Corriere del Web

Cerca nel blog

sabato 21 luglio 2018

illycaffè lancia Cold Brew: la novità Millennial dell'estate 2018

illycaffè lancia Cold Brew: la novità Millennial dell'estate 2018


Milano, luglio 2018illycaffè, azienda leader globale nel segmento del caffè di alta qualità, rinfresca l'estate 2018 con il nuovissimo Cold Brew, soft drink naturale a base caffè preparato con il sistema di estrazione a freddo che esalta l'unico blend illy 100% Arabica.

Servito alla spina, illy Cold Brew è il risultato di 12 ore di infusione che permettono di preservare al meglio tutti gli aromi del caffè, esaltandone il gusto. Un'alternativa naturale, dal gusto fresco e dissetante, senza aggiunta di zuccheri e senza calorie, studiata appositamente per il target Millennial sempre attento alle novità così come alla qualità di ciò che consuma.




--
www.CorrieredelWeb.it

Quixa al fianco dell’atleta paralimpico Andrea Devicenzi nella sua nuova sfida contro ogni limite

Quixa al fianco dell'atleta paralimpico Andrea Devicenzi nella sua nuova sfida contro ogni limite

Anche quest'anno la compagnia online sosterrà il progetto di Devicenzi che lo vedrà affrontare una nuova avventura percorrendo il cammino da La Verna fino a Roma sulle orme di San Francesco d'Assisi

 

 

 

Milano, 20 luglio 2018 –  Impegno verso il superamento dei propri limiti, forza di volontà e capacità di aggregazione: questi i valori positivi che lo sport è in grado di veicolare e in cui da sempre Quixa crede e si identifica. Anche quest'anno, infatti, la compagnia online ha deciso di dare il proprio supporto al progetto di Andrea Devincenzi, atleta paralimpico e mental coach, sempre alla ricerca di nuove sfide e di nuovi traguardi da raggiungere.

 

L'atleta di Martignana di Po, privato della gamba sinistra in seguito ad un incidente stradale all'età di diciassette anni, partirà l'8 settembre da La Verna e arriverà a Roma il 3 di ottobre percorrendo la via di San Francesco D'Assisi: un cammino di 500 chilometri che costituisce anche un'importante esperienza spirituale e vuole essere un esempio di come lo sport possa essere uno strumento per migliorare la propria vita.

 

Durante il percorso Andrea Devicenzi sarà seguito da un Camper dotato del dispositivo di assistenza satellitare QuixaBox, che consentirà di seguire l'intero cammino attraverso il servizio di geo-localizzazione. Un'impresa che segue quella di solo un anno fa, quando l'atleta paralimpico si rese protagonista del progetto Route 22, che da Milano lo vide arrivare a Capo Nord in auto in appena 23 giorni, attraversando 17 Paesi europei per una lunghezza complessiva di oltre 11.000 chilometri.

Il percorso verrà condiviso ogni giorno sulla pagina Facebook di Quixa in modo da tenere aggiornati tutti coloro che vorranno sentirsi parte di questa nuova avventura.

 

"Supportare un atleta e un uomo straordinario come Andrea Devicenzi è per noi motivo di grande orgoglio e rappresenta l'occasione per realizzare in concreto i valori che Quixa persegue da tempo offrendo un supporto alla collettività" – ha dichiarato Luca Toscani, Direttore Sviluppo Offerta di QUIXA"L'esperienza e la forza di volontà di Andrea dimostrano come sia possibile realizzare i propri sogni anche in situazioni complicate e compiere imprese che possono sembrare impossibili".

 

QUIXA

QUIXA è un marchio di AXA Global Direct Seguros y Reaseguros S.A.U., società del Gruppo AXA che opera nel mercato della vendita di polizze auto online. La compagnia è attiva in Spagna con il marchio Direct e in Italia con il marchio QUIXA.

QUIXA è specializzata nella vendita di polizze auto tramite Internet in Italia. Attiva da settembre 2008, la compagnia propone una formula innovativa che unisce ai vantaggi delle assicurazioni auto dirette – prezzo competitivo e multicanalità – un'estrema attenzione alla qualità del servizio al cliente, assicurato dalla presenza di un team di professionisti specializzati.

 

Il Gruppo AXA

Con 166.000 dipendenti e 107 milioni di clienti in 64 Paesi, il Gruppo AXA è tra i leader mondiali nel settore della protezione assicurativa e dell'asset management. Il giro d'affari nel 2016 ammonta a 100 miliardi di euro e il risultato operativo è pari a 5,7 miliardi di euro. 



--
www.CorrieredelWeb.it

Federlazio Latina: Costruttivo incontro con Assessori Manzella e Di Berardino



 

FEDERLAZIO LATINA: INCONTRO MOLTO COSTRUTTIVO CON ASSESSORI MANZELLA E DI BERARDINO

 

Latina, 20 luglio 2018


La Federlazio di Latina esprime  soddisfazione per il metodo che la Regione Lazio si è data per ascoltare il Territorio. L'incontro di oggi con gli Assessori Regionali Giampaolo Manzella (Attività Produttive) e Claudio Di Berardino (Lavoro), al quale hanno partecipato le Associazioni di Categoria, i Sindacati dei Lavoratori con il coordinamento del Dott. Mauro Zappia Commissario Straordinario della CCIAA di Latina, è stato molto utile e positivo. I temi messi in evidenza, dalla innovazione all'internazionalizzazione, dal Credito alla Formazione, non sono stati l'ennesimo "elenco della spesa" che di solito viene presentato in queste occasioni, ma una fattiva ricognizione sulle problematiche che le aziende sono costrette ad affrontare quotidianamente e che la Regione Lazio si è impegnata a seguire nell'intento di dare risposte alle esigenze del sistema imprenditoriale.

"Quello di oggi con gli Assessori Manzella e Di Berardino è stato un incontro molto costruttivo. Apprezziamo il metodo e diamo tutta la nostra disponibilità a lavorare insieme sui temi che possono dare un contributo alla ripresa economica del nostro territorio. Federlazio crede come sempre nella concertazione di idee e di azioni concrete, e le parole di oggi degli Assessori dimostrano la stessa volontà da parte della Regione". Questa la dichiarazione del Direttore di Federlazio Latina, Claudio Malagola.





--
www.CorrieredelWeb.it

Eni ed ENEA avviano partnership per attività di ricerca scientifica e tecnologica congiunte

Eni ed ENEA avviano partnership per attività di ricerca scientifica e tecnologica congiunte

Intesa firmata dall'AD di Eni, Claudio Descalzi, e dal Presidente dell'ENEA, Federico Testa. 

Tra le aree di interesse: economia circolare, fonti di energia rinnovabili, decarbonizzazione  e tutela ambientale, strategiche per la compagnia e di grande potenziale impatto per il Paese


Roma, 19 luglio 2018 – Eni ed ENEA hanno siglato una partnership per l'avvio di attività di ricerca congiunte nell'ambito di aree tecnologiche e scientifiche strategiche per Eni e di potenziale grande impatto per il Paese come l'economia circolare, le energie alternative  e la tutela ambientale. L'intesa (Memorandum of Understanding) tra le parti è stata firmata oggi a Roma presso la sede dell'Agenzia dal Presidente dell'ENEA, Federico Testa, e dall'Amministratore delegato di Eni, Claudio Descalzi.

In base all'accordo, Eni ed ENEA metteranno a fattor comune la propria esperienza e le proprie competenze di eccellenza per sviluppare un programma di iniziative congiunte volte a promuovere soluzioni tecnologiche innovative. In particolare, le parti valuteranno tematiche legate all'economia circolare e nuovi modelli economici sostenibili, alla produzione di energia a basse o nulle emissioni di gas serra (tra cui solare a concentrazione, fotovoltaico e biomasse), alle tecnologie di stoccaggio dell'energia, all'efficienza energetica, alla digitalizzazione e al monitoraggio e protezione ambientale, con particolare riferimento ai mutamenti climatici. 

"Sono particolarmente soddisfatto per questo accordo", ha dichiarato Claudio Descalzi. "Con ENEA abbiamo diversi obiettivi in comune in termini di ricerca e innovazione, e questa collaborazione ci consentirà di approfondire anche tematiche legate all'ambiente e alla digitalizzazione, con potenziali impatti significativi sul sistema Paese. Oggi confermiamo il nostro impegno strategico nel percorso di decarbonizzazione, finalizzato a ridurre le emissioni, a promuovere l'utilizzo del gas naturale e sviluppare le energie rinnovabili. Un impegno che sta crescendo sia in termini di risorse interne dedicate, sia di collaborazioni con i migliori centri di ricerca e di innovazione a livello nazionale e internazionale. Un impegno che ci vede anche focalizzati a sviluppare soluzioni tecnologiche in un'ottica di economia circolare applicata al business, il che significa ampliare il concetto di efficienza, con la riduzione degli sprechi e la valorizzazione dei materiali di scarto".

"Con la firma di questo accordo puntiamo ad ampliare la nostra collaborazione con Eni, già forte in altri importanti progetti nazionali congiunti e in particolare nel 'Cluster Tecnologico Nazionale Energia' coordinato dall'ENEA e istituito lo scorso anno. L'accordo di oggi consentirà, quindi, di sviluppare una forte sinergia tra le specificità dell'ENEA, come le competenze tecnico-scientifiche e il ruolo di trasferimento tecnologico alle imprese, e l'impegno di Eni verso l'energia e l'ambiente, temi per noi strategici. Sono convinto che la formalizzazione di questa nuova collaborazione contribuirà a creare ricadute positive per il Paese in termini di decarbonizzazione  dell'economia, di sostenibilità ambientale e di nuova occupazione", ha dichiarato il presidente dell'ENEA, Federico Testa.



--
www.CorrieredelWeb.it

Slow food. Petrini: «Terra Madre si basa su un principio di pace e di bontà». Al via la campagna di raccolta fondi per garantire il diritto alla partecipazione a Terra Madre Salone del Gusto



 Terra Madre Salone del Gusto si tiene dal 20 al 24 settembre 2018

con eventi a Torino e in tutto il Piemonte

ed è organizzata da Slow Food, Città di Torino e Regione Piemonte.


Image

Al via la campagna di raccolta fondi per sostenere il diritto alla partecipazione dei delegati in arrivo a Torino

Petrini: «Terra Madre si basa su un principio di pace e di bontà, in controtendenza con la cattiveria legittimata a cui assistiamo oggi»

Prende anche forma il progetto dei "barachin" con cui 5000 torinesi e piemontesi condivideranno i piatti di Terra Madre Salone del Gusto

«La rete che ogni due anni si riunisce a Torino per Terra Madre Salone del Gusto si basa su un principio di pace e bontà, in controtendenza con la cattiveria legittimata a cui assistiamo oggi. Mentre tutta l'Europa è impegnata a pensare ai modi per non far arrivare i migranti o per farli tornare a casa loro, noi vi chiediamo un aiuto per farli venire a Torino, per garantire quel diritto alla partecipazione a centinaia di delegati che non potrebbero altrimenti permettersi nemmeno di uscire dalla propria regione, perché il 40% di loro viene proprio dall'Africa». Sono queste le parole che Carlo Petrini, fondatore e presidente di Slow Food, ha indirizzato al pubblico, ospite del teatro Le Musichall di Torino e del direttore artistico Arturo Brachetti, nella serata di lancio della campagna di raccolta fondi per coprire l'ultima parte dei costi di Terra Madre 2018. Nella capitale piemontese dal 20 al 24 settembre 2018 arriveranno 5600 delegati da 140 paesi, ai quali vengono offerti in totale 28.650 pasti nella mensa allestita appositamente, 13.128 notti di ospitalità nelle 120 Città di Terra Madre coinvolte in tutto il Piemonte e numerosi altri servizi per garantire loro una partecipazione all'evento nelle condizioni ideali (dai transfer ai servizi di traduzione, dagli spazi per gli incontri alle bancarelle per quelli che, dai Paesi del Sud del mondo e in generale dalle zone più disagiate, verranno anche con i propri prodotti).

 

«Sono solo 200 mila gli immaginari chilometri che separano Terra Madre Salone del Gusto dal raggiungimento del traguardo di questa dodicesima edizione. 200 mila come gli euro che mancano per completare questa meravigliosa avventura del progetto pensato per il 2018» ha annunciato Carla Coccolo, responsabile dell'organizzazione. «Terra Madre Salone del Gusto non inizia e finisce a settembre durante i 5 giorni di evento: ogni euro con cui ciascuno di voi contribuirà si moltiplicherà quando i delegati torneranno a casa loro e condivideranno l'esperienza fatta a Torino, seminando speranza nelle loro comunità. Terra Madre genera anche orgoglio, perché oltre che raccontarsi, laddove possibile, potranno esporre e vendere ciò che producono, anche se il loro Paese non ha accordi commerciali con l'Unione Europea. Si tratta di un'occasione straordinaria per conoscere la biodiversità del mondo, possibile grazie all'accordo con l'Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Piemonte, Liguria e Valle d'Aosta, il Laboratorio Chimico della Camera di Commercio Torino e il Ministero della Salute che, accertata la sicurezza alimentare dei prodotti, rilasciano apposite deroghe».

 

Le storie legate a Terra Madre che viaggiano nella rete e di bocca in bocca durante le conferenze di Torino, raccontano di persone che vivono sulla loro pelle il dramma del land grabbing e dell'ocean grabbing, le conseguenze del cambiamento climatico, che ogni giorno subiscono gli attacchi di chi combatte il loro attivismo, che nel loro piccolo riescono a lasciare un segno nel villaggio in cui vivono, se non addirittura nel loro Paese: «Nel 2004 quando abbiamo organizzato la prima edizione di Terra Madre ci avevano detto che molti delegati provenienti dai Paesi del Sud del mondo, una volta in Italia, sarebbero scappati. Ma non è stato così perché la civiltà contadina ha la schiena dritta, torna a casa e condivide quello che ha visto e sentito, redistribuisce alla comunità. Quello che fanno i nostri delegati non ha di certo l'impatto di quel piano Marshall di cui tanto discute l'Europa per "aiutarli a casa loro": la nostra è una piccola goccia che però garantisce a migliaia di persone la possibilità di produrre il proprio cibo in una terra a cui abbiamo tolto ogni cosa, e dunque genera ricadute molto più concrete di molti costosi e dannosi piani internazionali. Quanto fa la rete di Terra Madre lo dobbiamo a ragazzi che non aspettano gli aiuti dall'esterno, ma che ogni giorno compiono piccoli grandi gesti concreti. Dobbiamo tutti essere orgogliosi che questo progetto rivoluzionario sia nato a Torino» chiosa Petrini.

 

Questa la storia di Muhamed Abdikadir, detto Mudane, responsabile della rete di Slow Food in Somalia e attualmente studente dell'Università degli Studi di Scienze Gastronomiche di Pollenzo: «Per tutti noi delegati africani, Terra Madre lancia un forte messaggio di risposta a un mondo che sta affrontando una crisi di valori dovuta alla povertà e al dilagare di razzismi, fondamentalismi e cattiva politica. Nel mondo quando si nomina la Somalia vengono in mente solo cattive notizie perché non c'è un governo centrale da diversi anni, la siccità è diffusa e molte persone muoiono ogni giorno di fame e per la guerra. Tutti ci vedono come terroristi, banditi o, peggio ancora, fantasmi. Nessun giovane ha la possibilità di accedere a una borsa di studio, non ci sono ambasciate a cui chiedere i visti, per i quali è necessario andare a Nairobi o ad Addis Abeba. Ma chi ha i soldi per arrivare fin laggiù? E chi si assume la responsabilità di invitare un somalo a un evento internazionale? Nel 2012 Terra Madre lo ha fatto e per me questa esperienza ha avuto un valore incredibile. Ma se non avessi partecipato, o non fossi tornato a casa dopo quella prima edizione, oggi non esisterebbe Terra Madre Somalia, una rete di 250 soci che ha creato 150 orti e lavora con 29 scuole elementari in tutto il Paese».

 

C'è anche un'altra faccia della medaglia che è interessante analizzare, quella dell'ospitalità delle famiglie che accolgono a casa i delegati: «Per uno come me che veniva da un'area remota dell'Africa, non parlava italiano, di un'altra religione, che non aveva mai visto chi lo ospitava, era un salto nel buio» continua Mudane. «Eppure mi hanno aperto il cuore, rendendomi parte della famiglia, trasmettendomi la loro gioia di conoscermi, facendomi assaggiare i migliori piatti piemontesi. Ma non sono né un ambasciatore né un diplomatico! Per questo voglio ringraziare chi crede in Terra Madre come modello di vita che può contaminare sempre più persone e non solo come un evento che dura cinque giorni».

 

«A Cavallermaggiore, li aspettiamo di edizione in edizione. Alla mia porta vengono a bussare i miei concittadini ricordandomi che loro ci sono sempre per Terra Madre» ha dichiarato il Sindaco Davide Sannazzaro. «La rete ci dà l'energia di andare controcorrente e insegna a noi Sindaci a guardarci intorno e a capire che Terra Madre è anche a casa nostra, che dobbiamo aprire le porte anche a chi abbiamo vicino».

 

Per Carla Giacone che da diverse edizioni a Collegno ospita delegati dall'Etiopia, dal Messico e dall'Argentina «Terra Madre offre l'occasione di imparare e di arricchirsi non solo per chi viene ospitato, ma anche per la famiglia che si mette in gioco, spinta dalla voglia di conoscersi a vicenda, parlando di temi politici ma anche solo semplicemente condividendo i pasti e scambiandosi ricette. Abbiamo praticamente adottato la delegata argentina che è venuta il primo anno: adesso vive a Padova, dove sta studiando, con il compagno e a Natale sono sempre a casa nostra, siamo la loro seconda famiglia».

 

Il diritto alla partecipazione messo in pratica da Slow Food si completa quest'anno con una nuova rivoluzionaria idea che affonda le radici nella storia della Torino industriale solo di qualche decennio fa: il progetto dei "barachin", ovvero condividere un assaggio di Terra Madre Salone del Gusto con 5000 persone che per vari motivi non potranno visitare la manifestazione. 5000 porzioni di cibo preparate dai migliori chef del Piemonte. Ed è del presidente della Compagnia di San Paolo, Francesco Profumo, il primo e più significativo appoggio all'iniziativa: «La nostra è un'istituzione a cui piace seminare perché molte volte la parte più difficile di un nuovo progetto sono proprio i primi passi, quando ancora non ne parlano tutti, quando nessuno ci crede. Ed è così che è nato il rapporto di reciproca fiducia con Terra Madre, che sosteniamo fin dalla sua nascita. Terra Madre è una rete di comunità, un soggetto attivo nella società in cui noi crediamo molto. Ed è questo il motivo per cui, da quest'anno, la Compagnia di San Paolo adotta un altro grande progetto, quello dei "barachin", una rete di comunità informale che riteniamo debba essere sostenuta».

 

Questi sono i dati per sostenere il diritto alla partecipazione dei delegati provenienti dai Paesi del Sud del mondo e il progetto dei "barachin":

 

BANCA PROSSIMA SPA

IBAN: IT14 S 03359 01600 100000062126                                                      

COD. SWIFT: BCITITMX

Intestato a Slow Food Italia                                                                                                         

Terra Madre Salone del Gusto è resa possibile grazie al contributo delle tantissime aziende che hanno creduto in questo progetto e che insieme a noi si stanno impegnando per rendere l'edizione 2018 la più bella di sempre. Citiamo qui gli Official partner: GL events, Iren, Lavazza, Lurisia, Parmigiano Reggiano, Pastificio Di Martino, Quality Beer Academy.

Con il sostegno di Compagnia di San Paolo, Fondazione Cassa di Risparmio di Torino, Associazione delle fondazioni di origine bancaria del Piemonte.




--
www.CorrieredelWeb.it

SITUAZIONE DEL PAESE, LA FIDUCIA DEGLI ITALIANI E’ ALLE STELLE - Osservatorio Findomestic/Doxa


SITUAZIONE DEL PAESE, LA FIDUCIA DEGLI ITALIANI E' ALLE STELLE

 

Osservatorio Findomestic di giugno: rispetto ad un anno fa le intenzioni di acquisto sono in forte ascesa, nonostante la lieve flessione dell'ultimo mese (ad eccezione di viaggi e telefonia, che continuano a crescere)

 

 

Migliora nettamente la fiducia degli italiani sia nei confronti del Paese che rispetto alla situazione personale, ma le intenzioni d'acquisto fanno registrare una lieve flessione rispetto al mese precedente: sono in chiaroscuro i numeri dell'Osservatorio mensile Findomestic di giugno che, comunque, delineano una tendenza in decisa crescita nella propensione alla spesa in raffronto allo scorso anno.

 

SENTIMENT. Dopo una lunga fase di sfiducia, nell'ultimo mese, è tornato a crescere il livello di soddisfazione dei cittadini italiani: +0,7% per la situazione del Paese e + 0,2% per la condizione economica personale. Un effetto della stabilità politica percepita dopo l'insediamento del nuovo Governo. La variazione è positiva sia a livello congiunturale (su base mensile) che tendenziale (su base annua).

 

VEICOLI. A giugno l'andamento del comparto 'veicoli' è invariato rispetto al mese precedente. Stabili le intenzioni d'acquisto di motocicli e scooter, in leggero decremento quelle di auto usate (-0,2%) e in lieve risalita quelle di auto nuove (+0,2% con una spesa media prevista di 19.496 euro). Si registra invece una crescita, per tutte le voci, rispetto allo stesso periodo di un anno fa.

 

CASA. Andamento altalenante per il comparto 'casa' nel mese di giugno. Segno negativo rispetto al mese precedente per le intenzioni di acquisto di mobili (-1% con una spesa media prevista di 2.659 euro), ristrutturazioni (-0,6%) e nuove abitazioni (-0,8%). Molto buona, comunque, risulta la performance del settore rispetto a un anno fa: la crescita è trainata soprattutto dai mobili (+4,5%) e dalle ristrutturazioni (+3,9%).

 

HI-TECH. Anche il comparto 'informatica, telefonia e fotografia' a giugno registra un segno negativo a livello congiunturale, fatta eccezione per la telefonia: la 'voglia' di smartphone cresce dello 0,3%. Rispetto a un anno fa, il comparto è invece in crescita: aumentano soprattutto le intenzioni di acquisto di telefoni (3,9%) e pc/accessori (+2,2%); più contenuta la crescita di tablet (+0,9%) e fotocamere/videocamere (+0,4%).

 

ELETTRODOMESTICI. Rispetto allo scorso mese di maggio, a giugno calano le intenzioni di acquisto degli elettrodomestici, in particolare dei piccoli elettrodomestici (-1,6%). A livello tendenziale il comparto è in forte crescita: +3,9% per i piccoli elettrodomestici, +2,3% per l'elettronica di consumo e +2,8% per i grandi elettrodomestici. 

 

EFFICIENZA ENERGETICA. Il comparto 'efficienza energetica' fa registrare segno negativo rispetto allo scorso mese di maggio in particolare per infissi/serramenti (-0,6%) e per stufe e caldaie a pellet (-0,6%). Anche in questo caso, a livello tendenziale il trend è positivo soprattutto per infissi/serramenti (+1,2%) e impianti solari termici (+1,2%).

 

TEMPO LIBERO. A giugno continua l'andamento positivo del comparto 'tempo libero' sia su base congiunturale che tendenziale trainato ancora una volta dalla voce 'viaggi e vacanze', con le intenzioni di acquisto in crescita dello 0,5% rispetto a maggio e del 4% in raffronto a un anno fa. La spesa media prevista per i viaggi è di 1.461 euro pro capite. Si registra una buona performance anche del 'fai da te': +0,2% nell'ultimo mese e +2,4% rispetto a dodici mesi fa.



--
www.CorrieredelWeb.it

CASTELLABATE - “VIVI SAN MARCO “ PRESENTA LA SECONDA SAGRA DEL PESCATO DI PARANZA



CASTELLABATE - L’appuntamento super atteso dai buongustai e amanti del nostro “oro blu “ è per sabato 28 Luglio 2018 all’area portuale di San Marco Di Castellabate .  Dunque tutti avvisati e invitati , l’evento gastronomico del pescato di paranza è alla sua seconda edizione dopo il grande successo della scorsa estate ,  dunque si replica . Voluto e proposto dai pescatori di Castellabate e   dall’associazione giovanile

 “VIVI SAN MARCO”    che ogni anno ( e non solo ) nel periodo estivo allieta parecchi eventi speciali ai quali risponde sempre un gran numero di persone .  

Ma vediamo il menù che l’evento propone 


  • Cortecce allo scoglio 
  • Risotto freddo alla pescatora 
  • Insalata di mare 
  • Carpaccio di polpo con gamberetti marinati 
  • Impepata di cozze 
  • Frittura di paranza 
  • Misto di alici 
  • Pizza Fritta
  • Frittelle di alghe 
  • Dolci Cilentani
  • Vino e Anguria            


La serata sarà allietata dalla musica del gruppo “LE CAPERE” . Dunque tutti al porto ore 20.30 !  


@marconicolettiTv 

@castellabatelive24 / Pagina Facebook 


Follow by Email

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *