Cerca nel sito

mercoledì 29 giugno 2016

A fare shopping si impara da piccoli! Fare shopping con i figli fa contenti i genitori



Capricci? I bimbi italiani ne fanno meno di quel che si pensi e solo il 3% dei genitori italiani alza bandiera bianca davanti a lacrime e broncio


Milano, 29 giugno 2016 - "Puoi badare tu ai bambini? devo andare a fare spese". Non lo dicono di certo i genitori italiani; solo il 2% non porta i figli con sé. Il 73% fa acquisti con i propri figli nella maggior parte delle volte; tra questi, il 30% addirittura non li fa mai senza.

È quanto emerge dall'indagine realizzata da Neinver, 2° player europeo nel settore degli outlet, presente in Italia con Castel Guelfo e Vicolungo The Style Outlets, in collaborazione con ANPE, l'Associazione Nazionale dei Pedagogisti Italiani. Concentrato soprattutto nel week end per l'80% degli italiani, lo shopping viene vissuto da più del 40% come un momento per la famiglia, con punte del 47% da parte dei papà. 

Di certo rappresenta un'esperienza positiva - lo conferma il 78% dei genitori - capace di recare serenità (50%) e felicità (28%).

Parcheggio comodo (75%), aree gioco attrezzate (64%) e spazi per passeggiare all'aperto (47%) sono le caratteristiche che dominano la classifica di ciò che non deve mancare quando si va a fare spese con i più piccoli. Gli outlet, infatti, vengono indicati come luogo preferito da più del 40% degli intervistati.

Laura Andreoletti, Country Manager di Neinver in Italia, ha commentato "I risultati dell'indagine riflettono la nostra esperienza. Nei nostri centri il 50% circa dei visitatori viene con la famiglia, più della metà con bambini sotto i dieci anni. Da sempre, infatti, lavoriamo per garantire un'offerta commerciale e servizi ad hoc, annoverando collaborazioni con realtà importanti come MUBA, Museo dei Bambini di Milano".

Luisa Piarulli, Presidente ANPE, ha commentato "In una società complessa, nella quale predomina l'Avere piuttosto che l'Essere, educare allo shopping riveste un ruolo quanto mai significativo. Può rappresentare un'attività educativo-formativa utile nel percorso evolutivo e preziosa nella definizione di un'identità responsabile, purché sia vissuto come un evento piacevole e coinvolgente. Fare shopping con i genitori costituisce inoltre la premessa pedagogica per un'educazione al consumo consapevole e favorisce un primo approccio verso la comprensione dell'economia e dei suoi impliciti (risparmio, scelta, ponderatezza...)".

COMPORTAMENTO DEI BAMBINI
"Non toccare", "torna qui", "lascia stare" sono le tipiche raccomandazioni dei genitori. Ma ci si trova a doverle fare così spesso? In realtà, meno di quel che si possa pensare. Solo 1 genitore su 4 lamenta che il proprio bimbo tocchi tutto ciò che vede esposto, corra per il negozio (23%) o faccia i capricci perché gli si compri qualcosa a ogni costo (23%).
Il vero problema è la noia. Il 44% dei genitori si trova in difficoltà solo quando i piccoli si stancano, perché è allora che iniziano a lamentarsi. 

Di fronte a un "no", pianti (9%) e urla (11%) sono la prassi di una minoranza di bambini. 1 su 2, tuttavia, tiene il broncio. Ciò che è certo è che i capricci non fanno perdere le staffe ai genitori italiani: solo il 10% reagisce con un rimprovero severo. Ad alzare bandiera bianca e ad accontentare il figlio purché si calmi sono un'esigua minoranza: solo il 3%.

LE RICHIESTE DEI BAMBINI E IL PROCESSO DI SCELTA
I genitori del Bel Paese hanno carattere. L'utilità è alla base della decisione di esaudire le richieste dei figli per la maggioranza degli italiani. Solo il 20% decide di accontentarli semplicemente per il piacere di farlo, meno ancora sono quei genitori che usano l'acquisto come "elemento di negoziazione", legandolo al rispetto di un patto (15%).

Ciò non significa che non li ascoltino. Mamme e papà italiani tengono conto dei desideri dei propri piccini, coinvolgendoli attivamente nei processi di scelta. Il 58% lascia sempre esprimere loro le proprie preferenze, mentre il 22% dichiara di non potersi esimere, visto che i propri figli hanno già dei gusti e uno stile ben precisi. Solo il 20%, invece, sceglie senza tener conto di ciò che il bimbo chiede.

I TREND DEL MOMENTO: COPIARE LE STAR E VESTIRE I BIMBI COME MAMMA E PAPÀ
In fatto di shopping genitori/figli, la moda del momento per le star è vestire i bimbi come mamma e papà. Piace anche al 31% degli italiani. Quasi il 10% lo fa spesso, mentre il 23% si ripromette di farlo. Tra chi non apprezza il trend, il 35% dichiara di non farlo perché vuole che il proprio bimbo abbia una propria identità sin da piccolo.

 METODOLOGIA E CAMPIONEIl sondaggio è stato realizzato a livello nazionale da Eumetra s.r.l. nel maggio 2016. È stato intervistato un campione rappresentativo di genitori italiani di bambini dai 3 ai 9 anni composto da 402 persone.
L'indagine è stata condotta tramite sistema CAWI (Computer Assisted Web Interview).

Informazioni su NEINVER
Creata nel 1969, NEINVER è una società di real estate europea che opera nella gestione dell'intero ciclo immobiliare. Dallo sviluppo alla commercializzazione e al finanziamento fino all'apertura e alla gestione specialistica di una vasta gamma di prodotti immobiliari, la società spagnola focalizza il proprio business nei settori del Commercio e della Logistica. Negli ultimi 18 anni NEINVER ha edificato oltre 1,5 milioni di m2 di immobili industriali, personalizzati in base alle esigenze del cliente.
NEINVER ha rafforzato la propria posizione nel mercato europeo del commercio al dettaglio con 579.000 m2 di spazi commerciali, 2.000 negozi e 1.200 fra i più noti marchi nazionali e internazionali. Il Gruppo è presente in Francia, Germania, Italia, Polonia, Portogallo, Spagna e Paesi Bassi.
Da oltre 20 anni la strategia di crescita di NEINVER è basata sulla specializzazione nel settore degli outlet center con i marchi The Style Outlets e FACTORY. Attualmente gestisce 17 outlet center con una GLA totale di 349.000 m2.
Uno dei valori di NEINVER è di operare rispettando i principi di sviluppo sostenibile e responsabilità sociale. In tal modo il Gruppo è stato il primo operatore del settore ad ottenere la certificazione BREEAM per tutto il proprio portafoglio di outlet in Europa. www.neinver.com




--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI