Cerca nel blog

sabato 24 settembre 2016

Ferrajoli (Federauto Trucks): lusinghiero il risultato dell'Italia che si conferma traino della crescita in Europa

Roma, 24 settembre 2016 - Continua il trend positivo per il mercato europeo dei veicoli commerciali e industriali. L'ACEA – l'European Automobile Manufacturers' Association – ha diffuso i numeri inerenti il mese di agosto 2016, rendendo nota una crescita del 31,8% delle vendite complessive nell'Ue. Gianandrea Ferrajoli, coordinatore di Federauto Trucks, ha analizzato, così, gli ultimi dati.

"I primi otto mesi dell'anno – afferma il coordinatore di Federauto Trucks– confermano il trend positivo grazie alla crescita costante del numero delle immatricolazioni dei veicoli commerciali e industriali in Europa. Lusinghiero il risultato dell'Italia che si conferma traino della crescita europea per il ventesimo mese consecutivo, grazie ad incrementi ininterrotti con risultati sempre oltre il 20%. Nell'ambito di una prospettiva di sviluppo, esprimiamo soddisfazione – continua Ferrajoli - per l'avvenuta pubblicazione in Gazzetta ufficiale del decreto del ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, con cui vengono ripartite per il 2016 le risorse finanziarie pubbliche in forza dell'autotrasporto merci".

"Tale atto – conclude il coordinatore di Federauto Trucks – costituisce comunque un'opportunità che spinge verso il rinnovo del parco. Chiediamo inoltre al Mise di mantenere invariato il super-ammortamento al 140% e di non considerare alcuna riduzione, in quanto per noi rappresenta uno strumento fondamentale per ringiovanire un parco tra i più anziani d'Europa, condizione fondamentale per la sicurezza delle nostre strade".


I DATI DI AGOSTO E DEI PRIMI OTTO MESI DEL 2016

Nell'agosto 2016, la domanda di immatricolazioni nell'Ue di veicoli commerciali e industriali è cresciuta del 31,8%, per un totale di 150.425 unità (+31,2% per un totale di 157.445 unità Ue+Efta)

Una crescita, questa, che va avanti da ormai venti mesi consecutivi. 

L'incremento ha interessato tutti i maggiori Paesi, specialmente l'Italia dove si è registrata la percentuale migliore (+105,9%). 

Dati in crescita anche in Germania (+42,6%), Spagna (+19,5%) e Francia (+16,8%).

Guardando ai primi otto mesi del 2016, il mercato UE è aumentato del 14,3%, per un totale di 1,5 milioni di nuovi veicoli commerciali. 

Nello stesso periodo, in Italia l'incremento delle immatricolazioni ha raggiunto il 39,4%; in Spagna il 12,9%, in Germania il 12,1%, in Francia l'11,8 e nella Gran Bretagna del dopo Brexit solo il 2,7%.

Segmentando i risultati per tipologia di veicolo, le immatricolazioni in UE degli LCV (Light commercial vehicles), comparate con l'agosto 2015, sono cresciute del 35,8% (+123.594 unità), una crescita che va avanti, senza interruzioni, da 36 mesi. 

I risultati per Paese parlano di un +117,8% per l'Italia, +53,8% in Germania, +18,5% in Spagna e +17,4% in Francia. Resta fanalino di coda la Gran Bretagna con una crescita del 6,3%. 

Riguardo al periodo gennaio-agosto 2016, la crescita nell'UE ha toccato quota +14,5%, con un lusinghiero +40,8% dell'Italia, seguita da Germania (+13,8%), Spagna (+13,1%) e Francia (+11,6%). 

La Gran Bretagna rimane indietro con un +2,9%


Per quel che attiene i veicoli oltre le 3,5 tonnellate (MHCV – Medium and Heavy Commercial Vehicles), invece, le immatricolazioni in UE, sempre nell'agosto 2016, sono state 23.529, il 18,5% in più rispetto allo stesso mese del 2015. In l'Italia la crescita è stata del  62,2%, in Spagna del 21,5% e, a seguire, Francia (+ 21,3%) e Germania (+ 17,5%). 

Nei primi otto mesi del 2016, sempre in questo settore, il mercato europeo nel suo complesso è aumentato del 14,3% (per un totale di 234.070 unità). 

Nello specifico dei Paesi con crescita a doppia cifra l'Italia rimane ancora una volta in testa (+36,1%) seguita da Francia (+16,2%) e Spagna (+12,4%).

I dati diffusi da ACEA per il settore veicoli pesanti, oltre le 16 tonnellate (HCV – Heavy Commercial Vehicles), dell'agosto 2016, infine, parlano di immatricolazioni aumentate del 18% (18.307 unità). Il dato italiano resta il migliore (+58,1%). 

Subito dopo troviamo la Spagna (+25,3%), la Francia (+17,4) e la Germania (+13,7). Timido l'incremento della Gran Bretagna, invece, che si attesta al 2,4%.

Il periodo gennaio-agosto 2016 ha fatto registrare rispetto allo scorso anno una crescita complessiva del comparto nell'Ue del 15,7%. 

E' sempre l'Italia a guidare la classifica con il suo +37,8% seguita da Francia (17%), Spagna (8,7), Germania (8,3%) e Gran Bretagna (+4,2).



--
www.CorrieredelWeb.it

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *

Follow by Email