Cerca nel blog

giovedì 8 ottobre 2020

IR TOP CONSULTING: STIMA DELL’IMPATTO DEI PIR ALTERNATIVI SU AIM ITALIA SULLE IPOTESI DEL MEF


IR TOP CONSULTING: STIMA DELL'IMPATTO DEI PIR ALTERNATIVI SU AIM ITALIA SULLE IPOTESI DEL MEF

Ampliamento dell'universo investibile per effetto delle nuove IPO attese su AIM

  • Nel 2020 afflusso di capitali stimato su AIM Italia pari a 191 milioni di euro

  • Nel quinquennio 2020-2024 attese risorse complessive per 5,2 miliardi di euro

  • 124 titoli AIM Italia potenziali target di investimento dei PIR Alternativi

  • L'analisi è elaborata sulla base delle ipotesi del MEF che ipotizza un afflusso di 33,8 miliardi nel periodo 2020-2024

 

Milano, 1 ottobre 2020

                                                                       

IR Top Consulting, Advisor finanziario per la quotazione su AIM Italia, il mercato di Borsa Italiana dedicato alle PMI, ha pubblicato lo studio "PIR ALTERNATIVI: STIMA DELL'IMPATTO SU AIM ITALIA" a seguito dell'introduzione dei PIR Alternativi, in affiancamento ai PIR Tradizionali, con il Decreto Legge 19 maggio 2020, n. 34 (Misure urgenti in materia di salute, sostegno al lavoro e all'economia, nonché di politiche sociali connesse all'emergenza epidemiologica da Covid-19) che ha integrato l'art. 13-bis del decreto legge 124/2019 (convertito, con modificazioni, dalla legge 157/2019).

 

I PIR Alternativi prevedono che, per almeno i due terzi dell'anno solare di durata del piano, il 70% del valore complessivo sia investito, direttamente o indirettamente, in strumenti finanziari - anche non negoziati in mercati regolamentati o in sistemi multilaterali di negoziazione - emessi o stipulati con imprese italiane, UE o SEE (ma con stabile organizzazione in Italia), diverse da quelle inserite negli indici FTSE MIB e FTSE Mid Cap della Borsa italiana o in indici equivalenti di altri mercati regolamentati, in prestiti erogati alle predette imprese nonché in crediti delle medesime imprese.

 

Sulla base della metodologia utilizzata da IR Top Consulting, partendo dall'ipotesi del MEF, che ipotizza un afflusso pari a Euro 33,8 miliardi nel 2020-2024 (di cui 4,5 miliardi nel 2020), la stima dell'impatto generato dai PIR Alternativi sul mercato AIM Italia è pari a Euro 191 milioni nel 2020 e a Euro 5,2 miliardi nel periodo 2020-2024.

 

Anna Lambiase, fondatore e CEO, IR Top Consulting: "I PIR Alternativi, che si affiancano ai PIR tradizionali, prevedono un focus sulle PMI e sono rivolti a investitori maggiormente patrimonializzati con un orizzonte di investimento di lungo periodo. La misura di carattere strutturale introdotta dal Governo post Covid, è volta a incentivare ulteriormente gli investimenti nell'economia reale convogliando il risparmio privato in maniera sempre più efficace verso il sistema imprenditoriale italiano. Il Mercato AIM Italia, con il proprio universo investibile, è quello che include maggiormente le PMI, costituendo il canale privilegiato per gli obiettivi di crescita degli imprenditori, come dimostrato dal numero di IPO registrate nell'ultimo quadriennio. L'ampliamento delle asset class investibili, l'innalzamento del vincolo di concentrazione, una più estesa platea di Intermediari coinvolti e l'ulteriore defiscalizzazione potrebbero consentire, secondo la nostra analisi, di attrarre sul Mercato AIM Italia investimenti per 191 milioni di Euro entro l'anno in corso. Estendendo l'orizzonte temporale dell'analisi, proiettando le stime del MEF, si stima un potenziale afflusso su AIM Italia pari a 5,2 miliardi di Euro entro la fine del 2024."

 

Caratteristiche dei PIR Alternativi

 

 

 

PIR Tradizionali

PIR Alternativi

Composizione

70%

70%

Universo Investibile

25% ≠ FTSE MIB

5% ≠ FTSE MIB e FTSE MID

100%  ≠ FTSE MIB e FTSE MID

Asset Class

Azioni

Obbligazioni

Azioni

Obbligazioni

Prestiti e crediti delle imprese

Soglia d'investimento annua detassabile

Max. 30.000 Euro

Max. 300.000 Euro*

Vincolo di concentrazione

10%

20%

Destinatari

 Clientela retail

Clientela affluent

* limite raddoppiato dal D.L. 14 agosto 2020, n. 104  ad eccezione delle casse di previdenza e dei fondi pensione (150.000 mila euro)

Fonte: elaborazioni IR Top Consulting

 

Nel 2020, grazie all'introduzione del nuovo strumento complementare dei PIR Alternativi che hanno l'obiettivo di sostenere il rilancio degli investimenti sul mercato dei capitali è possibile prevedere un maggior afflusso di risorse verso il mercato AIM Italia, che meglio rappresenta le PMI, favorendo ulteriormente la liquidità sia sul secondario che sul primario.

 

Sulla base della stima del MEF sull'afflusso di liquidità derivante dai PIR Alternativi pari a Euro 4,5 miliardi nel 2020, IR Top Consulting ha stimato il potenziale impatto sul mercato AIM Italia.

Considerando il perdurare di uno scenario di tassi prossimi allo zero, nel 2020 è possibile ipotizzare che circa il 60% delle risorse, pari a Euro 600 milioni, possano confluire nell'Azionario.

Inoltre, prevedendo uno scenario conservativo nel quale il 70% delle risorse dell'Azionario venga investito su titoli non appartenenti all'indice FTSE MIB e FTSE MID, si stima un apporto di capitali sulle società SMALL Cap, MTA/MIV, AIM Italia pari a Euro 450 milioni nel 2020.

 

L'elaborazione della stima dell'impatto su AIM Italia nell'anno in corso è stata ottenuta analizzando l'universo investibile sulla base di 6 variabili, di cui:

 

-    3 "statiche" (attuale n. di società quotate, relativa capitalizzazione e controvalore totale scambiato negli ultimi 7 mesi)

 

-    3 "dinamiche" (n. di IPO e raccolta da IPO nel periodo 2017-2020, tasso di crescita atteso ponderato del controvalore totale 2020 vs 2019).  

 

 

PIR Alternativi: analisi variabili statiche e dinamiche

 

 

Variabili STATICHE

 

Variabili DINAMICHE

 

N.

Società

Capitalizzazione

(€M)

CT 7M

2020

(€M)

 

N. IPO

2017-2020

Raccolta IPO

2017-2020

(€M)

CT2020E

vs CT2019

ponderato

SMALL CAP

114

12.897

6.742

 

7

474

15%

MTA-MIV Altri titoli

15

4.032

632

 

2

721

180%

AIM ITALIA*

124

5.684

1.233

 

87

2.832

-2%

TOTALE

253

22.613

8.609

 

96

4.026

17%

 

 

 

 

 

 

 

 

*incluso segmento Professionale

Fonte: elaborazioni IR Top Consulting al 01/09/2020

 

Sulla base della metodologia utilizzata da IR Top Consulting, la stima del potenziale impatto generato dai PIR Alternativi sul mercato AIM Italia è di Euro 191 milioni nel 2020, nel periodo 2020-2024 è pari a Euro 5,2 miliardi.

 

L'universo investibile dei PIR Alternativi in Italia è formato da 253 titoli[1] che rappresentano una capitalizzazione complessiva di Euro 22,6 miliardi.

La capitalizzazione del mercato AIM Italia (Euro 5,7 miliardi) è pari all'84% della capitalizzazione delle Small Cap STAR (Euro 6,7 miliardi) ed è di poco inferiore alla capitalizzazione delle Small Cap MTA (Euro 6,2 miliardi). La capitalizzazione delle società MTA-MIV e altri titoli è pari a Euro 4,0 miliardi.

La capitalizzazione media delle società AIM Italia è pari a Euro 46 milioni, rispetto a Euro 143 milioni per le Small Cap STAR, Euro 92 milioni per le Small Cap MTA ed Euro 269 milioni per le società MTA-MIV e Altri titoli.

 

Il mercato AIM Italia, costituito da 124 società eligible[2], è il più numeroso e rappresenta il 49% del totale società (25% in termini di capitalizzazione totale). Seguono le società MTA Small Cap (26% del totale società, 27% in termini di capitalizzazione), le società STAR Small Cap (19% del totale società, 30% in termini di capitalizzazione) e le società MTA-MIV e Altri Titoli (6% del totale società, 18% in termini di capitalizzazione).


IR Top Consulting è la boutique finanziaria leader in Italia nell'Advisory per la quotazione in Borsa. Fondata a Milano nel 2001, ha maturato un solido track record sugli Equity Capital Markets e una posizione di leadership su AIM, il mercato di Borsa Italiana dedicato alla crescita delle PMI. Opera attraverso i dipartimenti IPO Advisory, Equity Research, IR Advisory, Financial Media e Sustainability Advisory con un team di professionisti con ampia esperienza sulla finanza straordinaria e sulle tecniche di comunicazione finanziaria per il mercato azionario. Con la controllata V-Finance è stata socio investitore e promoter della SPAC GreenItaly1. Proprietaria di PMI CAPITAL, SME Growth market platform, e dell'OSSERVATORIO AIM, think tank sul mercato AIM Italia. 


 


 



[1] Le società estere escluse per il segmento Small Cap – STAR sono d'Amico International Shipping e IVS Group. Sono inoltre escluse BB Biotech (STAR) e COVIVIO (MTA). Sono escluse dal comparto "MTA/MIV e Altri titoli" sei società sospese: Acotel Group, Banca Carige, CHL, Cose Belle d'Italia, Olidata e Stefanel. Sono escluse dal mercato AIM Italia: una società sospesa (CdR Advance Capital) e tre società estere (Mondo TV France, Mondo TV Suisse e Neurosoft).

[2] Incluso il Segmento AIM Professional, costituito da una società.




--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Posta un commento

Follow by Email

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *