Cerca nel blog

venerdì 8 novembre 2019

Airbnb, Italia terza al mondo per spesa al ristorante

I viaggiatori Airbnb al ristorante: nel 2019 Italia terza al mondo per spesa nel settore

 

La spesa degli ospiti Airbnb in ristoranti e bar italiani quest'anno aumenterà del 25% per toccare 1,84 miliardi

● Napoli la città in cui l'impatto sulla ristorazione locale crescerà di più nel 2019

● Gli host veneziani i più orgogliosi della gastronomia locale

 

 

Milano, 8 novembre 2019. L'appetito vien viaggiando; lo dimostrano i visitatori in vacanza in Italia con Airbnb nel 2019, che faranno incassare a ristoratori e bar quasi 2 miliardi di Euro. Già nel 2018 più della metà dei viaggiatori che hanno visitato il Bel Paese ha destinato alla ristorazione l'importo risparmiato grazie alla piattaforma, e il 32% dell'intero budget del viaggio. La cifra spesa quest'anno crescerà ulteriormente del 25%, portando il nostro Paese al secondo posto in Europa e addirittura al terzo nel mondo per la spesa dei viaggiatori nella ristorazione.

 

Nei primi 46 mercati della piattaforma, nel 2018 questa spesa è stata di almeno 22 miliardi di Euro, e si prevede che arriverà a 27 nel 2019 (30 miliardi di dollari). Questi i risultati dell'analisi del Centro Studi di Airbnb, ottenuti incrociando dati interni con un'indagine condotta fra 237.000 host e guest registrati alla piattaforma e relativi al 2018.

Sempre più viaggiatori, infatti, colgono lo spirito di una meta partendo dalle sue tradizioni culinarie. Inoltre, ristoranti e bar sono anche luoghi di aggregazione in cui calarsi nei panni dei locali per vivere come un abitante del posto, motivo per cui il 77% degli ospiti preferisce soggiornare con Airbnb per scoprire una destinazione nuova.

 

Roma sempre in testa, Napoli la più in crescita nel 2019

Considerando il contesto italiano, stando alle previsioni la città al primo posto per spesa dei guest Airbnb al ristorante nel 2019 sarà Roma (289 milioni di Euro), seguita da Firenze (143 milioni) e Venezia (123 milioni), riconfermando così il trend del 2018. La percentuale di crescita della spesa anno su anno favorirà soprattutto Napoli (+29%), seguita da Venezia (+27%) e Milano (+23%). Il capoluogo campano è anche quello in cui i viaggiatori dedicano la percentuale più alta del budget alla gastronomia locale (35%).

La Serenissima, invece, si distingue per la passione dei propri host: il 96% di loro punta a trasmettere la cultura e l'unicità del territorio consigliando la cucina locale; si tratta del dato più alto in Italia.

 

Uno sguardo alle regioni

La cucina toscana è quella più apprezzata dai turisti della piattaforma: quest'anno ammonterà infatti a 339 milioni di Euro l'impatto economico su ristoranti e bar nella regione, superando le stime per gli esercizi del Lazio, al secondo posto con 304 milioni. Terza la Lombardia, con 224 milioni.

Lombardia e Veneto sono però le regioni in cui la spesa dei visitatori Airbnb crescerà di più rispetto al 2018 (+26%).

Host italiani più impegnati della media globale

Gli host della piattaforma in Italia contribuiscono al trend: il 90% di questi ha infatti consigliato ristoranti e bar ai visitatori accolti, contro l'84% della media globale. I nostri connazionali sono tra i più attivi in questo circolo virtuoso di cui beneficiano le attività locali, impegnandosi ad esempio più dei colleghi spagnoli (87%) e francesi (82%) nel passaparola. In questo modo, l'interesse dei viaggiatori si orienta anche verso quartieri difficili da scoprire senza le indicazioni di una persona del posto e in cui la ricettività tradizionale è meno presente.

 

Nel mondo

Gli introiti che gli ospiti di Airbnb hanno portato alla ristorazione sono significativi in tutto il mondo. Al primo posto per il 2019 figurano gli Stati Uniti con 10 miliardi di dollari, seguiti da Francia (2,9 miliardi di Euro) e Italia (1,8 miliardi).

 

###

STIMA DELLA SPESA DEI GUEST PRESSO RISTORANTI E BAR E METODOLOGIA DEL SONDAGGIO La spesa stimata dei guest presso ristoranti e bar nel 2018 in 46 Paesi e regioni si basa su alcuni dati interni di Airbnb e su circa 14.000 risposte ad un sondaggio volontario inviato a un campione di account che nel 2018 hanno viaggiato nei Paesi analizzati. Le stime per il 2019 si basano invece sul livello di spesa del 2018 e sui dati interni di Airbnb per i periodi compresi tra gennaio e ottobre 2019 e tra ottobre e dicembre 2018. Le altre percentuali legate ai comportamenti degli host e dei guest di Airbnb si basano su più di 237.000 risposte allo stesso sondaggio volontario, somministrato a un campione di host e guest Airbnb a livello mondiale. Gli utenti hanno fornito le risposte senza ricevere alcun pagamento o incentivo.

 

AIRBNB Fondata nel 2008, Airbnb è una community globale di viaggio con oltre 7 milioni di soluzioni di soggiorno in 191 paesi e 40.000 Esperienze uniche in oltre 1.000 città. La sua piattaforma usa in modo unico la tecnologia per consentire a persone in tutto il mondo di condividere e mettere a reddito sia i propri immobili, sia le proprie passioni e talenti, a beneficio di un turismo autentico, inclusivo e sostenibile per gli ospiti e le comunità locali.



--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Posta un commento

Follow by Email

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *