Cerca nel blog

venerdì 15 gennaio 2016

Palombari, lavoratori sotto pressione. L’Ifc-Cnr brevetta un dispositivo di sicurezza per il lavoro degli operatori tecnici subacquei (palombari) in collaborazione con Cns international

Persone che svolgono la loro professione in ambienti ostili alla sopravvivenza umana, protetti solo da una tuta ed un casco attraverso i quali viene fornita l’aria respirabile, il calore e la luce.

Gli astronauti non sono gli unici a dover lavorare in condizioni simili, ci sono anche gli Operatori tecnici subacquei (Ots) che eseguono interventi fino a 300 metri di profondità sul fondale marino collegati all’imbarcazione di appoggio solo tramite un cavo, l’ombelicale.

Per garantire maggiore sicurezza agli Ots, l’Istituto di fisiologia clinica del Consiglio nazionale delle ricerche di Pisa (Ifc-Cnr), in collaborazione con la Compagnia nazionale sommozzatori, Cns international (società italiana di Avenza leader nel settore del Commercial Diving), ha sviluppato un nuovo dispositivo di emergenza.

“A causa delle grandi profondità alle quali si devono eseguire gli interventi, il battello che dirige le operazioni e che fornisce, attraverso l’ombelicale, all’operatore l’energia elettrica, il gas respirabile e l’acqua calda all’interno della tuta, necessari per poter lavorare al buio e alle basse temperature del fondale marino, non può ancorarsi e mantiene fissa la propria posizione tramite un collegamento satellitare”, spiega Remo Bedini dell’Ifc-Cnr.

“Se l’imbarcazione perde il controllo anche solo per poco tempo, trascina con sé il palombaro. Questa eventualità è molto pericolosa, a volte fatale, sia per l’improvviso innalzamento di quota, che può causare gravi disturbi legati alla rapida decompressione, sia per la possibilità che l’Ots venga scaraventato contro le strutture subacquee dell’impianto o per il rischio che l’ombelicale si strappi”.

Per questo è stato ideato un connettore, oggetto del brevetto, formato da due conchiglie metalliche che ospitano i contatti idraulici ed elettrici, da posizionare sul cavo in prossimità dell’operatore. “La connessione è mantenuta anche sfruttando l’alta pressione idrostatica, che comprime le due conchiglie. Il connettore può essere sganciato manualmente, attraverso un comando, o automaticamente, su trazioni predefinite”, afferma il ricercatore.

“Per la messa a punto del progetto sono serviti due anni di collaborazione con i professionisti del settore, oltre all’esperienza del master universitario in medicina subacquea ed iperbarica dell’Ifc-Cnr e dell’Istituto di scienze della vita della Scuola superiore Sant’Anna di Pisa. Il risultato raggiunto è un esempio tangibile di cooperazione produttiva tra ricerca pubblica e industria italiana. È stato infatti fondamentale il contributo di altre due ditte: la Rana Diving di Ravenna e Dive System di Massa Marittima”.

Prima di poter procedere all’utilizzo effettivo del dispositivo sarà necessario attendere del tempo. “L’impiego del connettore dovrà essere associato a una cellula di salvamento subacquea, ancora in fase di messa a punto e oggetto del prossimo brevetto. Ancorata in prossimità dell’area di lavoro sin dall’inizio delle operazioni, sarà indipendente dalla nave d’appoggio e fornirà al sommozzatore che abbia avuto la necessità di scollegarsi dall’ombelicale, collegamento audio, miscela di gas da respirare per circa due ore di sopravvivenza e pallone in asciutto per il riscaldamento in attesa dei soccorsi”, conclude Bedini.

Roma, 15 gennaio 2016

Nessun commento:

Posta un commento

Follow by Email

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *