Cerca nel blog

giovedì 31 ottobre 2019

Sfide del nuovo millennio: online il sito web che spiega come affrontarle

Come potenziare la propria leadership e la rapidità decisionale, attraverso le migliori condizioni psicofisiche. 
Sfide del nuovo millennio: online il sito web che spiega come affrontarle
Su davideferretti.com le soluzioni del mental coach per affrontare con coraggio e sicurezza ostacoli che appaiono insuperabili. 
Un punto di riferimento per manager, professionisti e sportivi.
Superare le sfide del “ring” della vita, imparando ad allenare la mente prima ancora che il corpo, attraverso tecniche innovative dedicate ai manager e professionisti del terzo millennio: è online il nuovo sito davideferretti.it, il portale web del mental coach Davide Ferretti, docente e artista marziale, uno dei massimi esperti internazionali di discipline da combattimento che da anni addestra, come istruttore e consulente esterno, squadre Speciali anti-terrorismo, militari e di polizia che operano in condizioni estreme, oltre che professionisti le cui decisioni sono determinanti in situazioni difficili.
Dedicato a manager, imprenditori, sportivi e a chiunque deve scontrarsi con scenari in continua evoluzione - in cui lucidità e rapidità nelle decisioni, fondamentali per un bravo atleta come per un leader, sono determinanti per superare con successo ogni situazione -, il nuovo sito offre soluzioni per apprendere come agire, gestire e affrontare realtà complesse e sovrastare ostacoli che appaiono insuperabili. 
Dai suggerimenti per trasformare la paura in coraggio, alle dieci regole per migliorare la propria leadership in ogni campo, il portale è un utile strumento online per comprendere le potenzialità che ognuno di noi può esprimere scoprendo le innovative tecniche che Davide Ferretti mette a disposizione delle persone che ricoprono ruoli decisionali, nella professione come nella vita.
Tra le varie funzioni, il sito offre un calendario costantemente aggiornato con corsi e seminari in programma - promossi da istituzioni, università e aziende, con cui Ferretti collabora abitualmente – a cui è possibile partecipare per capire come sviluppare abilità di leadership più idonee alle sfide che attendono il professionista del terzo millennio: dai mercati che si evolvono rapidamente ai veloci cambiamenti che spingono a decidere e agire sempre più rapidamente e in condizioni complicate. Non solo ostacoli, è importante anche capire come trasformare in risultati gli ambiziosi obiettivi che ognuno di noi si prefigge. Tanti gli appuntamenti e gli eventi di interesse in agenda, come il seminario in programma il 4 novembre presso la sede della LUISS a Roma, Via Parenzo, organizzato da ELSA The European Law Students Association in cui vengono affrontati argomenti come Motivazione, Problem Solving, Decision Making, a apprendimento di tecniche decisionali e gestione delle situazioni complesse. 
Entrando nelle varie sezioni del menu, traspare la pluriennale esperienza e le autorevoli testimonianze di aziende, manager e istituzioni che, a vario titolo, hanno testato le competenze e i risultati raggiunti grazie alla professionalità di Davide Ferretti. Fondamentale e ribadita più volte è la consapevolezza di dover imparare ad allenare la mente, prima ancora che il corpo, attraverso tecniche innovative dedicate ai manager e professionisti del terzo millennio. 
Un metodo di disciplina raccontato dal mental coach anche nelle pagine del suo libro “Il potere dell’azione. Come affrontare le sfide e vincerle”, edito da Paesi Edizioni: un saggio motivazionale che intende accompagnare il lettore in un percorso di consapevolezza, finalizzato ad accrescere la fiducia in sé e nei propri mezzi. Condensando il “metodo Ferretti” in trenta capitoli, l’autore spiega come affrontando il ring, cioè la vita, si possa imparare a confrontarsi con qualsiasi avversario ritrovando coraggio e fierezza, con l’attitudine di chi sogna di vincere e con i pugni serrati di chi è disposto a battersi per raggiungere lo scopo. Se nel ring s’impara a incassare i colpi, a cadere e rialzarsi, in queste pagine dense di esperienze vissute in prima persona, s’impara a credere nei propri mezzi. All’interno del saggio spunti di riflessione e di esercizi mnemonici e pratici, che ne fanno una guida indispensabile per manager, imprenditori, sportivi e per chiunque deve affrontare sfide che appaiono insuperabili e desidera trovare le soluzioni migliori per agire, superando le proprie paure e diventando artefici del proprio destino.

CvDay 2019: Back to the future, dove sta andando l’industria del credito?

E’ ai blocchi di partenza la tredicesima edizione di CvDay, con focus su
“Back to the future, dove sta andando l’industria del credito?”

Milano, 20 novembre 2019 – Crowne Plaza Hotel, San Donato Milanese

31 ottobre 2019 – Manca poco meno di un mese a CvDay 2019, evento giunto alla tredicesima edizione che rappresenta il più importante e affermato appuntamento italiano del mondo del credito.

“Back to the future, dove sta andando l’industria del credito?” sarà il focus della nuova edizione, ispirato ai numerosi e veloci cambiamenti che stanno riguardando il mondo della credit industry che, più volte negli ultimi anni, si è trovato di fronte a una domanda disruptive: risolvere i propri problemi esclusivamente con l’innovazione e quindi spazzare via il “vecchio” è una scelta saggia? Quanto accaduto nell’ultimo periodo evidenzia che non lo è, il settore del credito non può abbandonarsi all’onda del “nuovo”, ma deve riuscire a mettere a frutto le best practice realizzate negli anni per poter affrontare al meglio le nuove sfide.

CvDay 2019, in programma il prossimo 20 novembre al Crowne Plaza Hotel di San Donato Milanese, rappresenta una occasione di confronto e networking con i Big dell’industria del credito. Attraverso la voce dei principali Players del settore, italiani e stranieri, la tredicesima edizione dell’evento  cercherà di fare luce su quello che è oggi uno dei mercati più complessi da decifrare.

L’agenda della mattinata si articola in 3 Sessioni tematiche:

Ø  “Curve di recupero: tra previsioni e realtà” – Con la moderazione di Chiara Elisei, Co-Deputy Editor Debtwire Europe, la tavola rotonda vedrà coinvolti i Top Manager di Credito Fondiario, Illimity Bank, Deutsche Bank, Gruppo Intesa Sanpaolo, KPMG Corporate Finance Italia e FIRE Group. Al termine Antonio Vanuzzo, Giornalista finanziario Bloomberg, intervisterà Lucia Savarese, Responsabile Direzione crediti non performing Banca Monte dei Paschi di Siena;

Ø  “Lo stato dell’arte del servicing” – la tavola rotonda sarà moderata da Valeria Gubellini, Executive Director – Credit Collection Cribis Credit Management, e sarà una opportunità per conoscere i punti di vista di Manuela Geranio, Professore Aggregato Dipartimento di Finanza dell’Università Bocconi, e dei Top Manager di C.R. Service, Credit Agricole, SI Collection, Iren Mercato e Hoist Finance Italy. Al termine del dibattito, Antonio Vanuzzo intervisterà Antonella Pagano, Managing Director Financial Services Accenture Management Consulting;

Ø  “L’evoluzione dello studio legale tra deontologia e performance”Christian Faggella, Managing Partner La Scala Società tra Avvocati, modera la tavola rotonda che coinvolgerà i Top Manager di Greenberg Traurig Santa Maria, Cerved Legal Service, Studio Legale Ghia, Ifis NPL e Studio Legale Sutti. Al termine del dibattito, Antonio Vanuzzo intervisterà Dino Crivellari, Socio Fondatore Studio Crivellari & Partners Legal Advisors.

Il pomeriggio sarà dedicato al tema FinTech e alla sua applicazione nella credit industry. La sessione dal titolo “Il FinTech bussa alla porta della Credit Industry” prenderà il via con l’intervista di Antonio Vanuzzo a Giovanni Bossi, Membro del Board Clessidra SGR, Co-Head Clessidra Restructuting Fund e Fondatore Cherry, e si svilupperà con la tavola rotonda moderata da Massimo Famularo, Chief FinTech Editor Credit Village Magazine, che coinvolgerà i Top Manager di Associazione Italia 4 Blockchain, Centotrenta Servicing, IBM Italy (to be confirmed) e Credit Fondiario.

La tredicesima edizione di CvDay riserva un’attenzione particolare al mondo FinTech nella credit industry: oltre a dedicare alla tematica un’intera sessione, l’evento premia le StartUp FinTech più innovative del settore dedicando loro una zona dell’area espositiva, in cui potranno entrare in contatto con i Big della credit industry e il pubblico presente.

La sera del 19 novembre, per dare il via alla tredicesima edizione di CvDay, si svolgerà il Gala Dinner nella Sala Volta del Crowne Plaza Hotel. 

Per la registrazione, informazioni e aggiornamenti sul programma: https://www.cvday.events

Numeri record per Forum Banca 2019

LA DODICESIMA EDIZIONE DI FORUM BANCA REGISTRA NUMERI RECORD

Ottobre 2019 – Grande successo per la dodicesima edizione di Forum Banca che totalizza oltre 600 partecipanti di cui 300 operanti nel settore bancario, confermando così le aspettative. 

Più di 100 Speaker, nazionali e internazionali, si sono alternati sul palco conquistando l’attenzione della platea su temi di estrema attualità e di interesse generale, come: human digital, #banca del #futuro, nuove frontiere di pagamenti, Fintech.

“Il ruolo determinante occupato dalle Startup e dall’innovazione in questo settore, l’importanza del Networking, la sempre maggior qualità nei contenuti, la presenza di relatori nazionali e internazionali di altissimo livello: queste sono alcune delle keywords emerse durante i diversi dibattiti. 

La dodicesima edizione di Forum Banca ha presentato una serie di novità, particolarmente apprezzate dai presenti, a sottolineare quanto l’evento stia ricoprendo una posizione da Protagonista nel panorama italiano e si stia consolidando anche a livello internazionale” dichiara Luca Passoni, AD di IKN Italy.

L’appuntamento appena conclusosi ha presentato infatti una serie di elementi nuovi a partire dalle nuove location: la prima giornata di evento, dalla formula Invitation Only, si è infatti svolto @Le Village, prestigioso spazio in Porta Romana, mentre la Main Conference ha avuto luogo al Centro Congressi NH Milanofiori.

Per la prima volta è stato dedicato uno spazio alla Filiale del Futuro, l’hub  dedicato alle nuove tecnologie e alle soluzioni più innovative a disposizione delle banche, e si sono svolti i Tavoli Cyber.

L’edizione 2019 totalizza anche un numero in netta crescita di operatori provenienti dal mondo bancario e di Fintech – in totale 14, che hanno avuto uno spazio loro dedicato all’interno dell’area espositiva, il Fintech Smart Village - oltre a una maggiore internazionalizzazione.

Forum Banca da l’appuntamento al 23 e 24 settembre 2020!

Per informazioni: www.forumbanca.com

Company Profile

IKN Italy è l’acronimo di:

“I” come INSTITUTE: IKN Italy nasce da Istituto Internazionale di Ricerca. Grazie all’esperienza maturata in 30 anni di attività, si posiziona all'interno di una rete internazionale in grado di proporre sia tematiche di grande attualità e interesse, sia relatori di alto livello. La reale fotografia di IKN la "scattano" i numeri di questi 30 anni: oltre 70.000 partecipanti, 20.000 aziende e 10.000 tra relatori e docenti; numeri che conclamano IKN leader indiscusso nel suo settore.

“K” come KNOWLEDGE: la società lavora in settori strategici. Ricerca continua e ascolto del mercato garantiscono a IKN la messa a punto di una formazione non standardizzata, costituita invece da contenuti unici, esclusivi e non "googlabili". 
I settori sui quali si concentra la società sono: Farmaceutico e Dispositivi Medici, Energy & Utilities, Sanità, Banca e Assicurazioni, Retail e GDO, Industrial, Logistica, Legale e Fiscale, Marketing e Vendite, Project Management.

“N” come NETWORKING:  IKN Italy opera all'interno di una rete che le permette di organizzare eventi e iniziative che diventano occasioni di incontro per condividere  esperienze uniche e sviluppare nuove partnership. Le iniziative di IKN Italy generano relazioni ad alto valore aggiunto, attraverso incontri B2B qualificati.

L’Azienda è certificata UNI EN ISO 9001 : 2008 e qualificata per la presentazione di piani formativi a organi istituzionali e fondi interprofessionali che si occupano delle richieste di finanziamento e della gestione dei processi burocratici.

Previste oltre 4 milioni di ricerche per il Black Firday 2019: Budget di 500€ e oltre per il 21% degli intervistati

Previste oltre 4 milioni di ricerche per il Black Friday 2019: budget di oltre 500 per il 21% degli intervistati.


I dati del sondaggio della startup Piucodicisconto .com, a cui hannpartecipato oltre 1000 utenti, evidenziano che gli Italiani hanno in progetto di stanziare un cospicuo budget per il Black Friday 2019. Il 21% ha confermato che spenderà oltre 500€ per questo attesissimo evento.

I dati raccolti rivelano come il fenomeno Black Friday sia in continua crescita, tanto che dalle 2.240.000 ricerche effettuate dagli Italiani nel 2016, abbiano raggiunto nei due anni successivi rispettivamente quota 2.740.000 e 3.550.000. 

Le previsioni per il 2019 indicano nel 20% la crescita attesa. Se così fosse si parlerebbe di 4.300.000 di italiani potenzialmente disposti ad operare acquisti nelle 24 ore del venerdì seguente al Giorno del Ringraziamento americano

Grazie al sondaggio proposto sulla pagina dedicata al Black Friday di Piucodicisconto .com, che nel 2018 ha contato oltre 1.000.000 di visitatori unici, a cui hanno partecipato oltre 1000 utenti è quindi possibile tracciare a grandi linee quello che sarà il trend per il prossimo Black Friday 2019.

Pensi di acquistare online per la settimana del Black Friday?

Il 91,2% degli intervistati ha risposto SÌ. Inutile negare che il Black Friday è l'evento di punta dello shopping online prima del periodo natalizio. Non di rado, infatti, gli utenti acquistano già i regali di Natale proprio durante questo evento. Interessante anche il fatto che ben l'8,8% ha risposto NO. 

Molto probabilmente c'è ancora abbastanza diffidenza in Italia nei confronti dello shopping online, specialmente nell'utilizzo delle carte di credito ormai divenute però uno strumento sempre più indispensabile.

Pensi di pianificare l'acquisto in anticipo rispetto al Black Friday?

Il 74,9% degli intervistati ha risposto SÌ. Un dato che dimostra come l'utente medio interessato agli acquisti online sia comunque un utente preparato e non sprovveduto.

Gli italiani pianificano con cura il proprio acquisto, sapendo già a che prodotto o categoria merceologica sono più interessati. Rimane però una buona fetta di acquirenti (pari al 25,1% degli intervistati) che non sa precisamente cosa vuole comperare e preferisce affidarsi alle offerte del momento.

Pensi che le offerte del Black Friday siano convenienti?

Il 94,1% degli intervistati ha risposto SÌ. Su questo non ci sono dubbi: gli italiani ritengono che le offerte del Black Friday siano davvero vantaggiose. Idea confermata dal fatto che il "venerdì nero" è innegabilmente l'evento shopping più atteso dell'anno

Che budget pensi di riservare per il Black Friday?

Affrontiamo ora l'argomento del sondaggio che più interesserà i commercianti: quanto prevedono di spendere gli italiani durante il Black Friday 2019?

Il 27,5% riserverà fino a 100€ per i propri acquisti, il 26,5% fino a 200€, il 15,9% fino a 300€, l'8,9% fino a 400€ e il 21,1% fino alla ragguardevole cifra di 500€.

Il dato più interessante è senza dubbio la fascia di spesa più alta: 1 intervistato su 5 sostiene che spenderà fino a 500€ per accaparrarsi i prodotti che desidera. 

Questo significa che molti italiani riservano di norma ogni anno un budget consistente per sfruttare al massimo le opportunità offerte del Black Friday. Ciò rende questo evento molto importante e da tenere ben in considerazione da tutti gli operatori del settore vendite.

Rekeep SpA: perfezionata l’acquisizione della società polacca Naprzod


Rekeep S.p.A.: perfezionata l'acquisizione della società polacca Naprzod

Zola Predosa (Bologna), 31 ottobre 2019 – Facendo seguito a quanto comunicato in data 25 settembre 2019, Rekeep S.p.A. ("Rekeep"), capofila del principale gruppo italiano attivo nell'integrated facility management, comunica di aver perfezionato, tramite la propria controllata Rekeep World S.r.l., l'acquisizione dell'80% del capitale di Naprzod SA (la "Società"), azienda leader in Polonia nel settore del facility management in ambito sanitario, dalla holding cui fanno riferimento i quattro soci fondatori.

Si intensifica in questo modo la crescita internazionale di Rekeep che ha già visto i primi risultati in Francia e Turchia: l'acquisizione di Naprzod, infatti, consentirà al Gruppo di superare nell'esercizio 2019 il 10% di ricavi totali registrati all'estero, consolidando l'obiettivo di diversificazione geografica, attraverso aggiudicazioni e partnership locali con imprese con management riconosciuto nei singoli Paesi, e rafforzando il posizionamento nel segmento healthcare.
Si tratta di un'operazione strategica per il Gruppo Rekeep che, grazie alle proprie competenze, consentirà a Naprzod l'ingresso in servizi adiacenti che la Società attualmente non fornisce (manutenzioni, gestione calore, laundering & sterilization, etc.), permettendole, in questo modo, di posizionarsi quale leader nel settore dell'integrated facility management in Polonia.

Inoltre, l'acquisizione determina una significativa creazione di valore tra i due Gruppi attraverso sinergie, possibilità di cross-selling ed efficienza operativa, consentendo a Rekeep di posizionarsi, da subito, quale leader in Polonia nel settore del facility management in ambito sanitario.

-------------------
Rekeep S.p.A.
Rekeep S.p.A. ("Rekeep") è il principale operatore italiano e uno dei principali player a livello europeo del settore dell'Integrated Facility Management, ovvero l'erogazione e la gestione di servizi integrati rivolti agli immobili, al territorio e a supporto dell'attività sanitaria. In particolare, i servizi forniti dal Gruppo Rekeep si suddividono in due principali aree di attività: 1. Integrated Facility Management - servizi di gestione e manutenzione di immobili (igiene ambientale, servizi tecnico - manutentivi, cura del verde, servizi logistici, servizi ausiliari, gestione calore, illuminazione, gestione documentale, impianti antincendio e di videosorveglianza) erogati anche attraverso società specializzate; 2. Laundering & Sterilization - servizi di "lavanolo" e sterilizzazione di biancheria e strumentario chirurgico a supporto dell'attività sanitaria erogati attraverso la società controllata Servizi Ospedalieri S.p.A. Rekeep ha sede direzionale a Zola Predosa (Bologna), sedi distribuite su tutto il territorio nazionale e conta oltre 17.000 dipendenti in tutta Italia.


--
www.CorrieredelWeb.it

mercoledì 30 ottobre 2019

Instagram rimuoverà i filtri "effetto chirurgia plastica": "Possono aumentare l'insoddisfazione, ma il vero problema non sono i social"

È di questi giorni la notizia che Instagram vieterà i filtri fotografici che simulano gli esiti della chirurgia estetica: una dimostrazione di come i social stiano influenzando i comportamenti delle persone in diversi ambiti, come già confermato da diversi studi scientifici.

I social stanno rivoluzionando il rapporto medico/paziente: i pazienti possono confrontarsi con chi ha gli stessi problemi e informarsi; i medici possono divulgare informazioni, ma resta fondamentale riconoscere chi ha le qualifiche per farlo, soprattutto in un settore come quello di medicina e chirurgia estetica.

Di seguito il commento del professor Raffaele Rauso, vicepresidente della Federazione Italiana Medici Estetici (FIME) e docente all'Università degli Studi della Campania "Luigi Vanvitelli".


Instagram rimuoverà i filtri "effetto chirurgia plastica": "Possono aumentare l'insoddisfazione, ma il vero problema non sono i social"


Il professor Raffaele Rauso, chirurgo plastico vice presidente della Federazione Italiana Medici Estetici, commenta: "Se utilizzati con buonsenso, i social sono un mezzo per reperire informazioni sugli specialisti o trovare soluzioni ai propri problemi. Importante verificare le qualifiche di chi si propone come esperto"

Niente più filtri fotografici che simulano l'esito di un intervento di chirurgia plastica: lo ha comunicato la società che realizza questo tipo di effetti per Instagram, la Spark AR Creators. Una decisione motivata dal fatto che i filtri che modificano i tratti del volto possono avere effetti negativi sulla percezione di sé.

"Sono in aumento, negli ultimi anni, le pubblicazioni medico scientifiche che indagano l'effetto dei social network sulle persone: un fenomeno nuovo, con un impatto ampio e ancora non del tutto esplorato. Le conseguenze non interessano solo i chirurghi plastici, ma anche dermatologi, dentisti, nutrizionisti e anche urologi" dice il chirurgo plastico Raffaele Rauso, vice presidente della FIME (Federazione Italiana Medici Estetici) e docente all'Università degli Studi della Campania "Luigi Vanvitelli".

Uno studio australiano di quest'anno pubblicato, su Body Image, sembra confermare che le foto di visi ritoccate abbiano un effetto negativo su chi le guarda, al contrario di quelle non modificate dai filtri. Non solo: uno studio statunitense del settembre 2019 ha rilevato che i social media influenzano la decisione di sottoporsi all'intervento di aumento del seno.

"I social stanno avendo conseguenze sempre più rilevanti su diversi aspetti della vita quotidiana, inclusi quelli estetici – commenta il professor Rauso -. Uno dei rischi è che le persone, soprattutto giovani, possano sopravvalutare i propri difetti guardando immagini di visi e corpi perfetti e ritoccati con i filtri. D'altra parte i social possono anche spingere le persone a migliorarsi o a correggere parti di sé che non piacciono, consentendo ai pazienti di informarsi e di avere un ruolo attivo nelle scelte. Uno studio di qualche settimana fa pubblicato sull'Internal Medicine Journal dimostra come i social stiano rivoluzionando l'approccio alla medicina: oggi con pochi click i pazienti possono avere accesso a ogni tipo informazioni e possono condividere difficoltà ed esperienze con persone che hanno lo stesso problema. Sempre più importante in questo scenario è identificare i professionisti validi, verificandone le qualifiche. Uno studio pubblicato sulla rivista scientifica Aesthetic Surgery Journal aveva rilevato che, negli Stati Uniti e in Canada solo il 17.8% dei post di Instagram sulla chirurgia plastica è riconducibile a professionisti certificati, per il resto abbondano medici senza preparazioni specifiche. Il problema vero non sono tanto i social network, che di fatto sono un mezzo di promozione, quanto accertarsi che chi si propone per certi interventi abbia una preparazione adeguata: "I social sono un modo conveniente, pratico e veloce per conoscere il modo in cui lavorano i chirurghi e le procedure che eseguono – afferma Rauso-. La maggioranza dei pazienti prima di entrare in studio, ha già acquisito informazioni sui siti e social: l'importante è cercare le notizie giuste, controllando titoli e qualifiche, senza fidarsi di qualche bella immagine. Quello che sembra troppo bello per essere vero, molto spesso non lo è".

Come può un paziente verificare i titoli di un medico ed il suo percorso formativo? "Basta controllare sul portale della FNOMCeO, la Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e Odontoiatri, dove sono riportati i titoli che i medici hanno conseguito nel loro iter formativo. E poi fate domande ai medici senza timore: se vi siete rivolti a un professionista serio, non avrà alcun problema a rispondere" conclude Rauso.



Professor Raffaele Rauso - Il chirurgo plastico Raffaele Rauso, particolarmente noto nel campo della chirurgia e medicina estetica del volto e del seno, è attualmente professore aggregato in Chirurgia Maxillo-Facciale all'Università degli Studi della Campania "Luigi Vanvitelli" in Napoli. Si è laureato in Medicina e Chirurgia alla Seconda Università degli Studi di Napoli con 110/110 con lode e plauso al curriculum a soli 24 anni. Nella stessa università ha poi conseguito, con il massimo dei voti, la specializzazione in Chirurgia Maxillo-Facciale. Durante il quinquennio ha effettuato attività formative in Italia e all'estero, in particolar modo ha perfezionato le conoscenze e la pratica chirurgica con due fellowship: una all'Università di Basilea (Svizzera) e un'altra al GSR Facial Plastic Surgery Institute (l'Istituto di Chirurgia Plastica Facciale che nel 2008 ha eseguito il maggior numero di interventi in campo cranio-facciale al mondo) in Hyderabad (India). Terminata la specializzazione, e dopo aver acquisito notevoli competenze nella chirurgia del volto, ha proseguito gli studi, conseguendo un Master di II livello in Chirurgia Estetica all'Università degli Studi di Milano, un ulteriore Master di II livello in Chirurgia Ricostruttiva della Mammella all'Università degli Studi "La Sapienza" in Roma, un diploma post-lauream in "Tecniche microchirurgiche" al Polo di Biotecnologie dell'Ospedale Cardarelli in Napoli e un Dottorato di Ricerca in Chirurgia Plastica, Anatomia e Dermatologia all'Università degli Studi "La Sapienza" in Roma. In questi anni ha raggiunto un'elevata competenza nei trattamenti chirurgici plastico-estetici specialmente del volto, della mammella e del corpo. Dal 2011 al 2017, il Professor Rauso è stato docente al CLOPD dell'Università degli Studi di Foggia insegnando la chirurgia malformativa cranio-facciale agli studenti del V anno. Dal 2008, è chirurgo plastico volontario per associazioni di volontariato che si occupano di operare bambini affetti da deformità del volto ed esiti di ustione in paesi in via di sviluppo. Tra le diverse nazioni ove ha prestato la sua opera si annoverano: Etiopia, Senegal, Gabon, Uganda, Giordania, Paraguay, Brasile, etc. Da sempre coinvolto nella ricerca scientifica, è autore di numerosi articoli presenti su pubmed .com (la biblioteca informatica medica più importante al mondo) e di capitoli su opere chirurgiche nell'ambito della Chirurgia Plastica Estetica, della Medicina Estetica e della Chirurgia Cranio Facciale. Relatore ai più importanti congressi Europei del settore è anche socio delle più importanti società scientifiche nel campo plastico estetico e maxillo-facciale come: EAFPS (European Academy of Facial Plastic Surgery), EACMFS (European Association for Cranio Maxillo Facial Surgery), AICPE (Associazione Italiana Chirurgia Plastica Estetica), SICPRE (Società Italiana Chirurgia Plastica Estetica), etc.

Con le nuove funzionalità di Hedvig, Commvault unifica storage multi-cloud e data management

Con le nuove funzionalità di Hedvig

Commvault unifica storage multi-cloud e data management 

 

 

Milano, 30 ottobre 2019 - Commvault (NASDAQ: CVLT), azienda leader nel software per la gestione dei dati in ambienti cloud e on premise, ha annunciato le nuove funzionalità delle proprie soluzioni Hedvig di storage software-definedSi tratta di miglioramenti che aumentano il valore dell'offerta Hedvig e dimostrano come la società, nominata di recente "Hot Startup to Watch" nello Startup50's Big50-2019 Startup Reportpermetterà a Commvault di realizzare l'unione tra storage e data management. 

 

"Le nuove capacità combinano molte delle più recentitecnologie in ambito storage, container e cloud, permettendo alle aziende di automatizzare i processi di gestione manuale dell'infrastruttura e di semplificare i propri ambienti multi-cloud," sottolinea Avinash LakshmanChief Storage Strategistdi Commvault. "Queste funzionalità incrementano il valore offerto alle aziende e dimostrano come l'integrazione di queste tecnologie nel portfolio di soluzioni Commvault fornirà lostandard per l'industria in un mondo multi-cloud." 

 

Le innovazioni in tema di software-defined storage consentiranno alle aziende di automatizzare e semplificare la gestione, ridurre i costi storage e accelerare il time to value. Tra queste:

 

• Supporto per Container Storage Interface (CSI), che permette di utilizzare Commvault per la gestione di Kubernetes e altri strumenti di orchestrazione dei container.
• Disponibilità built-in di livello data center che aiuta a incrementare la resilienza dei dati. 
• Supporto per la codifica di cancellazione che migliora l'efficienza dello storage. 
• Supporto globale per i data center multi-tenant, inclusa la capacità di gestire accesso, controllo e impostazioni della crittografia a livello tenant, permettendo ai managedservice provider (MSP) di fornire soluzioni storage in ambienti cloud ibridi. 
• Gestione cluster multi-data center, alert e reportistica, che consente ad aziende e MSP di configurare e amministrare tutte le infrastrutture software-defined storage dei propri data center da un unico luogo. 

 

Le tecnologie Hedvig saranno integrate nel portfolio di soluzioni di protezione dei dati di Commvault, in modo tale da potenziare le capacità di automatizzazione del data management e del provisioning storage ed ampliare il supporto per applicazioni basate su container e microservicesTutto questo supporterà Commvault nella propria strategia di riduzione della frammentazione dei dati multi-cloud e della complessità, unificando lo storage e il data management.  

 

Commvault

Commvault è leader riconosciuto in tema di data backup and recovery. La piattaforma convergente Commvault per il data management ridefinisce il significato di backup per l'azienda che guarda avanti, tramite soluzioni in grado di proteggere, gestire e utilizzare l'asset più importante – i dati. Il software, le soluzioni e i servizi Commvault sono disponibili direttamente dall'azienda e tramite un ecosistema globale di partner consolidati.

Commvault impiega oltre 2.500 professionisti specializzati in grado di coprire il mercato globale, è quotata in borsa presso il NASDAQ (CVLT) e ha la sua sede centrale a Tinton Falls, negli Stati Uniti. 

Al Gruppo Ebano il Rating di Legalità Due Stelle Più dall’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato

Il GRUPPO EBANO OTTIENE IL RATING DI LEGALITÀ 

Il Presidente e Ceo Carlo Robiglio: "In prima linea per sostenibilità, trasparenza e correttezza nei confronti di clienti, fornitori e stakeholders"

Il Gruppo Ebano, fondato e guidato dal Presidente della Piccola Industria e Vice Presidente di Confindustria Carlo Robiglio, ha ottenuto il Rating di Legalità Due Stelle Più dall'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato.
Il Rating di Legalità è lo strumento promosso dall'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato che premia le imprese legali ed etiche, mediante una serie di benefici nei rapporti con la Pubblica Amministrazione e con le Banche. Il riconoscimento al Gruppo Ebano è particolarmente significativo. Meno del 34% delle imprese cui è stato assegnato il Rating, infatti,  ha avuto come valutazione una doppia stella, mentre il punteggio di oltre il 60% si è fermato alla sola stella.
"L'attribuzione del Rating di Legalità da parte dell'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato è un ulteriore elemento di credibilità per Ebano e rappresenta un importante passo di un percorso virtuoso intrapreso da tempo", dichiara Robiglio, che guida una realtà  tra le leader in Italia sulla formazione a distanza ed opera anche nell'editoria, nella comunicazione e nel marketing caratterizzando tutta l'offerta per il suo approccio innovativo.
"Il nostro Gruppo è sempre più impegnato verso la sostenibilità in ogni sua declinazione, nonché verso la trasparenza e la correttezza nei confronti dei clienti, dei fornitori, di tutti gli stakeholders."

Circa 18 milioni di fatturato nel 2018 e una crescita negli ultimi 6 anni dell'800%, 8 società controllate, 15 partnership produttive, più di 250 dipendenti e collaboratori, una clientela media annuale che ormai supera le seimila unità per il solo business della formazione a distanza e un piano di crescita per linee interne ed esterne con investimenti nel solo 2018 di 700 mila euro. Sono questi alcuni dei numeri che sottolineano la costante crescita del Gruppo Ebano negli ultimi anni.
Tra i punti di forza del Gruppo Ebano c'è la controllata Cef Publishing, realtà che opera nella progettazione, realizzazione ed erogazione di corsi professionali attraverso modalità Fad (formazione a distanza) ed e-learning, in ambiti come il socio assistenziale, l'animal care, il food, l'estetica e il benessere.
L'azienda è stata premiata da Deloitte a maggio a Milano nella sede di Borsa Italiana con il Premio "Deloitte Best Managed Companies" (BMC): il riconoscimento rivolto alle aziende che si sono distinte per strategia, competenze, impegno verso le persone e performance realizzato da Deloitte in collaborazione con ALTIS Università Cattolica, Confindustria e ELITE, il progetto del London Stock Exchange Group che supporta lo sviluppo e la crescita delle imprese ad alto potenziale.

Il Gruppo Ebano tramite Cef Publishing è anche in Elite, il programma internazionale nato in Borsa Italiana nel 2012 in collaborazione con Confindustria e dedicato alle aziende più ambiziose, con un modello di business solido ed una chiara strategia di crescita ed è un'azienda fortemente impegnata nel sociale e nella sostenibilità. La politica aziendale del Gruppo Ebano, volta a perseguire alti standard in terminidi sostenibilità e impatto sociale, ha permesso, attraverso la partecipata Cef Publishing, di ottenere la Certificazione b Corp®, rilasciata dalla B Corporation, l'ente non-profit americano. 


--
www.CorrieredelWeb.it

Meno 1 ad Halloween: lo psicologo spiega il successo del momento horror più atteso tra i bambini

Manca 1 giorno all'attesa festa della notte del 31 ottobre

Halloween "sdoganato": ecco perchè una festa dai tratti horror continua ad avere successo soprattuto tra i più piccoli

Per i genitori over 40 era la "festa dei morti", ora è diventata la notte di Halloween. L'ultimo giorno di ottobre si veste di arancione e nero per ma soddisfazione dei piccoli

Milano, 30 ottobre 2019 –  E' una festa che abbiamo ereditato così bene al punto da sostituirla a quel ponte "dei morti" che dava un po' di respiro dopo la pausa estiva. Non c'è mamma che non si sia chiesta se sia normale tutto questo entusiamo per scheletri, mostri e finto sangue, interrogandosi per sapere cosa frulli nella testa del proprio bimbo. Lo abbiamo chiesto a allo psicologo e psicoterapeuta Adriano Formoso che da sempre si occupa anche delle dinamiche infantili

D. Come può la paura avere un'accezione così positiva?
Formoso: Halloween celebra i morti e tutti i travestimenti che in questa tradizione hanno a che fare con la morte mitologica ma anche satanica. I nostri bambini adorano questa festa che diventa anche icona della vacanza e non vedono l'ora di mascherarsi come streghe, vampiri, mostri, zombi e altre creature soprannaturali assetate di sangue 
Ciò che attira è l'ignoto e la paura verso quello che non si conosce, anche se dobbiamo distinguere la "paura primaria" dalla "paura gioiosa" legata a questa festa. I bambini temono la paura (primaria, appunto) e a loro non piace avere paura nella vita reale di tutti i giorni, dimostrato al timore esteso del buio e dell'ignoto.
Questo sentimento di paura (gioiosa) diventa un sentimento di paura controllata, che ci consente di avere un ascendente rispetto al sentimento di cui abbiamo paura e che di solito non vogliamo avere. Così la vera paura è annullata e tutta l'energia convertita il gioia e divertimento.
Se ai bambini piace avere paura, spaventare e spaventare gli altri in una data specifica, è proprio perché questa vacanza è determinata nel tempo, è come incubo che si crea e che, per questo motivo, non è mai pericoloso perché lo si evita. E' gratificante per il bambino: quando si ha paura è come se si diventasse più forti. Ciò che rassicura il bambino è la giocosità, il piacere del travestimento, l'idea che siamo un altro e che non c'è confusione tra l'immaginario e la realtà 

D. C'è una correlazione che spiega la scelta di alcune maschere piuttosto di altre (zombie, mostro insaguinato, mostro, zucca...)?
Formoso: È un modo lecito per infrangere regole, ruoli e convenzioni senza sentirsi in colpa o fuori luogo, nascondere anche alcuni aspetti psicologici di sè stessi.
Dall'osservazione dei numerosi bimbi che seguo presso il mio Centro di Neuropsicofonia di Milano, sono numerosi i maschi che amano di più travestimenti che riconducono a sangue ed efferatezza. Le femmine sono a volte più cervellotiche: se sono delle vampire sono vampire romantiche e se nel caso delle streghe, sono belle e seduttive.


--
www.CorrieredelWeb.it

Grande successo per il il contest di Old Wild West legato a X Factor

Grande successo per il contest online di Old Wild West legato a X Factor, il celebre talent show prodotto da Fremantle per Sky e giunto ormai alla tredicesima edizione. 

Ogni settimana il seguitissimo concorso mette in palio una serata speciale da vivere con un amico: cena esclusiva all'Old Wild West con i concorrenti di X Factor 2019accesso alla finale live del programma e, infine, una notte in albergo.

E non è tutto: fino al 21 novembre, termine del concorso, ogni settimana verranno messe in palio altre due coppie di biglietti per la finale del 12 dicembre che spetteranno a due fortunati vincitori.

Fino al 21 novembre

OLD WILD WEST E X FACTOR, BOOM DI PARTECIPANTI AL CONTEST ON LINE

C'è ancora tempo per tentare la fortuna e vincere una cena per due in compagnia dei concorrenti del talent show, l'accesso al live del programma e una notte in albergo. In palio anche i biglietti per la finale del 12 dicembre

 

 

TAVAGNACCO (UD), 30 OTTOBRE 2019  Grande successo per il divertente contest di Old Wild West legato a X Factor, il celebre talent show prodotto da Fremantle per Sky e giunto ormai alla tredicesima edizione. 

Attivo da poco più di un mese, il grande concorso on line promosso dalla burger&steak house numero uno d'Italia ha visto la partecipazione di più di mille persone.

 

Il perché su Instagram impazzi l'hashtag #XFMENU è semplice: i premi sono davvero eccezionali. Infatti, ogni settimana il seguitissimo concorso mette in palio una serata speciale da vivere con un amico: cena esclusiva all'Old Wild West con i concorrenti di X Factor 2019, accesso alla finale live del programma e, infine, una notte in albergo.


E non è tutto: fino al 21 novembre, termine del concorso, ogni settimana verranno messe in palio altre due coppie di biglietti per la finale del 12 dicembre che spetteranno a due fortunati vincitori.


Premi davvero ghiotti considerando che i biglietti non sono in vendita. 

 

Partecipare è facilissimo e c'è tempo ancora fino al 21 novembre per tentare la fortuna: basta condividere sul proprio profilo Instagram una foto scattata in uno dei 200 ristoranti Old Wild West d'Italia, aggiungere la didascalia "Partecipo #XFMENU @oldwildweste incrociare le dita. 

 

Ma la partecipazione al concorso non è l'unico motivo per recarsi all'Old Wild West più vicino, infatti, fino al 12 dicembre il famoso saloon propone lo speciale XF MENU in edizione limitata: quattro inedite ricette e un delizioso dessert ispirati alle categorie di X Factor in gara. 

 

E il giovedì sera, grazie a Old Wild West, stare davanti alla tv per la puntata di X Factor è anche conveniente. Infatti, su tutte le ordinazioni per asporto eseguite su www.oldwildwest.comutilizzando il codice SCONTOX10, si può approfittare dell'eccezionale ribasso del 10% per gustare anche a casa i grandi classi di Old Wild West, come gli appetitosi hamburger di Black Angus irlandese, le saporite specialità tex-mex, o per di provare i nuovi piatti di XF MENU, deliziosi, stuzzicanti e in edizione limitata.

 


 

________________________

 

I numeri di Cigierre

N°1 in Italia nella ristorazione servita

20 anni di esperienza 

oltre 350 ristoranti in Italia, Francia, Svizzera, Belgio, Gran Bretagna e Spagna

oltre 25.000.000 coperti serviti nel 2018

________________________

 

Chi è Cigierre

Nata a Udine nel 1995, Cigierre - Compagnia Generale Ristorazione SpA – è il gruppo numero uno in Italia nel settore della ristorazione servita e il più importante per presenza nelle food court dei centri commerciali e nei cinema multisala. 

Oltre alla capillare presenza in Italia, Cigierre è presente con i suoi ristoranti anche in Francia, Svizzera, Belgio, Gran Bretagna e Spagna. 

 

Con i suoi oltre 350 ristoranti a gestione diretta e in franchising e più di 25 milioni di coperti serviti, nel 2018 ha raggiunto e superato la soglia dei 480 milioni di fatturato.

 

Cigierre propone un modello di ristorazione innovativo, i cui punti di forza sono l'altissima qualità delle materie prime utilizzate e l'originalità dei format di cui è creatrice, come Old Wild West, la Burger&Steak House più grande d'Italia, amata per le ambientazioni da saloon del far west, oppure Wienerhaus, la catena di birrerie con cucina in cui assaporare la famosa wienerschnitzel o altre gustose specialità della tradizione mitteleuropea.

Fanno parte del gruppo anche Shi's, acquisito nel 2015 e ispirato alla cucina giapponese, Pizzikotto, catena di pizzerie acquisita nel 2016, America Graffiti, i diner tipici dell'America degli anni Cinquanta entrati a far parte del gruppo nel 2017, e infine Temakinho, catena nippo-brasiliana ultima arrivata nel 2018.

 

Il gruppo Cigierre, inoltre, è in forte espansione all'estero: a luglio 2018 ha acquisito nove ristoranti della catena francese El Rancho con l'obiettivo di riconvertirli in Old Wild West entro la fine del 2019.

 

Per offrire ai propri clienti un'esperienza di consumo sempre memorabile all'interno dei propri ristoranti, Cigierre è alla costante ricerca di sistemi innovativi che migliorino l'efficienza del servizio.  



--
www.CorrieredelWeb.it

Follow by Email

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *