Cerca nel sito

venerdì 9 settembre 2016

Comitas (microimprese) su Bankitalia prestiti imprese

BANKITALIA: A LUGLIO PRESTITI A IMPRESE DIMINUITI DELLO 0,5% SU BASE ANNUA

MICROIMPRESE DENUNCIANO: E' CONDANNA A MORTE PER MIGLIAIA DI PICCOLE ATTIVITA'. NONOSTANTE QUANTITATIVE EASING BANCHE NON DANNO CREDITO

NEL PERIODO 2010-2015 PRESTITI A IMPRESE GIU' PER 36 MLD DI EURO

I dati sui prestiti del mese di luglio diffusi oggi da Bankitalia dimostrano, se ancora ce ne fosse bisogno, la pesante crisi del credito che imperversa in Italia. 

La denuncia arriva dall'associazione delle microimprese italiane Comitas, alla luce della diminuzione dei prestiti alle società non finanziarie comunicati oggi dalla Banca d'talia, scesi su base annua dello 0,5% (-0,1% a giugno).

"La riduzione del credito rappresenta una condanna a morte per migliaia di piccole attività in crisi, che risentono del calo delle vendite e della mancata ripartenza dei consumi nel nostro paese – spiega Comitas – E' evidente che il Quantitative easing, con i  miliardi di euro della Bce immessi sul mercato, non ha prodotto alcun risultato, con gli istituti di credito che hanno mantenuto nelle proprie disponibilità i soldi, concedendo finanziamenti solo alle grandi imprese".

"D'altronde – spiega ancora Comitas – i numeri confermano in pieno la nostra denuncia: solo nel periodo 2010-2015 i finanziamenti alle piccole imprese sono diminuiti di oltre il 4%, con una contrazione di circa 36 miliardi di euro. Proprio la diminuzione dei prestiti ha determinato l'ondata di fallimenti in Italia negli ultimi 5 anni, perché le aziende si sono trovate prive degli strumenti per poter proseguire la propria attività, e continuano anche oggi a non ricevere credito dalle banche".

  
Coordinamento Microimprese per la tutela e lo sviluppo

Piazzale Ammiraglio Bergamini, 10
www.comitas.it – info@comitas.it


--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI