Cerca nel blog

domenica 2 aprile 2017

Cashback: guadagnare facendo shopping online

Cashback, lo strumento che spopola nel mondo anglosassone e che permette di guadagnare facendo shopping online
·       In UK piattaforme come Quidco contano 90 mila nuove iscrizioni ogni mese
·       In Spagna e Francia a utilizzare questa forma di "guadagno" sugli acquisti online sono percentuali a doppia cifra, mentre in Italia a beneficiarne è solo il 2% circa degli e-shopper
·       Le categorie più acquistate con il cashback in Italia sono elettrodomestici (33,4%), viaggi (23%) e abbigliamento
·       Oltre €150 l'anno la cifra mediamente guadagnata/risparmiata da chi ha utilizzato il cashback nell'ultimo anno in Italia

Dimenticate coupon, flash sales e piattaforme di comparazione prezzi: la nuova tendenza tra gli "addicted" dello shopping online è il cashback

Un fenomeno nato oltre 10 anni fa negli Stati Uniti e di grande successo soprattutto nel mondo anglosassone ma ancora poco conosciuto e sviluppato in Italia.

In cosa consiste e come funziona? 
Si tratta di un sistema che permette di "guadagnare" una quota di quello che si spende online in modo piuttosto semplice. 

In sostanza, il cliente per fare i propri acquisti passa attraverso un sito su cui sono stati raccolti una serie di marchi e shop online che garantiscono un rimborso a chi compra da quella piattaforma. 

Risultato: il sito guadagna una percentuale sugli acquisti effettuati dall'utente presso uno dei negozi convenzionati e riversa una parte di questo suo guadagno all'utente stesso.

Si tratta di una restituzione reale, in denaro (tramite assegno, bonifico o accredito su conto PayPal), a fronte del raggiungimento di una soglia minima di "accumulo", che solitamente si aggira intorno ai 50 euro e che, va da sé, ha lo scopo di fidelizzare il cliente

Insomma, l'utente è invogliato a comprare attraverso la piattaforma almeno fino a che non mette da parte una quota: a questo punto potrà riscuotere il suo pagamento e sarà, nella migliore delle ipotesi, soddisfatto del servizio e più che felice di ritornare a usarlo.

In Italia, la prima realtà a importare il cashback nel "lontano" 2008 è stata Bestshopping.com (offrendo fin da subito price comparison e cashback): realtà che oggi può contare su una base utenti di più di 200 mila iscritti e oltre 1000 commercianti affiliati, tra cui Amazon in via esclusiva, oltre a una lunga serie di marchi e shop online interessanti da Sephora a Yoox passando per Booking.com e TIM.

Lungo la nostra penisola, 20 milioni sono stati i prodotti venduti finora con questo sistema e oltre 1000 i marchi e negozi che hanno aderito a questa iniziativa.

Un'opportunità per i 21 milioni di utenti italiani che comprano online (fonte: Netcomm) che ad oggi, per risparmiare, si affidano per il 28% a coupon e price comparison, nel 63% dei casi acquistano direttamente dal negozio di interesse, senza provare a cercare forme di risparmio, e solo nel 2,4% dei casi utilizzano il cashback – contro il 18% della Francia e l'11% della Spagna. 

Una particolarità per una categoria – quella degli e-shopper – dove oltre il 25% dei consumatori viene spinto agli acquisti su siti di e-commerce dalle varie formule di possibile risparmio, esattamente come spagnoli e francesi.

Basandosi sugli ultimi dati NetComm che esprimono un totale acquisti per un equivalente di 23,4 miliardi di euro su 21 milioni di e-shopper – per una spesa media di oltre 1.100 euro a persona – l'attuale percentuale di penetrazione cashback in Italia (4%) consentirebbe un risparmio medio di 50 euro all'anno: dato che, nella realtà dei fatti, si polarizza, alzandosi sensibilmente. 

Infatti, secondo le statistiche raccolte da Bestshopping sui suoi 200 mila clienti – e-shopper abituali, che fanno spese online per oltre 3.000 euro l'anno – il risparmio medio annuo supera i 150 euro.


Ad oggi, in Italia le categorie che vanno per la maggiore tra coloro che acquistano con il cashback sono elettrodomestici (33,4%) e viaggi (23%), seguiti da acquisti più variegati nei negozi generalisti come Amazon, eBay, ecc. (19,4%) e abbigliamento (8,3%).


Informazioni su Bestshopping.it
Bestshopping nasce dall'incontro di Alessandro Bonzi e Nicolò Soldani, ex dipendenti di Yahoo! Italia. 

L'esperienza maturata da entrambi in Yahoo! li ha convinti a puntare, già nel 2007, nel settore della comparazione dei prezzi online e del cashback. 

Bestshopping.com è online dal 2007 ed offre sia servizi di cashback con la piattaforma it.bestshopping.com che servizi di comparazione prezzi con it.bestshopping.com/comparatore oltre che il servizio di comparazione prezzi hotel con la piattaforma it.bestshopping.com/hotel

Bestshopping può contare su oltre 200 mila utenti attivi e più di 1000 commercianti affiliati alla piattaforma.


Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *

Follow by Email