Cerca nel blog

giovedì 30 settembre 2010

Green Economy in Puglia. Politecnico di Bari, 1 Ottobre 2010

Seminario "La Green Economy in Puglia"

1 Ottobre 2010 – Politecnico di Bari

     Bari, 30 Settembre 2010 - «La Fondazione KFD ha come missione la divulgazione della conoscenza per lo sviluppo. L'energia è il driver fondamentale di sviluppo nell'economia mondiale. Al tempo stesso, la creazione di energia dalle fonti rinnovabili è la sfida del prossimo futuro nella ricerca dello sviluppo ecocompatibile».

     Così  Gabriele Zito, presidente della Fondazione KFD (www.fondazionekfd.com), spiega l'attenzione verso le energie rinnovabili, argomento centrale del seminario La green economy in Puglia , organizzato dalla Fondazione il 1 ottobre a Bari (programma allegato).

     Il seminario ha l'obiettivo di ragionare sulle fonti rinnovabili come opportunità per gli investimenti, il territorio e l'occupazione. È il secondo appuntamento su questo tema organizzato da KFD dopo il workshop "Alla luce del sole", incontro Italia-Spagna sul fotovoltaico organizzato a Bari nel novembre dello scorso anno.  «L'anno scorso abbiamo avuto un grande successo di partecipazione di pubblico, e in particolare d'imprese che hanno movimentato il business to business pomeridiano con oltre venti aziende spagnole e settanta italiane» rileva Gabriele Zito. «Abbiamo usufruito dell'entusiasmo che circondava il settore. Quest'anno vogliamo fare una prima verifica di come gli investimenti si sono sviluppati e se il territorio può fare qualcosa in più per migliorare la capacità di attrazione».  

     Ma in che maniera è possibile attrarre investimenti in Puglia in questo settore? «Innanzitutto con la certezza delle regole e con la creazione e la diffusione locale di professionalità capaci di sostenere gli investimenti proposti» risponde Zito.

     La Puglia è probabilmente la Regione italiana più importante per lo sviluppo delle energie rinnovabili. Può quindi essere fondamentale affinché l'Italia, entro il 2020, produca un quinto del suo fabbisogno di energia elettrica da fonti rinnovabili, in linea con gli obiettivi europei previsti dalla direttiva 2009/28/CE. Affinché ciò avvenga, è necessario formare una coscienza critica del settore non solo a livello specialistico, come peraltro è già avvenuto, ma in maniera vasta in ambito istituzionale, politico, imprenditoriale, economico, finanziario, della ricerca.

     Proprio nei giorni scorsi la stampa nazionale ha parlato della possibilità  di arrivare entro il 2026 a un reattore a fusione nucleare, ed entro la seconda metà del secolo a una produzione a regime che rivoluzionerebbe l'attuale modello energetico fondato sul carbonio. L'energia pulita, per KFD, è però quella delle fonti rinnovabili. «È un modello che coinvolge un ampia gamma di operatori: progettisti, produttori di infrastrutture, installatori, manutentori di dimensione diverse, dalla piccola impresa alla grande, dal professionista all'artigiano, dalla banca all'amministrazione locale» evidenzia Zito. «Questa è la condizione fondamentale per creare una vera green economy. Il nucleare, oltre alle valutazioni di ordine tecnico ambientale, pone dubbi su come questi ingenti investimenti possano creare i presupposti di uno sviluppo dell'economia del territorio». 

      Il seminario del 1 ottobre diventa quindi un'occasione fondamentale per capire meglio la realtà delle fonti rinnovabili, che potrebbe costituire, attraverso sistemi di cooperazione, il modello energetico fondante per l'economia  del prossimo futuro. 

 
 
 

FOCUS – Nell'ambito del seminario La green economy in Puglia, è centrale la proposta di accordo tra Solartys (www.solartys.com), Asociación Espanola para la Internacionalización y la Innovación de las Empresas Solares, rappresentata dal suo deputy general manager Aintzane Arbride, e il Distretto delle Energie Rinnovabili in Puglia. I dettagli saranno forniti nel corso d'una conferenza stampa che si svolgerà, a margine del seminario, il 1 ottobre con inizio alle 12.30 e fino alle 13.00.

 
 

Ufficio Stampa

Pietro Andrea  Annicelli

Email: andreaannicelli@libero.it


Nessun commento:

Posta un commento

Follow by Email

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *