Cerca nel blog

martedì 29 marzo 2011

Fabrizo Palenzona (Aiscat): La Sicurezza stradale sale in cattedra con il Progetto "La scuola ti guida"

Parte il tour itinerante dedicato agli studenti delle superiori promosso da Ania, Polizia Stradale, Aiscat, Autostrade per l’Italia e Provincia di Milano. Testimonial gli Zero Assoluto. Mortalità sulle autostrade italiane diminuita del 54% negli ultimi dieci anni

Ogni giorno in Italia muore un adolescente a causa degli incidenti stradali, prima causa di morte tra i giovani nel nostro Paese. Una vera e propria “strage a puntate” che, nel solo 2009, sulle strade italiane ha fatto registrare 355 vittime di età compresa tra 15 e 20 anni, pari all’8,4% delle 4.237 morti avvenute sulle nostre strade (Fonte: ACI-Istat). Per contrastare questo drammatico fenomeno la Fondazione ANIA per la Sicurezza Stradale, in partnership con Polizia Stradale, AISCAT e Autostrade per l’Italia, lancia la seconda edizione del progetto “La scuola ti guida”, un tour itinerante sulla sicurezza stradale dedicato agli studenti delle scuole medie superiori, presentato a Milano, a Palazzo Isimbardi, in collaborazione con la Provincia di Milano. L’iniziativa si propone di sensibilizzare i giovani verso comportamenti di guida corretti e responsabili e ha anche quest’anno come testimonial gli Zero Assoluto, band molto popolare tra i giovani, “alleata” d’eccellenza della Fondazione ANIA nella battaglia contro l’incidentalità stradale.

«Dobbiamo avere sempre ben presente cosa c'è dietro a queste statistiche – commenta Fabrizio Palenzona, presidente Aiscat - : giovani vite e realtà familiari duramente colpite nei loro affetti. Ed è il principio della loro tutela, come di tutti gli altri utenti della strada, che guida l'attività quotidiana di noi operatori. Un impegno costante che si è concretizzato in questi ultimi dieci anni in un miglioramento continuo di tutti gli indicatori di sinistrosità: -34% di incidenti, -29% di feriti, ma soprattutto -54% di morti che rendono il settore delle autostrade in concessione l'unico sistema viario in Italia ad aver raggiunto l’obiettivo europeo di dimezzamento delle vittime per incidenti stradali entro il 2010. Risultati che ci rendono orgogliosi del lavoro svolto, ma che al tempo stesso rappresentano per noi un nuovo punto di partenza nell'azione di contrasto all'incidentalità»

“La scuola ti guida”, che nella precedente edizione ha visto la partecipazione di oltre 6.000 studenti e di più di 200 insegnanti partirà dall’ITC Schiapparelli-Gramsci di Milano e si concluderà il 15 aprile a Roma, toccando le scuole di 15 città e 11 regioni.

“La scuola ti guida” intende sensibilizzare attraverso lezioni teoriche di sicurezza stradale e prove su simulatori di guida gli studenti delle classi quarte e quinte superiori che devono conseguire la ‘patente B’. Il rispetto delle regole della strada, i rischi connessi alla velocità e alla guida in stato di ebbrezza e la pratica del guidatore designato - ovvero colui che non beve per accompagnare a casa gli amici in piena sicurezza - sono i temi affrontati durante le sessioni teoriche coordinate da psicologi e responsabili della Polizia Stradale. Dalla teoria si passa poi alla pratica: per comprendere gli effetti della guida in stato psico-fisico alterato gli alunni si cimenteranno al volante dei simulatori di guida sicura presenti sul ‘truck’ della Fondazione ANIA.

Ai ragazzi del primo anno la Fondazione ANIA fornirà, invece, il cd-rom ‘patentino online’ che consente di prepararsi al meglio per conseguire il certificato di idoneità per la guida del ciclomotore, accedendo gratuitamente all’esame. Il progetto non coinvolgerà solo gli studenti, ma anche i loro insegnanti, ai quali verranno consegnate schede didattiche con dati e informazioni utili per stimolare in classe dibattiti e riflessioni insieme agli alunni. A ciascuna delle scuole che ospiteranno l’iniziativa, dotate di aula di informatica, la Fondazione ANIA regalerà un simulatore di guida sicura, per dare all’istituto l’opportunità di organizzare momenti di formazione anche in futuro.

(Fonte: News Aiscat)

Social Media Communication
Phinet
Roma Italia

Nessun commento:

Posta un commento

Follow by Email

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *