Cerca nel blog

martedì 5 agosto 2014

Fatturazione elettronica/ CONFIMI: "Gli oneri della fatturazione elettronica verso la PA non devono ricadere sui fornitori"




Il processo di semplificazione non può essere sempre "unidirezionalmente" rivolto e pensato solo per le esigenze di efficientamento della PA. Se le cosiddette semplificazioni vengono imposte in modo coercitivo significa che per i contribuenti non sono "semplificazioni". 

Questo il pensiero di Confimi che dopo aver raccolto le criticità dalle proprie associate in relazione al nuovo obbligo di fatturazione elettronica verso la PA, ha deciso di scrivere ai vertici di Ministero dell'Economia e delle Finanze, Agenzia per l'Italia digitale, Agenzia delle Entrate e Unioncamere e, per conoscenza, al Ministro delle Semplificazioni Madia. 

La Confederazione dell'Industria Manifatturiera e dell'Impresa Privata ritiene che se la PA vuole le fatture in formato elettronico gli oneri non devono ricadere sugli operatori.
In ogni caso ci sono margini per risolvere molte criticità senza compromettere, comunque, gli obiettivi di efficientamento e di risparmio della spesa pubblica. 

Il principale elemento di debolezza è sicuramente legato all'obbligo non solo per le Amministrazioni committenti, ma anche per i loro fornitori, di chiudere il processo di fatturazione con la conservazione sostitutiva a norma. Inoltre è importante sottolineare che il servizio di conservazione non viene fornito gratuitamente agli utenti del sistema di interscambio (SdI) ma solo a quelli della piattaforma MePA e già questa sarebbe un'anomalia poco comprensibile. 

Oltre a ciò, secondo i tecnici di Confimi, in capo al fornitore tale processo non sarebbe tecnicamente indispensabile e pertanto viene auspicata l'eliminazione dell'obbligo. 

La Confederazione insiste infine anche sulla necessità di fornire soluzioni gratuite (user friendly) per la generazione delle fatture in formato XLM così come previsto dal DM 55/2013 a favore delle PMI.

Nessun commento:

Posta un commento

Follow by Email

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *