Cerca nel blog

mercoledì 25 febbraio 2015

Festival Biennale Naked City Project 2015 // 27 e 28 Febbraio, Ex Cartiera di Roma


 


2NC-Fest
multipli-cities

27-28 febbraio 2015
Ex Cartiera Latina - Via Appia Antica, 42

La nebulosa urbana della metropoli contemporanea è una realtà sempre più frammentata dal punto di vista territoriale e sociale, una non città. L'espansione illimitata, i flussi globali di merci e persone, le crescenti disuguaglianze economiche, la digitalizzazione delle attività e delle relazioni, sono fenomeni che generano separazioni, estraneità tra cittadini e territorio, perdita di spazio pubblico. L'unica risposta possibile è ridurre queste distanze attraverso la creazione di reti che mettano al centro conoscenza, collaborazione, condivisione, ma anche una maggiore integrazione tra digitale e territorio. VISIVA con Naked City Project, osservatorio urbano interdisciplinare, insieme a Linux Club Italia, intendono procedere in questa direzione, assumendo come linea di fuga una digital city fondata sulla conoscenza e sulla partecipazione.
Il 27 e 28 febbraio nel complesso dell'ex cartiera latina si svolge 2NC-Fest, seconda edizione del festival biennale di narrazioni urbane multimediali: photo screenings, multimedia, web-doc, videoart, vjing, performance musicali e artistiche, cartografie digitali e convegni, per raccontare ed esplorare aspetti materiali e immateriali della realtà urbana in costante evoluzione. Al centro della manifestazione, la ricerca e la produzione collaborativa in ambiente digitale, l'interdisciplinarietà e le narrazioni multimediali.
Il titolo di questa seconda edizione, multipli-cities, è un chiaro rimando alla crescente complessità e frammentazione delle metropoli contemporanee, che rappresenta allo stesso tempo un problema e una risorsa. Per questa ragione, la condivisione di immaginario e conoscenza, la costruzione di un sapere partecipato, la creazione di reti di esperienze territoriali tese a sperimentare nuovi modelli di economia e convivenza, sono tutti aspetti di uno sforzo collettivo di "comprensione" e "trasformazione" della realtà attuale che occorre promuovere e diffondere.
Con questa consapevolezza Naked City Project sperimenta nuovi modelli collaborativi di produzione e fruizione dell'informazione attraverso modalità interdisciplinari e transmediali d'indagine e comunicazione, in un panorama che vede il diffondersi dei personal media, l'evoluzione del web "social" e il moltiplicarsi di nuovi applicativi di gestione condivisa dei dati. Su questa linea di informazione evolutiva, VISIVA opera tramite Naked City Project tra territori e web per promuovere percorsi di conoscenza e immaginario condivisi. 
NC-Fest è tra gli assi operativi dell'osservatorio che, con Associazione VISIVA e in partnership con Linux Club Italia, ha ideato e strutturato il festival seguendo come linee guida le identità locali e i flussi globali, le geografie sociali, gli arcipelaghi e i nuovi margini, il conflitto e le solidarietà.
Tre le sezioni in cui si articola il programma: "foto, musica e visual", "cartografie, web-doc, performance", e "dibattiti". L'obiettivo generale è quello di riplasmare grandi spazi attraverso le tecnologie digitali per produrre esperienze collettive attraverso una concentrazione pianificata di informazioni e stimoli emozionali correlati alla dimensione urbana e prodotti con modalità collaborative. Produzione e fruizione collettiva mediante esperienze transmediali.

Arti visive e musica
Ad animare la "sala Appia" del complesso, i photo screenings su schermi al plasma si svolgono su tre linee progettuali: la prima si compone di lavori fotografici selezionati tramite un'open call rivolta a fotografi professionisti e non professionisti in tutto il territorio dell'area metropolitana romana; la seconda è il prodotto della mission fotografica del collettivo Naked City Project; la terza comprende i progetti di noti fotografi relativi a realtà urbane nazionali e internazionali. A plasmare questo spazio contribuiscono inoltre installazioni di videoart a cura di Valentino Catricalà, che ha riunito alcuni tra gli artisti più interessanti della scena artistica italiana, tra cui Daniele Spanò e Rä di Martino,  il videomapping show dei NEOCORTEX e il vjing "live visual" del FLxER Team, curati da Gianluca Del Gobbo, di LPM. Sarà possibile osservare la suggestiva installazione video e postazione interattiva, Mapping Foursquare con mappature realizzate mediante il social network di geolocalizzazione Foursquare. In questa cornice visiva sono previsti i live set musicali del gruppo COMEMAMMAMHAFATTO e del duo di elettronica che eseguirà una performance di live sampling e processing Filippo Brancadoro e Luca Spagnoletti, ma anche i dj set di Resonant Mode e di Max Scoppetta.

Cartografie digitali, web-doc e performance
L'interazione di mappature territoriali, mappature emozionali in real time e performance teatrali sono protagoniste della seconda sezione del festival che anima la "sala Nagasawa". Il progetto reTer, curato da Naked City Project, presenta in anteprima una piattaforma digitale di cartografia critica e partecipata su schermi interattivi, una sperimentazione che intreccia dati e narrazioni su territorio e società di Roma raccolti attraverso un'ampia rete di realtà territoriali, tra associazioni, comitati, centri di ricerca, istituzioni. I temi vanno dalle criticità di territori e servizi alle buone pratiche di economia alternativa, mobilità sostenibile, mutualismo, agricoltura urbana, fino agli eventi culturali e artistici.

Il progetto HERO (Human Ecosystems Roma), creato dal network di ricercatori e artisti di Art is open source, fondato da Salvatore Iaconesi e Oriana Persico, consiste in un'installazione interattiva in cui si ricostruisce la geografia emozionale di Roma attraverso l'osservavazione, l'analisi e la visualizzazione grafica in tempo reale delle conversazioni degli abitanti sui principali social network. Apprenderemo così dove prevalgono nella città i sentimenti di amore, gioia, rabbia, angoscia, solidarietà, ribellione.

All'interno della sala saranno installati anche su schermi interattivi due wb-doc innovativi, uno su Roma e l'altro su Tunisi. 4Stelle Hotel (di V. Muscella e P. Palermo, Web designer M. Bresin, produzione F. Ragazzo) ci immerge, raccontandolo in modalità multimediale e interattiva, in un albergo occupato alla periferia di Roma, abitato da più di 200 famiglie provenienti da oltre 20 nazioni diverse, a seguire presentazione alla presenza degli autori. Al centro di Tunisi - Geografie dello spazio pubblico dopo una rivoluzione è un'inchiesta e una narrazione geografica multimediale che nasce dalla collaborazione innovativa tra Università di Cagliari, Politecnico di Torino e agenzia fotografica Prospekt. Dal Web-doc emerge come molti spazi pubblici di Tunisi, a distanza di due anni dalla rivoluzione, permangono intrisi della carica di auto-organizzazione dei cittadini.

Collegato al Web-doc su Tunisi, l'installazione del fotografo e artista Giorgio di Noto, Tunisi 8.06.2013, è un esperimento multimediale che racconta la rivolta tramite le immagini realizzate con gli smartphone dagli stessi cittadini tunisini, che saranno proiettate su schermo ed esposte in un rotolo di carta fotografica impressionata direttamente dalla luce dei display durante una performance svoltasi a Tunisi nella data del titolo.

Le azioni performative interagiranno con le installazioni. Da una collezione gestuale e sonora, di e con Giovanni Impellizzieri, con la partecipazione di Marta Ciappina e Alexio Davoli, traspongono nella danza osservazioni sullo spazio metropolitano con  El mi porto / MEtropoli, mentre Nikky & Fabio Ciccalè, con muro cieco - coreografia per video e danza, esprimono le interazioni possibili tra uomo e macchina, realtà e virtualità, attraverso la collaborazione di una Vj e un performer. Infine vi sarà il Radio-walkshow a cura di Urban Experience, condotto da Carlo Infante con Stefano Simoncini e gli stakeholder di reTer, che opereranno un'esplorazione urbana tra natura e memoria del contesto territoriale dell'ex cartiera che culminerà in un digitalstorytelling effettuato mediante la mappa reTer e il geblog di Urban Experience.

Photoscreening e presentazioni editoriali
Durante il festival sarà possibile assistere a numerose presentazioni editoriali e photoscreening che forniranno una visione completa su diverse metropoli europee.
Presentazione e photoscreening del libro fotografico Rome, di Anders Petersen (ed. Punctum), a cura di Marco Delogu. L'artista lavora infatti su un concetto primitivo di città, quello per cui una comunità si forma attorno ad un luogo.

A seguire photoscreening del libro fotografico Ibidem, di Giovanni Del Brenna che verrà introdotto da Matteo Di Castro e Marco Pinna. Ibidem è un un progetto sulla globalizzazione, sulla mancanza e perdita delle radici, sulla mutazione delle città.

Presentazione, photo screening e signing del libro Last Stop (London 2015), del fotografo George Georgiou con l'autore e il giornalista Claudio Jampaglia dell'Agenzia Prospekt. Il lavoro di Georgiou documenta la velocità di cambiamento che la metropoli aveva subito. Volevo documentare la città, i suoi movimenti e le migrazioni, il suo paesaggio e l'architettura, la sua diversità e l'energia. Volevo capire come tante persone provenienti da tutto il mondo riescono a condividere lo stesso spazio.

La scuola Officine Fotografiche presenta "Roma!", photoscreening a cura di Tiziana Faraoni photoeditor del L'Espresso, raccolta di progetti fotografici realizzati dagli allievi nell'ambito del "master di fotogiornalismo contemporaneo" di Emiliano Mancuso

Presentazione di Exposed Project e Habitat Project (progetti collettivi di ricerca visuale su trasformazioni della città e questione abitativa), con Andrea Kunkl


Fotografia multimediale
Il festival presenta una grande selezione di lavori fotografici su supporto multimediale, per fornire una fruizione contemporanea della fotografia. Tra gli Autori in mostra tante guest, tra cui: George Georgiou - Last Stop (Londra), Giovanni Del Brenna Ibidem (città globali), Tugba Yuksel - The Bus (Istanbul), Jason Larkin - Cairo Divided, Gilles Sabrié - A New Urban Landscape (Cina), Sergio Chiaramonte - Brianza Suburb, Daniele Cametti Aspri - Dark Cities (Roma, Parigi, Barcellona), Martinn Cregg Midlands (Irlanda), Digaetano Alessandro Lost in Chinese Transition (Cina), Rafael Trapiello - New York, Texas.

Open Call
Il festival ha invitato tutti i fotografi che abbiano realizzato o stiano realizzando progetti fotografici su Roma a presentare i propri lavori. ll tema di questa edizione, "multipli-cities", rimanda alla crescente complessità e frammentazione delle metropoli contemporanee. I vincitori selezionati dalla giuria presieduta da Alessia Tagliaventi di Contrasto e Marco Pinna di National Geographice sono: Fabio Moscatelli, Alessandro Lacchè,Eva Krampen Kosloski, Nicoletta di Ruocco, Collettivo RRP, Donato Cirulli, Emilio Barillaro Alessandro Lacché,Simone Crescenzo e Alberto Urbinati, Nicola Delle Donne, Giuseppe Farcomeni, Emanuele Donazza, Pierangelo Laterza, Francesca Pompei e Gianluca De Simone, Elio Castellana, Chiara Bandino, Simone Tramonte, Pierluigi Zolli, Arianna Lodeserto, Gerardo Filocamo, Guido Gazzilli, Marialuisa Angeletti

Dibattiti
Nella sezione dibattiti, che si svolgerà nella sala conferenze della sede del Parco dell'Appia, è prevista la presentazione del progetto di reTer durante il convegno dal titolo Reti e territorio: la collaborazione per conoscere e cambiare la città, nonché un convegno coordinato dal centro di ricerca CEDRAP (Centro di Documentazione e Ricerca sull'Arte Pubblica) dell'Università "La Sapienza", incentrato sul tema Roma opera aperta: arte pubblica tra partecipazione e rigenerazione urbana.

Questo il programma del festival che si terrà nella suggestiva cornice degli spazi di archeologia industriale dell'ex Cartiera Latina nel Parco regionale dell'Appia antica, realizzato con il sostegno di Roma Capitale - Assessorato Cultura e Turismo - Dipartimento Cultura Servizio Spettacoli ed Eventi.

Inoltre il progetto ha ricevuto il patrocinio di Roma Capitale municipio Roma VIII.

VISIVA  con Naked City Project,   attraverso il festival hanno l'ambizione di favorire crescita culturale e civile, conoscenza del territorio e senso di comunità e una produzione artistica e di informazione fondata su un approccio collaborativo, partecipato attraverso l'impiego delle tecnologie digitali e del web interattivo.

Rassegna stampa sulla prima edizione del festival (1NC-Fest "Roma la nuda città") e sulle altre attività del network Naked City Project:










Nessun commento:

Posta un commento

Follow by Email

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *