Cerca nel blog

mercoledì 6 novembre 2019

L’attività di M&A in Italia mostra un incremento nel 3Q19; in discesa le operazioni di Private Equity

L'attività di M&A in Italia mostra un incremento nel 3Q19; in discesa le operazioni di Private Equity

 

  • In aumento l'attività di M&A nel terzo Trimestre del 2019 rispetto ai primi due trimestri dell'anno
  • La maggioranza delle attività è stata generata da operazioni nazionali
  • Il Private equity ha registrato un rallentamento nel 3Q19, con il valore trimestrale più basso dagli ultimi 3 mesi dal 2016

                                                 

6 novembre 2019, Milano: Mergermarket, il principale fornitore di dati e intelligence di M&A, rileva   un miglioramento nell'attività di M&A in Italia nel terzo trimestre, segnando il più forte trimestre per valore dal 4Q18 Nel terzo trimestre sono state registrate 146 operazioni per un valore di 11,6 miliardi di euro, spingendo il valore da inizio anno a 24 miliardi di euro per un totale di 423 operazioni. Ciò rappresenta una diminuzione del 45,7% del valore rispetto allo stesso periodo del 2018 (44,1 miliardi di Euro). Il rallentamento delle operazioni di M&A rispecchia quello della produzione europea, che si è ridotta di circa del 25% rispetto al 2018. Movimenti significativi nei settori delle telecomunicazioni, Energia e Utilities hanno contribuito ad accrescere l'attività di questo trimestre. L'operazione di 5,3 miliardi di euro tra Telecom Italia, attraverso la sua controllata INWIT, e Vodafone è il più grande deal di quest'anno, e il secondo più grande target del settore delle telecomunicazioni in Italia dal 2016. L'operazione segue una tendenza del settore ben più ampia, che sta vedendo le aziende alla ricerca di occasioni al fine di condividere i costi di investimento necessari per il lancio del 5G.

 

La maggior parte dell'attività è stata generata dalla contrattazione interna, con 14,6 miliardi di euro erogati in 259 operazioni tra imprese italiane, rispetto a 9,3 miliardi di euro e 164 operazioni attribuibili agli investimenti esteri. Questa è la prima volta dal 2016 in cui l'attività di M&A nazionali hanno superato il valore in entrata.

I dati sono stati resi noti in occasione del 12º Forum Annuale M&A e Private Equity di Milano del 6 novembre.

Fonte: Mergermarket

 

La attività di private equity hanno registrato un rallentamento nel terzo trimestre con 28 acquisizioni per un valore di 648 milioni di euro registrando il valore trimestrale più basso dal quarto trimestre del 2016 (22 acquisizioni, 673 milioni di euro). Le cifre di quest'anno ammontano registrano 84 acquisizioni per un valore di 4,9 miliardi di euro, rispetto ai 15,2 miliardi di euro e alle 77 operazioni dello scorso anno.

 

Massimo Benedetti, PwC Deals Leader ha commentato: "Ci aspettiamo che il mercato M&A in Italia rimanga sostenuto nel 2021 da un serie di fattori favorevoli. Brexit ha spostato parte del focus dal Regno Unito all'Europa continentale. La ricerca di rendimento da parte del private equity anche tramite un processo di build up in un mercato ancora frazionato dovrebbe beneficiare il mercato italiano . Prevediamo infine in aumento le attività derivanti dal ridisegno di taluni grandi gruppi italiani con dismissioni o alleanze esterne per business units ritenute non strategiche."

 

Filippo Modulo, Managing Partner di CHIOMENTI ha commentato: "L'incertezza non aiuta, tuttavia continuiamo a notare un forte interesse da parte degli investitori stranieri, sia di Private Equity che industriali, verso il mercato italiano. Stiamo anche notando assets con un chiaro spazio di consolidamento nonché passaggi generazionali in settori di business selezionati; passare dall'interesse al completamento delle operazioni è solo una questione di tempo."

 

Alessandra Castelli, EMEA Public Markets Editor di Acuris ha commentato: "L'incertezza politica interna, a seguito del crollo del governo Lega Nord/ M5S, sulle minacce elettorali e la conseguente formazione di una nuova coalizione più moderata tra PD e M5S, unita a una visione macroeconomica sommessa, hanno contribuito a un calo delle operazioni quest'anno. Tuttavia, prevediamo che le operazioni di piccole e medie dimensioni nei prossimi mesi continueranno a contribuire alla maggior parte dell'attività di M&A italiana".



--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Posta un commento

Follow by Email

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *