Cerca nel blog

giovedì 20 settembre 2012

La societa' del silenzio secondo Roberto Lucato

La società del silenzio secondo Roberto Lucato


Saggio critico
di Sabrina Falzone


Troppe volte abbiamo chinato la testa davanti alle nefandezze dei politici e agli abusi di potere, come ci rammentano le opere di Roberto Lucato aventi l'obiettivo di scuotere le nostre coscienze e risvegliarci dal torpore sociale in cui siamo caduti.
Il corpus di opere dell'ormai noto artista veneto riveste una funzione etica e civile, che neanche più i media possiedono, divenuti i principali mezzi di strumentalizzazione delle masse e di persuasione all'obbedienza. La società del silenzio: ecco cosa siamo divenuti nella nostra muta accettazione del sistema; un popolo di sottomessi schiacciato dal peso del regime della prevaricazione o, più esattamente, dei Prevaricatori. Roberto Lucato ci racconta la tragedia della società del silenzio, una società ormai passiva e deferente priva di qualsiasi autonomia di pensiero, svuotata di ogni volontà reattiva. Città vuote, teste chine, solitudini di massa: sono questi gli scenari che Lucato ci mostra con sconforto nella sua pittura, attraverso le sue installazioni e le opere scultoree. Sono immagini di un mondo decaduto, un cimitero di intelligenze, cittadini senza appartenenza divenuti marionette nelle mani dei potenti.
Lucato non intende soltanto risvegliarci dall'errore e condannare il sistema spietato, ma l'artista esprime tutta la sua costernazione di fronte alla nostra passiva accettazione, condannando anch'essa al medesimo grado di gravità della prevaricazione. Con il ciclo artistico "Gli uomini pensanti" Lucato assume una posizione di distanza e rifiuto dalla muta obbedienza che ci vede come meri telespettatori di una società caduta nel putrido, di cui anche noi siamo colpevoli.
Siamo stati plasmati in una cultura depauperata di senso critico, schiava dell'effimero, del consumismo e dell'apparenza e abbiamo aperto la porta alla volgarità e alla violenza, congedando i valori essenziali di un'umanità civile e dignitosa.
Le opere di Roberto Lucato piangono questa perdita e allo stesso tempo auspicano una "rinascita" dell'uomo pensante.

Info: www.robertolucato.it

Nessun commento:

Posta un commento

Follow by Email

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *