Cerca nel blog

venerdì 25 ottobre 2013

La pasta "made in Italy" non conosce crisi. Volano export e fatturato. Per il "World Pasta Day 2013", la Cia ricorda tutti i primati italiani del settore

In occasione del "World Pasta Day 2013", la Cia ricorda i primati italiani del settore: siamo il primo produttore mondiale (3,3 milioni di tonnellate annue), il primo consumatore (26 kg a persona) e il primo esportatore (1,9 milioni di tonnellate). Un successo planetario a cui contribuiscono anche i nostri agricoltori.

 

Non c'è crisi per la pasta italiana, che "resiste" sulle tavole nonostante il crollo dei consumi e continua incontrastata a conquistare i mercati stranieri. Sul fronte "spaghetti & company", il Belpaese non ha rivali e batte ogni primato: l'Italia resta il primo produttore al mondo con 3,3 milioni di tonnellate per un controvalore di 4,6 miliardi di euro, il primo consumatore con 26 chili pro capite e il primo esportatore con 1,9 milioni di tonnellate. E' quanto afferma la Cia-Confederazione italiana agricoltori, in occasione del "World Pasta Day 2013".

Nonostante il lieve calo delle quantità acquistate (-1 per cento nei primi otto mesi del 2013) dovuto alle difficoltà economiche delle famiglie -spiega la Cia- la pasta resta uno dei piatti più amati dagli italiani. Che, per non rinunciarci, con la crisi si sono piuttosto orientati verso confezioni "low-cost" e format distributivi più convenienti come i discount (+4,5 per cento), portando a una riduzione della spesa per tagliatelle e rigatoni del 9 per cento circa.

Gli italiani, quindi, rimangono i maggiori consumatori mondiali di pasta, con una netta preferenza per la pasta secca (22 chili a testa) rispetto a quella fresca (4 chili) -ricorda la Cia-. Seguono a notevole distanza i venezuelani con 13 chili a persona, i tunisini (11,9 chili), i greci (10,4 chili), gli svizzeri (9,7 chili), gli svedesi (9 chili), gli americani (8,8 chili), i cileni (8,4 chili), i peruviani (8,3 chili) e i francesi (8 chili).

Ma l'Italia mantiene anche la leadership di primo produttore globale: nel 2012 -spiega la Cia- gli Stati Uniti si sono fermati a 2 milioni di tonnellate, il Brasile a 1,3 milioni di tonnellate e Russia e Turchia a meno di un milione di tonnellate annue.

Di contro lo Stivale, con 3,3 milioni di tonnellate prodotte, resta prima sul podio e continua a volare oltreconfine. Nel 2012 l'export è cresciuto del 7 per cento -evidenzia la Cia- e anche il primo semestre di quest'anno il trend si mantiene positivo con il +6 per cento. In particolare, il 73 per cento delle esportazioni finisce nei piatti dei consumatori europei, il 13 per cento negli Usa e il 14 per cento nel resto del mondo. Ma con "boom" senza precedenti nei nuovi mercati emergenti, prima di tutto la Cina (+60 per cento).

Un successo a cui contribuiscono anche i nostri agricoltori -conclude la Cia- che continuano a coltivare grano duro nonostante i problemi strutturali del comparto: i costi produttivi sempre più alti, i prezzi sui campi non remunerativi e troppo soggetti alle fluttuazioni dei mercati internazionali e l'assenza di politiche mirate per il settore.     


 

Nessun commento:

Posta un commento

Follow by Email

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *