Cerca nel blog

lunedì 8 luglio 2019

Gender Gap report: per colmare il Gender Gap nel mondo potrebbero volerci 108 anni

GENDER GAP REPORT 2019

L'Osservatorio JobPricing in collaborazione con Spring Professional ha pubblicato oggi il suo studio annuale sul Gender Gap nel mercato del lavoro (privato) italianoQuali sono e differenze fra uomini e donne in termini di opportunità, occupazione e prospettive di carriera? Quanto guadagnano le donne rispetto ai colleghi uominiPerché? Com la situazione italiana rispetto a quella del resto del mondoLe differenze salariali uomo-donna stanno diminuendo o crescono?

 

GENDER GAP: ITALIA, EUROPA E MONDO A CONFRONTO

1. Per colmare il Gender Gap nel mondo potrebbero volerci 108 anni: secondo il GLOBAL GENDER GAP REPORT 2018 del WORLD ECONOMIC FORUM la capacità di colmare le differenze fra uomini e donne a livello mondiale è del 68%. Dal 2006 ad oggi la riduzione del gender gap è stata complessivamente del 3,6% con il 38% dei paesi che ha avuto addirittura un peggioramento. Con questo andamento, potrebbero volerci fino a 108 anni per colmare le differenze di genere.
2. L'Italia guadagna 12 posizioni rispetto al 2017 nella classifica WEF sulle differenze di genere, ma resta al 17° posto in Europa: secondo lo studio annuale del WORLD ECONOMIC FORUM (Global Gender Gap Report 2018) il GENDER GAP INDEX, che misura le differenze di genere in campo sanitario e della salute, della partecipazione e opportunità economiche, dell'istruzione e della partecipazione politica, è nel ns. paese pari a 70,6% (dove 100% indica la parità raggiunta). A livello mondiale l'indice medio è del 68%. Su 144 paesi siamo settantesimi, al pari di Honduras e Montenegro e poco davanti a Tanzania e Capo Verde.

Prendendo a riferimento solo l'rea relativa all'Europa Occidentale, siamo al 17° posto su 20 paesi, davanti solamente a Grecia, Malta e Cipro.

3. Secondo i dati WEF, la partecipazione politica e quella economica delle donne hanno nel nostro. Paese livelli del tutto insufficienti. Ma mentre la prima ci vede comunque nel gruppo di "testa", la seconda ci vede al 118° posto in classifica su 144 paesi:

secondo il GLOBAL GENDER GAP REPORT 2018 del WORLD ECONOMIC FORUM, passiamo dal 46° al 38° posto nell'area della "Valorizzazione politica", ma la capacità di colmare il gap resta ad un valore molto basso pari al 26,7%.

Per quanto riguarda le altre aree del Gender Gap, l'Italia ha sostanzialmente raggiunto la parità nel campo della salute e dell'istruzione, mentre resta molto da fare in ambito politico e economico. (Più il valore è vicino a 1 e più il gap è colmato).

Molto grave invece il campo delle opportunità per le donne nella sfera economica, dove il nostro paese resta fermo al 118° posto della classifica

INDICATORE

GLOBAL GENDER

GAP INDEX 2018

GLOBAL GENDER

GAP INDEX 2017

RANKING 2017

RANKING 2017

Partecipazione ed opportunità economiche

0,592

0,571

118

118

Istruzione

0,995

0,995

61

60

Salute e sopravvivenza

0,969

0,967

116

123

Valorizzazione politica

0,267

0,234

38

46

INDICE GENERALE

0,706

0,692

70

82

 

4. L'aspetto più critico della bassa partecipazione economica delle donne in Italia è il c.d. Gender Pay Gapl'indice medio a livello mondiale per quanto concerne l'equità di salario a parità di lavoro fra maschi e femmine è del 64,5%. In Italia siamo fermi al 51,2%. (126° posto nella classifica del WORLD ECONOMIC FORUM).

 

IL MERCATO DEL LAVORO ITALIANO

5. Il Gap fra uomini e donne nel mercato del lavoro rischia di accrescersi per gli effetti di automazione e digitalizzazione dell'economia: da una parte la trasformazione digitale impatterà soprattutto occupazioni tradizionalmente appannaggio delle lavoratrici, dall'altra le donne sono ancora in ritardo per quanto concerne le competenze c.d. STEM (scienze, tecnologia, ingegneria e matematica), che sono quelle che offrono maggiori sbocchi in termini occupazionali.
6. Dal 2008 a oggi sono cresciute le percentuali di occupate e di forza lavoro femminile, ma il tasso di disoccupazione femminile risulta ancora fra i più alti del mondo: secondo ISTAT dal 2008 al 2018 la forza lavoro femminile è salita del 9,3% e il numero di occupate è salito del 5,4%. Tuttavia, il tasso di occupazione delle donne è ancora minore rispetto a quello degli uomini (49,5% contro il 67%) e quello di disoccupazione è fra i più alti del mondo con un valore del 12,5% che ci colloca al quarto posto su 34 paesi dell'OECD.

 

IL GENDER SALARY GAP IN ITALIA

7. A parità di lavoro con un collega uomo, in Italia è come se una donna cominciasse a guadagnare dalla seconda metà di febbraio: dal 2016 al 2018 la differenza retributiva è diminuita del 2,7%, ma resta comunque ampio il gap che è di 2.700 euro lordi pari al 10% in più a favore degli uomini. Questi valori, secondo Eurostat,  ci posizionano al 17° posto su 24 paesi  per ampiezza del Gender Pay Gap nel settore privato.
8. L'accesso delle donne alle posizioni apicali resta ancora molto basso, ma con lievi miglioramenti rispetto al passato:

secondo ISTAT dal 2008 al 2018 la percentuale di dirigenti donna è passata dal 27% al 32%, quella dei quadri dal 41% al 45%. Considerando solamente i dipendenti di aziende private, escludendo i dipendenti della pubblica amministrazione, la situazione peggiora. La Rilevazione Trimestrale sulle Forze Lavoro ISTAT dice che la percentuale di dirigenti donne è del 15%, quella dei quadri il 29%.

9. Il Gender Pay Gap cresce al diminuire della categoria contrattuale ed è più alto fra gli impiegati e gli operai, che fra i dirigenti ed i quadrinegli ultimi tre anni la situazione è in lento e costante miglioramento per tutte le categorie contrattuali, ma in modo particolare per i dirigenti. Dal 2016 al 2018 il Gap fra i dirigenti si è ridotto del 4% mentre negli altri inquadramenti è rimasto in un range tra lo 0,6% e il 2,7%.
10. Una donna guadagna meno di un collega maschio sia a parità di ruolo professionale, che a parità di settore d'impiegoda un'analisi statistica condotta sul database di JobPricing, nel 77% dei casi gli uomini hanno retribuzioni superiori alle donne e questa situazione è estesa a tutti i settori professionali. Quando gli uomini guadagnano più delle donne il gap a loro favore può arrivare al 20%. Se invece sono le donne ad avere una retribuzione migliore il gap a loro favore arriva al massimo all'8%. Gli unici due settori dove in media le donne risultano avere stipendi superiori sono edilizia e utilities (dove tuttavia l'effetto potrebbe essere determinato dalla bassa rilevanza statistica del genere, dato il numero molto ridotto di donne occupate in queste industry).
11. Le donne in Italia studiano di piu' (nel 2018 erano il 54% del totale dei laureati), ma privilegiano studi che hanno minori prospettive occupazionali e retributive: il Gap retributivo è più alto fra laureati (anche superiore al 30%) che fra non laureati. Il motivo è probabilmente duplice: 1 - le donne scelgono per lo più percorsi formativi con prospettive di carriera e stipendio inferiori (in particolare, sono poche le diplomate e laureate con profili tecnici e dell'area c.d. STEM); 2 - le donne laureate sono "più giovani", nel senso che da meno anni hanno accesso di massa all'istruzione terziaria, e quindi per la maggior parte sono in una fase del loro percorso professionale che non ha ancora visto maturare le opportunità di carriera e di retribuzione collegate al titolo di studio. Il secondo motivo lascia uno spiraglio di speranza, se si considera il trend del gap tra laureate e laureati in continua diminuzione dal 2014 ad oggi (36,9% - 30,5%).
12. L'istruzione accelera la crescita retributiva delle donne, ma anche la distanza dagli uomini: il gender pay gap cresce al crescere del livello di istruzione, dal 6% per i diplomati di scuola professionale fino a oltre il 40% per i diplomati con master di 2° livello
13. Le donne sono mediamente meno soddisfatte degli uomini riguardo le loro retribuzioni, ma i motivi che spingono a cambiare lavoro sono gli stessi: secondo il Salary SatisfactionReport 2019 dell'Osservatorio JobPricing, su un indice che va da 0 a 10 in cui 10 rappresenta la massima soddisfazione, le donne risultano meno contente degli uomini (3.3 contro 4.3) e le valutazioni più negative riguardano "l'equità interna" (3.4) e la "performance e retribuzione" (3.2). Tuttavia, i motivi che spingono l'uno o l'altro sesso a cambiare lavoro sono variano poco, sebbene le donne sembrano più sensibili alla flessibilità ed alle opportunità di formazione e di sviluppo rispetto ai colleghi uomini, che sono più inclini a valorizzare aspetti con risvolti economici più immediati.

 

 

ALESSANDRO FIORELLI, CEO DI JOBPRICING:

Se un fenomeno non è noto, combatterlo è più difficile. E' per questo, del resto, che il PIANO D'AZIONE 2017-19 SUL CONTRASTO AL DIVARIO RETRIBUTIVO DI GENERE dell'UE, ha indicato proprio nella scarsa trasparenza delle retribuzioni uno dei fattori decisivi per la discriminazione salariale delle donne. Noi, nel nostro piccolo, siamo contenti di dare per il 5° anno consecutivo un contributo per rendere più noto un fenomeno, che per la sua dimensione (siamo al 126° posto nel mondo del mondo su 144 paesi mappati dal WEF e a 17° su 20 secondo EUROSTAT) dovrebbe essere, crediamo, ben più presente nell'agenda politica e nel dibattito pubblico.

Le norme (come dimostrano le "Quote rosa" nei CDA delle quotate) aiutano, ma non risolvono, perché la questione è culturale e riguarda il ruolo della donna nella società e quindi nel mercato del lavoro: in quest'ottica una maggiore consapevolezza dovrebbe riguardare non solo gli uomini, come ovvio, ma pure le donne. Come spieghiamo nel report, infatti, il gender pay gap è figlio della segregazione verticale ed orizzontale che le donne subiscono nel mercato del lavoro per un triste retaggio culturale e per stereotipi difficili da sgretolare. Tuttavia, per quanto con grande fatica, la possibilità di superare questa condizione inaccettabile è sempre di più anche nelle mani delle dirette interessate, che fortunatamente possono contribuirvi in modo decisivo con le loro scelte a partire da quelle sull'istruzione. Tutti, pertanto, maschi e femmine, dovrebbero saperne di più: noi cerchiamo di aiutarli.

 

Francesco Manzini, Director Spring Professional

I dati sul gender gap nel mercato del lavoro sono quelli che debbono generare maggior indignazione e preoccupazioneIndignano perché in larga parte sono da ascriversi a ritardi culturali, a logiche vecchio stampo per cui le aziende sono disposte per esempio a pagare meno una donna di un uomo a parità di ruolo e di settore . Ma preoccupano anche perché va sottolineata il ritardo delle donne nell'agganciare le opportunità che derivano dalle competenze STEM, ad esempio. Le donne in Italia, infatti, studiano di piu' , ma privilegiano studi che hanno minori prospettive occupazionali e retributive. Per risalire lòaclassifica occorre dunque fare un grande lavoro culturale e di sistema, sia verso le imprese che verso le donne stesse.

 

 

L'OSSERVATORIO JOBPRICING

 

L'Osservatorio JobPricing si posiziona come punto di riferimento per lo studio e l'analisi del mercato del lavoro italiano con particolare focus sulle tematiche retributive: grazie al monitoraggio costante effettuato su lavoratori, aziende e fonti istituzionali e alla collaborazione con istituti di ricerca e università, esso sviluppa un'attività continuativa di reportistica, studi e whitepaper sul mercato quali: JP University Report (studiare all'università conviene?); JP CSI (le aziende italiane che pagano meglio); JP Gender Gap Report (le differenze retributive di genere); JP Geography Index (le retribuzioni italiane per regione e provincia);


L'Osservatorio è un'iniziativa di JobValue Human Capital Consulting, società di consulenza manageriale specializzata nella progettazione, valutazione e miglioramento dei sistemi di Human Resources Management con particolare focus sui sistemi retributivi e di total reward.

I dati riportati nella pubblicazione sono frutto dell'elaborazione della banca dati JobPricing che, grazie alla raccolta di informazioni da lavoratori e aziende consta di circa 400.000 profili retributivi, che ne fanno oggi il data base più ampio, qualificato e aggiornato sulle retribuzioni italiane, con una rappresentatività statistica pari al 91,1% dei lavoratori dipendenti di aziende private.

 


L'Osservatorio JobPricing è lieto di associare il GENDER GAP REPORT 2019, come già lo scorso anno, al Progetto Libellula, il cui obiettivo è creare un network di aziende che abbiano la volontà di lavorare insieme su ciò che va valorizzato per evitare che la violenza trovi spazio.

 


QUEST'ANNO IN COLLABORAZIONE CON:

SPRING PROFESSIONAL

 

SPRING è la società di consulenza di The Adecco Group specializzata nella ricerca, selezione e valutazione dei profili di middle management.

La mission di SPRING è trovare i talenti più adatti a ciascuna organizzazione, focalizzandosi sulla valutazione e selezione dei profili ad alto potenziale, attraverso head hunter altamente specializzati nell'attività di recruitment.

SPRING è presente in Italia con dieci filiali e quattro specializzazioni: IT&DigitalEngineeringFinance&Banking e Sales&Marketing.



--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Posta un commento

Follow by Email

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *