Cerca nel blog

sabato 29 dicembre 2007

10 idee pazze per salvare il mondo

LE ELENCA LA RIVISTA WIRED

Dieci idee pazze per salvare il mondo

Dagli alberi artificiali all'urea in mare: per finire con gli "ombrelloni" di nuvole contro l'effetto serra.

( Corriere.it ) WASHINGTON - Il bestiame emette troppo metano. Se serviamo una bistecca siamo colpevoli quanto un automobilista che si fa 40 miglia emettendo anidride carbonica. La soluzione? Rimpinzare le mucche d'aglio.. Ce ne sono parecchie di idee per salvare il pianeta. La rivista americana Wired ha raccolto quelle più strane raccontando intuizioni ora quasi geniali ora molto visionarie. Del resto come diceva una pubblicità: «Ecco i pazzi…quelli che vedono le cose in modo diverso…loro sono quelli che cambiano le cose».

QUALCHE ESEMPIO – Contro l'effetto serra basterebbero degli ombrelloni di nuvole, per l'esattezza di stratocumuli, le nuvole più adatte a questo scopo. L'idea è del fisico statunitense John Lathan e dell'ingegnere scozzese Stephen Salter e consiste nel potenziare le proprietà protettive degli stratocumuli irrorandoli di acqua marina che, una volta evaporata, lascerebbe sul loro dorso una coltre di cristalli di sale, esercitando la funzione di una sorta di ombrellone.
Contro l'inquinamento dell'ecosistema marino esistono invece società, come Planktos e Climos, che diffondono urea, un composto chimico, allo scopo di ridurre le emissioni di CO2.
Per trattenere l'anidride carbonica basta poi un albero finto, come teorizzato dal fisico della Columbia University Klaus Leckner. Il vegetale artificiale chiaramente non rilascia ossigeno ma, proprio come le piante vere, trattiene anidride carbonica.
Sempre per salvare il pianeta c'è anche chi ha pensato di convertire i grattacieli, simbolo dell'inquinamento metropolitano, in strumenti eco-friendly. L'idea è del professor Dickson Despommier, professore di scienze ambientali alla Columbia University, che ha progettato dei grattacieli contenenti serre all'interno delle quali si coltiverebbero i prodotti della terra e al tempo stesso si produrrebbe energia rinnovabile. Insomma, degli agro-grattacieli.
Infine a fronte di una crescente violenza di molti fenomeni naturali, come gli uragani (che gli scienziati collegano anche al fenomeno del surriscaldamento del pianeta), basterebbe far piovere dal cielo un spruzzata di polvere in direzione della tormenta. Lo sostiene il fisico ed esperto di clima, Daniel Rosenfeld.

Emanuela Di Pasqua

Nessun commento:

Posta un commento

Follow by Email

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *