Cerca nel blog

lunedì 30 settembre 2019

Mobilità, Flotte Aziendali: assegnati dai fleet manager gli oscar del noleggio

Flotte Aziendali: assegnati dai fleet manager gli oscar del noleggio

Una ricerca dell'Osservatorio Top Thousand individua aree virtuose e da migliorare nell'offerta di noleggio auto a lungo termine alle grandi aziende

Premiati dai fleet manager gli operatori di noleggio più virtuosi.


Roma, 30 settembre 2019  Le grandi aziende italiane sono sempre più soddisfatte dei servizi di noleggio a lungo termine e sempre più spesso li utilizzano per soddisfare le proprie esigenze di mobilità, come testimoniano i dati di mercato in continua crescita: il noleggio a lungo termine nei primi 8 mesi del 2019 ha rappresentato il 14,4% dell'immatricolato automotive e muove ogni giorno quasi 1 milione di driver
I servizi più apprezzati dai fleet manager
La relazione commerciale, la gestione amministrativa, il customer service. Le aree da migliorare: marketing, information technologyconsulenza e telematica.

È questo il verdetto dei gestori delle flotte aziendali che emerge dalla survey "Noleggio&Qualità", presentata nel corso dell'evento Customer Centricityorganizzato dalla rivista Fleet Magazine con il patrocinio dell'Osservatorio Top Thousand (l'Osservatorio sulla mobilità aziendale), sulla soddisfazione dei fleet manager per i servizi di noleggio a lungo termine.

La ricerca ha preso in considerazione 100 grandi aziende nazionali e multinazionali (con una flotta complessiva di 100.388 veicoli) per verificare il livello di qualità dei servizi offerti dalle società di long term percepito dagestori delle flotte. In tutto, oltre 6.800 le risposte fornite.

Sulla base dei riscontri ricevuti dai fleet manager, per ognuna delle 7 aree di attività identificate sono stati poi individuate le società di long term più apprezzate dalle aziende clienti e nel corso dell'evento sono stati consegnati i riconoscimenti. Per consentire un confronto più equilibrato tra gli operatori di diverse dimensioni, sono state considerate due diverse categorie: le grandi società di noleggio (con una flotta di oltre 50.000 veicoli) e quelle medio-piccole (con flotta inferiore a tale soglia).

Questo l'esito delle preferenze per ogni singola area.

• Relazione commerciale: premiate Arval e Alphabet, in particolare per la reperibilità e per la capacità di ascolto in caso di insoddisfazione del cliente.
• Gestione AmministrativaLeasys, Car Server e Alphabet. Tra i servizi più apprezzati la gestione degli adempimenti previsti dall'articolo 94 del Codice della Strada e la chiarezza e comprensibilità dei documenti inviati.
• Information TechnologyAld Automotive e Europcar, particolare soddisfazione per l'usabilità dei portali e per la credibilità tecnologica e informatica del fornitore di servizi.
• Customer ServiceVolkswagen Financial Service e Program. Personale facilmente raggiungibile (via telefono e email) e soddisfazione per la gestione sinistri sono i fiori all'occhiellodell'offerta delle due aziende premiate.
• MarketingVolkswagen Financial Service e Program,apprezzate soprattutto per la capacità di coinvolgimento in eventi di presentazione di nuovi prodotti e servizi.
• ConsulenzaALD Automotive e Sifà. I fleet manager le hanno giudicate positivamente per la capacità di fornire preziose indicazioni sul Total Costo of Mobility e in tema di emissioni.
• TelematicaArval e Free2Moove per la trasparenza delle informazioni fornite sulla presenza scatola nera.

Infine 4 sono state le menzioni speciali per altrettanti operatori, segnalati dai fleet manager per l'elevata qualità del servizio espresso in una specifica attività: Locauto per la gestione delle contravvenzioniLeaseplan per la sicurezza sulle stradeAthlon Car Lease per la consegna delle vetture nuove Leasys per la trasparenza delle comunicazioni relative ai dispositivi telematici.

"Come conferma questa ricerca condotta sui fleet manager delle grandi aziende", spiega Gianfranco Martorelli, Presidente di Top Thousand, "il generale gradimento delle grandi aziende per i servizi del noleggio a lungo termine è in costante crescita. I gestori delle flotte chiedono oggi di essere coinvolti sempre di più e di essere considerati come partner con cui definire soluzioni ad hoc per le specifiche esigenze di mobilità dell'azienda. Ampi margini di crescita si intravedono ancora nelle potenzialità ancora inespresse dell'offerta di servizi telematici, il cui maggiore utilizzo nei prossimi anni renderà le flotte sempre più connesse ed efficienti".


--
www.CorrieredelWeb.it

INFLAZIONE: COLDIRETTI, 1 PRODOTTO SU 4 IN SALDO, SOS DEFLAZIONE

INFLAZIONE: COLDIRETTI, 1 PRODOTTO SU 4 IN SALDO, SOS DEFLAZIONE

 

Un prodotto alimentare su quattro viene acquistato dagli italiani in promozione con l'obiettivo di cercare il risparmio è ridurre i costi del carrello della spesa, con effetti evidenti sul contenimento dell'inflazione. E' quanto emerge da una analisi della Coldiretti nel commentare i dati Istat sull'inflazione che a settembre rimane contenuta. Non ci sono spazi per agire sull'Iva in una situazione in cui gli italiani – sottolinea la Coldiretti – sempre piu' spesso vanno a caccia dei prezzi piu' bassi anche facendo lo slalom nel punto vendita, cambiando negozio, supermercato o discount, ma anche sperimentando canali alternativi come gli acquisti di gruppo, quelli on line o dal contadino. Accanto alla formula tradizionale del 3×2 ed ai punti a premio – continua la Coldiretti – si sono moltiplicate e differenziate le proposte delle diverse catene per renderle meno confrontabili tra loro e piu' appetibili ai clienti: dalle vendite sottocosto che devono seguire regole precise ai buoni spesa. Tra i prodotti alimentari venduti in offerta piu' frequentemente ci sono – precisa la Coldiretti – quelli simbolo della dieta mediterranea che non possono mancare dalle tavole degli italiani e hanno quindi un effetto calamita sui clienti: dall'olio di oliva alla pasta, dalle conserve di pomodoro ai vini fino alla frutta. Un onere che spesso ricade sui fornitori per effetto delle distorsioni e delle speculazioni che si verificano lungo la filiera a causa degli evidenti squilibri di potere contrattuale. Nei campi infatti è deflazione profonda con gli agricoltori che – denuncia Coldiretti – si vedono oggi pagare la frutta, dalle albicocche alle pesche, pochi centesimi, circa il 30% in meno rispetto allo scorso anno e al di sotto dei costi di produzione. Gli agricoltori – sottolinea la Coldiretti – per potersi permettere un caffè devono vendere tre chili di frutta sulla quale pesano quest'anno i drammatici attacchi della cimice asiatica che nelle regioni del Nord ha distrutto i raccolti in numerose aziende. Serve intensificare l'attività di controllo e vigilanza anche per evitare che vengano spacciati come nazionali prodotti importati ma – conclude la Coldiretti - è anche necessario al piu' presto il recepimento della direttiva (UE) 2019/633 in materia di pratiche commerciali sleali del 17 aprile 2019 per ristabilire condizioni contrattuali più eque lungo la catena di distribuzione degli alimenti, con l'introduzione di elementi contrattuali e sanzionatori certi rispetto a prassi che finora hanno pesantemente penalizzato i produttori.



--
www.CorrieredelWeb.it

MINSAIT (INDRA) sviluppa la nuova piattaforma di workforce management di YOUGENIO

MINSAIT MIGLIORA LA CUSTOMER EXPERIENCE DI YOUGENIO CON UNA NUOVA PIATTAFORMA DIGITALE DI WORKFORCE MANAGEMENT

 

·         La società di Indra ha implementato una nuova soluzione di Workforce Management che consente di ottimizzare la pianificazione degli interventi giornalieri degli operatori

 

·         I clienti potranno disporre di un servizio più puntuale potendo sempre contare sull'operatore più qualificato a garanzia della migliore Customer Experience

 

·         La piattaforma ridurrà i costi operativi attraverso l'ottimizzazione dei task assegnati agli operatori in base alle specifiche caratteristiche del territorio, alla disponibilità e alle competenze, grazie a uno strumento semplice e intuitivo

 

·         La soluzione di Workforce Management di Minsait, implementata e sviluppata insieme a Yougenio, apre le porte ad altre applicazioni in molti settori, aiutando a ridurre i costi operativi e ottimizzare il business attraverso la gestione smart delle turnazioni dei dipendenti in ospedali, retail e pubbliche amministrazioni

 

  

Roma, 30 settembre, 2019. Minsait, società di Indra, ha rivoluzionato la gestione dei tecnici ed esperti di Yougenio, lo specialista di servizi per la casa e la famiglia del gruppo Rekeep, con un innovativo progetto di trasformazione digitale.

 

La società di Indra ha implementato una soluzione innovativa di Workforce Management che consente a Yougenio di pianificare gli interventi giornalieri degli operatori, ottimizzando l'allocazione degli esperti, migliorando l'esperienza dei clienti e riducendo i costi operativi.

 

Pulizie domestiche, interventi idraulici, elettrici, e molti altri: sono solo alcuni dei servizi che i clienti di Yougenio possono prenotare con pochi clic selezionando l'esperto e l'orario più conveniente. L'integrazione dello strumento con i canali digitali di relazione con i clienti (portale web, app, social media, ecc.) consente agli utenti di scegliere in modo semplice e intuitivo lo specialista più appropriato per ogni esigenza in base all'orario e alla disponibilità geografica, così come ricevere il servizio più rapidamente e con le massime garanzie di qualità.

 

"Grazie a questo innovativo sistema, ideato in casa Yougenio e realizzato da Minsait, siamo oggi in grado di mettere i migliori operatori a disposizione dei nostri Clienti, garantendo loro una esperienza eccellente, grazie alle maggiori capacità in termini di scelta, puntualità e qualità del servizio", ha affermato Alvise Vigilante, CEO di Yougenio. "Alla fine del percorso realizzato insieme a Minsait, Yougenio avrà a disposizione un software proprietario (Youplanner) che costituirà l'asse portante tecnologico su cui costruire la scalabilità ed i futuri sviluppi della società", ha aggiunto.

 

Oltre all'ulteriore miglioramento della customer experience, la società di Rekeep riesce a ottimizzare la gestione delle proprie risorse, pianificando in modo automatico e con la massima precisione i servizi richiesti, le rotte seguite da ogni specialista e i tempi di consegna e realizzazione dei servizi. Tutto questo comporta una riduzione significativa degli spostamenti massimizzando il numero di interventi giornalieri per operatore e aumentando in questo modo il volume di business generato.

 

L'ottimizzazione della pianificazione degli interventi comporta ulteriori benefici per i professionisti di Yougenio, poiché la pianificazione tiene in considerazione anche le esigenze degli operatori (turnover, pause, ferie e permessi). Senza dimenticare l'aumento delle capacità di gestione della base clienti, l'accelerazione del "time to market" nella proposta di nuovi servizi ai clienti e la maggiore lealtà e ricorrenza, derivata dal miglioramento della loro esperienza.

 

"Il progetto realizzato per Yougenio è un esempio dell'approccio di sviluppo congiunto di piattaforme innovative che stiamo proponendo ai nostri clienti, insieme ai quali promuoviamo la creazione di nuove strategie e modelli di business, accelerando la risposta alle loro necessità attraverso soluzioni all'avanguardia, tra cui Document Intelligence, Gestione commerciale e finanziaria, Field Services, Blockchain e Omni-Channel", ha affermato Sergio Scornavacca, responsabile Industry & Consumer Markets di Minsait in Italia.

 

Con oltre 2000 progetti in 30 Paesi, Minsait – la società di Indra che raggruppa il business IT - è leader per la trasformazione e ottimizzazione delle operations delle grandi società di Professional & Facilities Services.

 

Una soluzione innovativa Open Source disponibile per altri settori

 

La soluzione innovativa implementata da Minsait si basa su tecnologie Open Source ed è stata progettata con un approccio orientato al Cloud, il che si traduce anche in significativi risparmi per Yougenio.

 

Il motore di pianificazione è basato su logiche "General Purpose" che consentono agli utenti di personalizzare l'applicazione, adattandola alle proprie richieste e problemi. A differenza di altri prodotti di mercato, le tecnologie "General Purpose" consentono di creare una soluzione su misura per Yougenio, adattandosi nel modo migliore e in ogni momento ai requisiti di business.

 

Inoltre, lo strumento è stato progettato per essere facilmente e velocemente evolvibile, in modo tale da adattarsi in tempi rapidi alle necessità del business e velocizzando il time to market dei servizi offerti.

 

Il cuore del prodotto è lo strumento Red Hat Decision Manager, un motore di business optimization basato su algoritmi di ricerca avanzati e integrato nell'ecosistema Yougenio, in modo che possa interagire con i sistemi di gestione commerciale e con i canali di interazione con i clienti dell'azienda.

 

La soluzione di Workforce Management di Minsait, implementata e sviluppata insieme a Yougenio, apre le porte ad altre applicazioni in molti settori. In particolare, può aiutare a ridurre i costi operativi e ottimizzare il business attraverso la gestione smart delle turnazioni dei dipendenti in ospedali, retail e pubbliche amministrazioni. La nuova soluzione digitale ha anche applicazioni nella pianificazione continua delle attività di manufacturing e nella gestione delle rotte per aziende di logistica, tra le altre aree.



--
www.CorrieredelWeb.it

Extreme Networks è ancora tra i Leader nel Gartner Magic Quadrant for Wired and Wireless LAN Access Infrastructure

Extreme Networks per il secondo anno consecutivo tra i Leader nel Gartner Magic Quadrant for Wired and Wireless LAN Access Infrastructure 2019 


Milano, 30 settembre 2019 - 
Extreme Networks  è posizionata per il secondo anno consecutivo tra i Leader nel Gartner Magic Quadrant for Wired and Wireless LAN Access Infrastructure, pubblicato il 24 settembre 2019 a cura di Bill Menezes, Christian Canales, e altri. In precedenza, per tre anni consecutivi, Extreme Networks era stata posizionata tra i Challenger all'interno dello stesso Magic Quadrant.

Secondo Gartner, "I vendor nel quadrante dei Leader dimostrano la capacità di rispondere a un'ampia varietà di esigenze dei clienti grazie all'ampiezza della propria famiglia di prodotti per l'accesso. Sono abili nel dare forma al mercato, e forniscono applicazioni per l'accesso complete e in grado di fare la differenza, a cui si associano servizi e supporto a livello globale. Inoltre, mantengono relazioni forti con i partner di canale e i clienti, e non hanno nessun punto di debolezza nel proprio portafoglio."

Dopo la pubblicazione del report nel 2018, Extreme ha acquisito Aerohive Networks, aggiungendo al proprio portafoglio di soluzioni di networking basate su software competenze strategiche nella gestione del cloud e della periferia della rete, tra cui il Wi-Fi gestito attraverso il cloud e le soluzioni SD-WAN. Si tratta della quarta acquisizione di una serie che dal 2016 in avanti ha avuto l'obiettivo strategico di rafforzare l'offerta dell'azienda.

Recentemente, Extreme ha inoltre annunciato Extreme Elements, una combinazione di software, hardware e servizi che possono essere combinati e abbinati per creare soluzioni personalizzate per le aziende che puntano a migliorare l'esperienza dei propri utenti in relazione alle connessioni di rete, in qualsiasi settore.

Ed Meyercord, Presidente e CEO di Extreme Networks, ha dichiarato: "Extreme considera la rete come un elemento per la crescita e l'innovazione delle aziende. Continuiamo a investire nel nostro portafoglio di soluzioni cablate e wireless, dalla periferia della rete al cloud, per aiutare i clienti e i partner ad accrescere il vantaggio competitivo e proseguire nella strategia di trasformazione digitale. Vogliamo che la piattaforma cloud di terza generazione che abbiamo acquisito con Aerohive diventi un altro elemento importante di innovazione. Siamo ovviamente orgogliosi del giudizio attribuito da Gartner, e riteniamo che la nostra visione e le nostre soluzioni, e il rapporto che abbiamo costruito con clienti e partner ci consentiranno di rimanere nella posizione di leader ancora per diversi anni".

 

Chiarimento
Gartner non approva nessun vendor, prodotto o servizio descritto nelle proprie pubblicazioni di ricerca, e non consiglia a nessun utente di selezionare esclusivamente i vendor con le valutazioni più alte oppure con altre designazioni. Le pubblicazioni di ricerca di Gartner contengono le opinioni dell'organizzazione di ricerca Gartner e non dovrebbero essere interpretate come affermazioni di fatto. Gartner declina ogni responsabilità, espressa o implicita, in relazione alla ricerca, comprese eventuali garanzie di idoneità dei prodotti per uno scopo specifico.



Informazioni su Extreme Networks
Extreme Networks, Inc 
fornisce soluzioni di rete flessibili e sicure basate su software, dalla periferia della rete al cloud, per la trasformazione digitale. Il servizio e il supporto sono gestiti internamente all'azienda e sono tra i migliori del settore. Con oltre 50.000 clienti nel mondo, tra cui metà delle aziende Fortune 500 e numerosi marchi di riferimento nei settori salute e ospitalità, retail, trasporti e logistica, istruzione, pubblica amministrazione e produzione, Extreme opera in modo agile per assicurare il successo a clienti e partner. Tutto questo viene definito Customer-Driven Networking. Fondata nel 1996, l'azienda ha sede a San Jose in California. 


Extreme Networks e il logo Extreme Networks sono marchi o marchi registrati di Extreme Networks, negli Stati Uniti e in altri Paesi. Gli altri marchi sono proprietà delle rispettive aziende
.



--
www.CorrieredelWeb.it

domenica 29 settembre 2019

La filiera in etichetta vale oltre 259 milioni di euro. Il fenomeno raccontato dall’Osservatorio Immagino

Filiera: la new entry sulle etichette
dei prodotti alimentari

Corta, controllata, garantita, certificata: la filiera è il tema del momento nel mondo del food e invade le confezioni dei prodotti venduti nella distribuzione moderna. Ma quanto vale nel largo consumo confezionato? Oltre 259 milioni di euro di sell-out, calcola l'Osservatorio Immagino.

 

Milano, settembre 2019 – Fino a poco tempo fa era un termine da addetti ai lavori: pochi altri, infatti, ne conoscevano il significato e le implicazioni. Ora, invece, la "filiera" è diventata uno dei valori trainanti dell'universo alimentare italiano anche quando si fa la spesa al supermercato. E così, in quanto fenomeno emergente, è finita sotto la lente dell'Osservatorio Immagino Nielsen GS1 Italy, che le ha dedicato un approfondimento, misurandone l'incidenza sull'assortimento e sulle vendite della GDO, e l'andamento annuo.

Dall'analisi dei 72.100 prodotti alimentari confezionati di largo consumo monitorati dall'Osservatorio Immagino è emerso che nel 2018 erano 613 i prodotti (lo 0,8% del totale) presenti sugli scaffali di supermercati e ipermercati accompagnati da un claim riferito alla filiera di provenienza.

In termini di sell-out, questo paniere ha generato nel 2018 oltre 259 milioni di euro di vendite. Ma se la quota assoluta è ancora bassa (0,9%), il trend è alto: rispetto al 2017, il tasso di crescita è stato pari a +14,1%, quindi ben superiore alla media del settore alimentare.

A trainare il mercato dei prodotti di "filiera" è soprattutto la componente dell'offerta. Nel 2018 sono state 55 le aziende di produzione e 10 i retailer che l'hanno evidenziata sulle confezioni dei loro prodotti, a conferma di come l'impegno per la sicurezza alimentare stia diventando un importante tema di comunicazione, e che, come tale, stia entrando sempre più spesso anche sulle etichette dei prodotti in commercio.

L'Osservatorio Immagino ha rilevato sulle confezioni degli alimentari confezionati ben quattro claim che parlano del "background" dei prodotti (Figura 1). Il più rilevante e quello più performante è "filiera controllata", con 345 prodotti e vendite superiori a 125 milioni di euro, in crescita di +12,3% rispetto al 2017.

Bilancio positivo anche per il secondo claim per importanza: "filiera certificata". L'Osservatorio Immagino l'ha trovato su 72 prodotti per un giro d'affari di 48,5 milioni di euro (+5,4% rispetto all'anno precedente). Pesante battuta d'arresto, invece, per il claim "filiera garantita", presente solo su 22 prodotti e con un calo delle vendite del -11,8% rispetto al 2017.

A completare lo scenario, l'Osservatorio Immagino ha monitorato le indicazioni che fanno riferimento ai claim "filiera corta" e "km 0": complessivamente sono presenti solo su 16 prodotti, per cui il 2018 è stato piatto a livello di vendite, benché la domanda e l'offerta siano state positive.

La comunicazione dei valori di filiera sulle etichette dei prodotti non riguarda tutto il mondo alimentare, ma si concentra su quattro comparti. Il più rilevante è l'ortofrutta confezionata, che, con i suoi 108 milioni di euro di vendite (+5,3% sul 2017), determina il 41,8% del giro d'affari dei prodotti con un claim di filiera in etichetta. Segue il lattiero-caseario (compresi i gelati realizzati con latte di filiera), con il 29,0% di quota e vendite in crescita annua del +6,4%. È andato decisamente più veloce il comparto dei prodotti a base di grano e altri cereali (+14,8% di vendite) che, grazie dall'aumento delle vendite di pasta, prodotti da forno e cereali, ha raggiunto il 12,2% di quota. Il risultato migliore del 2018 lo ha messo a segno l'aggregato carni e uova, con un bel +69,0% di sell-out (17,0% di quota), trainato dal crescendo delle vendite di salumi, carni avicole e carni bovine.


 

GS1 Italy è l'associazione che riunisce 35 mila imprese di beni di consumo. Ha l'obiettivo di facilitare il dialogo e la collaborazione tra aziende, associazioni, istituzioni per creare valore, efficienza, innovazione, per dare più slancio alle imprese e più vantaggi al consumatore. Offre soluzioni concrete come i sistemi standard GS1, per favorire la visibilità e l'efficienza della catena del valore. Il più conosciuto è il codice a barre, usato in Italia e in oltre 150 paesi al mondo, permette lo scambio di informazioni tra Industria e Distribuzione con chiarezza, semplicità e senza errori. Propone inoltre tecniche, strumenti, strategie operative: sono i processi condivisi ECR.



--
www.CorrieredelWeb.it

Sicilia: firmato Protocollo d’intesa tra FIJET Italia FLAI e BCsicilia per la promozione del territorio e delle risorse culturali


BCsicilia - FIJET Italia FLAI

Firmato Protocollo d'intesa tra FIJET Italia FLAI e BCsicilia per la promozione del territorio e delle risorse culturali

Firmato, in occasione della Giornata Mondiale del turismo, che si è svolta a Palermo presso il San Paolo Palace, il Protocollo d'intesa tra FIJET Italia FLAI e BCsicilia per la promozione del territorio e delle sue risorse culturali, turistiche, folcloristiche, ambientali e della tradizione.
Il documento firmato da Giacomo Glaviano, Presidente FIJET Italia FLAI, e da Alfonso Lo Cascio, Presidente di BCsicilia, mira alla realizzazione di attività tese alla valorizzazione dei beni culturali ed ambientali: convegni di studio su storia, arte, archeologia, tradizioni, ambiente; visite guidate sul territorio regionale e nazionale con particolare riferimento ad aree ed ambiti delle zone interne o poco note; congressi e stage legati al folclore, all'artigianato, per l'accrescimento della conoscenza e consapevolezza sul nostro grande patrimonio culturale, oltre che una coscienza turistica nazionale e internazionale attraverso la Federazione Mondiale dei Giornalisti fondata a Parigi nel 1954 che conta oltre 2500 membri di 50 Paesi nei Cinque Continenti.
FLAI, Free Lance Associazione Italiana, aderente alla FIJET (Fédération Internationale des Journalistes et Ecrivains du Tourisme) ha lo scopo di riunire tutti coloro che esercitano a titolo prevalente o esclusivo l'attività di scrittori, Autori, anche nell'ambito del giornalismo scritto, grafico, fotografico e radio-televisivo; di promuovere ogni iniziativa atta ad approfondire la qualificazione professionale e diffondere la conoscenza delle problematiche connesse ai vari settori dell'informazione e della comunicazione e del giornalismo in genere nella realizzazione di opportune forme di collaborazione tra Enti, Organi e Associazioni che concorrono alla programmazione e attuazione di interventi di promozione  del territorio  in ogni suo aspetto, nello studio e la realizzazione di progetti e servizi attinenti a detta promozione; realizzare attività di formazione e aggiornamento anche su basi regionali ai fini istituzionali per potenziare il turismo e la cultura, tutelare la natura e l'ambiente, i beni culturali e artistici, valorizzare e rendere più fruibile il patrimonio turistico e culturale della Sicilia legato principalmente ad aspetti ambientali, artistici, storici, folcloristici, artigianali.
BCsicilia, Associazione culturale e di volontariato per la salvaguardia e la valorizzazione dei beni culturali e ambientali, ha l'obiettivo di favorire la crescita di una pubblica opinione informata e consapevole dei Beni Culturali, in un'ottica di educazione permanente, creando un equili­brato rapporto tra i cittadini e l'ambiente, tra la comunità ed il suo passato; di promuovere la salvaguardia e la valorizzazione dei beni storici, archeologici, monumentali, documentali, etnoantropologici, ambientali, paesaggistici e naturalistici, operando per una modifica dei comportamenti individuali e col­lettivi rispetto ad essi e incoraggiando la partecipazione ed il volontariato dei cittadini e dei giovani; di realizzare studi, ricerche, seminari, congressi, mostre, campi, corsi, attività culturali, pubblicazioni a stampa e online in collaborazione con organismi pubblici e privati interessati alla salvaguardia e valorizzazione del nostro patrimonio culturale, sollecitando il rispetto, l'attuazione e l'approvazione di leggi e provvedimenti normativi per la tutela e fruizione, incoraggiando la partecipazione ed il volontariato dei cittadini e dei giovani, al fine di costruire un'immagine diversa della storia di questa terra.

In  foto: Giacomo Glaviano, Presidente FIJET Italia FLAI e da Alfonso Lo Cascio Presidente BCsicilia.




--
www.CorrieredelWeb.it

Follow by Email

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *