda la Cia- la convivialità a tavola è assolutamente radicata nella cultura nazionale. E trascorrere i giorni di Natale a casa, con la famiglia o gli amici, è una tradizione consolidata per nove italiani su dieci.

Gli acquisti, però, saranno comunque più attenti -sottolinea la Cia- con prodotti e specialità enogastronomiche legate al territorio e alle tipicità regionali. Niente spese folli, quindi: salmone, ostriche, caviale e frutta esotica verranno consumate con il contagocce. Mentre ancora una volta lo spumante trionferà sullo champagne, con quasi il 95 per cento dei brindisi rigorosamente "tricolore". 


 

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *