Cerca nel blog

lunedì 27 giugno 2016

Pride Milano: “la diversità ci rende uguali”

Non so voi, ma quando capito in mezzo ad una manifestazione, cerco di capire di cosa si tratta.

Vedo le persone che vi partecipano, cerco qualche cartello oppure ascolto cosa viene pronunciato all’autoparlante.

Ecco oggi, mi sono trovato a Milano, nei pressi della stazione Centrale, in mezzo ad una valanga di persone.


Guardate bene le fotografie qui accanto, tutte e fino all’ultima.

Ci sono ragazzi, ragazze, bambini su un trenino, famiglie, uomini, donne, anziani.

Ci sono gruppi di credenti cattolici, di atei, di sordomuti, di sportivi, dipendenti di Google, Amazon, Twitter, e due gruppi di schieramenti politici (Cinque Stelle e PD).

Caspita, non riuscendo a capire quale manifestazione si trattasse, mi sono spinto sino all’inizio del lungo corteo e li con sorpresa ho trovato l’ex sindaco di Milano, Giuliano Pisapia e l’attuale, Beppe Sala, in testa.

Il passaggio di una staffetta?

Ma non comprendevo quale fosse l’oggetto della manifestazione in mezzo a tutta quella “normalità“. Poi ho incrociato un cartello con scritto “la diversità ci rende uguali”.

Signori e signore questo è il PrideMilano!

Non quello che vedete nelle immagini grottesche o nelle caricature eccessive di chi non conoscere questo mondo e lo dipinge con luoghi comuni di uomini con tacchi e donne camioniste.

Di chi quotidianamente lo dipinge come incapaci di essere genitori o peggio di essere pedofili, deviati e pericolosi.

Duecento mila persone tutte diverse, per ideologia politica, cultura, colore, orientamento sessuale, età, sfilavano, ballavano e cantavano orgogliosi della propria persona al pari di qualsiasi altro individuo.

Duecento mila persone che oggi possono avere un futuro insieme legiferato con diritti garantiti dall’ordinamento giuridico italiano.

Duecento mila persone che assistono all’abbraccio fraterno tra i due primi cittadini, che promettono solennemente di proseguire la strada della conoscenza, della tolleranza e della condivisione.

Questo vuol dire “orgoglio” o se preferite “pride”! Orgogliosi di essere se stessi, mano nella mano con la propria compagna o il proprio compagno.

Orgogliosi, anche indossando piume di struzzo e tacchi altissimi.

Cosi si scopre alla fine del Pride che la diversità, è in realtà la “normalità” quotidiana vissuta da ognuno di noi.


                       il bubris cristiano fabris

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *

Follow by Email