Cerca nel blog

venerdì 8 novembre 2019

Smartphone "Fold" e 5G, i possibili sviluppi per utenti e imprese | Commento Osservatori Politecnico di Milano


 Osservatori Digital Innovation del Politecnico di Milano


 

Smartphone "Fold" e 5G, i possibili sviluppi per utenti e imprese

 

Commento a cura di Marta Valsecchi - Direttore dell'Osservatorio Mobile B2c Strategy  

 

Milano, 8 novembre 2019 - Il mercato delle vendite di Smartphone negli ultimi anni ha evidenziato segnali di contrazione. Questo a causa di due fattori principali: le innovazioni tecnologiche degli ultimi modelli in commercio non sono state così differenziali rispetto ai precedenti; il mercato ha ormai raggiunto, almeno nei paesi occidentali, livelli di saturazione con tassi di penetrazione molto elevati. 

I principali produttori stanno quindi ora scommettendo su alcune novità significative (hardware e software), che potrebbero tornare a far gola agli appassionati di smartphone di nuova generazione e a chi fa un utilizzo massivo di questi dispositivi. Le novità ruotano principalmente attorno a: schermi pieghevoli e supporto al 5G. 

I dispositivi pieghevoli - in fase di sviluppo e a breve sul mercato - avrebbero il vantaggio di offrire agli utenti dimensioni di schermo decisamente superiori a quelle attuali, ma con la comodità di piegarsi e occupare quindi uno spazio ridotto in tasca (una volta chiusi). Dimensioni maggiori dello schermo sono utili per tenere, ad esempio, aperte contemporaneamente più applicazioni sul display principale e operare quindi in modalità multi-tasking; inoltre consentirebbero di fruire di contenuti digitali (in particolare video e giochi) in maniera molto più efficace e coinvolgente (abbattendo ad esempio la necessità di dover ruotare lo schermo). Ciò è garantito, oltre che dalla dimensione e qualità dello schermo, ovviamente anche dalle prestazioni tecniche. Tali dispositivi stanno incuriosendo l'industry pubblicitaria, che negli ultimi anni, ha visto crescere significativamente gli investimenti in video e vede con interesse la possibilità di sviluppare formati pubblicitari più creativi e di impatto e migliorare la customer experience, sfruttando le nuove tipologie di schermi.

La seconda novità riguarda il supporto alle reti 5G: in Italia e in giro per il mondo le principali città iniziano a essere coperte da tali reti, mancano però ancora servizi che possano costituire un incentivo per i consumatori a cambiare smartphone per averne uno 5G.

Se le direzioni di sviluppo paiono, quindi, sulla carta, interessanti, l'impatto che tali dispositivi avranno sui numeri delle future vendite dipenderà notevolmente dalla fascia di prezzo a cui si collocheranno, che pare essere molto alta dalle indiscrezioni di mercato, con la conseguenza che potrebbero essere accessibili solo ad un pubblico di nicchia.


La School of Management del Politecnico di Milano, costituita nel 2003, accoglie le molteplici attività di ricerca, formazione e alta consulenza, nel campo dell'economia, del management e dell'industrial engineering che il Politecnico porta avanti attraverso le sue diverse strutture interne e consortili. La Scuola ha ricevuto, nel 2007, il prestigioso accreditamento EQUIS.  Nel 2009 è entrata per la prima volta nel ranking del Financial Times delle migliori Business School europee.  Nel 2013 ha ottenuto il prestigioso accreditamento internazionale da AMBA.  Dal 2015, la Scuola è membro di AACSB International. La Scuola è presente inoltre nei QS World University Rankings.  Nel 2017, la School of Management è la prima business school italiana a vedere riconosciuta la qualità dei propri corsi erogati in digital learning nei master Executive MBA attraverso la certificazione EOCCS. La Scuola è membro PRME, Cladea e QTEM.

 Fanno parte della Scuola: il Dipartimento di Ingegneria Gestionale e il MIP Graduate School of Business che, in particolare, si focalizza sulla formazione executive e sui programmi Master. Le attività della School of Management legate all'Innovazione Digitale si articolano in Osservatori Digital Innovation, che fanno capo per le attività di ricerca al Dipartimento di Ingegneria Gestionale, e Formazione executive e programmi Master, erogati dal MIP.

Gli Osservatori Digital Innovation della School of Management del Politecnico di Milano nascono nel 1999 con l'obiettivo di fare cultura in tutti i principali ambiti di Innovazione Digitale. Oggi sono un punto di riferimento qualificato sull'Innovazione Digitale in Italia che integra attività di Ricerca, Comunicazione e Aggiornamento continuo. La Vision che guida gli Osservatori eÌ che l'Innovazione Digitale sia un fattore essenziale per lo sviluppo del Paese. La mission eÌprodurre e diffondere conoscenza sulle opportunità e gli impatti che le tecnologie digitali hanno su imprese, pubbliche amministrazioni e cittadini, tramite modelli interpretativi basati su solide evidenze empiriche e spazi di confronto indipendenti, pre-competitivi e duraturi nel tempo, che aggregano la domanda e l'offerta di Innovazione Digitale in Italia.
L e attività sono svolte da un team di quasi 100 tra professori, ricercatori e analisti impegnati su 40 differenti Osservatori che affrontano i temi chiave dell'Innovazione Digitale nelle Imprese (anche PMI) e nella Pubblica Amministrazione: Agenda Digitale, Artificial Intelligence, Big Data Analytics & Business Intelligence, Blockchain & Distributed Ledger, Business Travel, Cloud Transformation, Cloud nella PA, Contract Logistics, Digital Thinking for Business, Digital Transformation Academy, Droni, eCommerce B2c, eGovernment, Export Digitale, Fatturazione Elettronica & eCommerce B2b, Fintech & Insurtech, Food Sustainability, Gioco Online, HR Innovation Practice, Industria 4.0, Information Security & Privacy, Innovative Payments, Innovazione Digitale in Sanità, Innovazione Digitale nei Beni e Attività Culturali, Innovazione Digitale nel Retail, Innovazione Digitale nel Turismo, Innovazione Digitale nelle PMI, Internet Media, Internet of Things, Kids & Toys, Mobile B2c Strategy, Multicanalità, Omnichannel Customer Experience, Professionisti e Innovazione Digitale, Smart & Connected Car, Smart Agrifood, Smart Working, Startup Hi-tech, Startup Intelligence, Supply Chain Finance, Tech Company - Innovazione del Canale ICT.



--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Posta un commento

Follow by Email

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *