Cerca nel blog

venerdì 1 novembre 2019

Piu di metà delle PMI sostiene che i diritti di Proprietà Intellettuale abbiano un impatto positivo sulle loro attività




Piu di metà delle PMI sostiene che i diritti di Proprietà Intellettuale abbiano un impatto positivo sulle loro attività
 
Migliore reputazione e credibilità, aumento del fatturato e migliori prospettive di espansione sul mercato rappresentano tutti gli effetti positivi dei diritti di proprietà intellettuale per le piccole e medie imprese (PMI), che ne sono titolari.

È la conclusione cui è giunta un'importante indagine a livello UE sulle PMI e sulla proprietà intellettuale (PI), pubblicata oggi dall'Ufficio dell'Unione europea per la proprietà intellettuale (EUIPO), un'agenzia decentrata dell'UE, secondo cui il 54 % delle PMI titolari di diritti di proprietà intellettuale ritiene che la registrazione abbia avuto un effetto positivo sulla propria attività.

Tuttavia, quasi quattro PMI su dieci affermano che la mancanza di conoscenza in merito ai diritti di proprietà intellettuale (PI), quali brevetti, marchi, disegni e modelli, ha impedito loro di ottenere la protezione necessaria.
Il Direttore esecutivo dell'EUIPO, Christian Archambeau, ha dichiarato:
Le PMI svolgono un ruolo fondamentale nell'economia dell'innovazione e la proprietà intellettuale contribuisce a proteggere le loro preziose risorse aziendali. La nostra indagine mostra che il 61 % delle PMI prenderebbe in considerazione la protezione della proprietà intellettuale se avesse migliori conoscenze in merito e il nostro compito, attraverso il prossimo piano strategico, è di fornire loro gli strumenti e i servizi necessari a tale scopo.

L'accesso ai finanziamenti è spesso elencato come uno dei principali problemi delle PMI. Tuttavia, solo il 21 % di quelle titolari di diritti di PI registrati dispone di una valutazione professionale dei propri beni e ancora meno (il 13 %) ha cercato di ottenere finanziamenti utilizzando i propri diritti di proprietà intellettuale.

Impatto positivo della tutela dei diritti di proprietà intellettuale
Secondo lo studio, le tre principali motivazioni per la registrazione dei diritti di PI per le PMI sono: impedire di essere copiati da parte dei concorrenti (59 %), incrementare la certezza del diritto (58 %) e migliorare l'immagine e il valore dell'impresa (36 %).

Nuove opportunità di collaborare con altre imprese (17 %), l'aumento dell'occupazione (15 %) e la maggiore redditività (12 %) figurano inoltre tra gli impatti favorevoli valorizzati dalle imprese che si accingono a tutelare la propria proprietà intellettuale. Le PMI apprezzano, inoltre, i benefici derivanti dal rafforzamento delle prospettive commerciali a lungo termine (11 %) e dalla maggiore facilità di accesso ai finanziamenti (8 %).

Il sostegno alle PMI è essenziale per una crescita economica intelligente e sostenibile
Sostenere le PMI è fondamentale per un'economia forte: sono un elemento centrale per la creazione di posti di lavoro e per la crescita economica, in quanto danno impiego ai due terzi degli occupati e forniscono il 57 % del valore aggiunto all'interno dell'UE.

La PI può svolgere un ruolo cardinale nella promozione della crescita sostenibile, in quanto offre a coloro che investono tempo, impegno e denaro nell'innovazione un meccanismo per proteggerla e trarne vantaggio.

NOTA PER I REDATTORI
La relazione odierna è la seconda edizione della serie del quadro di valutazione delle PMI; la prima è stata pubblicata dall'EUIPO nel 2016. È stata condotta un'indagine tra PMI di piccole e medie dimensioni in tutti i 28 Stati membri dell'UE in una serie di attività e settori economici.

INFORMAZIONI SULL'EUIPO
L'Ufficio dell'Unione europea per la proprietà intellettuale (EUIPO) è un'agenzia decentrata dell'UE, con sede ad Alicante (Spagna). L'Ufficio gestisce la registrazione dei marchi dell'Unione europea (MUE) e i disegni e modelli comunitari registrati (DMC) e svolge attività di cooperazione con gli uffici di proprietà intellettuale (PI) nazionali e regionali dell'UE. L'EUIPO svolge ricerche e attività per combattere la violazione dei diritti di proprietà intellettuale tramite l'Osservatorio europeo sulle violazioni dei diritti di proprietà intellettuale.

Nessun commento:

Posta un commento

Follow by Email

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *