Cerca nel blog

giovedì 30 agosto 2012

Ex Forconi di Gela sul piede di guerra : "Agricoltura al collasso"

                                                                                                                           Di Maurizio Cirignotta
 Gela: Inviata in prefettura il 30-08-2012 una richiesta ufficiale di riapertura del Tavolo tecnico sullo sviluppo dell'area del Gelese. La missiva che ricorda al Prefetto le precedenti richieste fatte nel mese di Aprile e di Giugno ad oggi non portate ancora a termine. La lettera Pone l'attenzione sulla promessa presso l'Asi di Gela del laboratorio di chimica ambientale, già in essere con protocollo d'intesa con università di Catania (fondazione Cutgana). Le richieste urgenti inoltre valutano anche l'importanza del grave stato di degrado del substrato economico in cui versa l'agricoltura del territorio Gelese. Condizione dovuta, al rialzo dei prezzi del carburante ed alle politiche economiche comunitarie, dedicate certamente allo sviluppo dei paesi sottosviluppati, ma che stanno realmente ditruggendo e sottosviluppando il nostro mercato agricolo creando migliaia di disoccupati. L'arrivo,infatti, di cospicue quantità di Carciofo Violetto dal marocco e dalla tunisia,l'entrata nel mercato locale delle Arance marocchine,il caro prezzo del grano per semina che oggi viene venduto a 70 cent al Kg di contrasto alla vendita del prodotto finioto a 24 cent al kg sono alla base della distruzione del mercato. Si La menta inoltre nella lettera il fatto che i prodotti sopra indicati possono nuocere alla salute in quanto non hanno gli standars produttivi europei,che presuppongono qualità e certificazioni biologiche, con maggiori costi produttivi. Nell'ultimo periodo si è anche notato il rialzo dei prezzi dell'irrigazione. Al riguardo la grande indifferenza delle istituzioni sugli invasi di raccolta acqua (Dighe). La diga Comunelli è completamente interrata e rischia di rompere gli argini per la presenza di cospique quantità di terra nell'invaso e nessuno ne parla. Un'agricoltura praticamente al collasso !! Nella missiva ,inoltre, si comunica che il 10 settembre 2012 da parte delle associazioni riunite ,sarà effettuato un sit-in davanti la prefettura per protestare contro l'indifferenza delle istituzioni e della politica sulle vere problematiche della gente. Si valuta inoltre di fare delle importanti azioni che possono sfociare nel blocco del traffico merci in uscita dall'ENI.


Nessun commento:

Posta un commento

Follow by Email

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *