Cerca nel blog

giovedì 5 giugno 2008

ENEA: Antartide, Progetto TALos Dome ICE Core (TALDICE)


Comunicato Stampa

Antartide: il Progetto TALos Dome ICE Core (TALDICE)


Il 24 dicembre 2007 in Antartide è stata raggiunta, presso il campo remoto di Talos Dome, da un’equipe internazionale di 10 persone (6 Italiani, 3 francesi, 1 tedesco), la profondità di 1620 metri. La perforazione profonda nel ghiaccio TALDICE (Talos Dome Ice Core Project) è iniziata nel 2005, nella località di Talos Dome - a 2315 m di altitudine a circa 300 km dalla costa. L’età del ghiaccio raggiunto è stimata di oltre 220.000 anni. I carotaggi profondi della calotta antartica che hanno raggiunto con successo queste profondità e questa età sono solo 5 (EPICA DC 820 mila anni, Dome Fuji 720 mila anni, Vostok 440 mila anni, EPICA DML 250 mila anni). I ricercatori europei dispongono ora di una “carota” con alta risoluzione temporale che contiene una registrazione dettagliata e continua della storia del clima e dell’atmosfera terrestre dall’ultima glaciazione.

Dallo studio dei campioni di ghiaccio si otterranno ulteriori informazioni sul ruolo che i gas/serra e le polveri atmosferiche hanno avuto nei cambiamenti climatici, accentuando gli effetti di altri agenti forzanti del sistema climatico, quali la quantità e distribuzione dell’energia solare ricevuta, le modificazioni nella circolazione atmosferica e oceanica, le variazioni di riflettività della superficie terrestre, l’attività vulcanica, ecc. Inoltre i dati di Talos Dome permetteranno di ricostruire con dettaglio il contributo della calotta Antartica Orientale all’innalzamento del livello del mare degli ultimi 125 mila anni. Queste informazioni sono cruciali per i modelli previsionali delle variazioni climatiche e del livello marino, un sistema di grande complessità nel quale l’uomo si è inserito modificando le condizioni naturali.

TALDICE è un progetto internazionale di perforazione in ghiaccio a leadership italiana a cui partecipano 5 nazioni europee: Francia, Germania, Italia, Regno Unito e Svizzera, con finanziamenti nazionali. La partecipazione italiana è rappresentata da ricercatori dell’ENEA, delle Università di Milano-Bicocca, Firenze, Venezia, Trieste e Parma. Alle attività di perforazione collaborano attivamente tecnici dell’ENEA Brasimone, del Laboratoire de Glaciologie et Geophysique de l’Environnement (Grenoble, Francia).

L’eccellenza scientifica di tali ricerche è stata consacrata da riconoscimenti di prestigio come il Premio Cartesio 2007 da parte della Commissione Europea al progetto europeo “EPICA” (European Project for Ice Coring in Antarctica), con importante partecipazione italiana, per studi sull’evoluzione del clima degli ultimi 820 mila anni, attraverso la perforazione del ghiaccio presso la Stazione Concordia.

A causa della mancanza di pianificazione pluriennale e di finanziamenti adeguati, l’Italia sta perdendo quel ruolo di primo piano che aveva faticosamente raggiunto nella comunità scientifica internazionale. La ricerca italiana è praticamente assente dalle prossime sfide della ricerca delle perforazioni in ghiaccio. In sintesi, la mancata individuazione delle risorse finanziarie e pianificazione ha tagliando le gambe ad un’attività scientifica che ha rappresentato l’eccellenza nella ricerca e nella collaborazione internazionale. Competenze scientifiche di eccellenza, prima non esistenti in Italia, saranno perse e non facilmente rinnovabili: un patrimonio di conoscenze, di giovani ricercatori ed infrastrutture faticosamente costruito nell’arco di 20 anni rischia di andare definitivamente perduto.

Massimo Frezzotti ENEA, Responsabile del Progetto TALDICE frezzotti@casaccia.enea.it cell 320 9224153



-----------------------------------------------------
Dott.ssa Elisabetta Pasta
Responsabile Ufficio Stampa e Rapporti con i Media
Ufficio di Presidenza
ENEA
Lungotevere Thaon di Revel, 76
00196 Roma

TEL.06/36272806 - 36272945
FAX 06/36272286
E-MAIL: uffstampa@sede.enea.it

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *

Follow by Email