Cerca nel blog

giovedì 10 ottobre 2019

La rete catanese #Restiamoumani sulla tragedia di Lampedusa

Tredici donne morte in mare, e ci sentiamo colpevoli. Perché siamo cittadini italiani. Perché le azioni che portano a un reale cambiamento sono ancora lontane, anche con la fine della stagione politica delle urla e dei proclami xenofobi. La nostra rete si chiama #Restiamoumani. Siamo in tanti, associazioni e singoli cittadini catanesi, proveniamo da esperienze laiche e religiose molto diverse tra loro. E queste donne sono al centro dei nostri pensieri, delle nostre preghiere, del nostro dolore. Ormai da più di un anno condividiamo insieme il tema dell'accoglienza, con incontri settimanali, eventi pubblici e fortificando la rete dei contatti tra i tanti che in città, ma non solo, si impegnano per un Paese accogliente.

Il brusco risveglio dell'ennesima enorme tragedia alle porte dell'Italia, a Lampedusa, ci fa pensare che le difficoltà nel soccorrere chi è naufrago sono frutto delle nostre leggi ancora in vigore, e non importa se chi le ha promosse non è più al governo. Chiediamo un cambio di rotta all'Italia, la ripresa della politica della responsabilità nell'accoglienza in tutto il Paese. Prendendo esempio da Lampedusa e dalla sua gente, che non ha mai abdicato al proprio sentimento comune di fratellanza e al quale va la nostra solidarietà

Siamo un Paese fatto di sessanta milioni, alcuni dei quali pensano che delle donne degli uomini o persino dei bambini che cercano di raggiungere l'Italia via mare sono delle minacce al nostro benessere, ma fatto anche da quelli che hanno gridato NO ai Decreti Sicurezza e agli accordi sulle quote di accoglienza che scambiano la vita umana per merci. Ultimamente, forse, con una voce fioca. Questa tragedia che avviene quasi a sei anni esatti dal grande naufragio di Lampedusa, ci ricorda come l'emergenza umanitaria sia frutto del nostro, colpevole, egoismo. Che con rinnovato impegno vogliamo lasciarci alle spalle.


--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Posta un commento

Follow by Email

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *