Cerca nel blog

martedì 30 giugno 2020

SANTA MARIA DI CASTELLABATE - INCIVILI LASCIANO PER STRADA RIFIUTI A POCHI PASSI DAI CESTINI


SANTA MARIA DI CASTELLABATE-   L’inciviltà regna sovrana anche nell’estate del coronavirus.  Nella bellissima cornice di Marina Piccola , celebre spiaggia di Santa Maria ( che ha fatto da scenografia al film di Siani e Bisio ) c’è poco da esultare con “ Benvenuti Al Sud” . Chiamiamola indecenza , chiamatela maleducazione, chiamatela come volete ma resta un dato di fatto che la razza umana resta ad oggi  un autolesionista per eccellenza .  Eppure ci sono tanti cestini tanti , punti di raccolta rifiuti messi a disposizione anche da attività ricettive su ambedue i lungomare  ma la domanda che ci si fa è “ costa tanta fatica dopo aver bivaccato gettare i rifiuti nei cestini “ ?   



Credit Foro Gerardo Guariglia 📷 

Copyright © Marco Nicoletti  2020
@castellabatelive24 / Pagina Facebook 

lunedì 29 giugno 2020

Intervista di Alessia Mocci al poeta russo Arsen Mirzaev: vi presentiamo Chiedo asilo poetico


“[…] amo anche staccarmi – strapparmi da questa celebre “esistenza letteraria” verso la natura – nel bosco, sui monti, al mare, nel deserto.... “I poeti devono vagare e cantare!” – con questa affermazione di Velimir Chlebnikov sono d'accordo al 200 %.” – Arsen Mirzaev

Il vagare dei poeti non può che far ricordare quei celebri versi dello stimato Ugo Foscolo (“Vagar mi fai co' miei pensier su l'orme/ che vanno al nulla eterno; e intanto fugge/ questo reo tempo, […]”) che contemplavano e cantavano alla sera ringraziandola per la pace prodotta proprio da questo vagare. Ed ancora ricorda quel vagare dell’Islandese in continuo dialogo con la Natura in contrapposizione ad un poeta che lasciò di rado la sua biblioteca sita a Recanati.

Nato a San Pietroburgo nel 1960, Arsen Mirzaev è poeta, critico e studioso di letteratura. All’attivo ha collaborazioni con diverse case editrici e riviste letterarie, con pubblicazioni di versi ed articoli.
La sua prima silloge è stata pubblicata nel 1994 ed è intitolata “Un altro respiro” (Drugoe dychanie), seguono nel 1996 “Oltre al resto” (Pomimo pročego), nel 2000 “I versi e i canti di Anton Kompotov (Stichi i pesni Antona Kompotova), nel 2001 “La musica della conversazione di innamorati sordomuti” (Muzyka razgovora vljublënnych gluchonemych), nel 2008 “L’albero del tempo” (Derevo vremeni) e nel 2015 “Vita a ¾” (Zizn' v ¾).

Da circa 15 anni organizza rinomate serate letterarie presso lo storico albergo Old Vienna situato dietro l’angolo rispetto ad uno dei monumenti più interessanti dell’arte russa la Cattedrale di Sant’Isacco costruita dal 1818 al 1858.

“Chiedo asilo poetico” è stato pubblicato nel 2020 dalla casa editrice Macabor Editore nella collana “I fiori di Macabor”, l’elaborazione grafica della copertina di Giorgio Ferrarini. Paolo Galvagni ne ha curato la nota finale e la precisa traduzione.

tutti/ tutti/ tutti si istupidiscono con gli anni// eccetto alcuni/ alcuni/ in verità –/ è una grandezza/ infinitamente piccola

A.M.: Salve Arsen, sono lieta di poter approfondire la sua conoscenza con questa intervista e la ringrazio per il tempo che mi dedicherà. Vorrei, se è possibile, geolocalizzare il poeta, chiedendole: San Pietroburgo è una città attiva artisticamente oppure lei è una delle poche eccezioni?
Arsen Mirzaev: Sono felice di salutarLa! Ringrazio per l'interesse che ha mostrato verso la mia modesta persona e il mio libro, tradotto da Paolo.
A Pietroburgo ci sono tanti poeti. Validi, anche vari. Ce ne sono di vivi, interessanti e di talento. E ci sono scribacchini, parolai e grafomani. I primi, mi pare, sono molto meno... Ahimè.
Così, San Pietroburgo. La città in cui sono nato, ma vi ho abitato solo dopo aver completato la scuola media a Vorkuta (il Nord, il Polo, negli anni '60 Vorkuta era davvero una città di banditi, una delle “capitali” criminali – come Kolyma e Magadan). Cioè dal 1977. E solo a San Pietroburgo (allora, certo, Leningrado) ho cominciato a capire che cosa fosse la vera poesia (anche se avevo provato a scrivere versi a scuola – avevo studiato non solo a Vorkuta, ma anche a Mosca, e a Gelendžik – e durante il servizio militare tra le file dell'esercito sovietico, in una cittadina nei pressi di Zagorsk). All'Istituto Geologico di Leningrado (LGI), a cui mi sono iscritto sotto l'influenza di mio padre geologo, parallelamente allo studio, dal primo anno, sono iniziate le lezioni al LITO (unione letteraria) del LGI, che era guidato da Michail Jasnov, noto poeta per l'infanzia e traduttore di poesia francese.  Poi ho avuto: il lavoro nella Casa degli scrittori leningradese; lo studio alla Libera Università (cattedra di poesia: 1989-1991); il lavoro come redattore (dall'inizio degli anni '90) – nell'organico e non – praticamente in tutte le case editrici pietroburghesi; comporre e redigere la rivista artistica letteraria samizdat “Sumerki” (1989-1995); il lavoro in giornali e riviste – pubblicista, giornalista e redattore; lo studio dell'eredità creativa dell'avanguardia russa dell'inizio del XX secolo (prima di tutto – Velimir Chlebnikov, Vladimir Majakovskij, Elena Guro, Tichon Čurilin, di cui ho preparato libri, commentandoli e pubblicandoli per varie case editrici di Mosca e San Pietroburgo); la partecipazione a conferenze scientifiche internazionali, dedicate all'avanguardia e alla letteratura contemporanea; la preparazione di varie antologie di poesia pietroburghese contemporanea; la cura e la conduzione di serate letterarie (letture poetiche, presentazioni di riviste e case editrici, serate di prosa, festival) – dal 2005. E così via. Non ricorderò tutto ed elencare tutto sarebbe troppo lungo. Ma, in un modo o nell'altro, tutta la mia vita è stata legata alla letteratura, ai libri, alla poesia. E tutti i miei amici in gran parte sono poeti, artisti, musicisti.
E la nostra vita era e continua a essere del tutto viva. Probabilmente alle peregrinazioni e ai viaggi (non sono solo festival poetici in diverse città e paesi, ma anche semplicemente viaggi “per il mondo”) dedichiamo non meno tempo che alla lettura di libri e composizione di versi nei nostri appartamenti e studi.

A.M.: Nella nota finale della raccolta “Chiedo asilo poetico”, il suo traduttore Paolo Galvagni scrive: “Siamo di fronte a una persona, la cui vita è legata in modo fatale alla poesia e si è tramutata in “esistenza letteraria”: non sa dove scappare. Quasi tutti i suoi versi sono organica-mente iscritti nella vita letteraria della Pietroburgo contem-poranea, coi suoi innumerevoli saloni letterari e altre amenità poetiche.” Si rispecchia in questa immagine?
Arsen Mirzaev: Dell'“esistenza letteraria” ho già scritto tanto, rispondendo alla prima domanda. Ma è solo una parte di me e della mia vita. Sì, sono “iscritto” alla letteratura, inserito in essa (anche ufficialmente: come membro delle unioni di scrittori, come portatore di cultura, compositore di antologie, redattore di riviste, membro di diverse giurie professionali, etc), si può dire che sia radicato in essa dalla testa ai piedi nei 35 anni della mia “letteraturovita” (la mia esistenza nella letteratura), occupandomi all'infinito di tutti i possibili studi, della preparazione di libri, conducendo ogni anno una quantità infinita di serate poetiche. Ma amo anche staccarmi – strapparmi da questa celebre “esistenza letteraria” verso la natura – nel bosco, sui monti, al mare, nel deserto.... “I poeti devono vagare e cantare!” – con questa affermazione di Velimir Chlebnikov sono d'accordo al 200 %.  

A.M.: Nella lirica “Il giorno di San Valentino” si legge “[…] – diventare/ uno stupido geniale,/ […]” (“[…] – стать/ гениальным придурком,/ […]”), con questa immagine intende menzionare lo jurodivyj, figura del mondo ortodosso russo con significato di “folle in Cristo” o “santo idiota”?
Arsen Mirzaev: No, qui non avevo alcuna intenzione di fare un accenno agli “jurodyvie” russi, anche se mi interessano tanto. Avevo in mente un motivo di Van Gogh, la celebre storia col suo orecchio tagliato (abbastanza ironico e autoironico) la estrapola sull'“amato se stesso” l'eroe lirico di questa poesia.

A.M.: Da studioso di letteratura si è occupato dell’opera del poeta russo Velimir Chlebnikov (Oblast' di Astrachan', 9 novembre 1885 – Santalovo, 28 giugno 1922). Una breve poesia recita: “Preposto al servizio delle stelle,/ Io giro, come una ruota,/ Che s'invola all'istante sull’abisso,/ Che finisce sull'orlo del precipizio,/ Io imparo le parole.” Vorrei soffermarmi su “stelle”, “abisso” e “parole”: la vertigine è una condizione necessaria per il poeta?
Arsen Mirzaev: La mia “storia” con Chlebnikov, il grande Futurista, è cominciata circa quaranta anni fa, quando a me, studente della facoltà geologica dell'LGI, hanno chiesto di tenere una lezione su Velimir per gli studenti stranieri dell'Istituto geologico. Era il 1981 o 1982.
Nel 1986 ho partecipato alla conferenza (Fortezza di Pietro e Paolo, San Pietroburgo), dedicata al centenario di Velimir Chlebnikov. Poi ho prese parte a numerosi festival e conferenze scientifiche dedicate a Chlebikov e all'avanguardia letteraria dell'inizio del XX secolo, tenute a San Pietroburgo, a Mosca, a Parigi, a Helsinki, a Velikij Novgood, ad Astrachan', a Kazan', a Čeljabinsk, a Tver' e in altre città. Nel 2005 ho avuto la fortuna di pubblicare il libro Velimir Chlebnikov – serto al poeta (33 omaggi poetici a Velimir: ora ho preparato per la stampa la versione completa del Serto – più di 100 nomi di poeti noti, che hanno dedicato poesie al “Re del Tempo”). E tre anni fa il libro, da me composto e commentato “Il tempo – misura del tempo” (la cosiddetta “piccola prosa”: articoli, note, proclami, manifesti, diari, etc). Ho preparato altri progetti editoriali, legati ai Futuristi, che per vari motivi non erano ancora usciti.
A suo tempo il poeta Osip Mandelštam ha detto: “In Chlebinikov c'è tutto!”. – Per me era proprio così. “Il nostro tutto” – non è solo Puškin, ma anche Chlebnikov. E anche prima di tutto – Chlebnikov. Proprio lui mi ha fatto sentire che cosa sia la vera poesia, capire che cosa costituisce la sua essenza, amarla “per tutta la vita rimanente”. Una sola sua frase – per esempio, “Con un sorriso è chiaro, semplice/ Sollevo la vita/ ad altezza della mia statura” – poteva sconvolgermi, rafforzarmi – dall'esistenza (vitale, non letteraria), dalle “porcherie plumbee della vita”.     

A.M.: Oltre al futurismo ed alla avanguardia russa si è interessato di futurismo italiano? Quali sono gli artisti e poeti che ha apprezzato maggiormente e quali differenze ha potuto notare tra esponenti in Russia ed esponenti in Italia?
Arsen Mirzaev: Sì, certo, non si può trascurare la figura, potente, creativa e in molto contraddittoria, di Marinetti! Anche se da noi lo conoscevano proprio poco. E praticamente non lo pubblicavano. Ma ora sono pubblicati non solo i suoi proclami e manifesti, ma anche la poesia e la prosa – in russo. Cosa che non può non allietare. Sulle differenze tra i futuristi italiani e russi si è scritto più volte. Se approfondissi anch'io questo tema, sarebbe superfluo e occuperebbe troppo spazio e tempo. Ma voglio notare che anche l'avanguardia letteraria e artistica italiana mi interessa molto.
Nominerò solo alcuni nomi: Umberto Boccioni, Giacomo Balla, Fortunato Depero, Carlo Carra, Enrico Prampolini, Luigi Russolo, Antonio Sant’Elia, Gino Severini, Ardengo Soffici.
Non è il primo anno che con alcuni slavisti italiani tengo rapporti di amicizia. Oltre a Paolo Galvagni, a Lei noto, si tratta di Massimo Maurizio, Gabriella Imposti e Marco Sabbatini. Conosco altri slavisti solo da lontano: Stefano Garzonio, Carla Solivetti. Be', certo, bisogna anche aggiungere al tema “italiano” il fatto che nel 2018 per la mini antologia di poesia italiana contemporanea “Essere delle foto”, mi è capitato di tradurre i testi di Alfonso Maria Petrosino e Marco Miladinovic.

A.M.: Perché ci sono così pochi poeti buoni e vari?” почему же так мало поэтов хороших и разных?
Arsen Mirzaev: Avendo una certa esperienza di traduzione poetica da varie lingue, immagino bene come sia complesso rendere l'intonazione di un testo in lingua straniera (la cosa più semplice è il senso, se nella poesia è più o meno “trasparente”). Qui, in questi testi (come in molti miei altri versi) svolgono un ruolo significativo l'ironia e l'autoironia. È abbastanza complesso da spiegare. O si percepisce nel testo, oppure no.

A.M.: Successivamente alla pandemia ha intenzione di presentare “Chiedo asilo poetico” in Italia?
Arsen Mirzaev: Anch'io spero che prossimamente (tra un mese? due?) le frontiere saranno aperte e potremmo tutti relazionarci con libertà e apertamente – come prima. Sostengo in ogni modo l'idea di fare una presentazione in Italia. Ovvio, la presentazione (forse, più di una) deve avvenire anche in Russia. Possiamo organizzarla nel mini hotel letterario “Antica Vienna” nel centro di Pietroburgo, dove dal 2005 conduco le “Serate letterarie”, ormai diventate di culto per molti.

A.M.: Salutiamoci con una citazione…
Arsen Mirzaev: Nel contesto di quanto detto sopra, di certo si confà congedarsi con questa quartina “antipandemica”: “Il gelo cosmico nella notte./ Alle finestre s'erge la sventura./ E da me il fuoco nella stufa,/ Il tè sul tavolo e nel cuore la felicità” (Vladlen Gavril'čik, poeta e artista, 1953).
E se permettete, con un'autocitazione: “i versi sono un bastone/ su di esso mi appoggio/ camminando/ in questa vita”.

A.M.: Arsen ringrazio per la schiettezza delle sue risposte e la saluto anche io con due citazioni. Prendo in prestito le parole di un suo connazionale fortemente ammirato in Europa, Fëdor Michajlovič Dostoevskij “Colui che mente a se stesso e dà ascolto alla propria menzogna arriva al punto di non saper distinguere la verità né dentro se stesso, né intorno a sé e, quindi, perde il rispetto per se stesso e per gli altri.” ed infine: “Il segreto dell’esistenza umana non sta soltanto nel vivere, ma anche nel sapere per che cosa si vive.”

Written by Alessia Mocci
Info
Sito Macabor Editore
http://www.macaboreditore.it/
Acquista Chiedo asilo poetico
http://www.macaboreditore.it/home/index.php/libri/hikashop-menu-for-categories-listing/product/110-chiedo-asilo-poetico

Fonte
https://oubliettemagazine.com/2020/06/25/intervista-di-alessia-mocci-al-poeta-russo-arsen-mirzaev-vi-presentiamo-chiedo-asilo-poetico/

INRETE lancia “INRETE DIGITAL” e punta su DIGITAL MARKETING e WEB TECHNOLOGY

INRETE SPINGE SU DIGITAL MARKETING E WEB TECHNOLOGY:

NASCE "INRETE DIGITAL"

 

L' agenzia full service supporta la crescita e il cambiamento delle aziende sul web con un approccio "Performance and people driven".

 

Milano, 9 giugno 2020 - Inrete raddoppia. Nell'anno che ha irreversibilmente messo in evidenza la centralità del digitale in ogni ambito professionale, la società di consulenza di Simone Dattoli punta ancora con più decisione sull'innovazione e porta a compimento un progetto che amplia l'approccio digitale di Inrete a Lobbying, Advocacy e Ceo Branding, con nuovi servizi digital "performance driven" e potenzialità date dalle più evolute tecnologie e strategie web: nasce Inrete Digital.

 

Inrete Digital è l'agenzia di digital marketing "full service" in grado di gestire tutte le attività necessarie per il design e lo sviluppo di percorsi digitali ad alto valore strategico, creativo e tecnologico; unisce all' affermata esperienza di Inrete nell'ambito della comunicazione corporate e istituzionale per grandi aziende e multinazionali, la professionalità di un team consolidato di oltre 15 professionisti specializzati in digital strategy, data intelligence, experience design e marketing technology.

 

L'obiettivo di questo nuovo progetto imprenditoriale è aiutare le aziende a guardare con fiducia al cambiamento, attraverso un miglioramento misurabile e costante delle performance dei loro processi e touchpoint digitali.

 

Ai servizi di online public relation di Inrete si aggiungono pertanto, con Inrete Digital, attività specifiche in ambito Tecnologia (sviluppo siti web, applicazioni e sistemi di marketing automation), Web Marketing (SEO e posizionamento, campagne di advertising Pay per Clic, ottimizzazione dei tassi di conversione e data Intelligence), Design (esperienza utente, grafica e multimedia).

 

La nuova realtà "full service" di cui Simone Dattoli è Presidente, vede nel ruolo di CEO e cofounder Teobaldo Semoli, imprenditore digitale con 10 anni di esperienza nello sviluppo di progetti web, già cofondatore di tre realtà digital, tra cui una startup con una community che oggi raccoglie oltre 2 milioni di utenti. Al suo fianco, Carlo Cazzaniga, per 7 anni Head of web marketing di Inrete e oggi cofondatore e Account Manager di Inrete Digital, responsabile dell'applicazione delle strategie di crescita aziendale, con una spiccata propensione all'innovazione.

 

Simone Dattoli, Presidente "Anticipare i trend e gli orientamenti del mercato di riferimento è sempre stata la nostra principale leva distintiva, e la nascita di Inrete Digital si muove esattamente in questa direzione. L'attività di Public Affairs e Advocacy è sempre più imprescindibilmente legata al digitale e all'utilizzo dei nuovi strumenti di comunicazione e creazione di consenso, da qui la scelta di investire su un team di giovani e brillanti talenti che facessero di questa specializzazione un'eccellenza".

 

Teobaldo Semoli, CEO "Dopo diversi anni di esperienza nell'ambito digitale, ho accettato con entusiasmo questa sfida che permette a Inrete - attraverso un approccio orientato a tecnologia, marketing e analisi dati- di portare innovazione in ogni attività, puntando sempre più a un alto livello di performance digitali nelle attività consolidate di Ceo Branding, Social Advocacy e Digital Communication. Sono infatti queste le attività consolidate hanno creato l'eccellenza di Inrete, alle quali si affiancherà lo sviluppo di nuovi servizi chiave, da efficaci campagne di web marketing, alla creazione di App e web design a elevate prestazioni".

 

Inrete Digital è strutturata in 5 divisioni (Project management, Sviluppo, Design, Grafica e Multimedia, Web Marketing) oltre a due business unit dedicate: Pharma, guidata da Luca Simonato, già Direttore Generale di Inrete, finalizzata alla creazione di progetti di disease awareness e allo sviluppo di piattaforme e app per il settore healthcare; e ID Performance, dedicata alla crescita e innovazione di Startup e PMI.

 

Un lavoro che valorizza dati e insights, analizza scenari, servendosi delle migliori tecnologie a disposizione. Un approccio che non è solo Performance oriented, ma anche People oriented: in grado di cogliere, comprendere e valorizzare la parte umana, irrazionale e creativa, che influenza trend e mercati. E arrivare alle Persone.



--
www.CorrieredelWeb.it

MD torna in TV. LA BUONA SPESA RACCONTATA DAI CONSUMATORI

MD torna in TV

LA BUONA SPESA RACCONTATA DAI CONSUMATORI

  

Milano, giugno 2020 – L'esordio della prima campagna TV di MD - con Antonella Clerici on stage in uno dei supermercati dell'insegna e con l'allegria di personale e cassiere co-protagonisti di un vero mini-musical sulle note di "Vengo Anch'io? Si, tu sì" del bravissimo Paolo Jannacci - era avvenuto a fine febbraio ed era continuato nei giorni in cui la televisione è stata una compagna assidua, quasi H. 24, delle famiglie in lockdown. Lo spot ha così regalato un momento di serenità, un sorriso a chi guardava con apprensione anche a possibili notizie negative dal fronte degli approvvigionamenti alimentari.

 

Ora, passata la grande paura - almeno quella relativa alla spesa che la catena guidata da Patrizio Podini ha affrontato con grande prontezza e solidarietà per clienti e personale - MD torna in TV e rinnova la creatività lasciando però intatto l'impianto di musical corale della campagna.

 

Il nuovo spot è ancora aperto da Antonella Clerici, che munita di carrello entra in un MD, e chiuso dalla bellissima immagine delle cassiere che cantano sorridenti, categoria a cui oggi guardiamo tutti con un'attenzione e un affetto diversi.

 

Il cuore dello spot vede ragazzi e ragazze, famiglie, coppie e bambini diventare i nuovi protagonisti che gustando prodotto dopo prodotto testimoniano la loro bontà e diffondono il buonumore legato a tutti i valori positivi di MD.

 

Nei nuovi filmati l'allegria, la simpatia e lo stile informale, curato e sempre più ricco di scelta di MD vengono avvalorati dalla presentazione delle sue linee di prodotto speciali e di alta qualità: "Lettere dall'Italia®", dedicata alle eccellenze del nostro territorio, tra cui molte certificate DOP e IGP, "Vivo Meglio®" che offre tutto il gusto della leggerezza, "Bio®" per chi ama la naturalezza e "Botanika®" per la bellezza.

 

Gli spot celebrano innanzi tutto l'italianità dei prodotti che da sempre caratterizza il paniere alimentare MD: infatti ben il 90% dell'assortimento presente nei punti vendita è di origine italiana e il restante 10% completa l'assortimento solo con eccellenze di altri Paesi Europei.

 

Comunicano anche un piccolo, ma significativo regalo ai clienti: MD festeggia il suo 26mo compleanno con uno sconto del 26% su oltre 250 prodotti scelti tra questi che sono i marchi più rappresentativi dell'insegna.

 

Un punto di sconto per ciascuno dei suoi bellissimi 26 anni di età.

 

Per questa campagna sono stati realizzati tre spot da 30": "Lettere dall'Italia", "Vivo Meglio",

"Sconto 26%" e uno spot da 15" dedicato alle "Pesche gialle", italiane come tutta l'ortofrutta di MD. Una prima tranche di questi spot è andata in onda già dal 14 giugno su La7 e alcuni media locali e prosegue fino al 27 giugno in programmazione sulle reti RAI e Mediaset.

 

I nuovi spot andranno ad affiancare le già previste campagne radiofoniche su reti nazionali, l'outdoor e le pagine tabellari su femminili e specializzati, oltre alle ormai storiche manchettes sui principali quotidiani. 

 

CREDITS 

Agenzia: Sunny Milano S.r.l.

Direttori Creativi: Antonio Cirenza, Marco Calaprice

Direttore Clienti: Francesco Bruti

Casa di Produzione: Brand-Cross

Produttore: Emanuela Cavazzini

Musica: Paolo Jannacci

Montaggio: Danilo Torchia

Post Produzione: XLR8

 

Mediaplanning a cura di Sicom srl, la società di Nello Franco che affianca l'azienda da 16 anni.

 

Chi è MD

MD è il secondo player italiano del settore discount che con il marchio MD, detiene oltre 8o0 punti vendita in tutta Italia, serviti da 8 centri logistici per la distribuzione. L'azienda, fondata 26 anni fa dal Cav. Patrizio Podini che tuttora la presiede, detiene una quota di mercato del 16%, occupa oltre 7.000 dipendenti e ha chiuso il 2019 con2,75 Mld di vendite nette, registrando una crescita del 10%.



--
www.CorrieredelWeb.it

Giorgio Chiesi e l'arte italiana e milanese degli anni 70

Risalgono a fine anni '70 le prime personali di Giorgio Chiesi dopo un lungo periodo di studio e di sperimentazione per recuperare gli anni che da giovane non aveva dedicato all'arte.
Non aveva fatto studi specifici pur avendo sempre avuto una grande passione per l'arte ed il design sfociati nella sua iniziale attività di imprenditore del settore dell’occhialeria.
Disegnare e dipingere risultarono subito “naturali” e gli amici e gli artisti lo incoraggiarono fin dalle prime sperimentazioni.
Dovette però recuperare i fondamentali con anni di studio non semplici. Per fortuna anche i clienti apprezzarono subito la sua produzione.
Le due prime importanti personali vennero fatte lontano da Milano, entrambe in Toscana e si rivelarono un successo anche di critica.
La prima presso la storica galleria L'indiano di Firenze di Paolo Marini e Piero Santi con un catalogo di Renzo Bertoni, la seconda presso la galleria La Vecchia Farmacia di Forte Dei Marmi.
Giorgio Chiesi, anni 70, archivio 1747
 
L’arte di Chiesi, inizialmente influenzata dalle opere di Bacon e Giacometti, beneficiò dall'avere come amici pittori affermati come Gianfranco Ferroni, Giuseppe Migneco e Ibrahim Kodra.

Importante fu poi frequentare altri artisti milanesi che influenzarono l’intera arte italiana e non solo come Gianni Dova, Aligi Sassu, Ennio Morlotti, Bruno Cassinari, Ernesto Treccani, quasi tutti componenti del gruppo di “CORRENTE”, fondato da Treccani dal 1934 al 1943.

Vai a conoscere di persona Giorgio Chiesi e le sue opere nello studio di Busseto. Avrai così la possibilità di immergerti nell’arte nelle terre di Giuseppe Verdi.
335-8115375
GiorgioChiesi.net

sabato 27 giugno 2020

Chiara Pavoni al Domus Park Hotel nelle vesti di White Queen


Al Domus Park Hotel di Frascati venerdì 3 luglio alle ore 16.30 l’Associazione Moda & Spettacolo Stileventi Team Antenore presenta la sfilata e selezione finale dei concorsi nazionali "Miss Roma Capitale" e “Una star per lo spettacolo”.

domenica 21 giugno 2020

COVID, ISMEA: PER 2020 PERDITA DI 34 MILIARDI DI EURO PER SPESA EXTRA DOMESTICA CRESCE DI 10 MILIARDI DI EURO LA SPESA DOMESTICA

Ismea logo
 
COVID, ISMEA: PER 2020 PERDITA DI 34 MILIARDI DI EURO PER SPESA EXTRA DOMESTICA CRESCE DI 10 MILIARDI DI EURO LA SPESA DOMESTICA
 
 
Roma, 17 giugno 2020 -   Il sistema agroalimentare italiano, inizialmente meno colpito di altri settori dagli effetti del lockdown, potrebbe chiudere il 2020 con una penalizzazione significativa. I dati negativi sono influenzati dalla chiusura pressoché totale, nei mesi precedenti, del canale della ristorazione, così come dai contraccolpi sui flussi di esportazione.

Le stime del terzo Rapporto Ismea sulla domanda e l'offerta dei prodotti alimentari nell'emergenza Covid-19 appena pubblicato parlano chiaro e forniscono indicazioni sul cambiamento di alcuni comportamenti d'acquisto: sul fronte del consumo alimentare extradomestico, la spesa delle famiglie, nel 2019, ha sfiorato gli 86 miliardi di euro, con un incremento reale sull'anno precedente dell'1,6%. A fronte di tale andamento decisamente positivo, le prospettive dei consumi extra-domestici per tutto il 2020 sono tutt'altro che incoraggianti: si può stimare prudenzialmente per il canale Horeca un calo pari 40%, per un ammontare che si aggirerebbe attorno ai 34 miliardi di euro di perdita. D'altro canto, parte di questi consumi sono compensati dalla crescita delle vendite al dettaglio, che autorizzano a prevedere, per il complesso del 2020, un aumento dei consumi domestici del 6% circa rispetto al 2019. Date queste ipotesi, l'impatto complessivo sul totale della spesa agroalimentare domestica ed extradomestica per il 2020 consisterebbe in una riduzione attorno al 10%, pari a un valore di circa 24 miliardi di euro.

Le vendite al dettaglio si mantengono sostenute anche nella prima metà del mese di maggio. Nella settimana dall'11 al 17 maggio, ossia quella in cui i decreti hanno permesso le prime riaperture e un minor contenimento degli spostamenti, l'incremento della spesa per gli alimenti confezionati su base annua segna ancora una crescita del +11% come media nazionale.

Cambiano però le abitudini da parte dei consumatori: cala l'acquisto di farina (da +142% a + 70%), pasta (da +24% a +4%) e uova (da+36% a +17%), mentre gli affettati mantengono un +19%. Crescono invece gli acquisti di "bollicine" che segnano un +20% e i vini a +15%.

Il latte a lunga conservazione rimane preferito a quello fresco e segna un +7% (era a +23%). Torna vigorosa la voglia di risparmio, così gli italiani tornano ai discount + 18% e anche gli ipermercati fanno segnare un +3%.


--
www.CorrieredelWeb.it

venerdì 19 giugno 2020

ANTARES VISION - La tecnologia per contrastare la contraffazione

La multinazionale italiana è leader mondiale per l'ispezione visiva, la tracciatura, la gestione intelligente dei dati

CONTRAFFAZIONE: OGNI ANNO IN ITALIA PERDITE PER 2,2 MILIARDI DI EURO

ANTARES VISION: "AFFIDIAMOCI ALLA TECNOLOGIA PER CONTRASTARLA" 

Travagliato (BS), 17 giugno 2020 – Ogni anno la contraffazione costaai Paesi dell'Unione Europea qualcosa come 19 miliardi di euro in vendite non realizzate, generando nel nostro Paese perdite pari a 2,2 miliardi di euro in quattro settori fondamentali per la nostra economia: cosmetici e cura della persona, farmaceutico, giocattoli, vino e alcolici. È quanto emerge dall'ultima stima realizzata dall'Ufficio dell'Unione Europea per la Proprietà Intellettuale (EUIPO).

 

Antares Vision, leader mondiale nei sistemi d'ispezione e visione per il controllo qualità, nelle soluzioni di tracciatura per il controllo della filiera e nella gestione intelligente dei dati, rappresenta un punto di riferimento globale nella lotta alla contraffazionea cui l'azienda contribuisce in maniera determinante attraverso una tecnologia software e hardware ideata e sviluppata internamente in grado di garantire il processo di protezione dei prodotti durante il loro ciclo di vita. Attraverso i controlli di ispezione visiva si garantisce l'integrità del prodotto e il rispetto degli standard qualitativi richiesti. Grazie allesoluzioni di tracciatura, in particolare la serializzazione, la singola unità viene dotata di una "carta d'identita" unica, ovvero un numero seriale univoco, grazie al quale l'articolo viene identificato, seguito e verificato nel suo percorso, dalla produzione fino al consumatore finale. 

 

I dati emersi dalle stime di EUIPO sono allarmanti sia dal punto di vista delle aziende, che per il consumatore finale. La necessità di trasparenza e sicurezza a 360° sono indispensabili, oltre che temi di enorme rilevanza che riguardano tutti i mercati. Il fenomeno delle frodi e del falso Made in Italy è in costante aumento e, soprattutto negli ultimi mesi, ha registrato un'accelerazione a causa della crisi dovuta all'emergenza coronavirus e alla ridotta capacità di spesa dei consumatori.

 

"Grazie alla nostra esperienza maturata nel settore farmaceutico, estremamente complesso a livello di normative internazionali, siamo in grado di contraddistinguerci sul mercato per lo sviluppo di una tecnologia innovativa, sia dal punto di vista hardware sia softwareanche per settori di largo consumo quali gli alimenti, le bevande, i cosmetici – commenta Emidio Zorzella, CEO di Antares Vision –. Ci riusciamo proponendo una soluzione customizzata, che analizzi non solo le necessità e i requisiti del settore di riferimento ma anche della singola realtà, sfruttando la digital transformation per soddisfare bisogni come qualità, affidabilità e tracciabilitàL'obiettivo finale è la completa trasparenza dei processi produttivi e distributivi per rendere il consumatore finale sempre più informato, sicuro e consapevole dei propri acquisti"

 

Chi è Antares Vision

Società quotata da Aprile 2019 su AIM Italia mediante business combination con ALP.I (SPAC promossa da Mediobanca), Antares Vision garantisce la protezione dei prodotti durante il loro ciclo di vita attraverso sistemi d'ispezione per il controllo qualità, soluzioni di tracciatura per l'anticontraffazione e il controllo della filiera, gestione intelligente dei dati per l'efficienza produttiva e il coinvolgimento del consumatore, in tutti i settori industriali più esigenti, dal farmaceutico ai dispositivi biomedicali, dal food al beverage, dal cosmetico al fashion. Antares Vision raggiunge oltre 60 Paesi nel mondo con soluzioni complete e flessibili, hardware e software, e relativi servizi: può contare su 4 sedi in Italia (Brescia, Parma, Piacenza e Latina), 12 filiali estere (Irlanda, Germania [2], Francia [2], USA [2], Brasile [2], India, Russia e Hong Kong), 2 centri di Innovazione e Ricerca (Italia e Irlanda), oltre a una rete di oltre 30 partners in tutto il mondo. Con 20 anni di esperienza nelle tecnologie di visione, Antares Vision è fornitore di 10 delle 20 principali aziende farmaceutiche mondiali: sono oltre 25.000 i sistemi d'ispezione che assicurano ogni giorno la sicurezza e la qualità del prodotto, con 6.500 controlli di ispezione e oltre 3.500 linee di serializzazione installate in tutto il mondo che garantiscono la tracciabilità di oltre 5 miliardi di prodotti in tutta la filiera distributiva. Con l'obiettivo di continuare e sostenere la strategia di crescita e sviluppo, nel corso del 2019 sono stati perfezionati accordi di partecipazione con T2 Software, azienda brasiliana specializzata nelle soluzioni per la gestione intelligente dei dati, e Orobix, azienda italiana leader nei servizi di intelligenza artificiale, oltre all'acquisizione del 100% di FT System, leader del controllo e ispezione nel settore beverage. Ad aprile 2020, inoltre, Antares Vision ha finalizzato un accordo per l'acquisizione dell'82,83% di Tradeticity, azienda croata specializzata nella gestione software dei processi di tracciabilità avanzata. Nel 2019 Emidio Zorzella e Massimo Bonardi sono stati insigniti del premio miglior imprenditore dell'anno Ernst & Young per l'innovazione.



--
www.CorrieredelWeb.it

Epson presenta ERS, il software di diagnostica per l'assistenza remota


Epson annuncia Epson Remote Services, il software di diagnostica per l'assistenza remota delle stampanti

La nuova soluzione riduce i tempi e i costi dell'assistenza, migliora la manutenzione dei prodotti e contribuisce all'efficienza del lavoro dei tecnici.

Cinisello Balsamo, 18 giugno 2020 - Epson annuncia Epson Remote Services (ERS), un nuovo software gratuito di assistenza remota per i rivenditori che permette di migliorare la gestione del parco di stampanti inkjet per l'ufficio per i loro clienti. Grazie all'abilitazione della diagnostica e della risoluzione dei problemi da remoto, ERS contribuisce a ridurre i costi di assistenza e a minimizzare i tempi di fermo dei prodotti; inoltre, richiede meno assistenza in loco e offre maggiori tassi di risoluzione dei problemi al primo intervento.

ERS permette solo ai tecnici autorizzati di visualizzare da remoto i messaggi di errore per diagnosticare in maniera accurata gli eventuali malfunzionamenti e risolverli oppure, se necessario, di inviare personale con tutte le informazioni e i ricambi adatti, così da aumentare il tasso di risoluzione dei problemi al primo intervento.

"Dato che Epson opera esclusivamente tramite canali indiretti, vogliamo dare ai nostri rivenditori le soluzioni ottimali per offrire il servizio migliore ai loro clienti", ha dichiarato Luca Motta, Channel Sales Manager di Epson Italia. "Epson Remote Services fa sì che essi possano ricevere un messaggio di allerta in tempo reale nel caso in cui si verifichi un problema, ma permette loro di monitorare da remoto anche la diagnostica dei parchi gestiti. In questo modo, i problemi possono essere individuati e risolti rapidamente oppure compresi prima ancora che venga inviato un tecnico dell'assistenza".

L'opinione del canale

"Siamo una delle prime aziende ad aver partecipato al lancio di Epson Remote Services", ha dichiarato Vinicio Lazzerini di Quaiz srl. "Siamo stati immediatamente in grado di apprezzare le caratteristiche di questo strumento, che si è dimostrato un software molto potente ed efficace in termini sia di monitoraggio sia di intervento da remoto. Il software ci consente di anticipare i bisogni del cliente e di agire da remoto quando insorgono situazioni problematiche, in modo da evitare il più possibile i tempi di fermo. Se necessario, grazie al monitoraggio preciso e puntuale possiamo attivare procedure di intervento e cicli di pulizia, il che è particolarmente importante per quelle realtà che stampano molto, come un nostro cliente che gestisce un servizio di outsourcing per l'amministrazione pubblica italiana e stampa fino a 15.000 pagine al giorno utilizzando le stampanti Epson Enterprise. Questa azienda è molto soddisfatta perché ha la certezza di un'assistenza continua e di alta qualità, senza interruzioni".

Epson Italia
Epson Italia, fa parte del gruppo Epson, leader mondiale nell'innovazione con soluzioni pensate per connettere persone, cose e informazioni con tecnologie proprietarie che garantiscono efficienza, affidabilità e precisione. Epson ha come obiettivo primario promuovere l'innovazione e superare le aspettative dei clienti in settori, quali stampa inkjet, comunicazione visiva, tecnologia indossabile e robotica. Epson Italia, in linea con il gruppo Epson, è impegnata da anni sul fronte della CSR (Responsabilità Sociale d'Impresa) con la partecipazione e la promozione di iniziative e attività di alto livello culturale, nei quali la tecnologia Epson possa apportare un contributo di eccellenza in termini di innovazione.
Gruppo Epson
Epson è leader mondiale nell'innovazione con soluzioni pensate per connettere persone, cose e informazioni con tecnologie proprietarie che garantiscono efficienza, affidabilità e precisione. Con una gamma di prodotti che comprende stampanti inkjet, sistemi di stampa digitale, videoproiettori 3LCD, così come orologi e robot industriali, Epson ha come obiettivo primario promuovere l'innovazione e superare le aspettative dei clienti in vari settori, tra cui: stampa inkjet, comunicazione visiva, tecnologia indossabile e robotica. Con capogruppo Seiko Epson Corporation, che ha sede in Giappone, il Gruppo Epson conta oltre 76.000 dipendenti in 87 società nel mondo e partecipa attivamente allo sviluppo delle comunità locali in cui opera, continuando a lavorare per ridurre l'impatto ambientale.

Epson Europe
Epson Europe B.V., con sede ad Amsterdam, è il quartier generale regionale del Gruppo per Europa, Medio Oriente, Russia e Africa. Con una forza lavoro di 1.830 dipendenti, le vendite di Epson Europa, per l'anno fiscale 2017, hanno raggiunto i 1.700 milioni di euro.

Epson Italia
Epson Italia, sales company nazionale, per l'anno fiscale 2018 (aprile 2018 - marzo 2019) ha registrato un fatturato di oltre 237 milioni di Euro e impiega circa 215 persone.




--
www.CorrieredelWeb.it

Follow by Email

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *