Cerca nel blog

venerdì 9 aprile 2010

Vinitaly VeronaFiere ultimenews: Convegno gas serra, Enantio, Casetta, Recioto, Gambellara, Bardolino, Valpolicella vino...

(Bonazeta per UrlTube) Vinitaly Verona Fiere ultime news Convegno gas serra, Enantio, Casetta, Recioto, Gambellara, Bardolino, Valpolicella

 - ROSA DI SERA: ITALIAN BEAUTY -
Coffee Experience - LA STRADA DEL RECIOTO - RACCONTARE GAMBELLARA - Tacchetto (Bardolino) e Clos Roareti (Valpolicella)
  • Vinitaly Gala  Dinner 2010

°°°


Convegno «Riduzione dei gas serra: nuova leva di marketing per il vino


Enantio e dal Casetta, vitigni autoctoni a bacca nera presente, nel mondo, solo qui in TerradeiForti

DEBUTTA A VINITALY ROSA DI SERA: ITALIAN BEAUTY La Cantina Beato Bartolomeo

Agrifood torna Coffee Experience, il più grande banco d'assaggio del caffè al mondo

IL PREMIO GIORNALISTICO DELLA STRADA DEL RECIOTO AL VINITALY 2010

RACCONTARE GAMBELLARA: TERRA DI GRANDI VINI, E NON SOLO

territorio per caratterizzare il prodotto:

Tacchetto (Bardolino) e Clos Roareti (Valpolicella) 



  • 100408  Vinitaly 44° edizione



Convegno «Riduzione dei gas serra: nuova leva di marketing per il vino», organizzato da L'Informatore Agrario in collaborazione con Sata Studio Agronomico,


In un momento storico in cui il cambiamento climatico e la necessità di ridurre le emissioni di gas serra sancita dal protocollo di Kyoto portano le imprese a interrogarsi su come monitorare efficacemente il loro impatto ambientale, il convegno rappresenta la prima occasione nazionale per conoscere le esperienze all'estero e in Italia sui nuovi metodi per valutare l'«impronta carbonica» della filiera vitivinicola. Sistemi che, proprio a partire dal miglioramento dell'impatto delle attività produttive sull'ambiente, apportano vantaggi sul piano delle vendite e dell'immagine e possono consentire l'accesso a finanziamenti per lo sviluppo di attività strategiche e di territori viticoli.

Significative le testimonianze in Paesi e in aziende per i quali il calcolo delle emissioni di gas serra è già realtà: dalla Champagne e la Borgogna in Francia alla McLaren Valley in Australia, da Dom Perignon all'Associazione Grandi Cru di Montefalco.
Il convegno rappresenta anche l'occasione per conoscere la posizione dell'OIV (Organizzazione Internazionale della Vigna e del Vino) sull'armonizzazione del bilancio del carbonio.

° Enantio e dal Casetta, vitigni autoctoni a bacca nera presente, nel mondo, solo qui in TerradeiForti °

Anche la Strada del Vino e dei Prodotti Tipici della Terradeiforti sarà tra le protagoniste in occasione del prossimo Vinitaly in programma nei padiglioni di Veronafiere dall'otto al dodici aprile. Il presidente della Strada, Rita Zanoni,  interverrà venerdì 9 aprile alle ore 16.00 nello stand della Regione Veneto per una degustazione di prodotti tipici e dei vini rappresentativi del territorio veneto, tra cui Enantio e Casetta della Terradeiforti, insieme ai rappresentanti delle altre strade del vino presenti nella regione. "Come successo alla Bit di Milano" spiega il presidente Rita Zanoni "anche in una prestigiosa vetrina internazionale qual'è il Vinitaly avremmo l'opportunità di fare conoscere l'offerta enogastronomica del nostro territorio. Nel contempo consolideremo il fondamentale connubbio con le altre Strade venete e con la Regione Veneto che, al pari nostro, si stanno prodigando per definire una proposta turistica estiva in grado di valorizzare le peculiarità del Veneto, terra di molteplici peculiarità turistiche, culturali, artistiche ed enogastronomiche".

°
DEBUTTA A VINITALY ROSA DI SERA: ITALIAN BEAUTY
La Cantina Beato Bartolomeo (Padiglione 4 - Stand F7) presenta un nuovo spumante rosé dal bouquet particolarmente ricco. In programma degustazioni

Sarà un Vinitaly all'insegna delle bollicine quello della Cantina Beato Bartolomeo, leader di mercato della zona DOC di Breganze e oggi più che mai proiettata nel felice segmento degli spumanti. La novità che sarà presentata al salone in programma dall'8 al 12 aprile prossimi si chiama Rosa di Sera, intrigante rosé che coniuga con successo piacevolezza e carattere. È ottenuto dalla presa di spuma di un uvaggio del territorio.
Rosa di Sera presenta un perlage fine e particolarmente intenso. I suoi profumi riportano alla frutta fresca, con note marcate di frutti di bosco e ciliegia. In bocca è equilibrato, fresco e vellutato, con leggero retrogusto di mandorla.  
Per la sua presentazione la Cantina Beato Bartolomeo ha scelto lo slogan "Italian Beauty", citando il film American Beauty, nel quale la bionda protagonista si immerge in un bagno di petali di rosa. Per un piacere molto più italiano, a Vinitaly ci saranno le conturbanti Roselline che offriranno assaggi e un coupon per ritirare in uno dei tre punti vendita diretti dell'azienda (Breganze, Schio e Castelfranco) una bottiglia in omaggio di Rosa di Sera. Inoltre, per tutti i giorni della fiera ci sarà spazio per una happy hour, dalle 17 alle 18, durante la quale sarà regalata una rosa a tutte le signore presenti.
"Rosa di Sera - spiega Giuseppe Sartori, coordinatore commerciale della Beato Bartolomeo - è vestito con una bottiglia satinata, elegante e raffinata. Un vino che incontra particolarmente i favori del pubblico femminile , oggi più che mai attento e coinvolto nella scelta del vino".
Questa non sarà l'unica novità per la Beato Bartolomeo che presenta a Vinitaly anche il nuovo Prosecco DOC Extra Dry, con l'inserimento di Breganze nell'area a denominazione di origine controllata.

°

  • Il Presidente  Napolitano a Vinitaly 2010
A Vinitaly / Agrifood torna Coffee Experience, il più grande banco d'assaggio del caffè al mondo

A Verona dall'8 al 12 aprile, all'interno di Agrifood / Vinitaly, l'anno scorso più di 7.000 assaggi di caffè in cinque giorni

Dopo la fortunatissima prima edizione dell'anno scorso, torna Coffee Experience, il più grande banco d'assaggio del caffè al mondo. Si terrà dall'8 al 12 aprile prossimi a Verona, nell'ambito di Agrifood Club, il salone ospitato all'interno di Vinitaly, la più importante manifestazione dedicata al vino e ai distillati. Anche quest'anno quindi saranno in assaggio 35 caffè differenti a disposizione degli oltre 100.000 visitatori che ogni anno si ritrovano in fiera a Verona.

"L'anno scorso abbiamo raccolto più di 7.000 assaggi su scheda - racconta Luigi Odello, presidente del Centro Studi Assaggiatori, partner di VeronaFiere nell'evento - Una mole di dati preziosissima che ha restituito le tendenze del settore. La seconda edizione di quest'anno sarà un ulteriore banco di prova per verificare i gusti e le preferenze del pubblico".

"Coffee Experience rappresenta inoltre una vetrina di rilievo internazionale per le aziende partecipanti - ha proseguito Odello - E' forte infatti la presenza di buyer ed operatori stranieri, presenza strategica in un momento in cui all'estero cresce l'attenzione per l'espresso, che in alcuni paesi sta addirittura soppiantando le preparazioni tradizionali".

Coffee Experience gode del patrocinio dell'Istituto Nazionale Espresso Italiano e dell'Istituto Internazionale Assaggiatori Caffè.

Chi è il Centro Studi Assaggiatori
Il Centro Studi Assaggiatori è l'unità di ricerca sull'analisi sensoriale più avanzata e completa nel nostro paese. Fondato nel 1990, ogni anno compie migliaia di test sui consumatori per verificare la qualità percepita di prodotti e servizi. Collabora nella ricerca con università italiane e straniere. E' editore del trimestrale L'Assaggio e dell'omonima collana di volumi dedicati all'analisi sensoriale.


°

  • L'Abruzzo al  Vinitaly
IL PREMIO GIORNALISTICO DELLA STRADA DEL RECIOTO AL VINITALY 2010
Cerimonia di premiazione all'interno dello stand del Consorzio Gambellara durante la prossima edizione della manifestazione veronese. In palio un bacco d'argento da 2.500 euro

Sarà assegnato nel corso del prossimo Vinitaly il premio giornalistico della Strada del Recioto. La cerimonia di premiazione avverrà all'interno dello stand del Consorzio (Padiglione 5 Stand F4) nella mattinata di venerdì 9 aprile.
Il premio, un bacco d'argento con picaio dorato del valore di 2.500 euro, andrà al giornalista che, a insindacabile giudizio della giuria, meglio avrà descritto la Strada del Recioto e dei vini di Gambellara D.O.C. nella sua complessità e nelle proposte e sinergie enogastronomiche, turistiche, culturali e naturalistiche di questo itinerario. Nelle edizioni precedenti il concorso ha visto premiati Angelo Squizzato, Elisabetta Tosi, Luciano Vanni e Claudio Zeni.
"La Strada del Recioto non vuol dire solo vino - spiega il presidente della strada Antonio Tonello - ma anche specialità gastronomiche e prodotti di alta qualità, come il capretto bianco e il brasadelo, accoglienza e splendidi paesaggi rurali. Per questo  vogliamo premiare chi ci aiuta a far conoscere tutte queste sfaccettature del nostro territorio".
Saranno validi gli articoli scritti dal 18 aprile 2009 al 31 marzo 2010. Gli articoli o gli eventuali DVD, senza limiti di numero, dovranno essere spediti all'Associazione Strada del Recioto e dei vini di Gambellara D.O.C. – via Borgolecco n. 2 (Palazzo Cera) 36053 Gambellara (VI) o via e-mail, in formato pdf,
Il concorso è organizzato dal Comitato Festa del Vino di Selva di Montebello Vicentino, l'Associazione Strada del Recioto e dei vini di Gambellara D.O.C. e il Consorzio per la Tutela della D.O.C. dei Vini Gambellara, con il patrocinio del Comune di Montebello Vicentino e della Banca di Credito Cooperativo Vicentino di Pojana Maggiore.

  • La Provincia  vola a Verona per Vinitaly 2010

°
RACCONTARE GAMBELLARA: TERRA DI GRANDI VINI, E NON SOLO
Colline basaltiche, grandi vini bianchi, prodotti tipici e paesaggi rurali. Al centro di un concorso giornalistico

C'è tempo fino al 31 marzo per partecipare al Premio Giornalistico indetto dal   Consorzio di Gambellara. Chi descriverà al meglio il territorio di Gambellara, raccontando la Strada del Recioto e dei vini di Gambellara D.O.C., si aggiudicherà un Bacco d'argento del valore di 2.500 euro.

La DOC Gambellara è stata istituita con decreto ministeriale del 26 marzo 1970. Comprende i comuni di Gambellara, Montorso Vicentino, Zermeghedo e Montebello Vicentino, per un totale di circa 800 ettari di superficie vitata, quasi tutti a Garganega. Proprio da qui inizia il regno di questo vitigno autoctono che, passando attraverso la provincia di Verona arriva fino al lago di Garda. E la Garganega trova il suo luogo ideale di sviluppo proprio sulle colline attorno a Gambellara. L'abbondante presenza di tufo e basalti sono la testimonianza più evidente di un passato governato dai vulcani, che ancora oggi si fa sentire nel carattere inimitabile dei tre vini che qui vengono prodotti: Gambellara DOC, Recioto di Gamebellara DOCG, Vin Santo di Gambellara DOC. Ma le colline di Gambellara racchiudono anche altri tesori gastronomici, come il Brasadelo, dolce di antica tradizione ancora prodotto da pochi panifici artigiani, o il capretto bianco, specie autoctona quasi scomparsa, recentemente recuperata grazie a un progetto promosso e coordinato dall'Assessorato all'Agricoltura della Provincia di Vicenza.
Per valorizzare adeguatamente i prodotti tipici non potevano mancare ristoranti e trattorie, che trasformano quan to l'agricoltura produce in piatti che sono espressione tipica del territorio, e strutture recettive che vanno dal fascino dell'antica villa padronale all'hotel di più moderna concezione.
A legare tutte queste realtà produttive la Strada del Recioto e Vini Gambellara DOC, che si dipana fra i quattro comuni della Denominazione, e guida l'enoturista fra bellezze naturali e golose specialità.

Per giudicare i lavori pervenuti verrà nominata una apposita giuria. Il nome del vincitore sarà reso noto nello stand del Vinitaly del Consorzio di Gambellara (Padiglione 5 Stand F4)
  • Vinitaly 2010 a  Verona

Guerrieri Rizzardi esalta il territorio per caratterizzare il prodotto:

Tacchetto (Bardolino) e Clos Roareti (Valpolicella) 

    Per il produttore Giuseppe Rizzardi l'esigenza di riuscire a ottenere le migliori uve possibili da un preciso terroir nasce soprattutto dal rispetto per i vigneti di famiglia, posti nelle tre zone classiche del Veronese, prediligendo pertanto quei vitigni e quei sistemi di allevamento che possano offrire i più interessanti risultati in termini di qualità e di originalità. Negli ultimi mesi la casa Guerrieri Rizzardi ha espresso questa filosofia nel Bardolino Classico con il Tacchetto, dall'omonimo vigneto, e nel Valpolicella Classico con il Clos Roareti, dai vigneti di Negrar, sviluppando attraverso questi due prodotti inedite soluzioni a fianco di ancorate tradizioni. 

    Per il Bardolino Classico Tacchetto, il cui nome deriva dalla parte estrema ('tacco') della proprietà da cui si attinge la maggior parte delle uve impiegate, Giuseppe Rizzardi ha scelto sulle colline ai piedi di Cavaion alcuni vigneti esposti a sud, che si offrono alle fresche e asciutte brezze provenienti dalle pendici del Monte Baldo e dalle ultime propaggini della Valdadige, ritenendo che questa esposizione insieme alla tipologia del terreno, ciottoloso e tendenzialmente sabbioso, possano dare un vino che sia emblema del Bardolino: fresco, immediato e piacevole, tuttavia dotato di buona struttura e armonia, il Tacchetto è caratterizzato in massima parte dall'uva Corvina (per l'80%) integrata da Merlot e da Rondinella.

    Le viti sono state in alcuni casi reimpiantate con il sistema della controspalliera, a maggiore densità rispetto ai precedenti sistemi a pergola ma attentamente allevate per una corretta produzione. La vinificazione avviene in acciaio e il vino, dopo sei mesi di maturazione, è imbottigliato tra marzo e aprile. Si esprime al meglio dopo 12 mesi di bottiglia.

    Tacchetto 2008 ha colore rosso ciliegio mediamente intenso con profumi di ciliegia, pepe verde e note speziate, mentre all'assaggio inizialmente fresco si evolve in un finale corposo con leggero tannino e ottima persistenza degli aromi. 

    Nel frattempo esce l'annata 2007 di Clos Roareti, le cui vigne nel cuore della Valpolicella sono in piena maturità. Impiantate nel 1999 in diverse zone del brolo (terreno chiuso da mura) di Rovereti, a Negrar, sono state scelte in base alle proprie caratteristiche ampelografiche: Merlot nei terreni più argillosi, compatti e umidi, Barbera e Corvina in quelli più magri e calcarei.

    La nuova annata dell'Igt Clos Roareti, costituita da Merlot al 100%, dopo fermentazione alcolica in acciaio ha maturato dodici mesi in barriques di rovere (per un terzo nuove) per poi riposare alcuni mesi in bottiglia. Clos Roareti denota due tratti complementari: una caratteristica internazionale, quella delle uve, sancita dal nome 'clos' (sinonimo di 'brolo' in diversi paesi mediterranei), e una caratteristica locale, il terroir della Valpolicella, sancito dal nome 'Roareti' (l'elemento ancestrale legato ai marchesi anticamente proprietari della tenuta). 'Rovereti' o 'Roareti' sono nomi legati anche alle piante di rovere che crescono naturalmente nella zona.

    L'annata 2007 di Clos Roareti ha colore rosso rubino carico; all'olfatto presenta intensi profumi di frutti rossi, lampone, mora e cassis e, successivamente, ancora di lampone con note di piccoli frutti di bosco e di rovere; al gusto ha lunga e intensa evoluzione su fine trama tannica e denota buon equilibrio e struttura con lunga persistenza.

°



approfondimenti:


Vinitaly VeronaFiere ultimenews: Convegno gas serra, Enantio, Casetta, Recioto, Gambellara, Bardolino, Valpolicella altre news da Francesco Bonazzi Vr- (Bonazeta per UrlTube e Gustoin)

Nessun commento:

Posta un commento

Follow by Email

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *